lunedì 23 gennaio 2012

Horror e horror (con la h minuscola)

Mi hanno prestato il DVD del film "Non si deve profanare il sonno dei morti" che é un film horror, penso pure di serie B, ma che ho voluto vedere per pura curiositá. E ho fatto bene perché mi ha fatto nettamente vedere che c'é un abisso fra i film attuali e quelli di una volta. Mi spiego: i film horror che fanno al giorno d'oggi sono davvero spaventevoli. Questi qui, sebbene con certe scene un pó crude, non fanno proprio senso. Sanno cosí di vecchio e gli effetti sono cosí semplici che uno non si impressiona per nulla. E' buffo come tutto sia relativo e come in 40 anni un film da horror possa essere classificato come... boh... non saprei nemmeno io, forse... orribile?
;-)
Voto... mumble, mumble... facciamo 5 per rispetto all'anzianitá? ^_^

QUI trovate la recensione del film e del DVD. Checché ne dica il critico, secondo me fra questo e "La notte dei morti viventi" di Romero c'é una bella differenza di stile. A partire dal protagonista che qui quando lo vedi guidare ti chiedi "ma sará tarantolato?" che se lo beccava la Polizia gli ritirava al volo la patente!! Lei invece, bambascionissima, che cade nelle braccia di lui come una pera malgrado lui sia uno stronzo colossale. Finale piuttosto banale e scontato ma accettabile ma davvero non paragonabile col classico di Romero.

3 commenti:

  1. Secondo me in linea di massima hai ragione anche se ci sono film come Profondo Rosso per dirne uno che secondo me danno una pista a tanti (tanti) film horror moderni. In generale i film horror ben fatti sono davvero pochi e spesso la trama è ritrita, abusano di effetti speciali e sono la copia di altri film. Difficile trovare horror belli

    RispondiElimina
  2. Non vedo mai film horror, sarà che poi resto sempre un po' impressionata e non dormo, però davvero i film di dario argento come profondo rosso, phenomena, suspiria ecc. ai loro tempi erano già abbastanza spettacolari rispetto a quelli tenebrosi, farneticanti e spesso monotematici di una volta ed attraevano anche i non amanti del genere. Anny.

    RispondiElimina
  3. @Barbara: Sí é vero. Comunque anche all'interno dell'horror ci sono diversi filoni: splatter, zombie, demoniaco, ecc. Comunque ultimamente sta avendo una grande espansione a scapito di quelli di azione.
    @Anny: secondo me c'é da star peggio a leggere certe cose sul Corriere della Sera! ;-) Purtroppo io non dormo per cose molto piú pratiche e banali. Mai sofferto di incubi da film horror. Men che meno degli horror zombeggianti.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P