lunedì 21 novembre 2011

La fornace di Grissino

Quest'anno non solo la casa è stata risistemata ma per motivi economici abbiamo deciso di riscaldare a legna visto che di caldaie ne abbiamo due(gas e legna).Il vantaggio è che dovremmo spendere molto meno. Numerosi sono però anche gli svantaggi: bisogna comprare la legna ma soprattutto portarla in cantina nella legnaia. Dopodiché bisogna ogni sera accendere il fuoco e ogni 2 ore buttare dentro legna. Un impegno non indifferente anche perché pure l' acqua calda è fatta dallo stesso impianto. Quindi quando arrivo alla sera i caloriferi sono freddi e l'acqua  calda tiepida. Quanto al risparmio dovrebbe aggirarsi spero sui 600 euro almeno. Vedremo,il calcolo non è facile perché l'anno scorso dovevo scaldare solo il mio appartamento mentre ora anche quello dei miei. Però l'isolamento non c'era e le finestre erano quelle vecchie. Diciamo che mediamente si perdono circa 20 minuti al giorno e poi ogni tanto bisogna pulire anche il tutto e comunque ogni 3 giorni il cassetto porta cenere. Diciamo che la storia è sempre la stessa: o ci investi tempo o ci devi mettere soldi... Bah!

13 commenti:

  1. IO te la invidio quella caldaia. Forse è un pò piccola per le tue esigenze, ma vedrai quanto ti farà risparmiare.
    Io ho una stufa piccola, ma ci scaldo un appartamento di 80 mq. La adoro. Ed è un caldo diverso, non c'è niente da fare.
    Pensa che io, grazie al risparmio che mi permette la stufa, posso permettermi di mandare 2 figli ad una scuola privata che mi costa più di 4000 € l'anno, visto che qui dove vivo le scuole pubbliche sono scarsine. Lo so che la legna è una rottura, ma amerai anche lei, vedrai. Mio nonno mi diceva sempre:
    " la legna ti scalda tre volte, quando la tagli, quando la sistemi e quando la bruci".
    Sarà un rito piacevole e rilassante.

    Think different

    Silvien

    p.s.
    ti vuoi smummiare a pubblicare queste benedette foto della casa???????

    RispondiElimina
  2. Ah ah, non ci posso credere. Ma abbiamo qualcosa su cui andiamo d'accordo?(pochissimo mi sa).La caldaia é sufficiente per i due piani e la cantina perché dopo qualche ora entrambi i piani sono a 22-23°C. Il problema é che io durante il giorno o la notte mica ci posso mettere legna. In realtá ci sarebbero dei grandissimi serbatoio per immagazzinare l'acqua calda per i caloriferi che peró viene immagazzinata solo se non va il riscaldamento. In pratica, se fai andare la caldaia per, che so, 8-10 ore, poi hai: scaldato casa, scaldato l'acqua calda e il riscaldamento anche per tutte e 24 le ore. Io in realtá faccio solo andare la caldaia da (circa) le 18 alle 21.30-22 (ultimo pezzo di legno inserito). Qui non é tanto questione di "Think Different" (che poi a me che non sopporto Apple vieni a dirmi ció? :-P ) ma una questione di perdita di tempo. Anche stasera ho litigato 15 minuti per accendere il fuoco. Tu come fai?

    *** le foto della casa arrivano quando i locali sono finiti ***
    => cucina: manca il PC e un quadro
    => corridoio: manca tutto o quasi (ripiani, quadri, ecc.)
    => bagno: finito
    => camera da letto: manca sicuramente qualche quadro
    => sala da pranzo: manca un pezzo di libreria e due o tre cose alla parete
    => seminterrato: lasciamo perdere, deve essere ancora pulito, figuriamoci arredato
    => wintergarten: manca il dondolo e una lampada
    => avantingresso: manca qualche quadretto o decorazione

    RispondiElimina
  3. per accendere si fa presto, ma bisogna essere un pò avvezzi. ! o 2 cubetti di diavolina, qualche stecco ( se hai delle cassette di legno per la frutta approfittane) o legno piccolo e sottile appoggiato sopra. accendi la diavolina; quando i legnetti stanno per diventare tizzoni inizi a mettere qualche legnetto dal diametro leggermente più grosso. NOn soffocare il fuoco con la carta.
    Per le feste di Natale, quando passerai più in casa ti accorgerai del beneficio....

    dei quadri in cucina, in camera e ingresso facciamo senza e anche delle cose nella parete della sala da pranzo.
    per ora lasciamo stare il seminterrato, ma mandaci il resto dai....

    Non sapevo fossi avverso a Apple...dovevo immaginarlo (che illusa) !!

    "Stay hungry stay foolish"


    Silvien

    RispondiElimina
  4. Comunque a me piace metter la legna nel fuoco, mi dà una bella sensazione. Dove ce l'hai la caldaia? lontano? è scomodo andare a metter legna?

    Silvien

    RispondiElimina
  5. Noi abbiamo fatto costruire una ole tempo fa, il primo inverno abbiamo tagliato le spese di riscaldamento in due. La faticaccia del sstemare la legna e andarla regolarmente a prendere per averla a disposizione è stata òìmessa sul conto ginnastica del marito ;-) Effettivamente è un po' pesante. Ma se carichi la stufa la mattina prima di andare al lavoro, la sera dovresti trovare ancora tiepido... o no?

    RispondiElimina
  6. @Silvien: ok, oggi ho messo meno carta ed é andata meglio. Ho messo: carta, rami di pino secchi, legnetti fatti apposta per accendere il fuoco.
    La caldaia é nel locale caldaia cioé nel seminterrato. Devo scendere una rampa di scale.

    Ma no, scusa, ti sembra che un locale sia presentabile quando é spoglio?! Abbi pazienza. Magari comincio a postare il bagno che é finito. Poi spero presto sia finita la cucina e il soggiorno. Poi sala da pranzo, camera da letto e corridoio.

    Sí, sí, goditi Apple, quella che vende le stesse cose degli altri al doppio del prezzo. Peró sono chic, eh giá. :-P

    @Elga: Spero anche io di tagliare in due :-P Guarda, se ci sono i miei magari la fanno andare loro se fa molto freddo. Io non mi fido a lasciare andare la caldaia a legna con la casa incustodita.

    RispondiElimina
  7. Beh, la legna, il fuoco vivo insomma, scalda in modo diverso, più asciutto e la differenza con i termosifoni si sente. Il risparmio c'è di sicuro, certo il sistema è un po' pesantino, c'è da fare attivamente in qualche modo se vuoi scaldarti sempre. Ma quanto costa la legna da te?. Qua i prezzi variano, c'è anche chi spara, ad ogni modo una legna buona a ciocchetti medi sta sui 12 euro a quintale. Ora riderai di sicuro, il forno a legna per il pane, una volta spento e chiuso, resta caldo per tre giorni di seguito, siccome è bello grande, sapessi quante cose ci scaldo ancora dentro. Ciao. Anny.

    RispondiElimina
  8. Magari ora non ti fidi perchè non conosci bene tutto il funzionamento. Io a volte accendo, carico al massimo di legna ed esco. Dopo 4/5 ore torno e la casa è calda, la stufa piena di braci pronte a ripartire con un nuovo pezzo di legna. Giustamente se sei fuori tutto il giorno, non so se ti conviene far partire la caldaia a legna. Sinceramente non saprei.
    Una cosa volevo chiederti:
    come ti sei sentito nella tua casa nuova i primi giorni? Che sensazioni avevi dentro ad una casa nuova, mai vissuta? Vivi solo giusto, hai mai avuto paura? Ti sei mai sentito spaesato o hai mai pensato di aver fato la scelta sbagliata? Non ti peserà avere i tuoi genitori che vivranno al piano di sopra, visto che da anni ormai sei abituato alla tua vita indipendente e "solitaria"?
    Scusa sei ti faccio queste domande ( doveva essere una...), ma nessuno te le aveva fatte e tu non ne avevi parlato ( credo ).

    p.s.
    comunque sono gli altri che copiano e rubano e vendono a prezzi "bassi" prodotti scarsi, anonimi e già obsoleti .

    Silvien

    RispondiElimina
  9. ciao grissien io qui a casa ho il camino ed è diverso ovviamente però è normale che in un certo senso c'è del risparmio però io ti consiglio di andare a comprarla tipo un bell tot e metterla li però in abbonza cosi non dovrai spendere ogni volta per comprarla.... noi facciamo cosi in estate telefognamo a quelli della legna e ci facciamo portare un casino di legna e poi il mio babbo la nasconde e cosi poi in inverno ne abbiamo a sufficienza per tenere il fuoco acceso! e il bello e ke io li ci posso cuocere la carne alla griglia e anche le famose calda arroste! :-) passa a trovarmi sul mio blog mi farebbe piacere ciao e grazie http://danielainrosa.wordpress.com

    RispondiElimina
  10. Credo sia la soluzione migliore. Il primo anno ci hanno detto che i nebenkosten erano inclusi abbiamo passato un inverno alle Maldive...tutto a palla poi in estate a testa china ci siamo sparati €5oo eurini....lo scorso anno abbiamo fatto i bravi e credo anche quest´anno il giusto....e comunque mi sto abituando alle temperature rigide, ce´anche questo da dire che forse anche i termosifosi bastano un pochino accenderli e non spararseli fino a soffocare :P

    RispondiElimina
  11. @Anny: qui la legna va a metro cubo. Prezzo non mi ricordo (ma buono per qui).Dipende anche dalla stagionatura ovviamente. Ma come é fatto il tuo forno a legna?! E' grande? Dov'é?
    @Silvien: no cara ;-) tu sottovaluti (come sempre) il povero Grissino. So benissimo come funziona tutto il sistema perché me lo sono fatto spiegare dal precedente proprietario, compreso i meccanismi di sicurezza, le varie pompe blah blah blah. Ció non toglie che se la pompa primaria si rompe, puó solo intervenire il circuito di sicurezza con l'acqua, sperando che sia sufficiente, e poi la casa va a fuoco. Quindi, se appena possibile, preferisco essere in casa. D'altronde son paranoico su tutto ^_^ vuoi che non lo sia su questo? :-D
    @Daniela: sí facciamo cosí anche noi!
    @Wanesia: esatto... meglio un pochino piú freddo che i 25 gradi che si sparano alcuni qui in Austria. 21 vanno benissimo.

    RispondiElimina
  12. ok, ma tutte le altre risposte???
    glissi?

    Silvien

    RispondiElimina
  13. Anche qua dipende un po' dalla stagionatura e dalla pezzatura, noi la prendiamo due-tre volte l'anno per il camino e per il forno. Per il forno siccome si tratta di cibi, ci vuole legna buona e pulita. Il forno è a parete, abbiamo scavato e lo abbiamo messo accanto al camino nella sala al seminterrato, ti manderò una foto al più presto. E' un forno in coccio prefabricato, dentro è lungo 1,90 si possono cuocere 8 pizze in una volta e 18 kg. di pane. I forni prefabricati sono fatti di vari pezzi, lo abbiamo montato sul suo basamento, sigillato, coibentato benissimo con vari strati di materiali, mi pare lana di roccia, vetroceramica ecc. e poi ricoperto tutto quanto fino alla sommità. Davanti all'imboccatura c'è il termometro per la temperatura, perchè li si tratta di 500, 600 gradi e ogni cosa va cotta al momento giusto. E' stato un lavorone ma sapessi che differenza, le cose hanno tutto un altro sapore, le carni, la pasta al forno, le patate, il pane, i dolci !! e poi lo sfrutti fino in fondo, senza parlare della bellezza e della magia di quel vulcano di fuoco. Anny

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P