lunedì 26 settembre 2011

Il giardino delle rose di Baden

Oggi niente fatti miei ma vi parlo di una gitarella che ho fatto qualche settimana fa. A Baden, a circa 20 chilometri da Vienna e facilmente raggiungibile con diversi mezzi pubblici, c'è un giardino famosissimo che ospita centinaia di rose diverse. Non solo per colore ma anche per tipo: quelle a alberello, quelle striscianti, quelle a parete, quelle a cespuglio e pure ne ho vista una tipo rampicante! Ovviamente il periodo migliore per andare è a fine aprile inizio maggio quando tutto è in fiore. Tutto il giardino è curato dai giardinieri della città ed essendo quindi un parco cittadino, l'ingresso è gratuito (ci mandiamo un po' di amministrazioni comunali italiane a imparare queste cose?). C'è anche un laghetto dove è possibile fare una gitarella. Intendiamoci, niente di ché ma è simpatico. Quanto alla cittadina, è piccola ma simpatica e rinomata non solo per il giardino delle rose ma anche per le Terme e come punto di partenza per gite in bicicletta (le piste ciclabili abbondano, se non sbaglio si può arrivare fino a Vienna, anche qui mandiamo gli amministratori italiani a imparare?). Come al solito un po' di foto valgono più di mille parole e quindi ti lascio quelle che ho fatto io.



10 commenti:

  1. Bellissime, alcune non le avevo mai visto :p

    RispondiElimina
  2. A prima vista mi viene in mente: l'età media degli avventori sembra altina!

    RispondiElimina
  3. Molto bello!!! Adoro il verde curato, anche se le rose non sono le mie preferite tra i fiori.

    RispondiElimina
  4. Che belle foto e che colori stupendi!. Hai fatto bene a fare una gita in posto così ben tenuto e decisamente rilassante. Le rose sono meravigliose e coltivarle da tantissima soddisfazione. Bellissime quelle inglesi, quelle rampicanti, quelle botaniche, quelle a grappoli, quelle con le sfumature... immagino i loro profumi. Anny

    RispondiElimina
  5. Wanesia
    Non so se ci sono tipo 700 diverse rose. Una roba folle!
    Anonimo
    No, perché? Ci sono diverse coppie che fano poi anche il giro in barca sul laghetto. E poi famigliole visto che c'é un bel parco giochi.
    Barbara
    Carino sí! :-)
    Elga
    Le Rose danno tanto da fare...
    Anny
    Dovrei trovare delle rose "zero cure". Esistono? :-P

    RispondiElimina
  6. Sì esistono le zero cure, ma se guardi qua trovi di sicuro informazioni più precise www.compagnidelgiardinaggio.it E' un forum stupendo e interessantissimo! Ciao

    RispondiElimina
  7. Beh, proprio zero cure direi di no, anche se chi le vende spesso minimizza volutamente la loro gestione. Almeno un minimo di potature, di interventi fitosanitari e di concimazione servono sempre. Ad ogni modo le rose più resistenti sono quelle antiche, quelle galliche, quelle sarmentose, le moschate, quelle botaniche, sulle quali proprio perchè molto forti, si fanno parecchi innesti e alcuni tipi di rambler (rampicanti) e inglesi perchè nel tempo si sono adattate alle avversità del climi e diventate abbastanza rustiche e toste. Gli ibridi e tutte quelle dai tanti colori che vengono create dai produttori a seconda delle mode o delle richieste del mercato, sono meno resitenti e più soggette a molte malattie. Poi la buona riuscita dipende anche dall'esposizione, dalla composizione del terreno, dall'inquinamento... e anche dall'amore che si mette nel prendersi cura di loro, insomma le piante sentono in qualche modo chi le ama e restituiscono quello che ricevono. Fine della lezioncina e bacioni. Anny

    RispondiElimina
  8. @Shaindel: eh eh eh :-P
    @Elga: appena riesco a andare in ferie (ah ah... speriamo fra due o tre settimane) ci passo sicuramente
    @Anny: e lo so, sulla carta é sempre tutto piú facile. Faremo un salto al vivaio a fine ottobre per i saldi (es.vasi). Ma io personalmente le rose non le volevo, é mia mamma che voleva il roseto. Io volevo il zuccheto ;-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P