martedì 2 agosto 2011

Crisi superata e nuove colleghe

Vorrei prendere due parole a proposito della crisi che ha coinvolto l' Europa circa 3 anni fa. Anche l'Austria non è stata risparmiata e mi ricordo i titoli dei giornali con brutte statistiche. Poi per fortuna la Germania si è ripresa e a ruota qui. Stando alle statistiche messe sul giornale l' Austria dovrebbe essere in questo momento il paese europeo con la minore disoccupazione. L'Italia dovrebbe avere una disoccupazione doppia mentre la Spagna è il fanalino di coda con (in percentuale) 5 volte più disoccupati dell' Austria! (21% contro 4%). Che dire? Sono contento di essere qui ma quello che secondo me le statistiche non dicono è quanto uno prende! Devo dire che qui grazie al basso costo della vita posso fare una vita nettamente migliore e ricordo davvero a malincuore come Milano sia cara. Ok, due aggiornamenti a proposito delle colleghe. La greca continua a fare la finta o vera tonta, non si sa bene. Ieri le ho mandato una email con le istruzioni su come configurare il software di chat aziendale. Non ho avuto risposta ne mi ha fatto domande ne ha installato il software. Come mi verrebbe voglia di prenderla a calci... Aspetto solo che lo faccia il manager. Nuova collega anche in un altro dipartimento, non nel mio edificio. Dalla foto non sembra molto carina ma la trovo molto simpatica, effervescente e giovane di idee. Quindi siccome penso che ci troviamo simpatici entrambi, settimana prossima andiamo a prenderci un gelato insieme. E poi chi lo sa, intanto rende meno noiose le mie giornate lavorative e già questo è ottimo.

11 commenti:

  1. ehilà, sono appena ritornata dalle ferie da una città "fanalino di coda" della spagna: sono piombata a valencia stravolta e demoralizzata dallo stress italico senza meta e mi sono ritrovata in una città bellissima, pulitissima, con grandi e curati giardini fioriti, trasporti pubblici puntuali e capillari, strade grandi con traffico regolato, arredamento urbano degno delle migliori città nordeuropee, gente silenziosa e super cordiale, rilassata (nessuno con una minima ruga in fronte) e soprattutto sorridente. turisti in giro molto pochi, non si può dire sia molto organizzata per il turismo. i locali ed i ristoranti erano tuttavia sempre pieni di spagnoli che cenavano a tutte le ore e durante tutti i giorni della settimana, idem per i negozi, di certo con molti più acquirenti rispetto a quelli della mia città.
    sui giornali iberici si legge che valencia sia la città con i più bassi stipendi del paese e con una grande disoccupazione.
    a me sembravano agiati e soprattutto molto tranquilli. in mezzo a questo distensivo scenario metropolitano i pochi turisti, quasi tutti italiani, balzavano subito all'occhio per essere più "agitati" rispetto alla norma.

    se è così invidio gli spagnoli...e consiglio a tutti una settimana a valencia, molto meglio di un centro yoga! :-)

    RispondiElimina
  2. Quale foto? Hai dimenticato di postarla!

    RispondiElimina
  3. @Roberta: magari hai visto il 79% cioé quelli col lavoro ;-) Devo dire che la Spagna in un certo senso mi attira ma non sopporto la lingua spagnola che trovo davvero irritante. E poi la Spagna da qui é lontana. Devo ammettere che l'ho messa proprio in coda alle mie destinazioni preferite ;-) Ti ho risposto anche al commento sul tuo bel posto di lavoro ;-)
    @Anonimo: mi sa che Blogger non ha postato la foto, io l'avevo allegata. Rimediato.

    RispondiElimina
  4. Intendevo la foto relativa a "Dalla foto non sembra molto carina ma la trovo molto simpatica, effervescente e giovane..."

    RispondiElimina
  5. Ebbravooo incrocini di dita per te Griss, se passi da me ti vendo io due gelati con porzione magica :P

    RispondiElimina
  6. L'importante è che lassù ti trovi bene, che stai meglio e che lavori. Milano è cara, sicuramente gli stipendi son più alti ma a poco serve se poi i prezzi sono assurdi. Meglio guadagnare qualcosina in meno e riuscire a vivere, a far bene la spesa e a mettersi su una casa. Menomale finalmente una collega simpatica e vivace, in bocca al lupo per l'appuntamento, speriamo bene. La greca continua a non smentirsi, oltre che antipatica è pure sfaticata. Anny

    RispondiElimina
  7. anonimo: sì vabbé mica posso postare la foto di una collega in pubblico!
    Wanesia: purtroppo non posso passare da te. Che gusti cremosi buoni avresti?
    Anny: gli stipendi non sono più bassi di quelli italiani, garantisco! :-P

    RispondiElimina
  8. Meglio così, ottima cosa, un margine maggiore di ricchezza che ti resta in tasca e di benessere per te. Chissà, forse la greca scema scema, installa il software alle dieci di sera e fa pure gli straordinari. Anny

    RispondiElimina
  9. Straordinari li fa di sicuro ma non vengono pagati ;-)

    RispondiElimina
  10. Sono tornato da poco da Innsbruck e si vede chiaramente che c'è meno crisi che in altri paesi, che il lavoro si trova abbastanza facilmente la crisi comunque è solo colpa degli americani e dei loro gruppi finanziari

    RispondiElimina
  11. @Sergio: sulla prima parte concordo, sulla seconda, almeno per l'Italia, no. ;-) In Italia c'é troppo mangia mangia e troppo sfruttamento di pochi (cariche e stipendi alti) a danni di molti (precari).

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P