domenica 17 luglio 2011

La Barbie che viene dalla Grecia

Oggi allora vi parlo della mia collega greca. Circa 6 mesi fa è comparsa al piano di sopra facendosi notare per gli abiti super eleganti e i tacchi rigorosamente a super spillo. Che sia una bella ragazza non ci sono dubbi. Dopo un po è stata spostata al nostro piano il che, a ben pensare, sa tanto di degradazione visto che il piano sopra è quello più importante. L'hanno  perciò assegnata al reparto che si occupa di andare dai clienti per la realizzazione pratica dei progetti. Infine, qualche settimana fa, è approdata da noi. Il che fa pensare a un altro riposizionamento dovuto a... che so... inettitudine? Bene da quando è lì da noi si è distinta per fare ogni tanto orari spaventosi tipo 9-22 (per la serie: non ho proprio un tubo da fare nella vita), facendoci sembrare degli scansafatiche e non interagendo con nessuno. Non fa pausa pranzo (infatti è magrissima!), non prende caffè con nessuno, non fa nulla. Entra alla mattina coi suoi tailleur e tacchi a spillo, si siede alla scrivania, accavalla le gambe per farle vedere meglio ;-) e guarda lo schermo con aria stranita muovendo il mouse come se avesse un rospo fra la mano. Il mio collega indiano ha detto che bisogna darle tempo, ma anche che sembra finta e che non interagisce ma semplicemente sorride quando le parli. In base a ciò l'ho soprannominata Barbie, receptionist, cheerleader (magari!) e ho ipotizzato che per farla interagire davvero sia necessario sostituire le batterie esaurite, inserire una monetina da qualche parte o trovare il tasto del reset per effettuare un completo reboot del cervello (oppure andando sul tecnico, vogliamo staccarle per qualche minuto la batteria tampone del BIOS?). Sembra un po come il robot che c'è nel film di fantascienza "Bambola meccanica modello Cherry 2000". Per ora proveremo a coinvolgerla per vedere se migliora. Prima che la trasferiscano al supporto che qui è l 'ultima ruota del carro...
Foto cortesia Johnnyberg

Trailer del Film Bambola meccanica modello Cherry 2000



17 commenti:

  1. Che storia strana, avete provato a parlarle, a coinvolgerla, a capire di cosa si intende o come sia arrivata li o proprio non è connessa su tutta la linea?. Messa così mi da tanto l'idea di quelle che assumono perchè proprio non si può dire di no... e che per questo credono di sopravvivere puntando solo sulla bellezza o l'allure piuttosto che sulle capacità. Ci sono ambienti di lavoro in cui è molto difficile inserirsi ma se la passano da un reparto all'altro così velocemente ho l'impressione che non sanno che farsene dei suoi tacchi a spillo e dei tailleurs. Il fatto poi di stare fino alle 10 di sera solo per farsi notare è veramente squallido, chi lo fa gratuitamente penso abbia dei seri problemi ed è uno schifosissimo ed irrispettoso modo per mettere in cattiva luce gli altri che fanno il mazzo nelle ore di lavoro che sono già tante. Per umanità che non deve mai mancare, io rimarrei ancora un po' in osservazione, chissà, però già da ora non mi pare proprio un valido elemento, sempre meglio un'impiegata meno appariscente ma in gamba e produttiva piuttosto che una barbie acerebrata e bionica come quella. Anny

    RispondiElimina
  2. M.daR.poi dici che nn trovi una compagna e se fosse lei?io al posto tuo ci proverei sei in una posizione favorevole e muoviti un pò stai sempre a guardare alla finestra.ciao

    RispondiElimina
  3. @Anny: ci stiamo provando. L'altro giorno l'abbiamo invitata per il caffé "di gruppo" (a voce, ed é venuta), poi il mio collega indiano e un altro hanno provato a invitarla a vedere delle foto delle vacanze di lui in Grecia... nulla, manco ha risposto all'e-mail.
    @MdaR: le bambole inette non mi interessano.

    RispondiElimina
  4. Mah, che strana ragazza. Chissà, forse avrà dei problemi personali oppure in questi mesi tra un piano e l'altro, purtroppo sempre in discesa, avrà realizzato che non è aria, a modo suo sarà pure demotivata o magari è alla ricerca di un altro posto e non ha nessun interesse ad inserirsi. D'altra parte non credo che possa durare a lungo che le paghino lo stipendio per passare le giornate senza lavorare e fare solo atto di bella presenza, poi sai, tutto è possibile, come quelli che si fanno licenziare per avere l'indennità. Anny

    RispondiElimina
  5. Mah, da quello che descrivi forse è introversa? Voglio dire, appena arrivata in 3 reparti diversi in sei mesi chi ha il tempo di farsi amici tra i colleghi se il giorno dopo ti spostano? Ha risposto al caffè di gruppo, forse pensava che le foto fossero troppo "personali" per accettare una cosa del genere? Oppure proprio non le interessa nulla al di là del minimo indispensabile.... Ma per stare in ufficio fino alle 22 era così oberata di lavoro oppure proprio non ha nulla da fare in ufficio (fuori ufficio son fatti suoi)?

    RispondiElimina
  6. Ad essere affiancata io oggi da una Barbie al posto della Thai,scusa Griss,ma oggi ho avuto una pessima giornata.Devo rileggere il tuo blog dall´inizio ,in quano tempo hai trovato lavoro?Sono esausta!!!

    RispondiElimina
  7. ma dai Grissino provaci se ci sta almeno una trombata l'hai fatta e magari esce prima dall' ufficio la sera:))

    RispondiElimina
  8. @Anny: un pochino lavora ma a me fa tanto ridere quando la vedo al PC! Ieri si é avvicinata al supervisore per chiedere una cosa prima di andare via. L'ho salutata: come se fossi un fantasma. La prossima volta che per caso devo aiutarla: minimo indispensabile e CORRERE cosí impari almeno l'educazione.
    @Elga: é stronzo-versa, non intro-versa ;-) Credo non sappia o non voglia interagire.
    @Barbara: OK! :-D
    @Wanesia: Mah, vorrei vedere se al posto della Thai hai lei come superiore e non si riesce mai a parlarci! :-P
    @Sergio: provare cosa, che mi fa schifo come persona?

    RispondiElimina
  9. Dire che una persona faccia schifo non lo trovo molto carino nn credi?
    ora se lei nn vuole avere amicizie in ambito lavorativo penso siano affari suoi no? a me fa tanta tristezza ma a parte questo ognuno è libero di vivere (e anche di lavorare) come vuole :-)
    un abbraccio Gris
    A.

    RispondiElimina
  10. Una persona che ti tratta come se non esistessi è prima di tutto una gran maleducata e poi l ' aggettivo schifoso è il più gentile che mi viene. Se preferisci, è una gran stronza ;-)

    RispondiElimina
  11. preferibile ;-) e poi scusa ma a te che te ne importa? se nn ti fila nn è una gran perdita no? tu puoi provare ma nn è necessario perseverare :-)
    e poi poverina quella che è sola è lei..... compatiscila se vuoi perchè è solo una persona che nn è capace di dare quindi meno fortunata di te:-P
    un bacio Gris
    A.

    RispondiElimina
  12. Sai Griss, sarò giudicata molto male, non importa, ma più leggo di questa tipa, che cerco di giustificare e comprendere in tutti i modi, avendo fatto in vita mia anche selezioni di personale e più mi convinco che come dici tu è proprio una vera stronza, pericolosa e da evitare. Una che non saluta, anzi tratta solo con chi è più in alto, è una gran maleducata, il saluto è d'obbligo anche tra chi non si sopporta e non costa nulla. Tutti abbiamo un vissuto, i cavoli nostri e le giornate più o meno storte ma quando si entra in un ambiente di lavoro, soprattutto all'inizio, per quanto possa essere difficile od ostile, si deve fare in modo di farsi accettare, salutando, avvicinandosi con umiltà e rispetto a tutti perchè si ha bisogno di indicazioni e consigli per ben lavorare ed imparare. Non credo affatto sia sfortunata, intanto ha ben deciso come vestirsi per attirare l'attenzione. E' una calcolatrice vuota e secca come il suo aspetto, una che si rende disponibile fino alle dieci di sera senza avere apparentemente un ruolo ben definito o ha degli squilibri, dei disturbi o delle mire ben precise. Le nottate, i lunghi orari fino ad esaurimento, visto che costano in termini economici, si fanno per le cose molto serie, quando si è responsabili di un progetto, di persone, di grossi impegni ecc. non per mettersi in mostra a discredito degli altri. Passa oltre, per tua fortuna sei fin troppo educato, lasciatela cuocere nel suo brodetto se e quando verrà a chiedere qualcosa, quella ha sicuramente tutto un suo programma perverso in testa. Anny

    RispondiElimina
  13. @A: sí che é una perdita perché vuol dire che una parte del team "rema contro" e non é di nessuna utilitá. Non aiuta per la conoscenza, non aiuta per l'umore (anzi), non aiuta per le singole esigenze delle persone ne aiuta a smaltire il lavoro quando ce n'é tanto... nulla.
    @Anny: sí ho deciso di farla cuocere nel suo brodetto e peggio per lei.

    RispondiElimina
  14. uhm, sto tentando di immaginarmi la situazione, essendo che lavoro in un ambito IT pure io, ovvero 90% maschi e restante 10% femmine, so cosa si prova ad essere "dall'altra parte" in questi casi e ti assicuro che non è sempre facile interagire con così tanti colleghi uomini che spesso sono apertamente pieni di pregiudizi verso l'altro sesso e si trincerano in inespugnabili circoli chiusi.
    certo non voglio giustificare una tizia che non conosco anche perchè mi sembra che voi colleghi l'abbiate invitata a prendere un caffé, cosa che qui da me non esiste: gli ingegneri prendono il caffè solo con altri ingegneri! in 6 anni non ho mai visto nessuno invitare una collega, non ti salutano mai in nessun caso e non ti parlano neppure se si dovesse rimanere rinchiusi in un ascensore bloccato, musi sempre duri e ostilità costanti senza motivo. pesantoni, della serie, poveracci loro e poveracce noi!! :-p ).
    diciamo che in un ambiente simile l'abbigliamento da hostess dell'austrian airlines non sarebbe tanto indicato: genera barriera sociale in misura maggiore di un ascella carente di ceretta o di una costellazione di punti neri. confesso con discrezione che anch'io, nel lontano inizio della mia carriera in costante discesa verso il baratro (ma per ben altri motivi, perchè la baracca sta fallendo per colpa dei "piani alti") mi sono presentata con il tauilleur gessato della laurea e tacco alto...per poi finire in jeans sbiaditi, ciabatta infradito e t-shirt di calimero. tanto qui i colleghi sono sonoramente dediti all'alcool e agli affettati con krauti anche durante l'orario lavorativo e taluni si cambiano i vestiti una volta al mese se tutto va bene. ti puoi profumare e spruzzare quanti gled magic air quanto vuoi, ma l'aroma della camerata migliora di ben poco.

    a me viene in mente piuttosto un'altra cosa: non è che la barbie greca non si sappia esprimere correttamente in tedesco? oltretutto i greci hanno una mentalità un pò sui generis e le tipe normalmente non è che diano molta confidenza agli stranieri, come "per non compromettersi". almeno questo era emerso da alcuni discorsi fatti con delle greche che avevo conosciuto all'università.

    se ti capita prova a buttare là il discorso che sei un cuoco provetto e inizia a chiederle qualcosa sui piatti greci tipici. a loro piace molto parlare delle tradizioni del loro paese, anzi, spesso parlano sempre e solo di quello. se non interagisce neanche così allora è meglio che si lanci dalla rupe di sparta... :-p

    RispondiElimina
  15. Cara Roberta, mi devi proprio prima o poi scrivere al mio indirizzo e-mail cosí ci scambiamo qualche "tristezza" piú dettagliata ma che per privacy qui non posso mettere. Per fortuna da me non é cosí, anzi, le ragazze sono trattate esattamente come gli altri (o forse meglio perché son poche e preziose). Le due che vengono vestite sempre troppo eleganti sono la greca e una delle russe. Alla fine sono loro le uniche davvero che nessuno sopporta, chissá perché! :-D
    Ma come colleghi dediti all'alcool?! Esistono anche da me i "muti" ma sono muti verso tutti, non solo verso le ragazze. Dei poveracci che vengono alla mattina alle 8 e stanno fino alle 16 guardando un monitor e non interagendo con nessuno. Veramente dei poveri esseri tristi.
    Sí, la Barbie non parla tedesco ma non é l'unica nel nostro team. Anche altri, fra cui "l'indiano" e poi comunque parliamo quasi sempre inglese (che anzi, a me adesso scoccia un pó perché vorrei migliorare il mio tedesco).
    Comunque funziona cosí, lei arriva alla mattina, e si piazza davanti al PC. Se ha bisogno, ora ha imparato a venire a chiedere ma non va mai a prendere un caffé con nessuno, non mangia con nessuno perché si porta due snack (se é per quello anche la mia collega austriaca solo che viene su con noi a parlare e intanto sgranocchia). Se la saluti, sorride (70% delle volte), sorride e risponde (20%), passa come se tu fossi un fantasma (10%), insomma deve andarti proprio di fortuna, a me é capitato poche volte.
    :-P E poi basta. Sta lí come una segretaria davanti al PC e per "stare come una segretaria" intendo che tiene il mouse come se fosse un topo morto e sta seduta tutta in posa con le gambe accavallate come a dire "guarda come son belle". Per il resto tailleur uno dopo l'altro e una tristezza infinita. Vorrei avere te con i jeans sbiaditi e la t-shirt di calimero (le infradito non mi piacciono ^_^).

    RispondiElimina
  16. P.S.: che poi, devo dirlo? A me la collega tecnicamente preparata sia in informatica che sulle cose di casa (i.e. cucina, giardino, ecc.) e con abbigliamento super casual mi attira un sacco. ;-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P