lunedì 28 febbraio 2011

Linux, la barzelletta impossibile

Ogni volta che provo a installare Linux (Ubuntu di solito) su uno dei miei PC (questa volta quello degli ospiti) mi ritrovo a litigarci e a perderci una valanga di tempo. Sistema operativo gratis? Col c****!!! Col tempo che si perde conviene comprarsi una licenza di Windows. Il problema é che se Ubuntu riconosce tutto l'hardware, tutto va benissimo e va che é un piacere. MA (e notate che lo scrivo grosso) c'é tantissimo hardware anche vecchio che Ubuntu non riconosce e che non digerisce se non magari (anzi MAGARI) googolando a destra e manca e provando differenti procedure che involvono sempre script, comandi e via dicendo. Ora, per fortuna che in ufficio un pó di Linux/Unix lo uso ma rimane il problema che se l'hardware non é supportato, non c'é verso di farglielo digerire, anche imprecando in turco! Cosa che puntualmente é successo con la mia chiavetta wifi malgrado procedure lette e riprovate a destra e a manca e pure alla mia scheda wifi PCI. Ora vi sembra possibile che prima di installare un software, io debba controllare minuziosamente se dell'hardware é compatibile?! Voi mica comprate prima il software e dopo in base a questo l'hardware ma viceversa. Vi comprate il PC e poi ci installate qualcosa. Mica comprate i coprisedili, la benzina e l'autoradio prima dell'auto! Che poi una soluzione ci sarebbe: basterebbe mettere un bollino o dare una certificazione all'hardware che funziona. Come fa Microsoft con i bollini "Certificato funzionante con Windows 7". Ci vuole tanto? Evidentemente sí e finché i tipi che sviluppano Linux/Ubuntu in particolare (che pure é favoloso quando funziona) non lo capiranno, il sogno di erodere quote di mercato a Windows sará una pura BARZELLETTA.

9 commenti:

  1. Dai un'occhiata a Ndiswrapper: puoi usare il driver per Windows della chiavetta sotto Linux.

    RispondiElimina
  2. Non entro nella questione perché per me sarebbe come far finta di parlare il farsi. Comunque io mi trovo benissimo con Apple.

    RispondiElimina
  3. Anch'io ho avuto un problema alla chiavetta wifi con Puppy Linux 3, e l'ho risolto in 2 minuti con il sistema suggerito da NewYorkino. Per fortuna che c'era un wizard che lo faceva per me, bastava inserire il cd con i driver della pennetta, e si arrangiava da solo.
    Io ho scarsa esperienza con Linux: ho provato qualche distro live, ed ho Puppeee ( una versione di Puppy Linux customizzata ) sul netbook. Devo dire che finora sono soddisfatissimo, e non ho avuto alcun problema.
    Mio fratello usa Ubuntu su due notebook, e ne è entusiasta.
    Secondo me, ciò che frena il successo di Linux è la standardizzazione: ogni distro va per conto suo, ha un repository per conto suo e non ne vuole sapere di collaborare con le altre. Credo che dovrebbero partire dalla compatibilità software, se vogliono erodere quote di mercato a Linux.
    Per il tempo d'installazione, io ci ho messo 2-3 minuti a installare Puppy su EEEPC, non credo che bastino neanche per Windows 95.
    Altra cosa: se Linux funziona, al livello di prestazioni, stabilità e sicurezza Windows non può neanche competere. Però finchè continuerò a giocare, non posso permettermi di passare definitivamente a Linux.

    RispondiElimina
  4. io semplicemente son passato a un portatile mac, lo porto in giro per casa dove mi serve e anche a lavoro, ci faccio tutto ed è praticamente indistruttibile. E' del 2007 e non ha neanche un graffio , fatto benissimo. Stavo pensando di passare al modello nuovissimo appena uscito ma solo per una questione puramente estetica ( son piu belli i nuovi ) altrimenti potrei continuare con questo per altri 5 anni minimo.
    Secondo me dovresti provare anche te un bel macbook pro da 13 pollici !

    RispondiElimina
  5. @NewYorkino: sí proveró ma nella pagina di compatibilitá sembra che anche con quello non funzioni.
    @Tokyonome: io mi troverei malissimo con Apple perché non si puó personalizzare piú di tanto nell'hardware e software ce n'é poco (meno che per Linux quindi figuriamoci)
    @Oscar: sí ma vedi, alla fine Windows te lo sei tenuto. Vuol dire che Linux non offre le stesse cose di Windows. Ergo, meglio averne uno solo da gestire... La distribuzione Puppy comunque é simpaticissima ;-)
    @Anonimo: no mi spiace ma io non spendo il doppio dei soldi per avere un bel design ma avere la metá delle cose (hardware e software). Io mi trovo benissimo coi PC normali, non ho problemi ad amministrare Windows, quello era un test per provare... visto che Ubuntu era gratis. Ma alla fine si risolve tutto in una perdita di tempo. Insomma, il caro Windows é sempre il migliore! ;-)

    RispondiElimina
  6. ho scritto già una volta una risposta ma non me l'ha fatta pubblicare, ci riprovo.
    Dicevo, secondo me hai una visione un pochino datata dei macintosh, il gab software è un problema risalente a minimo un decennio fa, adesso è quasi tutto il contrario. In più fermarti a guardare pezzo-hardware è del tutto sbagliato, non è solo una questione di design, un portatile della apple essendo unibody è molto ma molto piu resistente di qualsiasi altra marca, pensa che il mio che ho da quasi 5 anni è ancora perfettamente funzionante. Lo stesso non può dire mio padre che ad esempio nello stesso periodo si compro un toshiba che ha dovuto cambiare l'anno scorso per problemi alla ventola e al monitor. Dovresti dare una possibilità alla Apple e non fermarti a questi che dici che sono pregiudizi molto sommari e del tutto sbaglati.

    RispondiElimina
  7. Come già scritto qui sopra da Oscar (mio fratello) ho installato Ubuntu da 2 anni su due PC, un notebook di 4 anni di vita e un EEEpc di un anno e mezzo e sinceramente, non vedo motivo ma molto tempo di usare Windows. Non l'ho tolto del tutto perché ormai era installato e non mi serve il Giga di HD che mi ruba. Preciso che NON gioco con il PC e non mi interessa farlo. Anzi, ogni tanto, unico motivo per cui tengo ancora Win, faccio partire il Flight Simulator, ma penso una volta ogni due mesi, per cui, probabilmente, potrei starne anche senza. Se giochi, ti serve Windows, se non giochi, non te ne fai nulla. Internet, posta, office, skype, torrent, film/musica, foto, con Linux risparmi molto ma molto tempo, credimi. Penso mi si sia impallato 3 volte in 2 anni di cui 2 per colpa mia e del mio vizietto di smanettarci da grandissimo ignorante!

    http://ilmorodivenezia.blogspot.com/2011/04/ancora-soldi-vuole-microsoft.html

    RispondiElimina
  8. Francamente tu tralasci il supporto all'hardware (che per Linux é davvero carente, meglio di una volta ma sempre molto carente) e il tempo che comunque é necessario per cercare i programmi che ti servono. Quelli un pó specifici, non le quattro cose che fan tutti. Quelle allora basta un PC con un pentium IV. Quanto ai Mac, io l'hardware lo guardo eccome perché é quello che fa la differenza. E' l'hardware usato sui mac é di fascia medio bassa a meno di prendere i modelli molto costosi. Contando che a me Windows non si impalla mai, non ho mai preso virus ne altro, perché dovrei mai prendere un Mac dove i programmi NON CI SONO (se vuoi ti dico cosa devo fare col mio PC e ti sfido a trovare i programmi per Mac).

    RispondiElimina
  9. P.S.: e infatti come cellulare che per l'hardware é fisso (niente cambi di ram/scheda video/hard disk, periferiche, ecc...) ho preso uno con su Android e NON WINDOWS. Ma per un PC desktop, mi spiace, ma Windows 7 é senza alcun dubbio la scelta migliore. Quanto ai portatili, il mio (quasi 4 anni) lo usa mio papá, il suo (circa 7-8) lo uso nel winter garten per navigare o per darlo agli ospiti e il Toschiba (10 o 11 anni o giú di lí, un mattonazzo pesantissimo), lo ha ancora funzionante mia sorella. Quindi non vedo dove siano i problemi coi laptop ^_^ Solo fortuna? Non credo.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P