domenica 9 gennaio 2011

Dove viveva Grissino a Vienna?

Volete sapere dove viveva Grissino a Vienna? Ora che non ci sono piú eccessivi vincoli di privacy, ve lo posso svelare :-P Quando ero a Vienna, abitavo nel 14. Bezirk (l'equivalente delle zone di Milano) nelle vicinanze della fermata della metró U3 Hütteldorferstraße e del castello di Schönbrunn (come potete vedere poi dalle foto, da una via vicino alla mia si vedeva persino la Gloriette!). Son passato settimana scorsa dalla ex "casa mia" per vedere se c'erano nuovi inquilini (sí, una coppia) e anche per comprare un pó di cose alla panetteria turca che devo dire un pó mi manca. Se devo essere sincero, son voluto ripassare anche perché lí ci ho passato tre anni, tre anni importanti e davvero molto molto SOFFERTI. Sofferti per la casa piccola, per lo studio del tedesco prima, fra mille risparmi, e la ricerca del lavoro poi e infine anche per lo stress della ricerca della mia casa. Insomma, un misto di affetto e sofferenza che mi rimarrá per sempre! A voi anche un filmato con l'interno della casa cosí potete vedere com'era e anche cosa avevo! (e cos'ho, non é cambiato molto! ^_^). Buon divertimento! (cliccare per ingrandire)
Il viale con Schönbrunn e la Gloriette, la mia casa, le mie finestre, banca, videoteca, fermata del metró, Kebab stand, supermarket, la Hutteldorferstraße in direzione Stadthalle, la panetteria turca


18 commenti:

  1. Ciao
    anche la mia cucina e´ cosi´ ,disposta linearmente...abbiamo due cose in comune il grembiulone turchese con la scritta "Da domani faccio dieta"(almeno il mio)e la tovaglia di girasoli alla Van Gogh :))
    con tutta sincerita´ ti capisco, io sono due anni che vivo qua e mi trovo bene, con tutti sacrifici(linguistici in primis),ma ti diro´ un italiano/a si adatta facilmente in una citta´ tedesca,che un tedesco in Italia.Non so perche´ ma sento questa frase "vera".
    UHM...Mi hai fatto venire voglia di fare un video ^^

    RispondiElimina
  2. Noooo, che, scherzi? Niente dieta! Sul mio ci sono pasta, salumi e non ricordo cos'altro! Piú il grembiule del ghiottone che quello della dieta. La tovaglia era di mia mamma ma me l'ha data e la trovo allegra e quindi l'ho sempre su. Quanto all'italiano si adatta... mmmmh, dipende, secondo me solo se é poco italiano ;-) spero di non offendere nessuno ^_^

    RispondiElimina
  3. ahahah non mi offendo mica... sono siciliana.... sono italiana secondo te???
    Ciao Grissss ^^

    RispondiElimina
  4. mi piace molto la tua vecchia casa :)la vista sulla gloriette è unica...katiusha è da morsi dentro la cuccia ;)

    RispondiElimina
  5. sono titania, ho cambiato nome :)

    RispondiElimina
  6. ma se eri tornato sulla scena del crimine potevi fare uno squillo :)

    RispondiElimina
  7. grazie per averci svelato il posto dal quale scrivevi in precedenza :-) che dolce la dalmatina! in quanto ad adattarsi all'austria cosa dovrei dire io che sono triestina? per noi è difficile adattarsi all'italia, dopo secoli e secoli di austria! :-)speriamo sempre che vienna ci venga a riprendere...

    RispondiElimina
  8. Che bella la vista sulla Gloriette dalla tua ex finestra e anche tutto il resto non era affatto male, immagino come malgrado le difficoltà, le sofferenze e i tanti brutti momenti, quella casa ti sia rimasta nel cuore. Beh, non tutti gli italiani si adattano facilmente all'estero, ad altre regole, a cibi ed usi diversi. Come dice giustamente Roberta, basta guardare a tanti triestini, che come sai ben conosco, che pur vivendo in Italia hanno il cuore, le tradizioni, i cibi, i cognomi, le radici e la testa dall'altra parte per sempre. Anny

    RispondiElimina
  9. @Brusch/Titania: immaginavo che fossi tu quando hai detto che K é "da morsi", lo usi solo tu ;-)
    @NonHoVoglia: eri via... passeró un'altra volta comunque, andiamo a mangiare qualcosa dal Kent insieme.
    @Roberta: mitica! :-) Eh, certo che é incredibile, ma lo dico sempre anche io che il concetto di Italia é un pó labile. Noi a Milano potremmo dire lo stesso per la Svizzera ;-) Il dialetto milanese é molto simile a quello in Ticino. Comunque sia, quando ti prende la nostalgia, fai un salto su a trovarmi ;-)
    @Anny: anche io non sono mai stato molto italiano nemmeno quando abitavo a Milano :-P E' vero, l'appartamento é stata la mia prima vera casa indipendente e quandi ci tenevo e poi nei dintorni c'erano diverse cose comode e valide.

    RispondiElimina
  10. M.da R.sei un romantico

    RispondiElimina
  11. Ma avevi del verde vicino a parte Schonbrunn?
    non so vedere quella lunga strada cementata
    non è che mi ispirava molto forse perchè preferisco la campagna

    RispondiElimina
  12. @M.daR.: dici? :-P
    @Sergio: no, poco... ma la cittá é cosí! A Vienna ci sono sí grandi parchi e io avevo Schönbrunn vicino ma non ci si puó andare coi cani. Vicino c'era un altro parchetto e alcune aree cani. Ottimo per una cittá ma é sempre una cittá...

    RispondiElimina
  13. Ti capisco ho cambiato casa tante volte come ben sai :)

    RispondiElimina
  14. Mi sembra che sia una bella zona e poi anche la casa mi è piaciuta. Quanto al fatto di essere nostalgici e ripassare dalle vecchie case, beh, lo faccio anche io. E ti dico che mi viene una tristezza, perché so che dove ho vissuto io adesso c'è qualcun'altro che magari non avrà lo stesso rispetto, per quella casa, che ho avuto io.
    anche io non mi sono mai sentita italiana, pensa che di me all'estero dicono che non sembro italiana perché (oltre alla mia faccia un po' orientaleggiante) non ho modi da italiana. Per carità mica schifo la mia nazionalità e le annesse usanze, però cerco, come sempre, di prendere solo la parte migliore da qualsiasi cosa.
    Gissino, posso lasciare un messaggio?
    X Wanesia: non riesco a commentare i tuoi post, praticamente, arrivo alla parola di sicurezza e non c'è un campo in cui scriverla

    RispondiElimina
  15. @Barbara: giá é vero!
    @Tokyonome85: sí non era malaccio come zona, molto comoda per andare in centro o per shopping! Anche io ho avuto un pó di problemi da Wanesia. Mi sa che deve ricambiare il modello/template/layout del blog perché non ci sono le barre nei commenti. Oppure devi cambiare la finestra di inserimento dei commenti (tutte opzioni di Blogger). Temporaneamente puoi andare in basso schiacciando il tasto TAB (quello a sin con le due frecce).

    RispondiElimina
  16. la casina sarà stata anche piccola, ma dal post e dal video si capisce che, nonostante tutto, l'hai amata!! ^^

    in quanto alla nostra "italianità" purtroppo Roberta ha ragione... ci sono a volte dei momenti in cui anch'io mi vergogno di esserlo...

    pensa che tanti anni fa siamo stati in Irlanda in vacanza e capitammo in un ristorantino piccolo, romantico, bellissimo... tutti i tavolini occupati e tutti che parlavano (anche noi) ma c'era un brusio di fondo che non dava fastidio anzi!!!

    Poi è arrivata una coppia con un bambino (non dico di che regione che tanto i maleducati non hanno "sede fissa"...) che appena è riuscita a sedersi ha cominciato a parlare a voce alta, a lasciar correre il bimbo per il locale, insomma... a fare come fossere a casa loro... noi ci siamo guardati bene dal far capire che eravamo anche noi italiani..... :DDDD

    A presto!

    RispondiElimina
  17. sí sí, per me la casa é importantissima, ci tengo. E anche quell'appartamento l'avevo tenuto benissimo. Ah ah, mi hai fatto ridere con la tua avventura in Irlanda ;-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P