domenica 29 agosto 2010

Il pane a Vienna

Vi ho diverse volte parlato dei dolci che ci sono qui a Vienna ma quasi mai del pane. Sará che io in generale non ne mangio moltissimo, peró quando lo compro deve essere buono. Vietato il pane del supermercato (gomma) e quello troppo duro perché vecchio (che non viene buttato ma fatto a cubetti e dato alla mattina alla mia dalmata). Qui a Vienna il pane non solo costa meno che a Milano (bello sforzo!) ma ce n'é di una infinitá di tipi. Se andate sul sito della panetteria Ströck potete avere una idea di quanti pani producano ogni giorno: da quelli integrali, a quelli biologici, a quelli con farina bianca, per non parlare dei curiosi "pani della domenica". L'ultimo che ho preso, per curiositá é stato il BIO-Ströcklingsbrot, un pane fatto con ingredienti biologici e a forma di... orsetto! Oltre a questo, ce ne sono moltissimi altri compreso uno a forma di tartaruga e poi quelli coi semi di zucca, con le carote, con le noci, alla birra, al farro e cosí via. Insomma, ogni giorno un pane diverso. E se volete cambiare, ricordatevi sempre che ci sono anche le panetterie turche dove prendere per esempio il Fladenbrot (pane tipo focaccia) o il pane al mais. Infine, in occasioni speciali (tipo per i mondiali), le panetterie fanno a gara a proporre qualcosa di speciale: han fatto per esempio il pane del campionato del mondo a forma di pallone e , sempre in questa occasione, uno speciale con dentro banane e curry!. Non mancano infine i panini, anche quelli in una infinitá di varietá anche se sono molto piú cari rispetto al pane in pagnotta. Se venite a Vienna, non mancate infine di assaggiare i Salzstangerl, piccoli sfilatini di pane bianco ricoperti di sale (da qui il nome) e cumino.

11 commenti:

  1. A Vienna ci torno di certo, ma la prima visita la faccio a te...non in panetteria!!!!....sempre se ti fai trovare eh!!!
    Fantastica questa storia del pane, anche in Alto Adige, zona che frequento da sempre, esiste questa attenzione e dedizione verso " l'alimento primo", però un pane a forma di orsetto proprio non l'avevo mai visto!!...mi sa che è giunto il momento1
    Comunque anche da noi, in Liguria, potremmo stordirti con le nostre varietà di focaccia... e sai quanti ritagli golosi per la tua piccolina!!!!

    RispondiElimina
  2. Dai, sí ti aspetto! Ma mi sa che se aspetti un pó dovrai fare qualche chilometro fuori Vienna per venirmi a trovare ;-)

    RispondiElimina
  3. Ti dirò...anche qui da me c'è abbastanza scelta.
    Diciamo che di standard in ogni panetteria per quanto piccola trovi il pane comune, quello all'olio, al latte, integrale, ai semi. Poi a seconda ovviamente della grandezza, non è difficile trovare pane alle olive, alla zucca, alle patate, alle verdure, pane nero, di segale più tutta una serie di impasti di pane bianco...
    Sarà l'origine austriaca? :)

    RispondiElimina
  4. Ciao grissino,ti seguo sempre ma non ho mai commentato!
    Ti lascio un grande saluto: il tuo blog mi strappa sempre un sorriso un pò malinconico,perchèanche io vorrei essere nell splendida Vienna!
    Viverci sarebbe il mio sogno e leggendoti ti assicuro che non è facile resistere alla tentazione di mollare tutto e raggiungerti!

    ...e le tue foto mi mettono sempre l'acquolina in bocca :)

    RispondiElimina
  5. @Damia: esatto, mi sa che le panetterie, gli usi e i costumi lí da te risentono del passato austro-ungarico! ;-) Tu non conti eh eh eh :-P
    @Beatrice: grazie, sei molto gentile! :-) Lo so, devi avere pazienza. Non so dove abiti, spero non a Milano. ^_^ E' un peccato, l'Italia ha tanti bei posti e avrebbe tante possibilitá di essere quasi un paradiso ma é gestita davvero in modo orribile e questo guasta tutto e causa tanti problemi nella vita di tutti i giorni :-( Porta pazienza! E poi magari, fatti una bella lunga vacanza qui a Vienna appena puoi! ;-)

    RispondiElimina
  6. Che bello il pane a forma di orsetto! immagino le bellissime panetterie che descrivi, io impazzirei solo a guardarle, ci perderei ore intere a sognare. Conosco un po' i pani dell'Alto Adige ma penso che da te siano ancora migliori e più vari. Adoro il pane e sai che mi piace farlo con tutti i tipi di farine, i semini tanto che vista la differenza di sapori e di costi super lievitati non lo compero quasi più e in questo mese, tra le altre cose, accanto al camino, abbiamo messo un bellissimo forno di terracotta proprio per farlo a legna. Ti manderò le foto appena possibile. Un bacione a te e una carezza alla dalmatina. Anny

    RispondiElimina
  7. Ciao grissimo,si il pane e´ buono non lo metto in dubbio,ma tutti quei semi,ma quante specie di pane ce´ in Germania? Quasi 200 o piu`?

    RispondiElimina
  8. Sergioexanonimo1 settembre 2010 15:25

    ciao grissino a Milano il pane oltre a costare
    tanto e' difficile trovarlo buono oramai
    in Austria si lo ricordo e' molto buono
    pero' e' piu' usato quello con i vari semini
    o sbaglio? o c'e' anche il pane classico che trovi in Italia?

    RispondiElimina
  9. @Anny: eh sí poi a te che piace quello coi semini, la via migliore é quella di farselo da sé. Beh, verrai su una volta a trovarmi e vedere anche le panetterie, no? :-P
    @Wanesia: in Germania non saprei. Qui a Vienna saranno sicuramente almeno un 30-40 diversi se conti anche i panini. Peró bisognerebbe mettersi lí a contarli e poi includere quelli delle diverse panetterie e quelli delle panetterie turche...
    @Sergio: Sí quello scuro é moooolto piú usato. Peró quello bianco (tipo ciabatta o baguette) é molto usato per fare i panini di mezzogiorno. Anche il pane con le olive lo si vede spesso. Il Salzstangerl é comunque di farina bianca.

    RispondiElimina
  10. Per questo io sono come te, mangio poco pane ma quando lo mangio deve essere buono. In Italia ho il mio panettiere di fiducia che, tra l'altro, vive pure nel mio stesso palazzo! A Londra invece ho la panetteria sotto casa. Certo, è un po' costosa ma il pane è buono

    RispondiElimina
  11. Sí anche negli States le cose buone costano e stimo che sia uguale a Londra. per la veritá pure qui certe cose (es. formaggi) se li vuoi buoni, costano un occhio della testa. Peró non tutto, alcune cose sono convenienti.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P