lunedì 3 maggio 2010

Il mito americano esiste ancora

Ogni volta che leggo certe esperienze sui viaggi negli Stati Uniti mi prende la nostalgia di quando ci son stato alcuni anni fa per lavoro. Gli Stati Uniti sono ancora oggi un paese incredibile dove si trova di tutto, soprattutto nel bene e ovviamente anche un pó nel male visto che nessun paese é perfetto. Ma come non rimanere sconvolti e desiderosi di partire subito dopo aver letto questo articolo con gli appunti di Dario Bressanini sui piatti di carne negli States. Non perdetevi l'articolo. Soprattutto, non perdetevi le foto perché sono di un altro mondo che qui in Europa non possiamo neanche immaginarci. E non dimenticatevi di immaginarvi a ordinare un polpettone di bufalo... ;-)

Credit per la foto

6 commenti:

  1. Uhm, sarò tradizionalista ma a me va benissimo la braciola di vitello! ;-) però so che in trentino, a solda c'è un'allevamento con tanto di menù di yak!

    RispondiElimina
  2. Purtroppo devo contraddire l'autore dell'atricolo riguardo alla Fiorentina. Non so che esperienza abbia avuto, ma quella della foto mi sembra più una braciolina, visto che la classica Fiorentina deve essere circa 1 kg e alta 5cm......
    Un salutone,

    Niccolò (un Fiorentino trapiantato a Vienna)

    RispondiElimina
  3. @Lunga: noooo, non dire cosí. Bisogna assaggiare sempre! :-P
    Yak?! YUM YUM!!! Dove esattamente?!
    @Niccoló: ciao Niccoló!! Ma quella non é una fiorentina perché non esistono le Fiorentine negli States. ;-)

    RispondiElimina
  4. Le carni italiane sono buone ma quelle americane sono un'altra storia. Hanno una struttura particolare, il grasso è distribuito finemente nel magro e sciogliendosi nella cottura rende la carne morbida e succosa. Ovunque gli animali sono allevati all'aperto e non sono permessi ormoni o altri sistemi che gonfiano le carni rendendole stoppose e insapori. Anche a me viene l'acquolina ripensando ad un bel filetto di black angus, ad un prime rib, un bel t-bone ben cotto al punto giusto con anelli di cipolle e patate ripiene :P. Ho avuto modo di assaggiare anche il montone stufato, ottimo e sorprendentemente tenero. Un bel viaggetto negli US dopo aver sistemato la casa, ti farebbe proprio bene. Anny

    RispondiElimina
  5. Considerando che mi aspettano 27 giorni negli States a settembre, leggerò con mooooooolto piacere!

    RispondiElimina
  6. @Anny: e lo so lo so...
    @Damia: che fortunaaaaaaaaa

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P