venerdì 29 gennaio 2010

Meeting Story: le grotte e il pranzo socialista


Ed eccoci all'ultimo giorno: domenica! (dopo ancora una notte dormita cosí e cosí e con la prospettiva di alzarsi il lunedí mattina alle 5.50 come al solito...). Dopo la solita ottima colazione, siam partiti alle 10.30 alla volta delle grotte di Postumia che avevo giá visto 20 anni fa in una gita scolastica. OK, sono molto belle, ammetto che le ho riviste volentieri ma sinceramente ero piú curioso di vedere le saline a cielo aperto nell'entroterra di Portoroz. Vabbé, poco male, mi son piaciute anche le grotte, cosí per altri 20 anni sono a posto ;-). Quello che invece é stato l'orribile coronamento di questo meeting, é stato il pranzo! Quando si tratta di mangiare io ho i miei canoni piuttosto alti e quindi immaginavo che per l'unico pasto della domenica saremmo andati in un posto decente, almeno tipo il ristorante del venerdí sera. Sbagliato. Grissino, hai troppa immaginazione e troppa fiducia nella passione altrui verso il cibo. Usciti dalle grotte, stavo per dirigermi speranzoso verso il bus quando STOP. Si mangia qui. Ristorante delle grotte. Non credo esista nulla di piú turistico di un ristorante attaccato a un monumento, museo, o opera naturale di rilevanza internazionale (come lo sono appunto queste grotte). Aggiungiamo a questo che la Slovenia fino a qualche decennio fa era una repubblica popolare  o repubblica socialista o paese comunista comunque lo si voglia chiamarlo. Ebbene, il ristorante lo avranno rimesso a nuovo perché era perfetto con bagni pulitissimi e pure quelli dedicati agli handicappati ma il menú era qualcosa di orribile! Pure nel self service a fianco dell'ufficio cucinano meglio e con piú originalitá! Menú: zuppa di verdure indefinite di sapore orribile (ipotizzo di scatola). Insalata (saltata, giá non mangio quella nei ristoranti normali). Pollo insapore di cartone con patate lessate a cubi e resti sminuzzati (!) di verdure al vapore. Una sbobba insomma. Strudel di mele (accettabile, missing: vanilla sauce!). La prima idea che mi é venuta, tipo flashback, é stata la mia visita di 20 anni fa. Stesso periodo. Stesso grigiore. La libertá e la comunitá europea non hanno rimosso il grigiore di epoca socialista da questo posto. Benché rinnovati, stessi freddi e ampissimi locali in grado di accogliere le masse mandate dal partito in gita aziendale per celebrare i traguardi marxisti-leninisti della societá (ufficialmente) e per dare un minimo di divertimento e tenere buona gente che non poteva ne aveva i soldi per permettersi vacanze nel lussuoso ovest (motivazione reale) e, soprattutto, stesso menu economico che serve a riempire la pancia senza soddisfare il palato dell'uomo. Una tristezza infinita a mio parere. E, badate bene, non é una questione di soldi. Mi davate due cevapici (polpette di carne trita) in mezzo a un panino e due Krapfen da 1,25 euro l'uno di Trojane e mi facevate felice. E con un viaggio di ritorno tutto sommato tranquillo anche il meeting di quest'anno é (per fortuna) finito. E non scordatevi di cliccare sull'immagine per gustare meglio il menú socialista...

14 commenti:

  1. Non commento più i tuoi commenti al cibo ormai mi vien da ridere ... nella vita c'è altro su vi hanno portato a vedere un bel posto dovresti vedere cosa e come mangia la maggior parte della gente nella paura pranzo per dire su dai Grissino una cena di gala ok per il resto per dire c'è un sacco di gente che il pranzo non lo considera nemmeno ! Probabilmente era il più comodo pensando al tragitto da fare per poi tornare

    RispondiElimina
  2. Vedendo le foto, a me il pranzo socialista non sembra così male, il pesce "lesso" arrosto in mezzo agli anelli di calamari mi faceva più tristezza. Ma capisco che le foto ingannano, soprattutto nel cibo!

    Invece sono solidale con te sul meeting. Io, fossi in te, l'anno prossimo mi ammalerei proprio in quel weekend!

    Tra viaggione in pullman, scarpinate, notti "d'amore" in matrimoniale con semi-sconosciuti e attività disorganizzate varie...

    Non era meglio un viaggetto di 1 ora a Bratislava con meeting e pranzo al castello? Oppure in qualcuno dei paesini slovacchi lì accanto (tipo Devin) o ancora in qualche paesino slovacco in riva al Danubio?

    Magari per l'anno prossimo offriti volontario per l'organizzazione o per far parte del comitato organizzativo!

    RispondiElimina
  3. stai migliorando Gris:-P
    ciao amico di penna:-)

    RispondiElimina
  4. Io alle grotte non ci son ancora andata ma grazie a grissino quando ci andrò eviterò il ristorante.. Sarò criticata ma come Grissino ho palato "sopraffino".. mangio anche un panino ma devo essere certa di quello che mangio.. capisco che molta gente non considera il pranzo ma c'è chi a pranzo mangia pure da lupi..ho provato un 'intossicazione alimentare e da allora sto allerta a ciò che mangio!

    RispondiElimina
  5. niente lubianska e gibanica insomma?

    Che poi strudel a parte (con salsa alla vaniglia???) non riconosco bene il menu, sembra poco "sloveno" a dire il vero!

    PS lì vicino c'è un castello bellissimo, Predijama!

    RispondiElimina
  6. @Barbara: c'é chi ama la musica e spende migliaia di euro per un impianto. C'é chi ama viaggiare e spende migliaia di euro per volare in tutto il mondo. C'é chi ama le macchina e spende (decine di) migliaia di euro per una macchina. A me piace dedicarmi al cibo, sia dal punto di vista nutrizionale (ingredienti), sia dal punto di vista gastronomico (gusto), sia da quello pratico (cucinando). E se una cosa fa schifo e i colleghi la mangiano, c'é solo da aver pietá di loro perché probabilmente fa anche poco bene alla salute. Tu che hai problemi di digestione a queste cose dovresti stare attentissima anziché snobbarle. Come per l'inquinamento, anche introducendo schifezze col mangiare é piú facile che l'organismo sviluppi patologie e allergie. In ogni caso, il mangiare non é solo una questione di buttare giú una roba che ci dia energia (basterebbe le pillole che si raccontano in tutti i romanzi di fantascienza) ma é CULTURA. Cultura perché per esempio un formaggio artigianale e una sottiletta non sono la stessa cosa e hanno dietro una storia ben diversa. Una pietanza (o una ricetta) ha una storia che molte volte ha radici antichissime e piú volte é stata adattata nelle varie epoche. Il fatto che a te non interessi é una cosa possibile e che rispetto. Il fatto che tu rida sopra i miei commenti adducendo che c'é un sacco di gente superficiale che mangia male, lo trovo sbagliato. Prova a rifletterci.
    @NewYorkino: insomma, sí purtroppo le foto non rendono il gusto delle pietanze. Certo che anche la zuppa, io a casa ci metto un goccino di olio di zucca, un crostino, un pezzettino di formaggio. Insomma, basta poco per fare le cose bene. Poi il pollo davvero era un cartone. Bisognava proprio assaggiarlo ^_^ Il pesce era solo un pó secco ma comunque saporito e gradevole.
    No, nell'organizzazione non é possibile e neppure dare suggerimenti benché i tuoi mi sembrino ottimi.
    Infatti, le alternative per non andarci ci sarebbero ma speriamo che l'anno prossimo vada un pó meglio. Uno ci spera sempre....
    @AdP: in che senso? :-P
    @Sissi: Fai bene: le grotte valgono la pena, prenditi tutto il tempo che ci vuole per visitarle. Poi vai in un ristorantino della zona. ;-)
    @Damia/Elisa: ah sí? Non ho capito se c'é anche un museo di storia militare all'aperto. Lo strudel, nella sua versione piú completa é servito con la crema di vaniglia. Non sempre e non molto qui a Vienna anche se io lo trovo migliore con la crema calda di vaniglia piutosto che senza. Hai ragione che il menú é poco sloveno ma in realtá non é proprio un menú ma un orrore :-D eh eh eh. Niente lubianska (urka, ma ha lo stesso nome del palazzo del KGB a Mosca?) ne gibanica.

    RispondiElimina
  7. Per lo strudel: in Slovenia non è praticamente mai servito con la salsa alla vaniglia. A volte lo trovi o con la panna (raro) o con il gelato!

    Il museo all'aperto non saprei dirti, saranno un paio d'anni che non bazzico da quelle parti, ma se torni in slovenia, eventualmente mi informo!
    (e se ci torni, BLED è la meta da non perdere!)

    RispondiElimina
  8. Grissino io sto attentissima a quello che mangio ma per dire in una situazione del genere mi sarei mangiata al massimo lo strudel e via credo di non aver mai fatto un pasto di tutte quelle portate nella mia vita e quando vado in giro e la roba non mi aggrada semplicemente evito e poi ripiego con cracker ma cerco di godermi la compagnia e il posto al cibo proprio non bado nemmeno un po ' :) ( soprattutto in una situazione come la vostra che non era una gita gastronomica ma week end aziendale quindi non incentrato sul buon mangiare)

    RispondiElimina
  9. Forse non hai idea di quello che é un meeting di questo genere. Io ho cercato di parlare col mio collega (50 cm dalla mia scrivania di solito) per due giorni riuscendoci a malapena 15 minuti, insieme ad altri, durante il pranzo socialista. Parlo di piú durante una settimana di lavoro nelle pause. E con ció ho detto tutto.

    RispondiElimina
  10. Penso che in queste situazioni non si può pretendere più di tanto e prenderla così, però capperi.. che tristezza. Griss ti capisco, anche io ho uno standard elevato nel mangiare nel senso che preferisco mangiar meno e una volta al giorno ma cose buone genuine e ben presentate, senza privarmi di nulla, dolci e vini compresi. In ogni modo, non tutti sono così, c'è tanta gente (come la mia vicina) che pensa che il mangiare vada giù e non si veda, preferisce spendere in abbigliamento e parrucchiere e compera certe cose allucinanti pur di risparmiare. Ad esempio mi dice che compera tre etti di prosciutto a 2,50 euro e la carne (chissà che bestie) a 10 Euro al Kilo, quella in offerta, così come va al mercato tardissimo per prendere la roba tutta rigirata che costa meno eppure non è povera. Ogniuno ha delle priorità evidentemente e fa come meglio crede, io sinceramente continuo a pensare che siamo il risultato di ciò che mangiamo, che il cibo produce delle molecole sia buone che cattive e quindi sempre meglio quello sano e privilegio l'alimentazione piuttosto che il parrucchiere, l'abbigliamento od altre caz**** spesso inutili e passeggere che vanno solo a vantaggio dei commercianti. Anny.

    RispondiElimina
  11. ma non è che ti stai ingrassando?

    Hybis

    RispondiElimina
  12. mettere peso ( intendevo ):))

    Hybris

    RispondiElimina
  13. Beh, non certo per questo pranzo, al massimo per la colazione della mattina :-D Sí devo diminuire di peso...

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P