giovedì 14 gennaio 2010

Giacca e cravatta

Questo week end saró al meeting aziendale. Non so se sará granché divertente. Cercheró di prenderlo con filosofia e speriamo che abbiano organizzato le cose meglio dell'anno scorso. Quest'anno per fortuna saró in camera con il mio fidato collega burpone, persona come me assolutamente tranquilla e non portata agli eccessi. Non come il pirla dell'anno scorso che voleva vedere i film in camera alle 2 di notte o andare con la cameriera in discoteca per cercare di portarsela a letto (in quale non so, visto che c'ero io nella seconda parte del letto matrimoniale). Si torna a mezzanotte di domenica, ossia lunedí, e alle 6 suonerá la sveglia per un'altra settimana di lavoro. La cosa poteva essere divertente se avessero almeno dato il lunedí libero. Ma cosí ho solo l'impressione che mi stiano rubando il week end. Comunque sto invecchiando. Ogni anno che passa odio sempre di piú dovermi mettere camicia, giacca e cravatta, anzi farfallino... e questo week end mi toccherá ben due volte (pomeriggio per il meeting e alla sera per la cena di gala). Uniche eccezioni a questa mia crescente insofferenza sono la mia divisa da ufficiale dell'Armata Rossa con il petto pieno di medaglie e la mia divisa da chef pasticcere con tanto di cappello. Ma non credo di poterle mettere. Buon week end.

7 commenti:

  1. Il farfallino? Perchè? Dai a me prenderebbe malissimo ma cerca di prenderla bene e di goderti il buono senza pensare al lunedì ...

    RispondiElimina
  2. Ci sarà pure una cosa positiva in tutto questo...che so magari il viaggio!!!! su Gris non essere sempre negativo:-P
    l'uniforme e la divisa da cuoco che cosa c'entrano?
    comunque dovrebbero organizzare queste cose in orario di lavoro cosi peserebbero di meno,almeno io parlo per me che sono obbligata ad andare ai congressi e stare fuori anche tutto il giorno e sui miei riposi:-( e non sono neanche gratuiti !!!
    Però dove andiamo noi almeno si mangia bene quasi sempre :-))))
    buon week end amico di penna:-P
    e kat che farà?
    A.

    RispondiElimina
  3. M.da R.sapevo che se lavori la domenica ti viene pagata come straordinario io al posto tuo lo farei notare kissà magari...cmq nn mi sembra tu abbia bisogno di socializzare però la tua azienda pare nn la veda nello stesso modo...ummm... ma nn è ke st'impresa crucca sia un pò troppo invadente? vabbè ciao Griss

    RispondiElimina
  4. @Barbara: infatti, cercheró di godermi un pó il mangiare e il posto.
    @AdP: Le uniformi c'entrano perché hanno giacca e cravatta! :-D Quella da cuoco non ha la cravatta ma una bella giacca sí. La cosa positiva é che vedo un nuovo posto e dovrei mangiare bene ma questo appunto al prezzo di un week end saltato e un sacco di cose da sistemare prima e dopo. Come appunto Katiusha da mia sorella, la dog sitter, le valige, le pulizie della casa ecc. Se fosse stato in orario di lavoro la cosa sarebbe stata diversa.
    @MdaR: ah ah, no, l'anno scorso se eri entrato dopo le 8 in ufficio il venerdí non potevi nemmeno segnare il giorno intero di lavoro e dovevi recuperare le ore non fatte, pensa te... Ripeto, l'idea é carina ma preferirei la facessero in orario di lavoro o piuttosto dessero 300 euro di buoni regalo a Natale e niente meeting (come succede a mia sorella).

    RispondiElimina
  5. Ti capisco su tutta la linea, sarà che ho passato tante nottate, festività e w-e in ghingheri forzati a lavorare e gestire, tra le altre, anche cose del genere e a certi livelli non ci sono straordinari nè altro, fa parte della posizione. Comunque capita una volta all'anno, cerca di prenderne il lato migliore, il cibo, un posto nuovo da vedere, i colleghi simpatici, lo svago che pure ci vuole e fa bene ogni tanto. Ti capisco pure sulla divisa da chef... con il passare del tempo, almeno per me, le passioni e le aspirazioni sopite, inutile dirlo, invece di passare, aumentano e se ne sente sempre più la necessità e il bisogno di esprimerle, proprio perchè il mondo del lavoro, degli uffici, le aziende, diventa sempre più complicato e difficile da vivere. In ogni caso buona vacanza. Anny.

    RispondiElimina
  6. Grissino non so tu ma io l'anno scorso mi ero divertita tantissimo a leggere i tuoi racconti, compresa la passeggiata nel bosco.....e poi non eri rimasto affascinato da quei famosi calzari da giullare?!!

    Raccontaci presto tutto........sono impaziente!

    Un abbraccio


    Fabiana

    RispondiElimina
  7. Grande la divisa dell'armata rossa. Io ci farei un pensierino, magari per la cena. Come ti avevo detto molti mesi fa, tenderei invece a cestinare il farfallino, uno degli accessori che odio maggiormente. Andate di nuovo a Velden ?

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P