lunedì 14 dicembre 2009

Trenitalia

Io adoro viaggiare in treno ma mi sto accorgendo che in Italia anche il treno riesce a essere una cosa terribilmente piú complicata che all'estero. Oltre:
  • ai prezzi spaziali degli Eurostar (ieri ho fatto due conti e mi costa meno prendere l'aereo del treno sia per Milano-Roma che per Vienna-Milano)
  • ai ritardi cronici nei regionali
  • ai disagi che soffrono i pendolari con treni sporchi e sgangherati
  • ai rimborsi che vengono dati con tempi record (un rimborso per un Eurostar arrivato da Lamezia a Roma in ritardo ci ha messo qualcosa tipo 2 anni ad arrivarmi!)
leggetevi QUESTO articolo. In pratica, riassumendo, Trenitalia ha soppresso le corse diurne da Venezia a Vienna (comodissime per chi veniva da Milano per esempio...) e non ha voluto sentir ragioni, anche quando le ferrovie austriache si sono offerte di prendere in carico la tratta (che per loro era in attivo e, stranamente, per Trenitalia no...). Cosí ora le ferrovie austriache hanno fatto dei bus che dall'Italia vanno fino al confine e poi da lí si sale sul solito treno. Trovata intelligente per offrire un servizio alle persone di una parte d'Italia che, forse, ogni tanto, sarebbero piú contente di essere austriache anziche italiane visto come girano le cose... e qualcuno si stupisce che non sono ancora tornato in Italia. Per stressarmi giá solo a organizzare il viaggio? No grazie.

8 commenti:

  1. E' incredibile. Come si fa a decidere di sopprimere una tratta del genere verso una capitale europea di così tanto appeal in un momento dell'anno come questo, con le festività, il turismo invernale, la gente che si muove ecc., con la disponibilità dell'altro Stato a farsene carico in qualche modo... una ricaduta economica non indifferente per Trenitalia e non credo che i costi di gestione di una corsa possano decidere di far fallire un'azienda. E' inutile, alta velocità, treni di nuovo design, pubblicità, grandi annunci ecc. ma i problemi restano gli stessi di sempre, di cento anni fa, quelli di un carrozzone vecchio trito e ritrito, con gente vecchia mentalmente che non riesce a vedere oltre i propri confini. Anny.

    RispondiElimina
  2. concordo su tutta la linea... aggiungo solo 2 cose che però mi piacciono di più dei treni rispetto all'aereo.

    1. il treno è il mezzo meno inquinante per viaggiare e quando si prendono in considerazine i prezzi si dovrebbe tener conto anche di questo.

    2. nei tempi di percorrenza si deve contare anche quanto ci metti ad andare nei vari aereoporti (e lì i costi di navette e taxi aumentano).

    3. sui treni si fanno un sacco di incontri divertenti... o almeno a me che piace ciacolare con chiunque mi diverte.

    4. si ha il sedere per terra che per una fifona come me non è cosa da poco ;)

    RispondiElimina
  3. Devo spezzare, una volta tanto, una lancia a favolre del Paese Italia. Rispetto a qualche anno fa la situazione dei treni in Italia è migliorata. Da pendolare a vita (ora non più per fortuna), molte linee sono decisamente migliorate, rimane però il problema dei treni, un parco logoro e vecchio. Sono poi un sotenitore dell'alta velocità, la tratta milano roma è assolutamente concorrenziale all'aereo, e i prezzi rispetto a quelli medi europei sono più bassi anche se assisteremo a un progressivo allineamento versol'alto degli stessi. Nessuno dice poi che con l'alta velocità (che ha linee dedicate) si liberano le linee storiche, che possono essere utilizzate per il trasporto regionale e pendolare, con un miglioramento della regolarità dei treni. Tutto però sarà inutile se il governo non investirà sui treni (che è oggi il vero problema).

    RispondiElimina
  4. M.da R.peccato hanno tolto la terza classe visto l'impoverimento generale degli italiani la rimetterei cmq hai ragione sulle infrastrutture ci sarebbe molto da fare(nn si sà cn quali soldi)magari i montezemolo e i della valle(proprietari dei treni veloci)nn sono proprio i santi che ci meritiamo ma dal 2011 offrono loro un nuovo servizio aspettiamo magari conviene(ha ha ha)...povera italia io un'idea c'è l'ho:mettiamo RUINI alle finanze, Ratzinger premier, NAVARRO agli esteri gli permettiamo di continuare un doppio incarico e x le leggi in conflitto di interesse facciamo una leggina apposta che te ne pare?? vabbè vado a lavorare ciaooo

    RispondiElimina
  5. Grazie per aver spiegato la situazione, io verrò su a inizio gennaio e sono costretta a viaggiare di notte. Cosa mi hanno detto? Che su queste tratte ormai ci sono così tanti low cost che non ha senso tenere il treno...
    Sarà, io di low cost che vanno a Vienna partendo dal Veneto non ne ho ancora trovati, e i 30 € che pagavo per il viaggio diurno mi andavano benissimo... grrr

    RispondiElimina
  6. veramente hanno soppresso la tratta vienna - venezia diurna???non ho davvero parole...

    RispondiElimina
  7. Guarda hai perfettamente ragione a srare là in Austria. Potendo io sarei la prima a lasciare questo paese che non sento più casa mia..disservizi ovunque, ecc ecc..

    RispondiElimina
  8. @Anny: secondo me queste cose succedono perché ovviamente si "mangiava di piú" con un'altra tratta! Qui si doveva dividere con le ÖBB.
    @Federica: sul fatto che il treno sia meglio dell'aereo non ci piove. Peccato non in Italia e non sulle lunghissime distanze. Se fosse per me andrei negli States in treno!
    @Mario: a me non sembra, leggi cosa dicono i pendolari. C'é un mega servizio sul Corriere.it con tanto di foto mandate dagli utenti (una vergogna cosa si vede)
    @MdaR: chissá, vederemo!
    @Xalira: ma puoi prendere il pullmann delle ÖBB come detto! Parte da Venezia, anzi no da prima...
    @Sariti: controlla da te l'orario Trenitalia ^_^
    @Sissi: :-P

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P