martedì 1 dicembre 2009

ITunes: ci sono cascato anche io...


Ebbene sí, ho cominciato a dare anche io i soldi ad Apple. Non lo avrei mai voluto fare ma ITunes é una tentazione irresistibile visto che ci sono brani di musica un pó particolare (colonne sonore per esempio...) che non é mai facile trovare nei negozi e, alle volte, neppure scaricare. Cosí, ricordo di quando avevo la collezione completa in audiocassette, mi sono preso questa compilation di RONDO VENEZIANO che mi é sempre piaciuto moltissimo. 60 brani per 19,90 euro. Ci puó stare, no? Ha ragione la mia amica che verrá su settimana prossima a trovarmi che mi dice sempre: "spendili quei soldi" :-P Non dico di buttarli via ma ogni tanto qualcosa di questo tipo ci puó stare. E' una cosa che aiuta lo spirito (ossia toglie ansia ;-) ) e rimane nel tempo. Scommetto che qualcuno mi dirá "Ma potevi scaricarli da Torrent!". Penso di sí. Ma: primo non voglio correre nessun rischio visto che ascolto cosí poca musica e non so cosa preveda la legge autriaca in questi casi e poi non ho voglia di andarmi a installare programmi vari e sbattermi a cercare. Per chi non ha mai usato ITunes, ecco secondo me i pro e i contro:

PRO
  • vastissimo catalogo "clicca e compra" con anche brani davvero strani e introvabili in CD
  • comoditá di acquisto 24h su 24h
  • brani non protetti da vincoli
  • si possono comprare i singoli brani, cosa che alle volte puó essere molto utile per evitare di comprare anche cose che non ci piacciono
CONTRO
  • che cavolo di formato é l'm4a?! Non potevano metterlo in mp3? (comunque viene letto senza problemi sia da Foobar, che é il lettore che uso, che dal Media Player di Windows 7)
  • bisogna installare l'odioso QuickTime e il software ITunes
  • si puó solo pagare con carta di credito
  • i brani scaricati sono gestiti da ITunes e se non si é un pó smaliziati col PC é un pó un casino farne il backup, spostarli, ecc.
  • bisogna avere una connessione a banda larga (i 60 brani che ho comprato occupano circa 425 Mb.)
  • bisogna farsi il backup e stare attenti perché é un acquisto digitale (leggi: farsi una o piú copie di backup nel caso si rompa l'hard disk)

5 commenti:

  1. pro Apple tutta la vita, già lo sai ;-P

    RispondiElimina
  2. Il formato è qualititativamente molto migliore dell'mp3 in cui comunque puoi sempre trasformare i tuoi brani o usando qualche software ( ne è pieno il web ) oppure masterizzando su un cd i brani e scendendo come output l'mp3.

    Per spostare e backuppare mai avuto alcun problema ? Sarà che io ho MAC ? :PP

    RispondiElimina
  3. @Tokyonome: no, no io no!!
    @Barbara: sí, sí, lo sapevo, ma intendevo dire che non é un formato "classico". Quanto al backup/restore, io so dove ITunes mette le sue cose ma la cartella MyMusic Itunes Media blah blah blah non é proprio di facile ritrovamento per l'utente comune, di questo ne converrai. Io invece orgogliosamente non ho mai avuto un mio Mac (solo usato sul lavoro) e riesco a trovarli lo stesso... sará che un utente abituato a Windows sa fare quasi tutto (almeno le cose base) su mac ma non viceversa :-P

    RispondiElimina
  4. Io non ci capisco niente di sigle e di Mac, so solo che le musiche del Rondò Veneziano sono molto belle e che hai fatto bene a prenderle, musiche magiche come, a parte i prezzi, Venezia che conosco molto bene e in cui ho lavorato tanto. Anny

    RispondiElimina
  5. Grissino guarda anche mia madre completamente negata sa trovare le cose basta usare CERCA non è che ci voglia un genio del pc !!!!

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P