mercoledì 30 settembre 2009

Non sono sparito

Non sono sparito. Sono solo stato in giro a visitare una casa (bocciata) e a cercare di dormire a sufficienza... perché alla sera son stanchissimo. Sará l'ansia che si é rifatta viva in questi giorni? Il problema, lo vedo, é sia la casa che le tante (troppe) cose da fare e la responsabilitá che sento sul lavoro. Responsabilitá di lavorare bene, eh, mica ho chissá che responsabilitá. E i miei colleghi son sempre gentili ma io mi ansio lo stesso e questo mi fa pure innervosire. Giá perché non ci sono grossi motivi di ansiarmi. E il mio collega mi dice "prendi le cose piú semplicemente". E ha ragione. Ma per ora non ci riesco. E la mia lotta con l'ansia continua. Ah, per lo psicologo/psichiatra-omeopata: prenotazione della visita dal 5/10 e tempi di attesa di 1-2 mesi. Ma ha risposto alla mia e-mail il giorno seguente, anche essendo in vacanza. Consolante... ;-)

P.S.: Per la casa, continuano i dubbi. Non é semplice trovare un paese dove le case costino accettabilmente, sia vicino a Vienna (inteso come tempi di arrivo coi mezzi pubblici) e a dove lavoro e che la casa sia OK. :-/ Per certe cose le idee si schiariscono, per altre si annebbiano. E questo non aiuta ne la ricerca ne l'ansia.
P.S.2: é iniziata la stagione delle zucche, ho cambiato decorazione alla porta d'ingresso!

sabato 26 settembre 2009

11

Urka, stamattina 11°C !

venerdì 25 settembre 2009

Svendita biblioteca

Mi ero dimenticato di dirvi che due week end fa sono andato alla biblioteca centrale qui a Vienna perché era previsto un mercatino coi libri che avevano deciso di eliminare. Pensavo ci fosse poca gente e i libri a un certo prezzo, seppur scontato. Invece no, una valanga di gente con zaini, carrelli sacconi a prendere chili e chili di libri. Io sono arrivato un pó tardi per vari motivi e ho trovato solo gli ultimi libri di cucina e un libro per bambini che ho preso per fare esercizio di tedesco. Quanto ho speso? 3,5 euro per 4 libri! Ora avrete capito il perché di questa folla e dei sacchi e dei carrelli!!

giovedì 24 settembre 2009

Il nuovo collega italiano si presenta

Il nuovo collega italiano (molto giovane sui 27-28 o giú di lí), si é presentato cosí:

Io: che lingue parli?
Lui: italiano, inglese, calabrese...
(sigh)

-Lui: per quale squadra di calcio tifi?
(sigh2)
-Io: mah, nessuna, non seguo nulla: mi piace al massimo giocare a calcio con gli amici

Si é parzialmente riabilitato dicendo che porterá la Parmigiana da far assaggiare a tutti in ufficio. Vedremo!! Nel frattempo viene con certe magliette improponibili ^_^ e ho scoperto che fuma. Tanto di cappello per essere venuto alla sua etá qui, per questo lo ammiro molto, ma per il resto credo sia troppo differente da me. Mi sa che non abbiamo molto in comune. L'ho aiutato spiegandogli un pó di cose, vedremo se riuscirá a fare amicizia coi colleghi infatti siamo nello stesso open space ma non nello stesso gruppo di lavoro e vedo che non mi cerca.

martedì 22 settembre 2009

Incubo notturno con zecche

L'incubo di ieri notte é stato il seguente:

Ero nel bosco coi miei genitori e vedo mio papá che coglie funghi e son lí tutti belli felici. Io li guardo e dico "ma attenzione, ci son le zecche!". Poi mi chino a prendere un legnetto e una zecca mi si attacca alla mano. Decido di toglierla ma dopo aver fatto tutte le procedure per toglierla, mi accorgo che son diventate tre... dopodiché mi son svegliato col respiro corto.

Sto impazzendo per avere gli appuntamenti per vedere delle case fuori Vienna. Ma possibile che un'agenzia risponda alla e-mail di mia mamma dicendo di dar loro il mio telefono che vogliono mettersi d'accordo con me?! Che poi oggi non si son fatti sentire!!

lunedì 21 settembre 2009

Aggiornamento casa Baden

Vi aggiorno sulla casa. Giovedí sono stato per la seconda volta a visitare la casa a Baden che mi interessava. Il mio collega burpone si é gentilmente offerto di accompagnarmi (in auto) e valutare la casa. Cosí alle 16 siam partiti e siamo andati. I punti critici, per me che avevo giá visto la casa, erano la cantina e il tetto. Il tetto dopo approfindito sopralluogo (ODIO andare nei sottotetti con quelle scalette terrificanti che scendono giú dal soffitto!) é stato promosso. La cantina invece per l'80% é perfetta ma ha l'ultima stanza che é davvero problematica in quanto ha dei muri molto bagnati e rovinati. Quindi il mio collega ha detto di stare molto attento e di far fare un sopralluogo a chi di queste cose se ne intende. Vedremo. Infatti parlando con la tizia dell'immobiliare e col titolare, mi sono molto irritato. Loro dicono che il problema della cantina é causato da una grondaia e da un pavimento che porta alla cantina con gli scarichi costruiti male. Puó essere, ma sembra un pó troppo umida per quanto ha piovuto e se la riparazione era cosí semplice come diceva, perché non é stata giá fatta? Oltre a ció, ho chiesto loro della certificazione energetica della casa (Energieausweis). E' obbligatoria dall'inizio dell'anno se si vuole vendere una casa e certifica in un certo senso con quali materiali é costruita la casa e come. Costa fra i 300 e i 500 euro. Ebbene, mi fanno "ah, no non serve". E io "ma non é obbligatoria?". Lui e lei "ah, no, se nessuno dei due la vuole, non si deve fare". Falso. Perché mi vuoi prendere per scemo? Solo perché parlo tedesco da cani? Che poi il mio collega é di qui e infatti anche a lui non é piaciuto il discorso fatto. A parte che lui si era giá beccato prima anche con la tizia dell'immobiliare. O c'é sotto qualcosa o semplicemente la casa é vecchia, poco coibentata e non farebbe bella figura. Boh! Inoltre é saltata fuori una macchia di umiditá grossa in cucina (dicono che era la lavapiatti ma mi sembra strano, fino a 40 cm di altezza?). In conclusione, nel week end, piú ci pensavo, e piú mi incavolavo. E siccome la casa non ha assolutamente un prezzo da offerta e ce l'hanno presentata come in super buono stato, ho detto: beh, guardiamoci intorno se si trova qualcosa nei paesini subito attaccati a Baden. Pazienza se devo fare 2 Km di strada di paese per andare alla stazione ma se questo vuol dire avere allo stesso prezzo anziché una striscia di terreno, 400 mq di giardino e magari una casa migliore, perché no? Cosí mi sa che questa settimana dopo il lavoro andró a vedere qualche altra casetta. Ergo, tempo pochissimo. Ma vi terró lo stesso aggiornati! :-P

P.S.: Questa é la macchia che vi dicevo della cucina. Ora, secondo me sará stato un mix di lavapiatti e di lavello della cucina che non era siliconato bene sul retro per cui l'acqua cadeva giú. OK, va bene, ma non dire che era solo la lavapiatti prché la lavapitti mica ha i zampilli fino a quell'altezza! E poi di quelle scatolette aperte coi fili che penzolano malamente ne ho viste diverse e son tutte cose da mettere a posto, ossia spese extra!! (che poi non capisco perché son scoperte... ti sei ciulato le prese? Cos'erano? Di oro massiccio?!)

mercoledì 16 settembre 2009

Lo stress delle sale d'attesa

Oggi son stato dalla mia dottoressa per farmi fare la ricetta per lo psicologo/psichiatra con cui voglio fare due chiacchiere. Ne avrei scelto uno che parla anche italiano/francese/inglese e che é anche omeopata. Vediamo, non ho al momento super urgenza visto che l'ansia sta migliorando nettamente ma vorrei farci due chiacchiere per sapere cosa mi consiglia nei momenti di maggior stress. Certo che oggi nella sala d'aspetto della dottoressa é arrivata una che ha cominciato a tossire con una tosse cavernosa e a starnutire e soffiarsi il naso!! Davvero messa male a polmoni e davvero preoccupante, tanto che dopo un pó me ne sono andato via dalla sala d'aspetto e sono rimasto in corridoio. Cavolo, speriamo che non mi abbia attaccato nulla! (OK, ci sará qualcuno/a qui che mi dará dell'ipocondriaco ma i polmoni e la salute sono miei e ci tengo!!). Le sale d'attesa dei medici generici son quanto di piú odioso ci sia: anche a Milano ero sempre lí a chiedermi se per una ricetta mi toccava beccarmi un raffreddore in omaggio o peggio. Domani intanto faccio un salto a vedere per la seconda volta la casa che ci interessa (ci = a me e ai miei). Dovrebbe anche piovere cosí vediamo come si comporta il tetto. Mi accompagnerá il mio collega, che si é gentilmente offerto. Ieri mio papá ha fatto vedere le foto fatte il mese scorso a un suo amico architetto che ha detto che, in linea di massima, sembra ok. Passi ulteriori: il mese prossimo quando vengono su i miei provare anche tutte le cose (riscaldamento, acqua, ecc.) e discutere delle cose che non vanno/mancano e accordarsi in linea di massima. Poi far fare a un notaio dei controlli sulla casa e infine, se tutto é a posto, firmare il compromesso. E dopodiché, nel giro di qualche mese, comprare la casa. Mamma mia che lunga procedura.

martedì 15 settembre 2009

Smetti di fumare e basta

Qui c'é un sacco di gente che fuma. Davvero, piú che in Italia, e nei locali é ancora possibile farlo. E' una delle poche cose che qui non mi piacciono (l'altra grossa cosa ve la ricordate? Le zecche!). Ad ogni modo oggi in ufficio é arrivata una lettera di presentazione di un seminario di un (sembra) famoso dottore che riesce a farvi smettere di fumare in 10 ore. A parte che sono un pó scettico, la cosa che mi ha stupito é che il costo (circa 160 euro) é pagato per metá dall'ufficio. Ora, porcaccia la m...., ma io non fumatore (intendo in generale, non io Grissino), faccio meno malattie, mi ammalo meno facilmente e tu AIUTI CHI VUOL SMETTERE DI FUMARE?! Io direi che sarebbe il caso invece di INCENTIVARE chi non fuma in modo che i fumatori smettano per avere anche loro l'incentivo. Esempio: a chi non fuma 3 giorni di ferie in piú all'anno. Oppure, che so, due mensili dei trasporti pubblici gratis. O sbaglio?

Poco tempo

Questa settimana ho poco tempo: ieri e oggi staró in ufficio fino alle 17.30 (ieri dalle 7.30 e poi avevo pure fatto un salto al supermercato) e domani vado dalla dottoressa. Giovedí rivado a vedere la casa col mio collega  burpone che si é offerto e venerdí... é giá venerdí!!! Mi sa che questa settimana non riusciró a postare granché. D'altra parte la giornata é di 24 ore... ansia meglio. Ho notato che non devo assolutamente sforzarmi a fare quello che non voglio. Leggasi invitare qualcuno solo per cortesia e cose simili. Non per nulla tutto era saltato fuori quel sabato che mi ero imposto, pur avendo voglia zero, di andare in un posto che sapevo giá non mi sarebbe piaciuto per incontrare le persone dello scambio tedesco-italiano. In ufficio ho un nuovo collega italiano. Era meglio un altro austriaco o almeno un francese cosí mi divertivo a parlare francese.

giovedì 10 settembre 2009

Aggiornamentino-one

Saró telegrafico.
  1. La mia ansia é parecchio migliorata. Sará che mi son riappropriato del mio appartamento, che ho parlato della nuova casa (vedi sotto) coi miei colleghi (uno dovrebbe fare un nuovo sopralluogo con me) e comprato due mascherine per l'influenza? (sí, sí, speriamo che non servano mai, ma é che forse ho letto troppi romanzi di fantascienza apocalittica).
  2. Coi miei genitori la settimana scorsa abbiamo visitato una casa, quella di cui vi avevo parlato con la cosa grande che non va ma che si puó mettere a posto (costo circa 10.000 euro sigh), e ci stiamo seriamente pensando su. Chiaro che bisogna fare due conti, un pó di controlli, ecc. Dico solo che il giorno della visita della casa é stato il peggiore per l'ansia e appena ne parlo mi agito... ah la Grissi-casa che stress finché non sará davvero mia!
  3. Stasera sono andato all'inaugurazione del nuovo negozio XOCHOLAT qui a Vienna. Credo che effettivamente sia uno dei piú grandi assortimenti di cioccolato in tavolette e praline fresche che esista. Fateci un salto se passate da qui, vi lascio una foto del reparto tavolette cosí avete un'idea di cosa stó parlando. E stasera una parte delle praline erano offerte gratis... BURP, ne ho mangiate una per tipo (magari per qualcuna ho pure bissato!) quindi diciamo che ho mangiato minimo una decina di deliziose praline... BURP BURP!
  4. Oggi in ufficio é arrivata una mail del nostro manager che annunciava che un mio collega che ieri era in ufficio é stato licenziato. Insomma, licenziato in tronco. Cosa sará mai successo?! Non era del mio gruppo, mi stava un pó sulle scatole perché faceva la mia stessa strada ma non aveva mai la minima voglia di intavolare una discussione, insomma, umanamente non una gran perdita ma queste son cose che mi scioccano!
  5. Mi sto accorgendo che piano piano cominciano i malanni stagionali... sempre piú gente tossisce (grrrr) e immagino bene il perché dato che vedo ragazze che alla mattina salgono in metró con le flip flap, senza calze, in magliettina quando fuori ci son 14°C!! E stasera all'inaugurazione del negozio mi ha dato fastidio l'affollamento disumano. Non fastidio ansioso ma fastidio a pensare che bastava che uno starnutisse per regalare a tutti un bel raffreddore o peggio... luoghi affolati ok, ma d'estate grazie ^_^ E alla mattina ricomincia la metró piena di gente sigh sob... magari provo a prendere quella intorno alle 6.50 anziché quella intorno alle 7.10. Arriverei 20 minuti prima in ufficio e cosí si lavora meglio e si esce prima cioé quasi sempre alle 16...
  6. Siamo a metá settembre... mi piacerebbe comprare il nuovo PC a fine ottobre quando questo avrá quasi 5 anni. E quando l'avevo comprato avevo giá qui il Blog! Come passa il tempo!!

    mercoledì 9 settembre 2009

    Gasometer

    Ieri sono stato per la prima volta al Gasometer visto che dovevo fare degli acquisti in un posto lí di fianco. Ho approfittato per farne due foto col telefonino che condivido con voi. Le cupole che vedete una volta erano il deposito del gas per la cittá di Vienna. Invece di demolirle all'arrivo del metano, le hanno sfruttate per un grandissimo e modernissimo progetto architettonico (descrizione estesa e foto qui e qui ) e ora sono delle abitazioni. Davvero notevole e come altri progetti (come l'inceneritore Hundertwasser di cui vi avevo giá parlato) é stato preso ad esempio in tutto il mondo come grande opera architettonica. Dentro al primo deposito subito all'usciota della stazione c'é anche un piccolo ma ben fornito centro commerciale con un bellissimo e fornito SPAR Gourmet, un Libro e altri negozi. Se ci passate, fermatevi e dategli un'occhiata, ne vale la pena! Fermate U3 Gasometer. Le foto, al solito, cliccate per ingrandirle e vederle meglio.

     
     

    lunedì 7 settembre 2009

    Ikea si o no?

    Mi ricordo che sul Blog di Trashfood c'é stato tanto tempo fa un vivace dibattito con gente che era pro e contro Ikea. E io ero quasi stato preso a insulti per aver detto che "é divertente e piacevole" andare all'Ikea. E perché no? C'é tanta scelta, nessuno ti vuol vendere nulla (intendo i commessi), é tutto molto colorato, puoi toccacciare per bene tutto quello che c'é in esposizione e i prezzi sono piú che accettabili anche se dipende molto da articolo ad articolo ovviamente. Per farla breve, venerdí son stato all'Ikea che c'é al SCS. Oltre a delle forchettine prese per far paio con dei piccoli coltelli da portare in ufficio per la pausa pranzo, a due taglieri di plastichetta che vanno cambiati spesso per motivi d'igiene, ho comprato quello che avevo visto l'ultima volta e che tanto desideravo: una alzata per le torte! E' di vetro, con pure qualche piccolissima bolla dentro ma é scenografica, ha dei bei decori sulla parte inferiore del piatto e soprattutto é costata meno di 13 euro cosa molto importante contando che secondo me queste cupole qui sono di una fragilitá incredibile e basta toccare dentro da qualche parte per romperle.
    Ho inoltre guardato un attimo i mobili della cucina e le poltrone, immaginando di metterle nella casa per cui sto aspettando una risposta. La cosa mi ha davvero preso e rilassato e in quel momento la mia ansia é volata via. Il problema non é avere la casa pronta o entrarci, é averla comprata per poterci fantasticare sopra... l'arredamento (che poi é praticamente giá tutto quello che ho ma va deciso come e dove metterlo), il giardino, le decorazioni... insomma un sacco di cose bellissime! Ma finché non si sa nulla, le piantine con le stanze rimangono nel cassetto :-( Per finire mi son concesso un altro vizio a cui miravo da tempo ossia un bel Bretzel speciale... una vera porcheria alimentarmente parlando perché era un bretzel di pasta di Krapfen (quindi fritto) e ricoperto da cioccolato bianco (che non era male ma secondo me non era esattamente cioccolato bianco). Insomma, due sfizi tolti. Una mattinata un attimo rilassante anche se all'inizio ho fatto un pó fatica.

    sabato 5 settembre 2009

    14 gradi e Gli orrori di Omega

    Brrr! Qui basta un giorno di pioggia e il vento freddo dalle montagne che la temperatura crolla. Stamattina c'erano 14°C alle 7.30 mentre in casa avevo ancora i 26°C residui dei caldi giorni precedenti. Il mio appartamento ha i muri spessi e quindi ha un'inerzia incredibile. Comunque stasera siamo a 23°C (e 15,5° fuori). Qui a Vienna bisogna stare attentissimi ai cambiamenti di tempo e temperatura che son repentini. Basta un temporale e un pó di vento gelido dalle montagne che la temperatura scende di 5-10°C in pochissimo tempo e uno da accaldato passa a gelare e si rischia di prendere un'infreddatura. In pratica, se son previsti temporali, portatevi sempre un golf o un giacchino dietro. Che poi il vero problema é il vento che fa sentire ancora piú basse le temperature reali. D'altra parte il vento pulisce anche l'aria dall'inquinamento quindi in fondo é anche un bene. Mi ricorda comunque quello che succedeva nel romanzo "Gli orrori di Omega" dove il protagonista sfuggiva alla morte per pochissimo dato che la temperatura del pianeta nel giro di poche ore passava da qualcosa tipo 30°C a -10 o -20°C! Se vi capita, leggetelo, e un romanzo spettacolare e appassionante.

    giovedì 3 settembre 2009

    Amethyst Welt (Il mondo dell'ametista)

    Oggi sono andato coi miei ad Amethyst Welt un posto a circa 70 Km da Vienna dove c'é una grossa vena di Ametista. E' un qualcosa di originale anche se, francamente, mi aspettavo di piú. Sará la novitá, sará il fatto che si doveva viaggiare parecchio o il caldo ma non é che sia stato molto bene con la mia ansia. Purtroppo quando ci sono cose "fuori dal normale" mi viene fuori. Ad ogni modo ho cercato di distrarmi facendo qualche foto. Il giro inizia ogni ora (10, 11, 12, ecc.) e si comincia con una presentazione multimediale in tedesco. Poi si prosegue vedendo parte della vena e delle teche con Ametiste da tutto il mondo. La guida spiega un pó come funziona il processo di "generazione" dell'Ametista nel corso del tempo. Belle soprattutto le teche con le collezioni di minerali con dentro Ametista da un pó tutto il mondo. Infine giretto in un parchetto con tanto di postazioni energetiche (per chi ci crede, le pietre portano energie positive). Francamente nella stazione di ricarica energetica mi son sí rilassato ma penso perché era tranquilla e per il delicato rumore dell'acqua della fontanella che scorreva... Infine (extra, a pagamento) é possibile andare a cercare Ametiste in una valletta a fianco del posto. Martello e secchiello compresi nel prezzo. Io non sono andato, sia per il caldo, sia perché in fondo di avere un grosso pezzo di Ametista grezza non mi interessava. Per 1 euro ne ho preso un pezzettino piccolissimo da attaccare al cellulare o al portachiavi come ricordo nel negozietto del posto. Poi pranzo spettacolare al Landgasthof Buchinger. Da segnalare l'anatra cotta a bassa temperatura per 11 ore... la carne aveva assunto la consistenza di burro, la pelle croccante, qualcosa di davvero mai mangiato. Sebbene l'ansia mi avesse chiuso un pochino lo stomaco, sono riuscito ad approfittare. Ottimi anche il mio sminuzzato con finferli e Servietten Knödel (Knödel di pane). Prezzo per il mio piatto e un Mohr in Hemd: 13 euro. Meno che una pizza quando ero a Milano.
    Da destra a sinistra, dall'alto in basso (cliccare per vedere ingrandite le foto): vista dall'alto di un pezzo della vena, un minerale con Ametista, la vena e le teche con i vari minerali, Una sfera con Ametiste dal Brasile, una delle teche, schema della vena
    Da destra a sinistra, dall'alto in basso (cliccare per vedere ingrandite le foto):  il parco con alcuni minerali in esposizione, un grosso pezzo con ametista, la "stazione di ricarica energetica" (con tanto di fontanelle e zanzare), lo sminuzzato con finferli e la mia dalmata sopra la stazione energetica con ametista (pietruzze viola nel disco)
    Questa invece la valletta con i cercatori di Ametista:
    P.S.: Lo ripeto casomai qualcuno se lo chiedesse: se vi rompo ogni giorno con i particolari della mia ansia  non é perché voglio far la vittima ma é perché questo per me é un diario in cui tengo tutte le cose belle e meno belle che mi succedono. ;-) Comunque sí, chiederó alla mia dottoressa la ricetta per fare due chiacchiere con uno psicologo. Devo cercarne uno che parli almeno inglese e che sia "Alle Kassen".

    mercoledì 2 settembre 2009

    Update casa

    Dunque, vi ho parlato della casa. Ci sarebbe da fare un intervento un pó costoso per eliminare una cosa che non é necessaria (per privacy non posso dirvi di piú), altrimenti la casa é davvero difficile da usare. Cosí oggi mia mamma ha chiamato la tizia dell'agenzia per dirle che ci dispiaceva ma la risposta era no a causa di quella cosa e la tizia ha detto "ma se é solo per quel motivo, provo a parlarne col padrone". E cosí siamo in sospeso. La mia ansia, dopo il picco di lunedí per la casa, direi che é ritornata abbastanza normale. Laura nei commenti di ieri mi consigliava di andare da un medico e io infatti ci sto pensando. Il problema é che io non vorrei prendere medicamenti veri (attualmente sto prendendo della valeriana) perché spero che le cause che la generino passino nel breve medio periodo. Se ho il colpo di fortuna di comprare quella casa, poi da quel lato di stress non ne ho piú perché il metterla a posto non me ne genera e poi di grossi lavori non ce ne sarebbero. Per la faccenda lavoro, a fine gennaio sono coperto contro la disoccupazione. Anche questa preoccupazione dovrebbe andarsene via. Rimane l'influenza (standard+suina) per le quali spero di fare il vaccino e poi sto cercando di fare vita piú sana. Come detto, mi aiuta molto anche muovermi e distrarmi e soprattutto non sforzarmi a fare le cose come le vogliono gli altri ma come voglio io. Infatti sono una persona che cerca sempre prima di tutto di accontentare gli altri quando invece un pó di sano egoismo ogni tanto fa bene alla salute. Anzi, all'ansia! ^_^ In conclusione, vediamo come va tra qualche mesetto. Vi lascio con un bellissimo murales "ufficiale" che si trova nel corridoio d'ingresso posteriore della stazione di Baden. E' perfetto per la mia ansia dato che dice "Su molte cose é meglio ridere che piangere" ^_^

    martedì 1 settembre 2009

    Casa bicicletta ansia

    Ieri sono andato a vedere una casetta a Baden una piccola cittá a circa 30 Km da Vienna. La casa in sé é carina ma ha qualche problema (che si puó risolvere spendendo qualche soldo) ma soprattutto poco giardino e questo non si puó risolvere facilmente a meno di scegliere un'altra casa. Fino a sabato scorso ero riuscito a trovare un mio equilibrio con la mia ansia e andavo benino; questa nuova odissea-casa mi ha invece ritirato fuori tutto e ieri stavo malissimo e pure oggi son cosí cosí. Per fortuna sono in ferie cosí me ne vado a correre, cosa che diminuisce nettamente la mia ansia. Se volete sapere cosa si prova, posso dirvi che assomiglia moltissimo a quando uno "se la fa sotto" prima di un esame, una prova, un colloquio... solo molto piú forte e soprattutto dura molto di piú e, purtroppo, é qualcosa che uno non riesce piú di tanto a controllare perché queste cose sono essenzialmente "interne" e derivano da cause che stressano la persona. Mi son dilungato sul fatto anche perché questo é un pó il mio diario personale. Tuttavia, non avete letto fin qui invano... :-P Vi lascio una chicca scovata a Baden. Nei pressi della stazione, nella zona riservata al parcheggio delle biciclette, ho trovato questa bellissima cabina contente non un telefono ma gli attrezzi di emergenza per riparare la bicicletta, con tanto di pompa per rigonfiare le gomme. Figo, eh?