domenica 23 agosto 2009

Vizio alle castagne

OK, non é periodo di castagne ma avevo due pacchi di castagne sottovuoto da finire (con quel che erano costate!!). Io vado pazzo per le castagne e purtroppo qui non ce ne sono. Di solito vengono dall'Italia oppure mi é capitato anche dalla Cina (sigh... ovviamente non le ho prese). Quest'anno voglio ordinare un pó di puré di castagne dalla Francia, dal sito della ditta Clement Faugier che produce un sacco di prodotti a base di castagne. C'é quella senza zucchero, quella con lo zucchero, quella con i pezzetti di marron glacé e via dicendo. I prezzi son molto concorrenziali salvo le spese postali. Devo trovare un pó di persone che facciano l'ordine insieme a me. Nel frattempo, vi dicevo, ho fatto un mitico dolce semplice e favoloso: la mattonella di castagne.
Ingredienti:
  • 500g di castagne giá bollite e sbucciate
  • 1 dl di latte
  • 50 g di burro
  • 1 cucchiaio di zucchero vanigliato
  • 30 g di cacao amaro (meglio l'amarissimo Van Houten)
  • 3 cucchiai di nocciole grattugiate
  • 3 cucchiai di Kirsch (grappa svizzera di ciliege) - fondamentale per l'aroma finale: l'alcool evapora e il gusto ammorbidisce la castagna. Se non si ha il Kirsch usare della grappa. Assolutamente vietati i liquori dolci che rovinano tutto.
Preparazione:
Fare una puré con le castagne, il latte e lo zucchero. Far intiepidire quindi aggiungere cacao, burro, nocciole e Kirsch. Mescolare benissimo, mettere in uno stampo rettangolare e far riposare per almeno 2-3 ore in frigo. In questo modo l'alcool evapora e tutti gli aromi si mischiano in modo omogeneo e sublime.
Degustazione:
Tagliare a fette spesse circa un centimetro e quindi in quadretti di 1,5x1,5 cm e gustare masticando molto lentamente. Eventualmente spolverare ancora di cacao amaro. Non é un bel dolce, lo so, ma di sicuro é un BUON dolce. ;-) Eventualmente se si hanno ospiti si puó disporlo in una tortiera o fare delle palline da rotolare nel cacao.

16 commenti:

  1. Non amo le castagne veramente però tu sei bravissimo a cucinarne di ogni !

    RispondiElimina
  2. non sembra molto appetitoso, ma di sicuro sarà buonissimo!

    RispondiElimina
  3. anch'io adoro i dolci alle castagne, poi ci sono pure le nocciole...slurp!

    RispondiElimina
  4. @Barbara: troppo gentile :-) Bisogna variare ;-)
    @Valentina: sí é bruttissimo da vedere. Anche perché di fatto non é altro che puré di castagne. Si potrebbe presentarlo con una meringa sotto e spremuto a vermicelli sopra. Diciamo che questa é la mattonella grezza, poi se uno vuol fare un dessert decente da presentare, deve inventarsi qualcosa.
    @Kekkasino: eh eh, peccato che siamo cosí lontani se no te ne davo una fettona! ;-)

    RispondiElimina
  5. Eh, lo so che ti piacciono tanto le castagne, che strano che li non si trovino con tutti quei boschi. Quei prodotti sono ottimi, ti auguro di poter riuscire ad organizzare un acquisto insieme ad altri. In autunno bisognerebbe mandarti un bel sacchettone di marroni grandi grandi così hai la scorta... Complimenti per la tua mattonella dolce, eh si, magari con qualche ideuzza per la presentazione farebbe davvero un figurone. Ciao! Anny

    RispondiElimina
  6. Cucù settete!!
    Indovina chi è tornata??
    Ma lo sai che Pur non essendo una patita delle castagne solo per come ne parlii fai venir voglia di assaggiare il dolce?!?
    ti mando un bacione mandorlato
    la volpe

    RispondiElimina
  7. Wow, questo dolce deve essere buonissimo. Mi scrivo la ricetta, così magari lo provo. Comunque vedo che hai seguito il mio consiglio, mangiare qualcosa di cioccolatoso e ipercalorico tira su!:-)

    RispondiElimina
  8. M. da R. io nn sò xkè ma il cibo lo lego al clima e all'ambiente le castagne le poso mangiare d'inverno e possibilmente in giornate fredde cmq bonaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  9. ciaooo!!che buone le castagne!! ne avevo anch'io un bel sacchetto in freezer, già cotte e sbucciate da quest'autunno, e ho fatto ieri un bel tronchetto bicolore (naturale e cioccolato) buono buono...F.

    RispondiElimina
  10. MdaR: invece per me la regola é: se é buono, si deve poter mangiare sempre! :-D
    @F.: gnam gnam!!! :-)

    RispondiElimina
  11. ciao Grissino sono Marzia dev'essere veramente buona la tua torta anche se.... esteticamente lascia un pò a desiderare...però mi consolo perchè anche le mie sono brutte fuori ma buone dentro. Ciao a presto peccato che tu non sia su facebook.

    RispondiElimina
  12. Lascia mooolto a desiderare :-P Ma in fondo é una mattinella... ;-)

    RispondiElimina
  13. Ciao, è passato un bel pò di tempo ma la tua ricetta incuriosisce ancora... Oggi la provo.. Solo una dritta: 500 gr di castagne peso da crude o da lesse? Inoltre pensi si possa usare il rhum? Grazie :-)

    RispondiElimina
  14. 500 di castagne lesse (giá sbucciate, pronte per essere mangiate). Certo il Rhum pure va benissimo, anche se la grappa é meglio perché é piú secca. Peró niente liquori dolci altrimenti é meglio non mettere nulla.

    RispondiElimina
  15. Grazie, comunque poi ieri l'ho fatto non so con quant e castagne e con la grappa: buonissimo, davvero, e oggi ancora meglio! L'ho servito ben freddo, a fette ricoperte di panna montata. OTTIMO, bravo Grissino!!

    RispondiElimina
  16. Sí non é un dolce che richiede precisione. Son contento che ti sia piaciuto :) Se sta lí qualche giorno migliora notevolmente perché il sapore della grappa si mescola meglio con le castagne, vedrai fra 2-3 giorni se non é giá finito prima.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P