lunedì 22 giugno 2009

La migliore Wiener Schnitzel? Ristorante Pfarrwirt!

Oggi vi presento un ristorante davvero speciale. E' un ristorante storico, di qualitá, non turistico ma frequentato da viennesi che amano la buona cucina. Vi dico subito che non é economico ma nemmeno esageratamente costoso. Soprattutto, é un locale che non vi scorderete facilmente. Il ristorante Pfarrwirt, posizionato a Grinzing, a due passi dalle vigne fra cui potete fare una bella passeggiata in modo da farvi venire il giusto appetito, ha sia tavoli all'aperto in un tranquillo giardino che la sala interna per l'autunno e l'inverno. Al sabato, oltre alle pietanze "à la carte" hanno un menú speciale da cui é possibile scegliere 8 assaggi al prezzo di 32 euro (ogni assaggio ulteriore viene poco di piú... 3,50 se non ricordo male). Ma uno dei piatti della tradizione che davvero vale la pena di mangiare é la Wiener Schnitzel. Se l'avete giá mangiata, preparatevi a un'esperienza molto diversa e unica. Qui é mangiate la vera originale caratteristica e inimitabile. Quale differenze ci sono fra una Wiener Schnitzel qualsiasi e quella del ristorante Pfarrwirt?

Carne
Normale: generalmente di maiale
Pfarrwirt: di vitello (piú delicata)
Panatura
Normale: briciole, polvere di pane
Pfarrwirt: briciole (piú fragrante e croccante)
Cottura
Normale: in friggitrice (aspetto piatto)
Pfarrwirt: in padella (aspetto a bolle)
Grasso usato per friggere
Normale: oli vegetali
Pfarrwirt: burro
Prezzo:
Normale: circa 3-10 euro
Pfarrwirt: circa 18 euro (circa 14 la versione piú piccola)

Il risultato di tante attenzioni é una Wiener Schnitzel croccantissima fuori e morbidissima dentro, con superficie tutta a bolle, di sapore incredibile e assoluta assenza di retrogusto di "grasso fritto" o "olio di frittura". Insomma, una esperienza unica. Il piatto é servito insieme a una insalata di patate e una insalata verde. Globalmente, mangiando solo la Wiener Schnitzel con insalata compresa e una bibita si spendono meno di 25 euro che é una cifra piú che accettabile. Da notare anche i dolci e i gelati fatti in casa, davvero di altissima qualitá. In particolare i gelati sono fatti come si deve e non sentirete la nostalgia di quello italiano. E' possibile portare cani EDUCATI (ai quali viene portata gratis una ciotola con l'acqua), accesso a tutte le strutture anche per gli handicappati (bagni appositi, rampe, ecc.), bagni eleganti e pulitissimi e personale davvero gentile, professionale e che parla anche inglese. Se venite qui a Vienna e volete mangiare davvero bene, non fatevi attirare dalle classiche sirene per turisti ma fate un salto in questo posto.
Da sinistra a destra, dall'alto in basso (cliccare per ingrandire): il ristorante é a due passi dalle vigne, l'ingresso, il giardino e i tavoli.
Da sinistra a destra, dall'alto in basso (cliccare per ingrandire): dolce tipico (ravioloni alla ricotta con salsa di albicocche, pistacchi e lamponi freschi), i cani educati sono benvenuti e accolti con una ciotola d'acqua, gelato alle more con biscotto bicolore fatto "in casa", la leggendaria Wiener Schnitzel a bolle e l'insalata di patate e songino di accompagnamento. La schnitzel all'interno: la struttura a bolle non collassa anche quando si taglia la Wiener Schnitzel perché la panatura é croccantissima.

13 commenti:

  1. buongiorno! No il fatto è che ho avuto un WE impegnatissimo

    RispondiElimina
  2. Che posto delizioso, si vede che è tutto molto curato! e la Wiener è davvero superba, viene l'acquolina solo a vederla, dev'essere ottima. Per ottenere le bolle prova a passare la carne nell'uovo sbattuto con il pepe (senza il sale che sviluppa umidità nella frittura) poi dai una prima, leggerissima passata nel pan grattato (che deve essere solo di mollica), poi un'altra passata veloce nell'uovo e un altra buona passata pan grattato e poi a friggere in abbondante burro chiarificato, quando la carne è cotta si cosparge con il giusto sale. Grazie per le belle foto. Anny

    RispondiElimina
  3. prima o poi ci riesco eh a venire là, Più leggo e più ne ho voglia!

    Ci riproviamo a fine anno!

    RispondiElimina
  4. M.da R. nn male mi sà ke una scappata st'estate la faccio
    così pappo di persona.ciao griss

    RispondiElimina
  5. Il posto sembra molto carino ma non so in queste viennesi ma nella cotoletta milanese le bolle non sono certo segno di ottima fattura , la panatura dovrebbe restare aderente alla carne

    RispondiElimina
  6. Sono le 12.48!
    Leggere il tuo post a quastìora, credimi è una tortura. Mi sta brontolando l'impossibile. Pure gli occhi traballano nella lettura.

    FAAAME!! PAAAPPA!
    bacioni
    la volpe

    RispondiElimina
  7. Mamma mia, in questi momenti rimpiango di essere vegetariana! :D veramente un bel posticino...

    RispondiElimina
  8. bello questo posticino!pero' bisognerebbe dire che i posti dove si puo' mangiare un'ottima wiener schnitzel qui a vienna abbondano... ;.)

    RispondiElimina
  9. @Fuzz:Spero pure divertente Fuzz!
    @Anny: ma io a casa non la faccio di certo. Peró giusto, ci vuole il burro chiarificato. Un sapore... altro che olio qui e olio lá...
    @Damia/Elisa: ti aspetto :-P
    @Laura: ci possiamo andare una volta se ti va...
    @MdaR: eh eh, va bene!!
    @Barbara: ma questa é una Wiener Schnitzel. Nomi a parte, qui mi hanno detto che dovrebbe essere da tutte le parti cosí se la cuoci bene in padella.
    @LaVolpe: pausa pranzo allora... ormai cena! :-P
    @Xalira: eh eh, accidenti sí. Ma ci sono cose adatte anche per te.
    @Sariti: giuro che una piú buona non l'ho mai mangiata in vita mia...

    RispondiElimina
  10. Beh, si, immagino che a casa non le farai, io così ci preparo le fettine panate che a volte prima dell'uovo passo leggermente anche nella farina di riso... era solo per farti sapere come fanno a fare la panatura in quel modo con le bolle. Una panatura perfetta dovrebbe rimanere aderente alla carne, in questo ha ragione Barbara e proprio per farle cosi piatte spesso usano solo il tuorlo dell'uovo senza l'albume, ma quella con le bolle, per chi ama i fritti belli gonfi a vedersi, è davvero sfiziosa e poco diffusa in giro. Anny.

    RispondiElimina
  11. Ciao, cosa ci mettono nell'insalata di patate che servono come contorno? la ricetta magari.....grazie!

    RispondiElimina
  12. La ricetta la trovi nel mio post insalata di patate del 21 luglio 2007. Magari fai uno sforzo pure tu e non firmarti piú anonimo! ;-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P