mercoledì 6 maggio 2009

Non c'é due senza tre

Non c'é due senza tre... parliamo dei miei occhiali.
  1. da vista
  2. da vista con lenti oscurate (occhiali da sole)
  3. da computer (da vicino)
contate piú di 600 euro in tutto e... gioite (si fa per dire :-( ).
E son due giorni che arrivo a casa con gli occhi stanchissimi perché si erano di nuovo abituati agli altri occhiali (quelli da lontano). Ieri comunque meglio dell'altro ieri. Si fa quel che si puó. E' pesante uscire la mattina, andare al lavoro, fare una piccola commissione (es. spesa o comprare il mangiare per la mia dalmata), tornare a casa, leggere la posta e far una telefonata, mangiare e andare a letto. Io cerco di dare significato anche a queste giornate di routine ma sinceramente non ci trovo nulla di bello se non che ho fatto qualcosa di utile. Chissá se la gente si ferma a pensare a quello che fa nella vita? Io lo faccio spessissimo e molte volte non son soddisfatto perché faccio troppo poco. Fermo restando che son felicissimo di lavorare, eh! :-P

P.S.: Oggi si esce alle 16 perché ho giá 45 minuti di "overtime" questo mese e non é pagato. Quando esco alle 16.05 vado in debito di circa 5 minuti. Significa quindi che, in teoria, facendo due volte 20 minuti in piú (uscita 16.25) poi gli altri tre giorni della settimana posso uscire tranquillamente alle 16.05. E' quello che cerco di fare. Carriera e stipendio ormai non me ne frega piú nulla. Anche perché a 37 anni, cosa vorrai mai fare? Meglio impiegare bene il tempo che si ha. Che ieri era venuto alle 15.50 un collega a darmi dei test da fare e mi fa "se me li puoi fare oggi o domani". Io dentro di me gli ho detto "Oggi?! Alle 16? Ma ci fai o ci sei? Lo vedi che ore sono?!" e a voce invece gli ho detto "volentieri, li faccio domani mattina come prima cosa". Ma la gente non ci pensa che per gli altri il lavoro magari é solo una cosa che deve essere fatta? Io se potessi andrei in pensione domani. Giá solo di PC, cucina e giardino avrei le giornate piene, immaginarsi con tutte le altre cose che vorrei fare! ^_^

8 commenti:

  1. purtroppo esistono persone che vivono per lavorare e non si rendono conto (o non vogliono rendersene) che invece intorno a loro c'è chi vede il lavoro solo come un mezzo per realizzarsi al di fuori es. costruirsi una casa, una famiglia, avere tempo libero da godersi con i soldi che si sono guadagnati...molta gente, soprattutto chi occupa posti dirigenziali non capisce queste esigenze e a volte sono persone single appunto...
    di tanto in tanto mi soffermo a pensare di quello che ne è della mia vita..se penso ai miei desideri (viaggiare, costruirmi una famiglia, dipingere o disegnare cartoni animati) vedo che non ho concluso ancora niente ma se guardo al presente vedo che porto avanti il mio lavoro in modo corretto, onesto e dignitoso, se posso cerco di dare una mano o coccolo i miei cari perchè un loro sorriso o poter mangiare una semplice pizza con loro mi fa bene al cuore e all'anima. Nella mia vita avrei voluto e vorrei di più ma so anche che se non mi accontento almeno del poco che ho oggi vivrò sempre nell'insoddisfazione non riuscendo a godermi i piccoli piaceri del presente. Penso che sia sbagliato smettere di inseguire i propri sogni e desideri ma è altrettanto importante per me guardare al domani senza perdere di vista il presente anche con quel poco che ci offre. E ciò che la tua vita ti offre giorno per giorno lo puoi giudicare da solo.
    Ciao a presto ;-)

    RispondiElimina
  2. eh bravo grissino che ti prendi cura di te è la cosa più importante e non ti preoccupare per i soldi stai lavorando in qualche modo li rifai..gli occhi sono importanti!
    e beato che che esci così presto..oggi ho giornata luuuuuunga

    RispondiElimina
  3. Beh, se tre è il numero perfetto, lo sarà anche per gli occhiali. Coraggio vedrai che piano piano le cose si stabilizzeranno, è normale a questa età, che non è poi così vetusta sù! che la vista si modifichi o cambi come cambiamo anche noi crescendo. A parte chi vive in alcune realtà particolarmente dinamiche, improgrammabili o mutevoli, penso che più o meno le giornate siano abbastanza uguali per tutti: lavoro, casa, commissioni, spesa, un po’ di tempo libero, divertimento, amicizie...e finito si ricomincia daccapo. Credo che sia umano e comunque già un buon segnale di vivacità e di reattività, interrogarsi sul senso, la validità e gli effetti di quello che facciamo. L’importante è riuscire a far si che ogni cosa, qualsiasi attività anche quelle normali o giornaliere, siano solo apparentemente routinarie, provando ad affrontarle variandole di tanto in tanto anche con tempi, persone, situazioni e percorsi diversi, ma anche con uno spirito diverso, in modo che a fine giornata lascino una sfumatura nuova ed utile del tempo speso, un valore e un’ esperienza diversa, senza perdere mai il coraggio e la voglia di fare. Quanto al mondo del lavoro, dopo tanti anni, tanta gente e tante energie profuse anche oltre il dovuto e sottratte a me stessa e a tutto il resto, ti do’ pienamente ragione, anch'io non vedo l'ora di uscirne e dedicarmi a tutto quello che so fare. Il lavoro è indispensabile, è un mezzo che consente di sopravvivere ed andare avanti, ma la carriera, come la gloria, passa e va in archivio come tante pratiche, mentre quello che hai dentro, tuoi interessi, i tuoi desideri, restano sempre tuoi, per questo coltivali, proteggili ed alimentali il più possibile. Ciao. Anny

    RispondiElimina
  4. Devo andare anche io a controllare la vista poi ti farò sapere l'esito :)

    Detto questo come sai io sono circondata da persone che amano quello che fanno quindi non posso capirti del tutto , mia madre ( architetto ) se non fosse che i soldi servono ama a tal punto quello che fa ( progettare case) che lo farebbe anche gratis ( e per gli amici lo fa infatti ) , mio padre ha la sua società , io faccio più o meno un lavoro che mi piace , mia sorella si è appena laureata in psicologia dell'età evolutiva e lavora ogni giorno con i bambini cosa che adora ... decisamente per tutti noi non esistono orari precisi ma non per smanie di soldi o carriera quando per passione di ciò che facciamo :)

    A me sembra normale che lavorando la routine quotidiana sia sempre più o meno la stessa , io poi sono un'abitudinaria quindi per me non c'è problema , lavoro , gioco con Artù e lo alleno ogni giorno , tengo in ordine casa , cucino per il fidanzato e la sera mi godo qualcosa ( solitamente film o serie tv registrate ) in sua compagnia sul divano con Artù ai nostri piedi , secondo me bisogna imparare ad apprezzare le piccole cose !!

    PS Secondo me nella tua vita manca l'amore io la penso così e se non ne senti la mancanza ( di qualcuno con cui condividere le giornate, i momenti di relax , le emozioni belle ma anche quelle brutte) e , a mio parere , perchè forse è tanto che non ti innamori e forse non hai nemmeno mai provato a convivere ( non lo so a 37 forse avrai anche provato immagino no?)

    RispondiElimina
  5. Ripasso più tardi a leggere il tuo post, ora ho giusto il tempo di 2C e scappo.

    Ciao!

    RispondiElimina
  6. M.da R. COME TI CAPISCO

    RispondiElimina
  7. @anonimo: sí, vero, bisogna sapersi accontentare e avere pazienza. Ma alle volte uno non ce la fa piú. Anche il mio supervisore ha detto che devo fare le cose (di lavoro) senza affannarmi perché non serve.
    @Silvia: beh, esco presto perché vado in ufficio presto (alle 8 giá lavoro).
    @Anny: sí ma alle volte non si ha neppure il tempo per metterci l'extra originale. Io cerco sempre di farlo ultimamente :-P
    @Barbara: io gratis mai. Se é lavoro, é a pagamento. Se é un piacere a un amico é diverso. Ma qui stiamo parlando di lavoro stabilito da contratto o, nel caso di un consulente, di clienti. Io apprezzo le piccole cose ma bisogna anche stare attenti a non perdersi in un bicchiere d'acqua. Anche le grosse cose devono esserci nella vita. Sicuramente mi manca qualcuno nella vota ma si fa quello che si puó ;-) Non si puó andare a comprare la moglie in un negozio! :-D
    @Glitter: ciao!
    @NonhoVoglia: ciao, un giorno o l'altro ti chiamo
    @MdaR: o.O

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P