mercoledì 13 maggio 2009

Genuss Festival

Lo scorso week end hanno organizzato qui a Vienna il Genuss Festival ossia un "Festival della degustazione" (mi tratterrei dal tradurlo come "Festival del godimento" perché altrimenti sembrerebbe piú un festino a luci rosse!). Cosí, anche spinto dal fatto che c'era la piú grossa torta a forma di cuore per la festa della mamma, ci ho fatto un salto. Inoltre non avevo mai visitato lo Stadt Park (Parco della Cittá) che sapevo essere molto carino. Diciamo che ho passato qualche ora piacevole anche se non mi son permesso quasi nulla visto che sono ancora in fase recupero soldi. Certo alcune cose meritavano e tanto. Alla fine fra qualche assaggio qui e lá, ho comprato un regalo per i miei (5 euro per un bottiglino di olio di papavero blu ossia quello dal gusto piú pronunciato) e mi son concesso 4 euro di torta della mamma (che poi sono anche io "mammo" adottivo della mia dalmata, no?). Devo dire che soldi permettendo, mi sarei comprato volentieri un piattino di lumache fritte in pastella di birra, un buon bicchiere di succo di mele e lamponi e magari una salsiccetta... Ma poiché le foto parlano piú di mille parole, lascio loro il posto. Cliccateci sopra per vederle ingrandite come meritano.
Da sinistra a destra, dall'alto in basso: una delle entrate del parco, l'area giochi con le strutture per gli skateboard, panorama dal ponte che porta al parco, l'orologio di fiori del parco (Unsere Gärten = I nostri giardini, vuol dire che é curato dal Comune di Vienna, settore parchi e giardini), una colonna con mosaichi nel parco, la fontana con i pinguini che fanno il bagno, l'immancabile laghetto con le papere, foresta di felci.
Da sinistra a destra, dall'alto in basso: la piantina con la spiegazione degli Stand del Genuss Festival, banco con speck, lardo, ecc, banco con formaggi, il monumento dorato a Strauss (che non piace a Xalira che dice che é kitsch ^_^), le torte che componevano la piú grande torta a forma di cuore per la festa della mamma, lo stand delle lumache fritte in pastella di birra (Schneckenland = paese delle lumache), piattini con salumi e stuzzichini di esempio per invogliare a comprare, la torta che ho comprato.
 Da sinistra a destra, dall'alto in basso: le bandiere del Genuss Festival, il banco con il venditore di papavero (semi di papavero bianco, nero, olio, ecc) in costume tipico dove ho comprato l'olio, stand con cioccolatini ai fiori, gente che gusta calici di vino (c'erano tantissimi stand di vino), gente che si rilassa sulle panchine del parco e sui prati, pubblicitá di un wurstel (Scritta: "ogni uomo in tutte le terre mangia Fürstl con le mani" e sotto "per il gourmet"), anche questi quasi quasi stavo per provarli, stand con piatti a base di asparagi che ora son di stagione...

10 commenti:

  1. Quel parco con l'orologio mi ricorda qualcosa, ora vado a spulciare le foto di vienna di qualche anno fa e vedo se ci sono stata :D
    Lumache fritte in pastella di birra? interessante.

    RispondiElimina
  2. Che belle le foto, quanto verde e quanta vitalità!. Bellissimo l'orologio di fiori, che maestria i giardinieri. Sai che le felci sono piante preistoriche e nel loro ambiente naturale diventano enormi e vivono centinaia di anni. Immagino tutto buonissimo: dolci, torte, spezie e vino, la pastella di birra è ottima ma le lumache brrr... proprio non ce la faccio. Ciao. Anny.

    RispondiElimina
  3. stadtpark!
    c'ho passato gran parte dello scorso anno, il mio ragazzo viveva accanto all'intercontinental...o come si chiama l'albergone lì dietro.
    tra qualche giorno mi trasferisco anche io..
    sperando di trovare un lavoro con il mio non-tedesco.
    scriverotti!
    lau

    RispondiElimina
  4. Il posto è molto bello ma che è l'olio di papavero?

    PS Bleahhh le lumache mi sento male sono all'idea ( ndr dopo le piogge ne ho tante in giardino te le incarto e te le mando via posta celere :PPP)

    RispondiElimina
  5. Lumache? non mi sentirei molto a mio agio mangiandole, ti devo dire la verità, mi sanno di viscido. L'olio di papavero è la prima volta che lo sento nominare, ma che sapore ha? e poi come si usa in cucina?

    RispondiElimina
  6. Com'è che c'è sempre il sole da quelle parti?

    RispondiElimina
  7. @LadyChobin: non so se ci sia solo lí...
    @Anny: ma come niente lumache? :-P Le hai assaggiarte?
    @Laura: sí sí, scrivimi o fammi sapere! :-)
    @Barbara: olio di papavero é l'olio estratto dai semi di papavero che qui e in repubblica ceca/slovacca/ungheria sono usatissimi nei dolci (a me non piacciono). Son dei semini neri o, prima volta che li vedo, bianchi-grigiiastri. Non tutte le lumache si possono mangiare. I lumaconi schifidi senza giscio del giardino noo!!!
    @WhyPic: grazie! :-)
    @Tokyonome: secondo me sanno di viscido solo quelle grandi. Quelle piccole son buone. Il sapore dell'olio di papavero deve essere tipo quello dei semi... e´un sapore molto particolare che non si puó descrivere. L'olio di papavero si usa per condire insalate, zuppe, ecc. I semi nei dolci.
    @Glitter: oggi no, pioveva! :-D

    RispondiElimina
  8. Ma si Griss, quando ero piccola dopo la pioggia mia nonna nell'orto, che allora era grandissimo perchè avevamo più terreno, ci portava per lumache quelle piccole le ciammarughe o ciumachelle, con le ceste di vimini. Poi mi ricordo uno strazio per queste bestiole, una settimana intera di decantazione senza cibo, poi lessarle in acqua e aceto, tutta una schiuma che non finiva mai, poi la cottura in un sugo saporito e tutti li a gustare questi gusci ma per me erano sempre come bacherozzoli di gomma. Ci son pochissime cose che non mi piacciono e lumache sono tra queste. Anny

    RispondiElimina
  9. :-D Ah ah, che bella storia. A me piacciono solo se non son troppo grosse. Peró i bacherozzoli come dici tu mi piacciono, quelli fatti alla francese con burro alle erbe dentro. Mi hai fatto venire voglia!! :-P

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P