venerdì 27 marzo 2009

Zecche piú chiare

Zecche piú chiare, ossia vi rispondo un pó piú estesamente del solito, perché ci son stati dei commenti molto interessanti ieri e penso che questa discussione possa essere utile anche a occasionali visitatori oltre che a noi. :-P
Beh la vaccinazione antizecche è la prima volta che la sento!!(Mario)
Infatti, si dice cosí ma piú correttamente bisognerebbe dire la vaccinazione contro l'encefalite trasmessa dalle zecche. In realtá sono loro stesse infettate da un virus che a loro volta trasmettono. Non tutte le zecche sono infette quindi non é detto che se non fate la vaccinazione e venite punti vi venga l'encefalite. Ma visto che se ne puó morire, é meglio fare la vaccinazione.
possibile che non riescono a eliminare il problema?? bò? particolare tutta st'efficienza (M da R e poi Barbara e Anny)
Non é cosí semplice come sembra. Primo perché non é la zecca in sé il problema a monte bensí il virus che infetta anche gli animali selvatici ad esempio. Quindi é il virus da debellare. Secondo perché, oltre a essere impossibile irrorare di qualsiasi sostanza cosí grandi superfici verdi/boschive (se non altro per i costi!), c'é anche il fatto che il principio attivo dovrebbe essere assunto dalle zecche che se ne stanno magari al riparo nell'erba alta in barba a tutto. Diciamo che il modo per evitare le zecche dalle proprie parti é di tenere l'erba bassa e il prato pulito, che son condizioni che scoraggiano.
Tu sai come mai l'Austria sia così piena di zecche? (Barbara)
In realtá non é solo l'Austria ma anche Svizzera, Germania, Polonia e altri paesi. Io credo si tratti di un problema indigeno. Mi spiego con un esempio: a Milano ci son le zanzare, qui no. Qui ci son le zecche. Che poi, per fortuna, finora non ne ho vista neppure una e speriamo continui. Credo che tutto dipenda anche da dove si vada.
Ma sei sicuro che dopo 15 giorni ci possa ancora essere una reazione di quel tipo? A me sembra strano (Barbara)
Pure a me sembra strano ma i sintomi dell'encefalite trasmessa dalle zecche son quelli. Poi tu ti immagini Grissino che non ha voglia di mangiare nulla ma proprio nulla nemmeno i dolci? :-P La dottoressa comunque ha detto che é normale.
Ho rinunciato ad andare a visitare la riserva Topanga in USA per pericolo Zecche e nessun repellente a portata di mano :( (Lady.Chobin)
In realtá credo ti servissero solo un paio di pantaloni lunghi e un paio di scarpe chiuse, meglio alte. Una delle cose che si dicono in giro e che NON E' VERA é che le zecche "cascano" dagli alberi. Per fortuna non é cosí. Lo pensavo anche io ma poi sia in un documentario, sia nel volantino di qui é scritto che non é vero.
accidenti che organizzati..oppure molto infestati di zecche! (Silvia)
Diamo qualche cifra cosí avete un'idea... a Vienna i casi di encefalite trasmessa dalle zecche negli ultimi anni (2001-2008) si contano sulle dita di 4 mani... 17. Questo anche grazie appunto alla vaccinazione e anche al fatto che effettivamente qui in cittá il pericolo non é molto. Comunque anche nelle zone piú verdi e quindi pericolose (per esempio Tirolo, Stiria, OberÖsterreich...) i casi non superano i 20/25 all'anno. Piuttosto, ripeto, é bene stare attenti a dove si va e vestirsi correttamente. Anche perché purtroppo le zecche non solo possono passare l'encefalite ma anche un'altra malattia per la quale non c'e vaccinazione ossia la Borelliosi o Malattia di Lyme (sigh). In ogni caso io credo che in fondo si trattii di non farsi condizionare troppo e usare il cervello e le precauzioni quando si fanno le cose. Perché se uno dovesse non andare in un posto perché ci sono degli animali pericolosi, starebbe sempre a casa sua. Africa e Asia via. Nord e sud america via. Rimarrebbero i paesi freddi del nord europa (credo) e il polo. Buona vacanza! :-D

8 commenti:

  1. Grazie della spiegazione Grissino io comunque continuo a pensare che sia strana una diffusione così importante in alcune zone per dire dove stavo io in campagna ce n'erano parecchie ma solo quando passavano le pecore ... boh misteri che magari risalgono appunto alla tipologia di flora e fauna del posto .

    Io mi sono informata per i cani ad esempio la cosa fondamentale è beccare l'intrusa entro le 24 ore dal momento in cui si attacca , dopo 24 ore infatti comincia a succhiare e ''sputare'' i suoi ''veleni'' nel sangue dell'ospite ( come ti avevo detto a Chicco e Artù nononostante gli anti parassitari vari ne trovavamo molte quando passavao le pecore , se interessa tra quelli in commercio in Italia il migliore antiparassitario contro le zecche è l'Advantix ovvviamente lo dico per esperienza , il Frontiline fa davvero poco).

    RispondiElimina
  2. Grazie, ora ho le idee più chiare. Anch'io so che in genere prediligono le pecore che poi le diffondono e che le zecche si attaccano alla lana, ai pelami fitti degli animali e anche a certi tipi di tessuti feltrosi. Ci sono alcune sostanze chimiche che possono risolvere il problema, compreso quello della zanzara tigre, ma sono solo ad uso di zootecnici con tanto di autorizzazione anche per l'acquisto di questi prodotti, il fatto è che contengono sostanze altamente tossiche per l'uomo e vanno usati con assoluta cautela, utilizzando protezioni specifiche (tute ecc.) e in dosi controllate al milligrammo. Per esperienza, ti assicuro che per giorni e giorni l'aria attorno alle zone trattate è irrespirabile e pungente e, tra l'altro, se ci sono coltivazioni o alberi da frutto attorno, i prodotti e i frutti sono pericolosi da mangiare, bisogna aspettare alcuni giorni e poi vanno lavati accuratamente. I prodotti, gli spray che si trovano in commercio contengono più o meno certe sostanze ma per sicurezza sono diluiti al massimo. Ciao. Anny.

    RispondiElimina
  3. ecco ora non mi viene in mente altro da chiederti..:-D quando ti metti a spiegare non ti batte nessuno!

    RispondiElimina
  4. @Barbara: sul sito c'é una lunga spiegazione del perché le zecche ci sono. Con caloma la leggo e ti rispondo ma credo la spiegazione sia quella che ti ho giá dato (son sempre state qui). Diró a mia mamma di prendere l'Advantix allora. Cosa intendi per "il Frontiline fa davvero poco"?
    @Anny: il problema rimane sempre l'estensione. Se fosse un giardino, vabbé, si puó fare tutto. Ma centinaia di chilometri quadrati...
    @Silvia: eh eh, troppo gentile. :-)

    RispondiElimina
  5. Ma da quando in Austria non ci sono zanzare? Io ho il ricordo di un'estate a Vienna in cui c'erano nuvole di questi "simpaticissimi" insetti...
    Ciao!

    RispondiElimina
  6. Beh certo, se ti piazzi lungo il danubio... ma nella maggior parte dei posti non ci sono. A Milano ci sono ovunque, anche lontano da laghetti e fiumiciattoli.

    RispondiElimina
  7. Grazie mille, sei troppo gentile... Ti chiedevo delucidazioni, perchè se avessi fatto leggere questo post al maritello, penso avrebbe preparato le valigie ed ora già saremmo cittadini austriaci! :)

    RispondiElimina
  8. Io metto la zanzariera ma per le mosche. :-P
    Quindi se venite qui, grigliate libere senza zanzare. E per le vespe, hanno delle trappole particolari. Organizzati.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P