venerdì 13 febbraio 2009

Svelato il mistero del collega burpone

Come vi avevo giá detto qui, ho il mio collega che ha qualche difficoltá a digerire. Ora ho scoperto il perché. Giá perché si dice tanto che "uno é quello che mangia" (oltre a COME mangia) ed é davvero cosí. Il concetto si applica alla perfezione al mio collega. L'altro giorno ha portato il pranzo da casa. Riso e pollo, un piattone piuttosto grosso. Tralascio che il giorno prima aveva lo stesso menú, di questo ne parliamo poi. Io avevo invece una mozzarella con due fette di pane e un piattino di Kaiserschmarrn con composta di Sambuco. Pur avendo meno, lui é riuscito a finire nettamente prima di me e ha voluto subito correre a lavorare. Mezz'ora di pausa va bene se si mangia da soli. Ma in compagnia si chiacchiera e io ho dovuto mandar giú al volo gli ultimi Kaiserschmarrn: cavolo non si puó mica correre sempre cosí!! Poi altra cosa che ho appurato é che non fa colazione ma si compra due panini al volo venendo in ufficio. Non due panini ripieni, proprio due panini integrali alle carote e li mangia "al volo" in due minuti con un goccio di thé a matá mattina. Ecco, ottimo esempio da NON IMITARE a meno che vogliate anche voi cominciare a burpare! :-P Poi vabbé, mi dico io: con moglie e tre figli, come é possibile che tu ti sia portato lo STESSO piatto due giorni di fila. Capisco chi é single che di solito cucina in doppio e mangia due volte ma lui per portare due volte lo stesso piatto non so quanti chili di pollo e riso abbiano cucinato in famiglia!!!!

P.S.: Risposto a tutti i vostri commenti arretrati. Li leggo sempre tutti perché mi arrivano per e-mail nella casella ma alle volte son cosí stanco che le risposte le penso solamente. Purtroppo non sono ancora telepatico ;-) Allora devo aggiungerle quando ho tempo a manina.

6 commenti:

  1. E ma che schifo. A me piacerebbe ogni tanto fare 30 minuti di pausa, che così finisco prima la sera. Ma non ce la faccio, devo per forza uscire a prendere una boccata d'aria, e mangiare tranquilla. Così in meno di un'ora non ce la faccio, ma almeno ho staccato un attimo la spina :-)

    RispondiElimina
  2. E ti credo che burpa come una pila atomica! fagocita le cose senza masticare, tutto di corsa, pure i panini integrali con le carote a colazione che imbottiscono e gonfiano. No, non potrei mangiare con un tipo così che ti mette l'angoscia. Io ormai non mangio più a pranzo perchè al lavoro non c'è mensa, nè consentono di consumare pasti in ufficio, i colleghi escono, prendono la pizza, un panino, il gelato in estate, un tramezzino purtroppo tutti in piedi come trampolieri in mezzo alla strada, io così posso farlo una volta, due, ma non si può mangiare così tutti i giorni e rovinarsi lo stomaco con le robe fritte e secche e quindi esco a fare una passeggiata, vado al mercatino, tanto per staccare. La sera poi cucino, mangio in pace quello che più mi piace e con il giusto tempo. Ciao. Anny.

    RispondiElimina
  3. M.da R. poraccio ...

    RispondiElimina
  4. Io ho problemi digestivi a prescindere da quel che mangio questo per dire che la difficoltà a digerire può benissimo essere slegata da ciò che si mangia.

    Detto questo per dire mio padre mangia più o meno sempre le stesse cose ( sane etc ) io idem ( anche perchè tra quel che posso mangiare non è che la scelta sia così vasta ) se gli piace il riso con il pollo che oltretutto è molto sano ( ci vorrebbe solo qualche verdura ) non vedo il problema , male invece mangiare di corsa io sto imparando a rallentare ma per dire MisterN in tre secondi spazzola tutto ( e non ha problemi di digestione anzi)

    RispondiElimina
  5. Purtroppo nella vita c'e' chi è dotato di buon gusto e chi no!!
    Lo si vede a tavola e in tante altre cose.
    Certo è che non puo' essere tanto piu' schifoso del tuo collega che si è mangiato gli spaghetti al sugo in scatola.
    Mi sento male solo a pensarci.
    baciotti
    la volpe

    RispondiElimina
  6. @Lindöz: diciamo che dipende. Se hai colleghi simpatici con cui mangiare o puoi farti un giro per negozio (a Milano per esempio andavo da FNAC) allora OK. Ma io sono fuori Vienna in mezzo al nulla e non ho colleghi con cui ho fatto amicizia. Allora mangio con calma e da solo 30 minuti bastano.
    @Anny: effettivamente hai proprio centrato: mi ha messo angoscia!! :-( Che lui é simpatico ma non si puó correre cosí!
    @M da R: eh eh eh :-D
    @Barbara: a mangiare cosí veloce se non hai problemi, ti vengono piú avanti con gli anni. I tuoi sono problemi di salute cronici come i miei (purtroppo) anche se i miei non sono digestivi. Normalmente gli altri non hanno i miei o i tuoi problemi. E pollo e riso sará pure buono ma non due giorni di fila un piattone che non finisce piú!! Che poi magari se lo é mangiato pure a casa alla sera.
    @La Volpe: Noooo, il collega con la gross alatta di spaghetti-pesci morti é imbattibile!! :-P

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P