lunedì 23 febbraio 2009

Cercasi apprendisti dotati di cervello

Lo sapete meglio di me cosa significa essere un neolaureato o un neodiplomato in Italia: gavetta e spesso lavorare gratis, tutto o in parte, col miraggio di un lavoro fisso primo o poi. La parola Stage poi di fatto ormai coincide con "Lavora gratis". Invece qui funziona un pó diversamente. La scuola é molto meritocratica (=voto alto: continui a studiare, voto basso: vai a lavorare) e indirizza molto di piú verso le professioni che davvero servono. Risultato: meno disoccupati, stipendi piú alti e lavoro che non credo arrivi mai a certi livelli di sfruttamento visti in Italia. E poi si lavora seriamente... io non credo di aver mai lavorato tanto come qui. :-P La prova di tutto ció? Eccovela: una pubblicitá su un giornale dove una catena di supermercati discount é a caccia di apprendisti a cui regala un telefonino e 39 euro di telefonate mensili gratis al mese per un anno se hanno ottenuto voti eccellenti a scuola. Sei intelligente? Ti dai da fare? E' giusto che il tuo valore venga ricompensato. Non come in Italia che é giusto spremerti come un limone finché non cambi o sono obbligati a darti uno stipendio. E che se hai cervello o hai spazzatura dentro la testa, fa poca differenza.
P.S.: prima che qualcuno si esalti, non danno certo l'IPhone (c'é in piccolo scritto Symbolphoto) ma viene detto "un telefono fra i Top" e comunque il valore dell'offerta non sta tanto nel telefono secondo me, ma nei 39 euro di telefonate al mese per 12 mesi!!

8 commenti:

  1. Da me tutti i ragazzi che sono venuti a fare uno stage hanno sempre ricevuto un minimo di compenso, però se lo sono sempre meritati, in realtà il compenso non era uguale per tutti, a chi si meritava di più ovviamente si dava di più.

    RispondiElimina
  2. Da me per lo stage ci arrivano solo quelli con il calcione e non sempre sono aquile, anzi... sono comunque pagati e i più ammanicati restano e vanno anche più avanti degli altri. In ogni caso, lo stage inteso come sfruttamento e per tappare i buchi a costo zero è un sistema davvero iniquo, almeno un compenso o un rimborso spese deve essere riconosciuto, se non altro per la disponibilità. Chi davvero è in gamba e merita di studiare, anche se privo di mezzi, andrebbe sostenuto come fanno alcuni governi concedendo mutui agli studenti. Per quelli non particolarmente portati nello studio trovo molto più onesto e rispettoso sia verso se stessi che verso gli altri, imparare un mestiere, una professione in cui potersi realizzare, esprimere e guadagnarsi da vivere, piuttosto che pericolose zucche vuote dietro una scrivania solo in attesa del 27. Anny

    RispondiElimina
  3. M.da R. magari ci sn differenze trà italia del sud del centro e del nord ma sostanzialmente il sistema di reclutamento della forza lavoro è a dir poco INCIVILE io sn un fortunato ke ho una ditta mia e guadagno discretamente ma miei ex colleghi insegnanti precari dopo 20 anni sn ancora lì a elemosinare supplenze,solo x qsto ai miei figli gli ho detto maturità e poi all'estero sulla vergogna/italia/lavoro sono in piena sintonia con te il nord europa ha solo da insegnarci,...però il clima la cucina e le donne??? nn sò ki ne esce meglio.ciao

    RispondiElimina
  4. tanto è inutile che me lo ripeti..ormai la zolfa italiana la conosco a memoria..e sai bene quanto punto ad altri lidi :-)

    RispondiElimina
  5. uhm, qui in CH è un po' metà metà. Non cosî bello come in austria, ma neanche ai livelli dell'italia.

    RispondiElimina
  6. @Glitter: sí ma non so se rendo che lí oltre alla paga, ti danno 470 euro di telefonate e un telefonino omaggio. Dove si é vista una cosa del gener in Italia?! Per di piú pubblicizzata su un giornale!
    @Anny: sí vabbé, sai cosa me ne faccio di 15-20 euro al giorno di rimborso spese quando mi spremono come un limone e ne spendo 8-10 per mangiare fuori. ;-)
    @M da R.: Ti rispondo.
    Clima: sí va bene é freddo d'inverno ma almeno in agosto stai bene. Inoltre le stagioni di mezzo son piú fresche ma comunque belle e godibili. Ergo: hai la rottura dell'inverno ma non hai la rottura dell'estate afosa. Quindi 1:1
    Cucina: direi che a Vienna puoi mangiare come in Italia. Intendo cose diverse ma ugualmente buone e comunque si trova di tutto. Compresi i ristoranti italiani. Quindi anche qui 1:1
    Donne: qui é una questione di gusti, e poiché a me piacciono le bionde, per me é meglio qui. Inoltre generalmente le ragazze di qui cucinano di piú delle colleghe italiane. Ergo, per me, 1:0. Totale 3-2 per l'Austria!
    :-D
    @Silvia: lo so, lo so... ;-)
    @Lindöz: eh tu sei sempre fortunata, hai le cose belle dell'Italia e quelle della Svizzera!!!

    RispondiElimina
  7. M.da R. sulle donne abbiamo gli stessi gusti anke io preferisco le bionde(nn è detto ke in italia nn esistano) x il resto è una bella guerra,vedremo nel prossimo futuro se oltre al lato estetico c'è della sostanza nelle donne del posto se così fosse ne ordino due tienimele in caldo.ciao

    RispondiElimina
  8. Già, è proprio triste pensare che in Italia non sia così, che schifo. Comunque se avessero regalato l'i-phone sarei venuta a Vienna di corsa.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P