mercoledì 14 gennaio 2009

Un collega dall'Italia...

Come vi dicevo, in questi giorni sto facendo un corso. Oltre a dei clienti e dei colleghi qui di Vienna, han mandato su un collega dalla sede italiana. Ovviamente consulente perché ormai la parola assunzione in Italia é stata cancellata dal vocabolario. Ma questo in realtá esula un pó dal discorso che volevo fare. Invece vi riporto qualche frase fra me e lui.
Ieri
-Ciao, andato bene il viaggio?
-Sí, bene, grazie.
-E' la prima volta che vieni a Vienna?
-Sí
-Se hai bisogno qualcosa chiedi pure, che so, un ristorante, i mezzi pubblici, delle informazioni...
-Va bene grazie... [avessi trovato io il primo giorno che sono arrivato qui gente che mi diceva cosí... per fortuna ho conosciuto qualcuno dopo, ma mi ricordo che le prime settimane qui erano state un pó angoscianti e piene di smarrimento]
Oggi
-Tutto bene? Passata bene la serata?
-Sí, ho fatto una lunga passeggiata
-Hai assaggiato la cucina austriaca?
-la mangio giá a mezzogiorno [come dire, la mangio fin troppo], ieri sera ho mangiato pizza [davvero ottima immagino, sará stata una pizza Made in Turkey visto che di pizzerie originali italiane ce ne sono poche e non certo nella zona intorno all'ufficio]
-Caffé?
-No all'estero mai... solo in Italia. [Sigh... pensare che qui ci sono Caffé-Pasticcerie che hanno persino la carta dei caffé con circa una decina di tipi diversi compreso quello turco...]
Poi
-Se hai bisogno informazioni per i mezzi pubblici a Vienna o qualcosa, chiedimi pure, eh!
-Mah, vorrei andare a Cracovia in treno... [?!?!?!?!?!]
-Beh, basta guardare il sito delle Ferrovie Austriache!
-....
-Guarda che c'é anche in inglese, comunque guardiamo insieme, vieni.
Infine
-Ma quando ci vorresti andare a Cracovia?
-Mah, il week end dopo questo, devo stare qui tre settimane... [con tono semiannoiato]
-Ah stai qui tre settimane? Che fortuna! [se mi mandasse la ditta a Berlino o Parigi o anche Roma per tre settimane con tutto pagato, io farei salti di gioia... figurarsi poi se mi mandassero negli States ma non esageriamo...]
-Perché che fortuna? [Mah... chi lo sa... forse puoi vedere cose nuove e conoscere nuove realtá che manco sai che esistono... ovviamente non girando intorno all'ufficio e mangiano pizze turche]
La prossima volta che arriva un italiano, faccio come diceva Mussolini... me ne frego!!! Promesso.

18 commenti:

  1. ehh sempre detto io..chi ha i denti non ha pane e viceversa..mamma mia che gioia di vivere ;-) eh?

    RispondiElimina
  2. Ottima conclusione. E' un vero peccato ma l'esperienza insegna sempre più spesso che è proprio il caso di pensare alle proprie cose, soprattutto quando la disponibilità è a senso unico. C'è gente che non merita proprio niente, compresa la gentilezza, la disponibilità, la carineria innata in certe persone e neanche comprende le fortune che gli capitano, come quella di fare corsi, crescere, andare all'estero, ne vedo tanti anche nel mio lavoro che non hanno faticato per ottenere il posto e quant'altro... e si lamentano pure. In ogni caso questo attrezzo è particolarmente spento, triste ed apatico e probabilmente gli interessa solo la Polonia per tentativi di esperienze di basso livello, classici di certi soggetti che vanno in missione. Buona giornata. Anny.

    RispondiElimina
  3. beh magari è triste perchè a casa ha lasciato una famiglia, dei bimbi o magari qualche affetto... una cosa è scegliere di fare un lavoro che ti permetta di viaggiare, un'altra è subirla!

    certo potrebbe cercare di vedere il bicchiere mezzo vuoto ma se sente la nostalgia di casa credo sia davvero complicato

    RispondiElimina
  4. Ma dai su Grissino come sei , mica sono tutti come te. A me sinceramente romperebbe non poco star lontani da MisterN e dai miei cani per 3 settimane se devo girare preferisco farlo per vacanza non per lavoro e detto questo pure io spesso in giro mangio pizza e ne ho trovate di buone anche in Irlanda :)

    RispondiElimina
  5. Che drastico. :) Magari in Italia ha lasciato la famiglia e per lui stare lontano tre settimane sono troppe. :)

    RispondiElimina
  6. Protesto vivacemente.
    NON E' DETTO CHE TUTTI GLI ITALIANI SIANO COSI'.

    RispondiElimina
  7. Beh, sai com'è... nelle condizioni in cui si trova l'Italia e con le prospettive terribili che ha davanti (vedi ultima la "truffa" Alitalia appena successa - AirFrance ancora ringrazia Mister B per il risparmio accordatole), se la gente non fosse così mammalucca, il paese sarebbe vuoto e tutti sarebbero già scappati alla ricerca di meritocrazia e qualità della vita.

    Quindi, per noi expats, ben venga il mammalucco che va qualche settimana all'estero in viaggio di lavoro, si annoia terribilmente, e tra una pizza e l'altra smania di ritornare al paesello.

    PS: Discorso Cracovia... io gli consiglierei di andare a Bratislava, molto più vicina (55 km), un'oretta di treno.
    A proposito, ci sei stato? Vacci un sabato perchè il centro storico merita assolutamente!

    RispondiElimina
  8. e poi mi è venuto in mente che il cibo è una delle cose che ti fa sentire più vicino a casa... almeno secondo me!!
    io quando sono via mangio cosa trovo senza problemi (naturalmente senza carne e pesce) ma se posso scegliere l'unico dubbio è tra pizza o pasta! e se poi nn è fatta bene ho pure la scusa per dire ma guarda se si può chiamare pasta sta roba qui!!

    RispondiElimina
  9. ma che simpatia...io certa gente proprio non la capisco...invece che esser felice di aver incontrato una persona gentile come te, al contrario ti risponde in modo annoiato e poco interessato...mah...e poi che senso ha mangiar pizza appena arrivati in un paese straniero?concordo con quel che ti ha scritto newyorkino..

    RispondiElimina
  10. C'è gente che sta male lontano dalla propria città, per vari motivi. Certo, i discorsi del caffè e della cucina austriaca, sono un po' da ignoranti ( non nel senso di offesa, ma in quello letterale del termine ). E'vero che se vai nel bar sbagliato o se ordini a caso al ristorante non ne vai fuori tanto bene, ma è anche innegabile che ci sono posti dove fanno super-caffè e roba da mangiare strabuona, e se ci sono qui a Klagenfurt, figuriamoci a Vienna, che è 20 volte più grande.

    RispondiElimina
  11. ma tu sai che i miei commenti non appaiono? da una settimana circa....

    RispondiElimina
  12. @Silvia: davvero, accidenti!
    @Anny: forse qui é un pó meglio, non sono cosí egoisti e subito pronti a fregare il prossimo, vedremo. Non avevo pensato a quell'aspetto...
    @Federica+Barbara+Non ho Voglia: adesso non esageriamo, va bene se dovesse stare via mesi e mesi ma si tratta di tre settimane e poi se é quella la ragione, uno puó anche dirlo. E' bello star qui ma nei mesi scorsi ho girato tanto e mi manca un pó la mia famiglia. Questo é un ragionamento accettabile.
    @NYorkino: non ci avevo pensato ma forse il motivo é quello che diceva Anny perché quando gli ho chiesto perché mi ha risposto evasivamente "é una bella cittá". Bratislava l'ho vista, vorrei ritornarci ma non in questa stagione e poi prima di pensare alle vacanze vorrei rientrare con i soldi spesi... almeno una buona parte. Non ho avuto relocation io!! ;-)
    @Sariti: anche io con voi ;-)
    @Oscar: e poi io mi ero offerto di indicarglieli... :-P
    @Nelson: mah, lo schiacci il bottone Posta Commento? Eh eh eh... guarda, capita, ogni tanto Google perde qualche commento.
    @Glitter: :-P

    RispondiElimina
  13. beh ma son le prime settimane le più dure secondo me!!

    RispondiElimina
  14. Grissino forse perchè sei single da un po' a me MisterN manca tantissimo anche se va via per un week end tieni sempre a mente che ognuno è diverso

    RispondiElimina
  15. Il peggio rappresentante italiano è capitato da te! io sonol'esatto contrario... Specie se giro per l'Austria tra dolci, caffè ecc proverei di tutto e non certo pizza che la angio già troppo qui!! Era meglio che fossse stato a casa sua..

    RispondiElimina
  16. il commento precedente è mio!! scusa

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P