lunedì 12 gennaio 2009

Lavoro italiano e austriaco

Giá in questi pochi giorni di lavoro ho potuto notare come qui si lavori molto diversamente rispetto all'Italia. Prima di tutto la gente segue la regola "presto dentro-presto fuori". Significa che c'é gente che arriva alle 7.30 (forse anche prima) e ovviamente alle 16, tutti i giorni, se ne va. Poi ovviamente ci son tutte le sfumature ma credo che alle 18.30 in ufficio non ci sia piú nessuno se non forse i manager. Un'altra cosa singolare é che le pause caffé non esistono. E' specificatamente scritto nel regolamento di lavoro che uno puó portarsi le bevande alla scrivania e quindi la pausa caffé non ha motivo di esistere. E credo sia un bene perché é solo una perdita di tempo e a Milano non la facevo mai. La pausa sigaretta va fatta fuori e bisogna timbrare il cartellino. Visto che non fumo, non mi interessa granché. Comunque il concetto a cui volevo arrivare era che le perdite di tempo sono ridotte al minimo e questo secondo me permette di essere piú produttivi e di non perdere tempo al lavoro. Quest'ultima frase intesa dal punto di vista personale ossia si sta in ufficio le ore stabilite e poi si esce a fare quello che piú ci piace. Effettivamente é stupido, come facevo a Milano, dover stare in ufficio dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18 e in molte aziende si é pure obbligati a fare degli straordinari non pagati per poi arrivare tardi a casa e non poter fare nulla. Qui dove lavoro, entrando ogni giorno alle 8, con mezz'ora di pausa pranzo, si puó uscire sempre alle 16.30 circa. Contando che i negozi chiudono alle 18.00 (i supermercati sempre e i negozi al venerdí alle 19), c'é tempo sia per la spesa che per delle commissioni e in estate c'é buona parte del pomeriggio e della sera per rilassarsi un attimo. Non parliamo poi del week end nei mesi estivi. Uscendo alle 16 si fa in tempo a cucinare per un invito verso le 20... Insomma, credo che qui ci sia maggiormente il concetto di produttivitá e meno quello di cincischiamento e questo a tutto vantaggio sia dell'azienda che produce di piú, che del lavoratore che ha piú tempo libero. Senza contare gli stipendi e il costo della vita rispettivamente piú alti e meno cara rispetto alle grosse cittá italiane. Insomma, finora, mi sembra che le cose siano davvero come me le descrivevano. :-P

19 commenti:

  1. E lo stipendio si aggirerebbe sui? ...
    Katia

    RispondiElimina
  2. Tralasciando il discorso straordinari, molto dipende dalla zona in cui si lavora.
    Per esempio, qui da me, sembra assurdo iniziare a lavorare alle 9. Si inizia alle 8-8.30 e alle 17-17.30 sei fuori.
    IO ho anche orario flessibile senza cartellino. In linea teorica se volessi potrei fare solo mezz'ora di pausa e poi uscire prima.
    Ma non lo faccio mai, perché staccare un'oretta fa bene alla testa e alla digestione. :P

    RispondiElimina
  3. però magari facendo così c'è meno opportunità di interagire e creare legami tra colleghi...

    forse mi son persa qualche post, ma di cosa ti ooccupi?

    RispondiElimina
  4. Qusta Austria mi piace sempre di più pure io al lavoro non amo molto le varie pause e dover poi tornare a casa tardi. Sono contenta che ti trovi bene in quel lavoro un pò t invidio. Buona giornata. Ma di preciso in che consiste tuo nuovo lavoro?

    RispondiElimina
  5. Mi sembra ottimo, anche perchè otto ore se lavorate davvero "sul pezzo" sono tante e si concludono un sacco di cose se non si perde tempo in chiacchiere. In questo modo si ha anche la possibilità di gestire la propria vita fuori piuttosto che annullarsi nel lavoro.
    Sarà che io, per quello che facevo e faccio non ho mai potuto applicare il discorso delle pause, sempre di corsa, in viaggio e con il lavoro a scadenza, non fumo, non bevo caffè e sempre con il BB con tutta l'azienda che ti cerca con mille problemi, figurati!
    Comunque da me l'orario degli impiegati è 8.30-17.30, con il badge, un'ora di pausa dalle 13 alle 14. L'andazzo qui è abbastanza vario, c'è anche gente che gira a vuoto per "farsi vedere" anche fino alle 21.00, fa straordinari e prende il buono cena, cosa che trovo inqualificabile e scorretta se non necessaria. Gli straordinari a me non li pagano, il ritorno a casa, per via del traffico e qualche volta per qualcuno che si sveglia all'ultimo momento con un'emergenza, è abbastanza variabile ma comunque accettabile. Sono contenta per te che ti trovi così bene! Buon lavoro. Anny.

    RispondiElimina
  6. Bene mi sembra molto positivo il tutto :) Non ho esperienza di lavoro in grosse aziende in Italia solo quella nella società di famiglia dove si iniziava alle 9 c'era un'ora di pausa pranzo quante pause caffè volevi e si usciva alle 18 ( però nella bella stagione spesso mio padre lasciava il venerdì pomeriggio libero) concordo meglio lavorare intensamente e poi avere più tempo fuori per far il proprio comodo

    RispondiElimina
  7. Fantastico!!!
    Bene bene, continuua cosi'!
    ciao

    Luca

    RispondiElimina
  8. Siamo tutti supercontenti per te! Finalmente, te lo meritavi davvero!
    Ci spieghi cosa fai esattamente? Sistemista? HelpDesk? Azienda IT oppure dipartimento IT di azienda servizi o altro?
    In ogni caso, bravo Grissino: chi la dura la vince!

    RispondiElimina
  9. Te lo meriti. Conosco gli orari di lavoro di Austria e Germania e sono contenta che corrispondano alle tue esigenze... giustamente hai tenuto duro in tutto questo periodo e ora goditi questa tappa e goditi quindi il tuo staccare così presto che ti permette di recuperare il tuo tempo e le tue energie. ciao ciao

    RispondiElimina
  10. M.da R. ottimo ma in termini euro/mese???.

    RispondiElimina
  11. Mi sta bene tutto, lo sai come la penso.
    MA. Se lavori prevalentemente al computer di diritto bisogna sgranchirsi e far riposare gli occhi.
    Io a metà mattina faccio 5/10 minuti al caffè
    (compatibilmente con il lavoro ovviamente) perchè devo arrivare alle 18.00 ancora sana di mente. A parte il fatto che arrivo sempre in anticipo e quindi nessuno mi può dire di sprecare tempo-lavoro.
    Mentre ti leggevo ghignavo tra me e me pensando al metodo applicato da te e alla fauna che c'è qua da me :))))))))))))))) ghghghgh mi piacerebe vederli SUBIRE questo trattamento!

    RispondiElimina
  12. Lieta di sentirti felice.
    Io inizio alle 8:30 e finisco verso le 18 :(
    non potrei fare altro oraio, al massimo potrei ridurre un poco la pausa pranzo, preferisco però tornare a casa e stare 10 minuti in più con il mio Newton piuttosto che uscire 15 minuti prima.

    Se potessi sucire alle 16 o 16:30 sarebbe diverso, ma non potendo...

    RispondiElimina
  13. @Katia e M da R: ma siete del fisco? :-P
    Per privacy non mi va di dirlo a meno che si tratti di un amico e in quel caso glielo direi volentieri di persona. Ma qui, in pubblica piazza, non mi sembra il caso. Comunque, a spanne anche perché non ho ancora ricevuto una busta baga, dovrei guadagna qualcosina di piú che in Italia mentre la vita é nettamente meno cara.
    @Nemuriko: se si esce a mangiare 1 ora é il minimo per mangiare tranquillamente. Restando dentro ho visto che mezz'ora permette di mangiare tranquillamente.
    @Federica: mah, sí, insomma é vero che non si interagisce moltissimo ma se si mangia insieme la mezz'ora basta. Non ho ancora detto di cosa mi occupo. Domani lo scoprirai.
    @Sissi: idem, domani lo scoprirai ;-)
    @Anny: quelli che girano a vuoto stando fino alle 21 per un buono pasto sono delle persone tristi... io preferisco avere 15 euro in meno e avere due-tre ore davvero per me.
    @Barbara: cavolo, bravo tuo papá a lasciare il pomeriggio libero! :-)
    @Luca: grazie! :-P
    @NewYorkino: anche per te, domani troverai svelato (quasi) tutto.
    @Irene: grazie :-)
    @M.da R.: vedi prima risposta ;-)
    @Clio: sí vabbé, ma come ho scritto, uno si alza ogni tanto a riempire il bicchiere dell'acqua o a farsi un thé o anche ad andare in bagno. Poi fa bene anche ogni tanto togliere gli occhi dal monitor e guardare in giro per l'open space...
    @Lady.Chobin: quando si parla di Newton e di cani hai sempre il mio appoggio e la mia approvazione ;-)

    RispondiElimina
  14. Sono contenta che ti stia trovando bene.

    RispondiElimina
  15. Qui dipende dalle ditte: ci sono quelle con l'orario fisso e quelle no, quelle con la pausa caffè e quelle no, ecc.... devi solo avere *culo* e farti prendere da chi va bene per te.

    RispondiElimina
  16. Ottimo direi! Vorrei tanto farmi un paio di mesi in Austria..il mio tedesco è un po'scarso ma sarei disposto a fare di tutto..parlo inglese.. senti di potermi consigliare qualcosa? Lavoro come segretario d'albergo ma ho lavorato anche in sala e al bar in passato..
    Grazie, ciao e buona fortuna!

    RispondiElimina
  17. Naturalmente, prova qui: www.gastrojob.com o qui www.hogastjob.com Buona fortuna!! Se per caso vieni qui fammelo sapere. ;-)

    RispondiElimina
  18. Ciao. Mi sono imbattuto per caso sul tuo blog e ho letto della tua esperienza in Austria. Premetto una cosa: dopo aver letto non faccio altro che invidiarti.
    Volevo chiederti che lavoro svolgi in Austria. Io pure vorrei trovare una occupazione in questo paese (parlo abbastanza bene il tedesco, a detta di tutti gli austriaci e tedeschi con cui sono venuto a contatto), ma ahimè non sono in possesso di titolo di studio universitario (sono un modestissimo ragioniere). Che possibilità potrei avere secondo te? Grazie per la risposta che mi potrai dare. Un saluto, Massimo M.

    RispondiElimina
  19. Francamente non lo so perché io mi occupo di informatica che é un ramo che non risente molto dei confini geografici (il lavoro che faccio potrei farlo ovunque nel mondo). Nel tuo caso non so se ci sono legislazioni e quindi regole diverse. Dovresti informarti. Quanto al lavoro in sé, quasi tutto é concentrato a Vienna. Auguri! ;-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P