martedì 20 gennaio 2009

Allarme antincendio

Dunque, anche oggi non riesco a partire con il racconto della "scampagnata" aziendale (manco ho scaricato le foto). Ieri sono andato in ufficio, malgrado fossi un pó malandato, con la convinzione di rimanermene tranquillo alla scrivania dalla mattina alla sera, eccetto la mezz'ora di pausa pranzo che comunque faccio nella sala ristoro aziendale senza uscire. Invece nel bel mezzo di un lavoretto al PC... DRIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIN... cavolo é?! E vedo tutti che con calma ma senza badare al lavoro si mettono il giaccone e raccolgono le proprie cose per uscire. Allarme antincendio. Tutti fuori, davanti all'edificio. E dopo una decina di minuti é arrivata la macchina dei pompieri (che ho fotografato per voi col cellulare ^_^) e dopo altri 10 minuti (totale 20 minuti al freddo) se ne sono andati. Probabilmente un falso allarme, ma chi lo spiega ai miei polmoni?!
P.S.: Il capo del mio team ieri ha detto alla persona che mi sta introducendo al lavoro che devo essere un pochino produttivo giá a partire dalle prossime settimane e quindi di lasciar perdere i manuali e di procedere invece a comunciare a farmi fare qualche piccolo lavoretto. OK, fra un pó sará passato un mese ma la mia collega dell'altro team é da novembre che studicchia qui e lá e ha fatto il corso con me settimana scorsa mentre io entro e manco ho tempo di farmi delle buone basi teoriche?! Uff...

8 commenti:

  1. Eh, son cose che capitano, basta qualcuno che fumi sotto una di quelle spie che salta tutto...pensa che io sono l'addetta antincendio del mio piano e quando succede mi tocca andare a radunare gli altri e portarli fuori in fila e tra allarmi e porte REI ogni volta è sempre un po' di caos. Io penso invece che il capo del tuo team ha già capito che vali e di conseguenza accorcia i tempi vuole metterti subito all'opera. Ciao, stammi bene ! Anny

    RispondiElimina
  2. E' gisuto che ti buttino nella mischia, così imparerai molto più in fretta :D
    Sii ottimista.

    RispondiElimina
  3. Ti serve qualche intingolo miracoloso per rimetterti in forze, io eviterei il brodo di pollo.
    Non ho mai capito questa cosa del brodo di pollo che gli americani ingurgitano quando sono ammalati, a me non farebbe bene anzi mi provocherebbe problemi di altro tipo allo stomaco. Meglio un minestrone di verdura e il pollo lasciamolo ai telefilm americani.

    RispondiElimina
  4. PS. oggi doppio perché ieri non c'ero!

    RispondiElimina
  5. :-D eh inizia a essere un po' produttivo perdinci! :-P ora ti tolgono i manuali vedrai quanto avrai da lavorare..come sono contenta per te!!

    RispondiElimina
  6. Alle 10 del primo gennaio nell'albergo qualche cretino ha fatto scattare l'antincendio ... non ti dico la gente com'era felice ...

    RispondiElimina
  7. @Glitter: premesso che non piace per niente neanche a me, specialmente con i poveri polli di oggi allevati in batteria e a mangimi chimici... però gli americani, come i nostri nonni, ci davano il brodo di pollo perchè è ricco di molte proteine ed altre sostanze che accelerano la ricostituzione delle cellule del sistema immunitario, è un leggero antinfiammatorio ed aiuta a liberare il naso e le vie respiratorie. In alcuni paesi orientali ci aggiungono addirittura il peperoncino proprio per aumentarne l'effetto antinfiammatorio. Ciao! Anny

    RispondiElimina
  8. Il brodo di pollo è un toccasano universalmente riconosciuto, specie come post-sbornia.
    Per il lavoro, pensa che nell'ultimo ufficio dov'ero mi hanno "istruito" cinque giorni, perchè poi quello che sostituivo è stato a casa. Probabilmente era un lavoro più facile del tuo, ma ti garantisco che all'inizio ho fatto un po' di fatica ed ho perso ore in giro per l'azienda a mendicare dritte ed a farmi spiegare cose.
    Per l'allarme, dov'ero io facevamo 2-3 simulazioni all'anno, ma non sono mai arrivati i pompieri.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P