martedì 2 dicembre 2008

Castagnaccio A

A, conoscendo la mia passione sfrenata per le castagne, mi ha gentilmente regalato 1 Kg di ottima farina. Cosí prendendo come base la ricetta che c'era sulla confezione e modificandola in senso cioccolatoso ho con successo realizzato un ottimo castagnaccio con un aroma arancia-cioccolato molto gradevole. Ecco la ricetta del Castagnaccio A in onore appunto di A. che mi ha regalato la farina.

CASTAGNACCIO A


Ingredienti:
1 dl succo di arancia
15 g cacao amaro
150 g farina di castagne
1 pizzico di sale
50 g di zucchero
1 cucchiaio abbondante di canditi all'arancio (qui si chiamano Aranzini)
1 cucchiaio di uvette ammollate nell'acqua bollente (o nel liquore per chi preferisce)
1 cucchiaio di gocce di cioccolato o pezzetti di cioccolato
1 cucchiaio di olio
Acqua (quanto basta)

Procedimento:
Accendere il forno con la ventola a 180°C. Mettere il succo con i canditi in un contenitore che servirá poi per fare l'impasto e le uvette in una ciotolina con l'acqua calda. Pesare e mischiare farina, cacao, sale, zucchero e setacciarne una piccola parte sopra il succo di arancio. Mescolare e gradatamente aggiungere il resto della farina (sempre setacciandola) e contemporaneamente un pó di acqua in modo da mantenere l'impasto un minimo mescolabile. Cosí facendo si evita la formazione dei grumi. Aggiungere le uvette e quindi a questo punto si deve portare l'impasto alla consistenza giusta aggiungendo acqua a sufficienza. La quantitá dipende dalla capacitá di assorbimento della farina di castagne. Ad ogni modo alla fine la miscela deve essere liquida in modo da non rimanere attaccata al frustino ma non cosí liquida da non lasciare nessun residuo. Orientativamente direi come un passato di verdura. Versare in una forma da 22 cm di diametro, spargere un cucchiaio di olio e cospargere coi pezzetti di cioccolato. Cuocere quindi nel forno per 25 minuti.

9 commenti:

  1. Complimenti, immagino che bontà, questo è un castagnaccio da ricchi, niente a che vedere con quello dei poveri contadini di un tempo che ci mettevano pure le foglioline di rosmarino convinti che fosse afrodisiaco. Un salutone. Anny.

    RispondiElimina
  2. dai che ti citofono,
    io porto la moka e il caffè,
    che lascio lì, per quando vengo...
    :D

    RispondiElimina
  3. Si diciamo che con la ricetta originale del Castagnaccio ha in comune giusto la farina di castagne eh? Golosastro

    RispondiElimina
  4. @Anny: sí, molto saporito e originale, probabilmente anche molto piú calorico :-P
    @Nelson: ah, fai l'abbonamento? :-D 12 assaggi di torta al prezzo di 10? La Moca appunto non ce l'ho perché non bevo caffé ma ho sempre la cioccolata pronta ;-)
    @Barbara: e anche l'olio eh eh eh... Sí sí son proprio golosastro, lo so... ;-)

    RispondiElimina
  5. Una versione modificata della Pattona, potrebbe piacermi :D

    RispondiElimina
  6. Ma poi la mangi tutta tu?

    RispondiElimina
  7. @Lady.Chobin: pattona?! Questa non é gelatinosa ne insipida come il castagnaccio normale. E' una bomba cioccolosa ;-)
    @LCL: e chi se no? Ma poi 22 cm di diametro son niente...

    RispondiElimina
  8. interessante la versione cioccolatosa...io però non amo canditi ed uvetta, magari potrei sostituirli con noci e nocciole ;)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P