martedì 11 novembre 2008

Il mio momento critico

Sono in un momento un pó critico. Mi rendo conto che non posso avere fretta perché in fondo il lavoro seriamente lo sto cercando da luglio. Peró anche i soldi sono importanti perché se non ci sono, come si fa a vivere? Mi rendo anche conto che é proprio in questi momenti che bisogna evitare di abbattersi. Perché poi di conseguenza nascono altri problemi, come la voglia di non far piú nulla (invece devo darci dentro col tedesco) o peggio. Conosco gente che a causa di problemi vari (di cuore o altro) é caduta nel baratro delle crisi di ansia e non so se sapete cosa vuol dire. Giusto ieri mi ha chiamato un mio amico confessandomi questo. Senza contare che secondo me é piú facile ammalarsi se si é giú. Insomma, "mi devo portare pazienza" e cercare di allontanare da me il piú possibile i pensieri negativi. E non é per nulla facile. Devo cercare di scordarmi la fissa del lavoro (pur continuando a mandare i CV) e concentrarmi sul tedesco ancora di piú. Oramai leggo anche volentieri le riviste che arrivano, devo lasciarmi andare anche a queste cose che di fatto sebbene mi sembrino una perdita di tempo, contribuiscono a farmi conoscere meglio la lingua. Devo riuscire a concentrarmi solo su questo, pensando che il resto arriva. Sí, lo so, me lo hanno giá detto in molti, anche alcuni di voi che commentano qui, ma forse non ne ero ancora convinto. Non so. E' la mia speranza. Poi non vedo altre possibilitá nel senso che non voglio tornarmene in Italia. Non fa per me. Senza contare i miei problemi di salute che qui sono molto diminuiti. Possibile che non riesca a trovare nulla? Mi sembra strano, tanto non ho ambizioni di carriera, mi va bene anche un lavoro tranquillo. E invece nulla. Malgrado mi continui a chiamare gente per poi dirmi che si rifará viva per poi non farlo piú (ieri mi ha chiamato l'Ikea, mentre il  tizio del negozio tipo Pizza Hut mi ha risposto al tel che il posto era giá andato via) devo riuscire a superare questo senso di "stress da ricerca di lavoro" e concentrarmi sul tedesco. Mi sembra l'unica cosa da fare. Anzi, é l'unica cosa da fare. Volevo solo farvi partecipi di ció. Per oggi niente commenti. Li ho disabilitati. Prima che salti fuori l'idiota di turno con i suggerimenti della mutua come successo in passato. Non aiutano, grazie, anzi fanno traballare le mie certezze che in questo periodo non son molto solide. E poi oggi proprio non riuscirei a sopportarli e non é da Grissino mandare a ***are qualcuno. A tutti gli altri, un grosso saluto perché il pensiero che mi tenete compagnia tutti i giorni mi aiuta in questa mia battaglia.