mercoledì 19 novembre 2008

Cena americana

Ieri sera cena americana. Dalla mia biblioteca culinaria ho rispolverato un carinissimo libro a colori con le ricette dei Pancakes, QUESTO, che ha davvero delle foto stupende e invitanti. I Pancakes sono una di quelle cose relativamente facili che peró non si fanno mai. E' un vero peccato. Presa la mano (su come ottimizzare le operazioni di miscelaggio sporcando il meno possibile) e l'occhio (sulla densitá dell'impasto e sul calore necessario alla cottura) sono ottimi e comodissimi da fare. Una volta cucinati, se non si finiscono si possono congelare e poi riutilizzare in emergenza mettendoli semplicemente nel tostapane come un toast. Cosí ieri sera me ne sono pappati quattro, due al miele, uno al cioccolato e uno alla marmellata prugna-sambuco. La ricetta é banale: io ho usato 1 cup di latte, 3 tablespoons di burro, 1 pizzico di sale, 2 teaspoons e mezzo di lievito, 2 uova, 1 cup e mezzo di farina ma il segreto della buona riuscita é nel saper dosare il calore nella pentola (se no escono crudi dentro o troppo secchi) e nel verificare la corretta densitá della pastella senza sbatterla troppo. Il mio risultato direi che é stato buono eccovelo:

17 commenti:

  1. nooo...ma allora il signorino si tratta molto bene eh? beato te..ieri sera risotto con zucca e anche molto poca..uff accidenti alla dieta!
    però sei proprio bravo eh!

    RispondiElimina
  2. Una cenetta da vero goloso con i pancakes dolci ! sono bellissimi e coloriti al punto giusto. Grazie per la Griss-ricetta, io uso farina 00, un po' di rinforzo di Manitoba e l'albume delle uova montato a neve, vengono molto soffici:-9. Buona giornata. Anny

    RispondiElimina
  3. Accidenti ti tratti bene , uan cenetta ''dietetica'' proprio :P

    RispondiElimina
  4. a parte i cup e le altre unità di misura americane, la prossima volta che vado in america prendo i loro misurini che fanno molto figo (si si lo so che è tutto traducibile in grammi, ma avere i misurini cup etc. da più soddisfazione). Io continua a preferire una cena a base di roba salata.

    RispondiElimina
  5. quello al cioccolato sembra buonissimo!

    RispondiElimina
  6. @Slivia: ma il risotto lo hai fatto tu? Eh, pensa che qui le zucche costano niente: 1,30 al chilo e si scarta pochissimo con le Hokkaido.
    @Anny: sí, sul libro c'é anche la versione col bianco d'uovo. Io per iniziare ho preso quella semplice. :-P
    @Barbara: ma ho mangiato solo quello...
    @Lady.Chobin: guarda che li trovi anche qui. Negli States ci sono di tutti i tipi ma anche qui, seppur piú brutti o piú costosi, li trovi. Ci sono anche i Pancakes salati!!!
    @Piepez: buono sí, cioccolato belga Callebaut! :-P

    RispondiElimina
  7. meravigliosi questi pancakes!

    RispondiElimina
  8. Penso che mi faro' anch'io dei pancakes questo we.

    Anche qui a Parigi si trovano i pancake salati, che i francesi chiamano blinis (alla russa).

    RispondiElimina
  9. Buooooni i pancakes, a me piacciono tantissimo quelli ai blueberry.

    RispondiElimina
  10. Grissino e ci mancava che mangiassi altro !!!

    RispondiElimina
  11. Mia mamma ha vissuto in America per tanti anni e quando eravamo piccole la domenica mattina li preparava spesso, con sopra lo sciroppo d'acero-Siurep (quando tornava da Philadelphia qualche parente se ne faceva portare sempre qualche bottiglietta).
    Adesso lo sciroppo d'acero si trova facilmente anche in Italia e ogni tanto lo ripropone, anche se tipo sotto le feste natalizie dove ti concedi qualcosa in piu'.
    Non è ipocalorico come piatto e sostituisce un pranzo completo a calorie.
    Grazie per questo tuffo nel passato.
    Bacioni
    la volpe

    RispondiElimina
  12. che invidia, solo a guardarli mi è venuta l' acquolina in bocca...

    RispondiElimina
  13. sono assolutamene invitanti e mi ricordano giornate meravigliose negli States...

    RispondiElimina
  14. Oggi passo per un saluto serale, chissà che l'orario diverso non porti a qualcosa di buono. Fammi sapere.

    Ciao, GV

    RispondiElimina
  15. @Sariti: grazie!
    @Manuela: uh quante cose buone che ci sono anche a Parigi!!
    @Clio: eh eh...
    @Glitter: anche a me ma non avevo i mirtilli...
    @Barbara: secondo me tu ti sei abituata a mangiare come un uccellino... :-D
    @Volpe: a me lo sciroppo d'acero non piace granché. Lo mangio volentieri se me lo offrono ma non lo vado a comprare. :-P
    @Mina: con la ricetta puoi farli anche tu!!
    @Clio: meglio!!! Quasi a posto. Deve continuare con le medicine.
    @Anonimo della Redazione Milanometropoli: eh sí, anche io ho tanti bei ricordo degli States!
    @Glitter-grazieeeeeee! :-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P