mercoledì 22 ottobre 2008

Pane viennese

Oggi vi parlo di un prodotto un pó speciale. Faccio peró una perentesi sul pane viennese. Qui a Vienna ci sono un sacco di panetterie, una poi in quasi tutte le stazioni del metró e, personalmente ho le mie preferenze. Escludendo le panetterie artigianali, alcune di assoluta eccellenza, fra quelle delle catene piú comuni la mia preferita è Der Mann, poi Felber, Ströck e in ultimo Anker che secondo me non ha dei buoni prodotti. Il pane é di qualitá nettamente superiore rispetto a quello che trovavo a Milano a meno di non andare forse in alcune panetterie d'élite. Buonissimo il pane coi semi di zucca, quello con la soia, con le carote e tanti altri ancora. Bene, oltre a questi pani deliziosi, esistono poi i pani fatti dalle panetterie turche. In linea di massima i pani sono molto piú semplici e meno buoni di quelli viennesi e quasi tutti cosparsi di sesamo (secondo me per dargli un minimo di sapore visto che sono appunto abbastanza semplici...). L'altro giorno ho voluto provare il FLADENBROT che mi aveva consigliato mesi fa Amica L dicendo che assomiglia vagamente a una focaccia. Effetivamente é un pane morbidissimo che richiama la focaccia ma non é assolutamente unto. Buono é buono, tanto che ne ho quasi fatto fuori uno in un giorno e contando che, come vedete dalla foto (cliccare per ingrandire), é grande quasi 30 cm... sigh, non oso pensare quante calorie abbia ingerito. A differenza dei pani viennesi di cui vi parlavo che rimangono fragranti quasi una settimana intera, questo secca o diventa gommoso in breve tempo. Quindi conviene comprarlo solo se lo si mangia il giorno stesso. Non in ultimo, viene il prezzo che é davvero incredibile. Sapete quanto ho pagato quella pagnottona? 70 centesimi! :-P

20 commenti:

  1. Il pane che si trova in Austria e in Germania è davvero speciale, unico, c'è una lunga tradizione ed una cura particolare nella panificazione con tante varietà e tanti semi e farine diverse, salutari e ricche di fibre. Il Fladenbrot con i semi di sesamo nero, credo che contenga un po' di latte, zucchero e grasso nell'impasto, il risultato è una crosta morbidissima ed una sofficità che però dura poco. Ottimo prezzo in ogni caso per quella bella pagnottina, qua il pane ha raggiunto prezzi da gioielleria. Buona giornata. Anny

    RispondiElimina
  2. Il costo è incredibile.

    Sul discorso "soldi" speravo che la lega facesse qualcosa di più qua in Italia. Non c'è controllo. Tanto la gente compra compra compra.

    RispondiElimina
  3. io amo il pane coi semini: sesamo,girasole, zucca... oppure col mais.. e qui purtroppo non si trovano!

    RispondiElimina
  4. quando passo da te mi fai sempre venir fame!!! passa dal mio nuovo blog che ti offro un pasticcino! http://polvereenostalgia.blogspot.com/

    RispondiElimina
  5. da non amante del pane, da quando vivo a vienna ho dovuto cambiare idea...non c'e' assolutamente paragone con il pane che si trova in italia (parlo di quello delle parti perche' ovviamente non conosco tutte le varie tradizioni regionali... ;.)...) e poi e' davvero economico! vicino all'appartamento dove vivevo prima c'e' proprio un panificio turco ed era abitudine consolidata con i miei coinquilini di comperare due pagnotte ogni giorno...

    RispondiElimina
  6. Non amo il pane devo dire ultimamente lo mangio quando sono in giro e non posso mangiare altro ( per via del colon) ma accidenti farsi fuori una pagnottona così da solo in un giorno ? Pure MisterN che ne è mangiatore non ci riuscirebbe!

    RispondiElimina
  7. @Anny: vero, il pane é favoloso! E lo dico io che di solito ne mangio poco. Ho trovato una ricetta del Fladenbrot
    750 g Dinkelmehl 630
    250 g Weizenmehl (1050)
    1 Würfel Hefe
    2 Msp. Salz
    500-700g Wasser (ungefähr)
    non sembra contenere latte o grassi nell'impasto...
    @Clio: piú che altro ci sono troppi intermediari e i prezzi vanno alle stelle.
    @LaLunga: qui allora andrebbe benissimo, ci son tutti!
    @Blacksusy: fatto! ;-)
    @Sariti: sí con quel prezzo, si puó. Ma secondo me non bisogna nemmeno esagerare e mangiarne troppo.
    @Barbara: era proprio buona, tipo focaccia... e con salumi e formaggi si fa in un attimo. :-P

    RispondiElimina
  8. Oh bene, allora bisogna provare la tua ricetta, c'è solo farro, farina bianca, lievito, acqua sale e nient'altro. Se non mi confondo con altro, sapevo che in quel tipo di pane mettono anche un po' di grassi e latte e che lo usano anche per la carne nei kebab, i turchi la considerano una specie di piadina, in ogni caso meglio così, bisogna sperimentare al più presto. I prezzi del pane sono davvero lievitati, ma io me lo faccio da sola in tutti i modi con i semini. Grazie e ciao. Anny.

    RispondiElimina
  9. io son nipote di panettieri... e adoro il pane!!

    RispondiElimina
  10. oddio quanto adoro il pane... mmmh mi hai fatto venire una fame... stasera pane e marmellata di castagne, deciso. :-9

    RispondiElimina
  11. A piacciono il pane giallo e la michetta rigorosamente vuota e con cappellino croccante della sciùra Bianca (gli altri panifici la michetta e il pane giallo così buoni non li sanno fare) e poi il pane con le noci del Gigante.

    Aaah quasi dimenticavo adoro anche il pane con l'uvetta, quello della sciùra Bianca e poi quello del panettiere sulla sinistra prima del ponte dei leoni a Monza del quale ahimè non ricordo il nome.

    Adoro il pane!
    Per chiosare mi affido alle parole di Nicolas Cage nel mio film preferito (Stregata dalla luna): IL PANE E' VITA.

    RispondiElimina
  12. Da casa mia quando rientro la sera tardi si sente l' odore del pane appena sfornato.Mi viene un' acquolina in bocca ....

    RispondiElimina
  13. Morirei senza pane... Il Fladenbrot l'avevo sempre visto a Naschmarkt ma sai che prezzi girano da quelle parti :(

    Noi qui siamo fortunati, c'è un panificio stratosferico, ma è l'unico decente in zona...

    RispondiElimina
  14. con quel pane si potrebbe fare un mega kebab!!

    RispondiElimina
  15. ma nell'altro appartamento eravamo in 6...capirai che due "pagnotte"finivano davvero presto... ;.)

    RispondiElimina
  16. Silvia Magnolia Wp23 ottobre 2008 06:58

    oh mamma ...grissino abbiamo gli stessi piatti dell'Ikea :-D...quando due persone vanno daccordo oltre i confini europei..;-)
    Buonissimi questo pane!

    RispondiElimina
  17. eh eh, io il pane me lo faccio in casa con la macchina del pane e non la cambierò nemmeno per tutto l'oro del mondo!!!

    RispondiElimina
  18. @Anny: ecco non so se quella é la ricetta che usano anche in panetteria. Dovrei chiedere o fare altre ricerche.
    @Federica: a me piace ma senza esagerare.
    @Lindöz: anche tu appassionata di castagne?
    @Glitter: cavolo, interessante il pane giallo. Ma intendi pane di mais o il "Pan de Mei"?
    @Mina: qui in fondo alla via sempre ;-)
    @Xalira: se lo sapevo, te lo portavo quando ci siamo visti!
    @Anonimo: infatti mi sa che lo usano anche per quello...
    @Sariti: ah, OK!
    @Silvia: si vede che ci piacciono le stesse cose di casa! Sono carini, allo stesso tempo rustici, eleganti, grandi e colorati.
    @Mavero: certi pani in casa non vengono come in panetteria perché usano impasti madre e farine particolari. Quindi non bisogna essere estremisti :-P

    RispondiElimina
  19. Io adoro il pane specie le cosidette "mantovane" e pane con zucca e uvetta. In Alto Adige mangio con la bava i pani con i cereali e il pane nero, c è una valle famosa per il pane artigianale che fanno. Ottimo anche lo ZELTEN tipo pane dolce con tantissima frutta secca spezie che viene fatto in inverno specie verso Natale.

    RispondiElimina
  20. Pane zucca e uvette? Mai mangiato, ma deve essere buonissimo!! Lo Zelten invece l'ho assaggiato e non mi piace molto. Preferisco il Lebkuchen ripieno.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P