lunedì 20 ottobre 2008

Der Grüngürtel 04 Marswiese – Feuerwache Steinhof

Sabato scorso altro pezzo di anello! E' stata piú dura perché il percorso era piú lungo e anche perché la segnaletica del Grüngürtel a un certo punto é venuta meno. Non che ci sia il rischio di perdersi perché ci sono i segnali delle passeggiate ufficiali (Wien Wanderweg) ma quello di dover fare altri 4-5 chilometri (gasp!) sí. La prima parte della passeggiata é piuttosto "solitaria" ossia si é nel mezzo di un bosco piuttosto isolato. Nella seconda parte é piú facile vedere Mountain Bike, persone che corrono e famigliole in gita. Attenzione che in caso di pioggia la prima parte é piuttosto "umida" e c'é anche un piccolo torrentello da attraversare. Se siete "cittadini" (come me) ricordatevi anche che il bosco non é di cemento e ci mette molto di piú ad asciugare. Ma la cosa piú semplice é andare con un paio di anfibi o scarponi da montagna come bisognerebbe sempre fare. Al solito partiamo con le foto!! (mi raccomando doppiocliccate sulle foto per vederle meglio, soprattutto le composizioni!):

Scesi dal mezzo pubblico si imbocca la strada e si gira alla prima a sinistra:
 
 Si sale per il viale alberato:
E si scende nel parco:
 
Da lí si prosegue lungo l'ampio vialone alberato:
 
e una volta oltrepassate le "Colonne di Ercole"
 poste ai lati del vialone:
  
si entra nel bosco vero e proprio. Da sinistra a destra, dall'alto in basso: il bosco, funghi, ancora il sentiero all'interno del bosco, uno dei cartelli che ci sono sulla strada che per un tratto costeggia il bosco, un tratto del bosco con una "nebbia di cespugli", una strana dalmata mangiatrice di erba (accidenti a lei che poi la vomita! Cosa puntualmente successa per fortuna quando eravamo ancora nel bosco), la prima parte della passeggiata é parecchio umida: questo é uno dei tratti piú asciutti (si avete letto bene, asciutti).
 
Questo é l'incrocio da cui parte la seconda parte della passeggiata come l'ho idealmente divisa io:
 
Da sinistra a destra, dall'alto in basso: la stradina con la legna tagliata sul fianco, muschio, funghi, un tratto del bosco, la salita in direzione della cima sulla strada non asfaltata, il cielo blu di Vienna che si intravede fra gli alberi, la mia dalmata che mi aspetta seduta a un tavolino, l'ultimo pezzo prima della cima. 
 
 Ed ecco la cima con il pratone e i tavolini per mangiare:
 
 Da qui inizia la discesa, sempre all'interno del bosco:
Da sinistra a destra, dall'alto in basso: una casetta per gli uccelli nel bosco, panorama da uno dei punti piú alti, fungo del legno, spianata con tavolini e campo da calcio, quanto é alto un albero? Tanto!, una fontana carina in mezzo al bosco, il segno che indica la direzione da percorrere nelle passeggiate ufficiali (Wien Wanderweg) e l'arrivo: la stazione dei vigili del fuoco!
Che dire? Anche questa volta son stato contentissimo, forse piú dell'altra volta. Ho ancora sbagliato strada (grrrr) ma per fortuna con GPS e cartina mi son salvato. Essendo qualche chilometro in piú (in teoria 5 ma io coi miei sbagli ne avró fatti almeno 6-7!) ci ho messo 4 ore anziché 3. Al solito io ho il passo lumacoso e mi fermo un sacco a guardare il bosco, sentire gli odori, fare le foto e cosí via (senza contare gli sbagli di strada) quindi il tempo é relativo. I viaggi coi mezzi pubblici sono stati di circa mezz'ora (2 tram andata e bus+metró al ritorno) visto che questo pezzo di anello é ancora abbastanza vicino a casa mia. Ora che sapete com'é, tocca a voi: buon divertimento... :-P

12 commenti:

  1. Buongiorno ! finalmente rediviva! Scusa :-P
    che bellissime foto..accidenti che posto meraviglioso e che bellissima giornata! decisamente meglio della mia!
    buona giornata!
    Silvia

    RispondiElimina
  2. Che bellissime foto, che posti tranquilli e pieni di verde, è incredibile come ci si possa trovare in boschi fittissimi a pochi metri dalle strade cittadine, chissà quanti altri bei posti ci sono nei vari percorsi, quante belle passeggiate potrai fare e che gustosi pic-nic su quelle tavole con la buona stagione. Hai visto le famigliole e la russula tra i funghi?. Bravo, hai fatto anche bei kilometri. Buona giornata. Anny

    RispondiElimina
  3. Foto meravigliose e la dalmata è stupenda :)

    RispondiElimina
  4. Bellissimo! bravo Grissino belle anche le foto

    RispondiElimina
  5. E' bellissima la foto della tua bimba seduta sulla panchina, troppo dolce.
    :-)

    Buona settimana,
    GV

    RispondiElimina
  6. Amico grissino ti dico quello che mi ha detto il mio veterinario:
    Se il cane mangia l'erba è perchè ha bruciori di stomaco. Mangianodo sente lì per lì una sensazione di sollievo ma il rigurgito successivo produce succhi gastrici che aggravano il bruciore. Quindi vietato far mangiare l'erba al cane e ricorrere a passticche per il bruciore che se non sbaglio sono date anche all'essere umano (sfortunatamente non ricordo il nome del medicinale).
    Saluti e buone passeggiate
    la volpe

    RispondiElimina
  7. Beh, non é che si butta sull'erba ma ogni tanto... quindi non so se sia bruciori di stomaco o no.

    RispondiElimina
  8. Mi pare che alcuni animali, tipo il cane ed il gatto (il mio lo fa), mangiano l'erba per ripulire lo stomaco dal pelame che spesso ingoiano mentre si leccano per pulirsi e dopo, almeno il mio gatto, è tutto bello vispo, non mi pare dolorante.. comunque va a capire il vero perchè. Anny

    RispondiElimina
  9. Anche io avevo sentito che era per quello...

    RispondiElimina
  10. Correggi "i sbagli" verso la fine del post.

    RispondiElimina
  11. Fatto pignolino/a! :-P

    Purtroppo ogni tanto qualche errore scappa nella fretta o per la stanchezza. :-(

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P