giovedì 22 maggio 2008

Nell'obitorio del metró Karlsplatz

L'altra settimana son sceso per caso nel metró fermata Karlsplatz da una entrata che non avevo mai utilizzato ossia quella orientata verso il Naschmarkt. Ebbene, io vorrei sapere chi ha ideato una tale entrata. Si scende giú e ci si ritrova in un corridoio di colore grigio, tutto di marmo che assomiglia nel migliore dei casi a un cimitero. Nel peggiore mi ha ricordato l'aula magna della facoltá di medicina legale a Milano!! A completare l'allegria dell'ambiente ci sono degli specchi con dei numeri che avanzano e che si riferiscono a persone morte (che sono appena morte) per questo o quel motivo. Insomma, nei primi 20-30 metri tira un'aria di sfiga in quel corridoio... poi la situazione migliora e i conteggi si fanno via via piú simpatici fino all'arrivo nella stazione vera e propria. Tralascio i conteggi dei morti e vi posto le due foto migliori che comunque rendono l'idea di questo posto. La prima riguarda il numero "pigreco" ossia 3,14 che peró in realtá é arrotondato. Nel corridoio hanno sfruttato una lunghissima parte della parete per scriverlo con decine e decine, anzi centinaia di decimali!! (al solito cliccare per ingrandire e vedere meglio)

La seconda foto invece si riferisce al numero delle Wiener Schnitzel servite a Vienna dal 1° gennaio. Finalmente qualcosa in sintonia con il mio spirito! :-P

P.S.: Qui oggi é festa. ;-) Corro a prepararmi un Gugelhopf allo zafferano e poi via coi compiti di tedesco!!

22 commenti:

  1. mamma mia....e Kay Scarpetta dov'era...l'hai incrociata??

    RispondiElimina
  2. Beh, un po' angosciante come primo impatto il conteggio dei decessi, sembrano gli archivi di un coroner! chissà se pure c'è il conteggio dei krapfen? :-)
    Eh, che vuoi farci, i designer di oggi le chiamano innovazioni, esperimenti architettonici finalizzati a tenere informato il pubblico riguardo al rapido scorrere del tempo e sugli sviluppi nei vari campi, anche quelli poco piacevoli. Ciao, buono studio. Anny*

    RispondiElimina
  3. :-O oh sigunr..che ansia che mette sto' posto..di solito le stazioni metro sono famose anche per opere d'arte e estro di vari artisti..ma qui l'unico artista mi sa che è stato il becchino del rione :-D
    A me farebbe paura andarci da sola la sera..magari invece è un posto sicurissimo.
    :-D bello Anny ha ragione ci vorrebbe anche il conteggio dei krapfen :-D
    Silvia

    RispondiElimina
  4. per fortuna me lo son perso quando ho visitato Vienna.. :/

    RispondiElimina
  5. ma non c'avevano nient'altro da metterci?!

    RispondiElimina
  6. Brrrrr
    sarà stato ideato da qualche architetto griffato figo
    sulla carta le cose fanno un effetto poi dal "vivo" eheh

    RispondiElimina
  7. @Mirtilla: mai sentita, son dovuto andare su Wikipedia per capire chi é! :-P
    @Anny: no, niente Krapfen mi sembra. Sí, sicuramente era un intento informativo ma il marmo rende tutto cimiteriale!!
    @Silvia: no, Karlsplatz e il parco sono le uniche aree davvero poco sicure di notte a Vienna!! Han messo una stazione di Polizia nel metró. Praticamente tutti i drogati e gli sbandati di Vienna si danno appuntamento in questa stazione del metro. Vedi di quelle facce...
    @Nemuriko: eh eh eh :-P
    @LaLunga: eh, ma nei paesi di lingua tedesca son molto per l'architettura contemporanea, spesso si vedono in giro cose strane.
    @Clio: beh, l'effetto lo fa anche dal vivo anche se non piacevole! :-D Piuttosto son rimasto scioccato che le pareti erano perfette senza neppure una scritta spray!!

    RispondiElimina
  8. Eh, si, probabilmente il marmo, per lo scienziato inventore di questa cosa, farebbe parte del messaggio... asciutto, freddo, inesorabile, imperturbabile, impenetrabile, duro, immodificabile, scarno ed essenziale... come lo scorrere del tempo. Ciao. Anny

    RispondiElimina
  9. Karlsplatz era la mia fermata per raggiungere il centro di Vienna, ma come ho fatto a non vedere questa botta di buon umore? ciao ciao

    RispondiElimina
  10. Una location un po' freddina, ma sempre meglio della linea rossa sporca e puzzolente.

    RispondiElimina
  11. il meme è il premio...niente cose personali...don't worry...

    RispondiElimina
  12. che angoscia! oppotevano aggiungere pure la scritta: ricordati che devi morire!come sta la cagnona?

    RispondiElimina
  13. A me è venuta voglia di vederla, magari di notti e con fuori il temporale :P

    :D ok ok la smetto...Buona Giornata :D

    RispondiElimina
  14. Caspita! Molto particoare questa sala mortua...ehm....questa stazione della metro.... :-DDDD


    Un abbraccio, a presto!!! ;-)

    RispondiElimina
  15. ciao grissino... è davvero tetro quel metrò! che ci facevi nell'aula magna della facoltà di medicina legale a milano?
    ciao e buona notte...anzi buona festa

    RispondiElimina
  16. @Anny: sí, cosí quel genio ha rovinato il bello del contare le Schnitzel, uhmf!
    @Irene: perché di solito la gente sale sopra e va al Nashmarkt alla luce del sole... non in un corridoio-obitorio! Ci sono capitato per caso.
    @Glitter: effettivamente... era tutto lindo e pulito, non una cartina per terra.
    @butterfly.23: beneeeeee, grazieeeee! :-)
    @Kekkasino: sembra essersi ripresa grazie. :-) Se sono allegro io, vuol dire che lei sta meglio ;-)
    @Lady.Chobin: secondo me di notte non fa paura perché é illuminata e fa contrasto con l'esterno. E' di giorno che entri dentro da fuori che c'é il sole e ti ritrovi in un buco di marmo grigio con luce artificiale...
    @Andrea: giá! ;-)
    @Pupottina: ero andato a fare un esame. Il prof che lo teneva insegnava sia nella mia facoltá che a medicina legale se non ricordo male. Per fortuna ci sono stato una sola volta: sul muro ci sono delle frasi di Dante tipo "lascia ogni speranza" :-D

    RispondiElimina
  17. Lasciate ogni speranza, voi ch'entrate. (Inferno, III, 1-9)

    ;-)

    RispondiElimina
  18. Ciao grissino, come sta la tua dalmata?

    RispondiElimina
  19. Molto meglio grazie. Oggi voleva di nuovo mettersi a giocare con gli altri cani!
    :-)

    RispondiElimina
  20. Ti posterò qualche foto del passante ferroviario di p.ta venezia... è molto simile.
    Terribli entrambi!

    RispondiElimina
  21. io non so te ma a me gli obitori non mi dicono granchè... non ho una visione di lutto ma di gran pace e serenità...poi lo dici a una che da piccola hanno fatto baciare i bisnonni sdraiati sul letto che "riposavano"... questione di cultura... non ho paura dei morti ma dei vivi!!

    RispondiElimina
  22. @Nelsoncocker: ma é cosí freddo e pulito?
    @blacksusy: io li trovo tristi. Al massimo posso trovarli utili a Halloween. :-P
    Io invece non sopporto la morte. :-/

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P