martedì 18 dicembre 2007

Biscotti parte 2

Sí, sí, vi annoio ancora coi biscotti di Natale. Forse mi sono dimenticato di dirvi che qui non solo é tradizione fare i biscotti a Natale ma sotto sotto (si fa per dire) c'é una gara a chi fa i biscotti piú buoni e originali!! E poi a commentare "non male, magari un pizzico di zucchero in piú e un pó di profumo di vaniglia e potrebbero ancora migliorare" "hai ragione, sí, e hai visto quelli di X che sono venuti duri come sassi?" "e quelli di Y? Sono gli stessi dell'anno scorso... che fantasia!" "Giá, ma almeno non sono fatti con le paste che si comprano al supermercato come quelli di Z!" e via di questo passo. :-P Ovviamente un appassionato di dolci come me, che vuol diventare viennese DOC, non poteva tirarsi indietro. Anche perché ho sempre visto mia mamma farli e quindi almeno un pó di esperienza visiva l'avevo ;-) Bene, ieri sera é stato il turno dei biscotti allo zafferano e dei Mailänderli (pronuncia "Mailenderli" -> non chiamateli Milanesini se no mi fate venire la nausea, mi ricorderebbero troppo Milano, che poi lí nessuno li conosce!!). Solo impasto. I biscotti li faró stasera. Irene che mi segue fedelmente *SMACK* mi ha chiesto una ricetta semplice. I Mailänderli penso possano andare. Non hanno fasi particolarmente critiche. Ecco la ricetta che dedico a Irene:

Mailänderli

Ingredienti:
250 g Burro
25o g Zucchero
6 Rossi d'uovo (coi bianchi si possono fare altri dolci o altri biscotti, congelarli per riutilizzarli piú avanti)
1 limone non trattato per grattugiare la buccia (io non lo metto perché non mi piace)
1 pizzico di sale
450-500 g Farina
**
1 ulteriore rosso d'uovo + un cucchiaio latte per rifinitura

Procedimento:
Tagliare a cubetti e lasciare ammorbidire il burro in modo che schiacciandolo sotto un dito non si faccia fatica. NON FARLO DIVENTARE LIQUIDO se no poi i biscotti vengono una schifezza perché perdono di "texture". Separare rossi da bianchi d'uovo. Mettere i rossi in una terrina e aggiungere lo zucchero e il sale. Con un frullino (o a mano) sbattere fino a che il tutto non é di colore giallo chiaro. Aggiungere il burro e a mano mischiare delicatamente con una forchetta per omogeneizzare. Aggiungere la farina. Stendere un LUNGO foglio di pellicola sul tavolo vicino. Mischiare con la forchetta e amalgamare la farina (450 se i rossi sono piccoli, eventualmente i 50 si possono mettere alla fine). Quando si é vicini alla fine, mettere insieme l'impasto e dare gli ultimi giri a mano. Questo serve per evitare di scaldare troppo l'impasto con le mani. La pasta deve risultare soda, non umida-appiccicosa, in quel caso aggiungere gli altri 50 grammi di farina. Fare un panetto e metterlo sulla pellicola. Sigillare e mettere in frigo se si fanno lo stesso giorno o il giorno dopo. Congelare se si vogliono fare fra qualche settimana. Se si fanno subito, lasciare la pasta in frigo almeno una oretta o due in modo che il burro si rassodi e la pasta si lavori meglio (e i biscotti non si "splattino" in cottura). Stendere quindi la pasta piuttosto alta (caratteristica di questi biscotti; se sono troppo bassi diventano duri) ossia circa 6-7 mm. lavorandola il meno possibile (regola d'oro per tutti i biscotti e la pasta frolla). Dopo aver ritagliati i biscotti con le formine spennellarli con del rosso d'uovo allungato con un cucchiaio di latte. Metterli su una teglia coperta di carta forno e cuocerli in forno *PRERISCALDATO* ventilato a 180°C circa 10-12 minuti (dipende dalla grandezza delle forme). Sfornare, lasciare due o tre minuti a raffreddare un attimo e poi metterli a raffreddare definitivamente su una gratella (se no si bagnano a lasciarli raffreddare sulla teglia).

Se li fate, ditemi come sono venuti e fatene una foto. Io vi posto le foto dei miei a breve. Buon divertimento!

15 commenti:

  1. Devi smetterla di farmi venire fqame quando sono in ufficio!!!

    RispondiElimina
  2. Beh, se lo sport nazionale è solo la critica dei biscotti benvenga!sempre più sano e meglio che criticare gratuitamente e screditare le persone...Ho fatto dei biscotti di Natale con la pastafrolla alle mandorle ed anche alla granella di nocciole e cacao con le varie formine. Farò anche i tuoi Mailanderli, mettendo anche la scorza del limone che a me piace e poi...lo zucchero a granella sopra, come la neve, che qui è solo un sogno(*_*).Ti farò sapere. Grazie per la ricetta e buona giornata. Anny

    RispondiElimina
  3. O sei a spasso per mercatini
    o a fare biscotti
    teeeee studiare no he? prrrrrrr

    RispondiElimina
  4. ero o prima prrrrrrrr

    clio
    www.endor.splinder.com

    RispondiElimina
  5. ero o prima prrrrrrrr

    clio
    www.endor.splinder.com

    RispondiElimina
  6. Ma tutti sti biscotti te li mangi tu ? Potresti metter su una fabricheta (pronunciato alla milanese) :P

    RispondiElimina
  7. qualche anno fa, avrei vinto la gara :-))
    nella mia famiglia resta una tradizione fare i biscotti e dolcini vari natalizi. facevo il panettone, accudivo la sua riuscita per giorni e, il pandoro, il buon pandoro...
    sono arrivata a farne 28 di biscotti, tutti diversi, tutti decorati.
    era una passione e il regalo di natale per tanti...
    adesso???
    uff! adesso... mangio quelli di mamma quando sono da lei per natale.

    RispondiElimina
  8. Io sono un disastro coi biscotti, meglio lasciarli prepare al piccolo bianco mugnaio.

    RispondiElimina
  9. GRAAAAAAZIIIEEEE!!!!!!!!!
    appena ho un po' di tempo provo a farli seguendo passo passo la tua ricetta...poi ti faccio sapere come vengono! a presto

    RispondiElimina
  10. Toro farcito tuona: Accc !! il golosastro ne ha già divorati 7642!. La morale è nel destino, fare i dolci di Grissino! Baci:-) Anny.

    RispondiElimina
  11. Attacco di panico... ma secondo te ce la farò a farli? O mamma, non posso deludere il mio maestro "Grissinen"! ;O) ciao

    RispondiElimina
  12. @Mavero: siamo a Natale quindi puoi concederti i vizi!
    @Anny: anche lo zucchero sopra? Ma non vengono poi troppo zuccherati? Granella nocciole e cacao? Interessante!
    @Clio: PRRRRRRRRRRRRRRRRR a te!!!
    @Barbara: eh, non sarebbe una cattiva idea. Qui c'é proprio un'azienda che si chiama "Fabbrica di biscotti" :-D
    @Erika: VENTOTTO?! Mi puoi mandare l'elenco per e-mail? (la trovi in alto a sinistra). Poi ne approfitto per chiederti due cose.
    @Glittervictim: eh eh eh, me lo ricordo il piccolo mugnaio.
    @Anny 2: eh eh, il GOLOSASTRO... era il mio soprannome da piccolo!!
    @Irene: tranquilla, magari falli in due tempi cosí ti prendi tutto il tempo per fare le cose con calma: un giorno la pasta e quello successivo i biscotti. E poi, se hai posto in frigo, fai prima tutti i biscotti mettendoli su vassoi con carta forno in frigo. E poi li cuoci alla fine cosí non hai distrazioni come se li cuocessi mentre li fai. ;-) Falli, falli, chi non osa non vince!

    RispondiElimina
  13. ma tu non ci annoi mai ...
    Katia

    RispondiElimina
  14. Per i biscotti al cacao ho fatto una normale pastafrolla (con poco meno zucchero per via del cacao), aggiungendo alla farina due cucchiai abbondanti di cacao zuccherato (circa 50 gr.) ed una spolverata di cannella. Ho aggiunto un cucchiaino da thé di barolo chinato (si gusta con il cioccolato, ma a piacere per i non astemi). Ho conservato la pasta in frigo e poi ho preparato i biscotti con le formine. Ho spennellato con tuorlo d'uovo mescolato a poco latte e spolverato la superficie di ogni biscotto con abbondante granella di nocciole non tostate. Cottura come al solito. Sono molto profumati e, visto il periodo, energetici. Tutto quà, ma il maitre patissier resti sempre tu!:-)Anny

    RispondiElimina
  15. @Katia: grazie :-)
    @Anny: aha, capito. Grazie. Allora faccio qualche esperimento usando la mia pastafrolla ;-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P