giovedì 11 ottobre 2007

Mari Meme

Ieri per la prima volta dopo tre mesi a Vienna mi sono cucinato un piatto di pasta. E solo perchè dovevo finire una confezione di tagliatelle che avevo comprato e che i miei avevano aperto. Il fatto si commenta da solo :-P e giusto per stare in tema.. Il Mari, mi ha passato un meme... visto che è lui, eseguo senza lamentarmi troppo. Non perdetevi anche quello di Kniendich molto lontano geograficamente ma mai molto nelle riflessioni e oggi compagno di meme (Mari ha nominato solo noi due ^_^ ).

Cosa mi piace dell'estero (a fianco il paese a cui si riferisce):

1. Il loro senso civico, ordine, efficienza, la qualità della vita. (Germania + Svizzera + Austria)
2. La loro gastronomia e la loro specializzazione / alta qualità nei dolci (Germania + Svizzera + Austria + Francia)
3. La maggiore considerazione per chi ha studiato e ha impegnato i suoi anni nello studio ( leggasi anche stipendio e qualità del lavoro: Germania + Svizzera + Austria + Francia + USA )
4. La considerazione che hanno per alcuni hobby tipo i lavori manuali (handcraft), per le decorazioni prima e durante le feste e per la cura con cui mantengono in vita e alimentano le feste locali (Germania + Svizzera + Austria + USA)
5. Lavorano pensando in grande (USA)

Cosa non mi piace dell'estero:

1. Molte volte sono troppo schematici, privi di fantasia (USA)
2. Il loro gusto nel vestire e in generale nelle cose di moda (Germania + Svizzera + Austria + in parte USA). Ma non sempre è un aspetto negativo ^_^
3. Il fatto che siano poco interessati a imparare le lingue straniere (USA + Francia)
4. Il loro essere un pò "vagabondi" nell'immensità del loro paese (USA)
5. ??

Cosa amo dell'Italia:

1. I prodotti tipici italiani (Parmigiano, Prosciutto crudo, Crema Gianduia, ecc.)
2. La fantasia, l'inventiva e la flessibilità
3. Lo stile (che apprezzo ma non ritengo indispensabile).
4. ?
5. ?

*Mi spiace ma non riesco proprio a trovare molto altro*
*notare che ho scritto "i prodotti" e non ho scritto "la cucina"*

Cosa odio dell'Italia:

1. Il mondo del lavoro completamente sfalsato da clientelismi, favoritismi, leggi sbagliate e un sacco di altre cose con conseguenti sfruttamenti inauditi
2. I politici che pensano solo a guadagnare i soldi e gli imprenditori che non vedono due palmi in là oltre il proprio naso, i lavoratori scansafatiche che non vedono l'ora di scioperare o di non fare nulla, le Poste, l'INPS, Trenitalia, le banche e tutte quelle società di stato o private dove impera una burocrazia ottusa, un magna-magna selvaggio e lo spreco più assurdo del denaro dei contribuenti o dei clienti (obbligati ad esserlo perchè magari il fornitore è unico).
3. L'inquinamento, la delinquenza, l'edilizia selvaggia, la mancanza di verde, l'immigrazione sregolata
4. Lo stato condizionato dalla Chiesa cattolica
5. L'italiano "furbetto" che deve sempre trovare un modo per fregare il prossimo a suo vantaggio

*Qui invece avrei potuto mettere almeno altri cinque punti lunghi ed estesi come il 2*


Ed ora... I NOMINATI con la solita regola dei nomi che mi vengono in mente a caso: Antonio, Angelo, Lucia, Patrizia, Luca. Se qualcuno che legge si chiama così, beh... buon meme.
:-P

15 commenti:

  1. Posso sapere perche' hai specificato tra prodotti e cucina?
    Ciao, una tua lettrice silente

    RispondiElimina
  2. A favore dell'Italia aggiungiamo il clima, il mare,le bellezze artistische e la parte positiva del carattere degli italiani???
    Capisco che a Milano clima e mare non siano proprio magnifici ma in altre parti si ... che poi su quanto dici in "cose che odio dell'Italia" sono pienamente d'accordo con te.
    Katia

    RispondiElimina
  3. @Anonima lettrice silente (!): Perchè la cucina italiana è molto basata sulla pasta mentre io preferisco la carne. Ma questo non vuol dire che in Italia non ci siano dei prodotti favolosi. Quindi mi piacciono i prodotti italiani ma non mi piace mangiare tutti i giorni come gli italiani.
    @Katia: devi considerare che stando all'estero, venire in Italia significa pianificare un viaggio per andare in un paese straniero e così stando le cose, clima/mare non sono un'esclusiva italiana. Ci sono anche in Spagna/Francia/Grecia/Portogallo. E guardando i prezzi, la scelta non credo cadrebbe sull'Italia. Le bellezze artistiche... OK, ma le ho anche qui a Vienna e poi ci sono anche a Parigi. ;-) Insomma, non sono cose esclusivamente italiane e quindi ora che sono all'estero mi riservo di scegliere... il meglio del meglio del meglio! :-P (battuta dal film MIB). E' buffo, ma quando uno è in uno stato, è un pò legato a quello che offre internamente perchè le cose sono facilitate (trasporti, biglietti, lingua, ec.). Ma una volta che ti trasferisci all'estero le cose si adeguano e ora se dovessi fare una vacanza, mi guarderei qui intorno.

    RispondiElimina
  4. ...vedo che le cose che odi in italia ti hanno fatto scrivere moooooooolto.
    come darti torto?

    a volte vorrei scappare dall'Italia...di notte.
    senza che nessuno sappia nulla.
    sono stufo di fare concorsi stupidi e selezioni di master succhiasangue e soldi. sono molto demoralizzato.
    non è che hai un angolino per me, lassù? ;)

    RispondiElimina
  5. Il mondo è grande, non c'è solo l'Austria. Devi capire se in Italia vivi male o se dove sei tu le cose non funzionano ma ti piace come vivi. In questo caso potrebbe essere sufficiente spostarti in qualche altra regione. Se invece proprio non ti piace vivere in Italia e non sentiresti la mancanza di nulla (o quasi!), allora devi valutare uno stato estero dove ti potresti trovare bene. Contando ovviamente che non c'è un posto-paradiso ma semplicemente un posto più adatto a te e dove le cose vanno magari un pò meglio.
    ;-)

    RispondiElimina
  6. Bene!
    Vedo che sei stato sincero e apprezzo questo.
    Forse sei stato un po' troppo critico nei confronti dell'Italia, ma... come darti torto.
    Penso comunque che nascere e vivere in qualsiasi paese del mondo possa offrire pregi e difetti.
    Non credo che gli altri paesi siano immuni ai difetti.
    Buona giornata Grissino.

    RispondiElimina
  7. A me fa schifo pure il gusto nell'abbigliamento di spagnoli e francesi , odio il pacchiano devo dire che in Italia ci si veste meglio parlando in generale, la cucina italiana (anche se io so di non apprezzare granchè) è sicuramente uno dei punti di forza dell'Italia come la bellezza della nostra terra che davvero mi riprometto di visitare meglio nei prossimi anni a volte si va lontano senza aver visto casa nostra ( per dire ci sono dei borghi nell'entroterra ligure che pochi conoscono e che sono letteralmente mozzafiato)

    RispondiElimina
  8. @Il Mari: troppo critico? LOL Guarda che una volta era peggio quando stavo a Milano :-P
    @Barbara: tu che hai scelto di stare in campagna capirai il valore dell'espressione "qualità della vita". E la qalità della vita qui secondo me è migliore che in Italia. Purtroppo non si vive di solo mangiare (eh eh eh) e neppure di sola moda. Quanto alle bellezze naturali, ce ne sono ovunque nel mondo... anzi, di più negli Stati Uniti dove hanno tutto di tutto. Sono carenti per la parte storica ma per quella, vorrei girare un pò l'Europa. Se devo pagare prezzi cari (il che è tuto da vedere) almeno vado in paesi che non ho mai visitato. E magari non rimango bloccato da uno dei famosi scioperi di Trenitalia o del personale degli aereoporti
    :-D

    RispondiElimina
  9. Ti credo Grissino, infatti ho anche scritto... come posso darti torto.
    ;-)

    RispondiElimina
  10. Cavolo Grissino... ho finito il mio ora e senza che ci fossimo scritti o parlati devo dire che siamo proprio similissimi...io forse più cattivello...

    Volevo dire una cosa a Barbara: cara, non si vive di stile, moda, ecc ma di servizi, politica, economia, strade efficienti, rispetto... lascia fare ..del clima e del resto non se se fa niente nessuno...

    Grande Grissino... buona notte..

    RispondiElimina
  11. eh eh sì sì, sei stato molto più cattivello... e mi hai fatto ricordare che non ho messo alcune cose negative qui.
    :-P

    RispondiElimina
  12. Ora capisco un pò di più perchè te ne sei voluto andare da Milano...Bè , penso che hai fatto bene...neanch'io sarei in grado di rimanere in un paese o città dove non mi sento inserita o dove non ci sono sbocchi professionali, ecc.

    P.s Mi raccomando non mangiare troppi dolci...Ingrassi :-DDD

    RispondiElimina
  13. eh per ora mi trattengo anche per motivi economici... ma se trovo lavoro sarà difficile resistere a tutte le tentazioni ^_^

    RispondiElimina
  14. Sono troppo contenta di aver scoperto questo blog, è stupendo. Complimenti!

    Concordo al 100% con i punti 1.2.3 e 5 delle cose che non ti piacciono dell'Italia.
    Il punto 4 l'ho tralasciato perchè il discorso è più ampio, a volte ringrazio di essere in un paese un po' "bacchettone" , altre invece preferirei vivere come a Woodstock negli anni '60.

    RispondiElimina
  15. Secondo me la morale e le regole di rispetto ed educazione possono benissimo esserci senza i continui richiami della Chiesa. Anche perchè secondo me le chiese sono solo uno strumento di potere sugli uomini.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P