giovedì 21 giugno 2007

Ammaina bandiera

Oggi dovevo portare a casa uno scatolone vuoto per il trasloco dall'ufficio. Era stupido portarlo ingombrante ma vuoto così ho svuotato tutta la mia stanza delle mie cose: cartoline, ritagli di giornale, il poster coi gelati, la cornice con le foto della mia dalmata, le patch delle forze speciali, la scatola degli Animals Cracker portata da NY e quella dei Chocolate Bretzel portata dal West Virginia, la Mug col dalmata, il latte in polvere, le bustine di cioccolata e via dicendo. Ho lasciato solo una bandierina americana. L'ultima delle tre che orgogliosamente sventolavano in ufficio fino a oggi. L'ammaina bandiera lo farò venerdì prossimo, il mio ultimo giorno di lavoro. Ma già oggi l'ufficio aveva un aspetto spoglio e scalcinato. Mi mancherà solo il mio collega e amico della sede di Roma con cui mi sentivo tutti i giorni e che, insieme alla mia capa di NY, e ai colleghi in West Virginia mi hanno tenuto compagnia in questi ultimi 3 anni e mezzo di lavoro. Sono loro che mi hanno fatto sorridere nei momenti tristi e mi hanno fatto scoprire quanto sia bello far parte di un team affiatato come è quello dell'informatica all'interno della mia azienda. Quanto all'ufficio di Milano, purtroppo, non si salva molto. Così stasera, alle 18, me ne sono andato con il mio scatolone di cartone pieno di cose, nel modo più americano possibile come si vede in tanti film. Non ho rimpianti. Questi tre anni e mezzo sono stati belli, ho migliorato tantissimo il mio inglese, ho visitato NY due volte e son stato in West Virginia, sono stato diverse volte a Roma e Parigi, ho trovato il mio collega/amico di Roma e la mia capa a NY con cui ho stretto amicizia, ho lavorato benissimo coi miei colleghi di tutto il mondo ma davvero, non ho rimpianto di nulla. Addio XXXXXX, è stato bello, ma arriva un certo punto in cui è necessario passare oltre per costruirsi il proprio futuro. Domani e la settimana prossima saranno solo un noioso intermezzo obbligato prima di vedere il radioso sole dell'avvenire viennese!

6 commenti:

  1. Ottimo Ale, il giusto spirito!
    Visto che non ti smuovi tu, alla fine "mi toccherà" venirti a trovare a Vienna!!!! ;)

    RispondiElimina
  2. E mentre ammaini, ecco l'inno USA da cantare con la mano sul cuore:

    Oh, say can you see, by the dawn's early light,
    What so proudly we hailed at the twilight's last gleaming?
    Whose broad stripes and bright stars, through the perilous fight,
    O'er the ramparts we watched, were so gallantly streaming?
    And the rockets' red glare, the bombs bursting in air,
    Gave proof through the night that our flag was still there.
    Oh say, does that star-spangled banner yet wave
    O'er the land of the free and the home of the brave?
    On the shore, dimly seen through the mists of the deep,
    Where the foe's haughty host in dread silence reposes,
    What is that which the breeze, o'er the towering steep,
    As it fitfully blows, now conceals, now discloses?
    Now it catches the gleam of the morning's first beam,
    In full glory reflected now shines on the stream:
    'Tis the star-spangled banner! O long may it wave
    O'er the land of the free and the home of the brave.
    And where is that band who so vauntingly swore
    That the havoc of war and the battle's confusion
    A home and a country should leave us no more?
    Their blood has wiped out their foul footstep's pollution.
    No refuge could save the hireling and slave
    From the terror of flight, or the gloom of the grave:
    And the star-spangled banner in triumph doth wave
    O'er the land of the free and the home of the brave.
    Oh! thus be it ever, when freemen shall stand
    Between their loved homes and the war's desolation!
    Blest with victory and peace, may the heaven-rescued land
    Praise the Power that hath made and preserved us a nation.
    Then conquer we must, for our cause it is just,
    And this be our motto: "In God is our trust."
    And the star-spangled banner forever shall wave
    O'er the land of the free and the home of the brave!

    RispondiElimina
  3. @Mavero: mi sa di sì ;-)
    Stamattina sveglia alle 6.30 per fare un pò di cose senza l'intoppo della gente imbranata del sabato mattina :-P
    @Francesca: LOL!

    Poliziotta sarà un pò allergica a questo post. :-D

    RispondiElimina
  4. Meraviglioso stile americano l'uso dello scatolone!!
    Ma avevi anche la piantina appassita in mano??

    RispondiElimina
  5. haaat---ciu'......aaaat-ciu'''''

    ;-))

    evviva il paese degli spacconi...
    :-))))))

    RispondiElimina
  6. @Nancy: no, non avevo la piantina in ufficio. Purtroppo è una stanza senza finestre e quindi avrebbe sofferto troppo.
    @Poliziotta: Sei allergica alle americanate?
    ;-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P