mercoledì 4 aprile 2007

Situazione

La mia dalmata ha un buco nella guanciotta. Per fortuna non sembra soffrirne moltissimo anche se dovró stare attento che non si gratti la ferita, disinfettarla tre volte al giorno e sperare che non si infetti ne faccia troppo liquido. Al lavoro hanno fatto un pó di storie ma domani pomeriggio e venerdí pomeriggio dovrei riuscire a stare a casa. Alla mattina dovrei riuscire ad affidarla a una dog sitter che conosce. Ma possibile che qui in Italia ogni volta che uno chiede permessi o ferie ci sono dei problemi? Qui avremo tante ferie e permessi ma é sempre un problema riuscire a farle. I miei colleghi di altre sedi (anche europee) non hanno questi problemi: perché?

Un grazie a tutti per i messaggi che mi avete lasciato. Anzi, un abbraccio di cuore a tutti voi. Sará virtuale ma é fatto col cuore.
:-)

8 commenti:

  1. Ma non le ha dato antibiotici? Il mio vet per una ferita al polpastrello gli ha fatto subito la puntura il rischio infezione è alto! Auguri alla piccola di pronta guarigione

    RispondiElimina
  2. ma poverilla, vedrai che passa presto, ho una vasta esperienza di buchetti avendo una squadriglia di pelosi :)

    RispondiElimina
  3. Un'altra carezza alla tua dalmatina Griss!
    Non preoccuparti, non devi ringraziare nessuno, era d'obbligo il nostro augurio e altrettanto sincero.

    RispondiElimina
  4. Grissino per tirarti su guarda un pò qui

    http://www.minimiam.com/en/goen.html

    vermaente supende clicca sul punto grigio a destra in basso e poi su gallery (foto di cibo particolari per anticiparti di cosa si tratta)

    RispondiElimina
  5. @Pixel: no, per ora no. Speo non ce ne sia bisogno. Gli antibiotici andrebbero dati solo in caso di bisogno effettivo.
    Grazie, bellissime foto ma alcune le avevo giá viste. Forse le avevi pubblicate tu? Voglio essere sulla montagna di gelatooooooo!!
    @Zenda&Mavero&Tulip: grazie :-)

    RispondiElimina
  6. Beh, se si stesse a casa per ogni volta che si ammala il cane o il gatto o il canarino o il cugino o lo zio o la mamma o il papà o la tartaruga o il ficus benjiam... non la finiremmo più e nessuno lavorerebbe!

    RispondiElimina
  7. Ho dei dubbi. La produttivitá di una persona dipende anche da come lavora. Se lavora preoccupata e con la testa altrove sai che produttivitá. Meglio allora che lavori tranquilla e da casa. Ma qui in Italia figurarsi. I miei colleghi americani lo fanno normalmente. Se hanno un problema o son bloccati dalla neve, non rischiano la vita. Semplicemente lavorano da casa. Telelavoro, no? Qui in Italia invece basta scaldare la sedia per 12 ore in ufficio per essere dei super lavoratori...

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P