mercoledì 18 aprile 2007

Anno 2007

Siamo nell'anno 2007 eppure guardate cosa si vede entrando nell'atrio di una delle principali universitá del paese:


Per carità, pieno rispetto per le idee diverse dalle mie, ma questo é significativo del fatto che qui siamo fermi alla mentalitá che c'era 20 anni fa. Sarei curioso di sentire cosa direbbero le persone all'estero vedendo una cosa del genere. Dopo questa perla scattata alla Statale, per i numerosi fans di Milano, di ritorno dal corso, ho scattato anche questa in L.go Augusto:


se non riuscite a leggere il cartello lasciato dal negoziante sopra il vaso di fronte alla propria vetrina, c'é scritto:
CLASSICO esempio di come é tutelata Milano. Hanno fregato il 10° albero!
Grazie Milano.
A Basetta regalo invece la foto dell'ultima moda milanese. Poiché ormai siamo pieni di extracomunitari senza casa ne lavoro che vivono di espedienti, mangiare in strada é diventato cosa normale. Altrettanto abbandonare i propri rifiuti nei cestini (che diventano inutilizzabili) o subito sotto. E bisogna pure ringraziare che non abbandonino la spazzatura in giro...



E Milano sarebbe una cittá moderna, avanzata, dove sarei dovuto rimanere?! Ah ah ah ah!

7 commenti:

  1. Tralascio il "problema" dei furti d'albero, soprassiedo su i comitati Leninisti studenteschi... ma non posso non considerare razzista, superficiale, qualunquista questa frase. "Poiché ormai siamo pieni di extracomunitari senza casa ne lavoro che vivono di espedienti, mangiare in strada é diventato cosa normale".

    RispondiElimina
  2. Io vengo da Napoli e ti assicuro che Milano mi sembra il paradiso terrestre in quanto a trattamento dei rifiuti.

    RispondiElimina
  3. @lcl:
    razzista = discriminazione in base alla razza.
    Extracomunitari = cittadini non della Comunità Europea.
    Forse devi pensare prima di scrivere certe cose. Questo non è razzismo, è realtà. Come mi spieghi che lo schifo dei cestini 1 anno fa non si verificava? Fai tu. Ti ricordo che l'Olanda (che non si può certo definire un paese illiberale visto che ha perfino quartieri a luce rossa e Maria libera) ha da qualche anno varato una legge che impone la conoscenza dell'olandese e un esame di cultura olandese prima dell'ottenimento del visto. Ergo, si sono accorti anche loro che cancelli aperti non significa aiutare chi ha bisogno ma solo creare problemi al paese. Qui in Italia c'è l'anarchia più assoluta e quindi succedono queste cose. Non è razzismo, è constatare che tutto sta andando a puttane. Se vuoi aiutare queste persone, le accogli come si deve. Non che poi devono vivere sul marciapiede e mangiare in giro. O pensi forse che i rifiuti sono di qualche famiglia che non aveva voglia di buttarli nella campana condominiale?
    :-D
    @Paolo: lo so. E' molto triste tutto ciò.

    RispondiElimina
  4. LCL: scusa, ma posso farti una domanda? Ma non ti accorgi di come sta cambiando in peggio Milano? Dopo gli anni di piombo, l'unico periodo grigio è stato quando c'è stato il boom dell'eroina e dovevi guardare ogni angolo per non pestare o sederti su una siringa. Poi, risolto quello, ci sono stati dei tempi "belli". Ed ora, da almeno 4-5 anni si assiste a una discesa continua e progressiva senza vedere una via d'uscita...

    RispondiElimina
  5. I cestini pieni spazzatura non sono un problema! Il vero problema è quando non riesci a tirare la fine del mese perchè non c'è lavoro o perchè l'imprenditore è un filibustiere, quando non hai i soldi per pagare il medico, quando tuo figlio non ha un accesso ad una università decente, quando per comprarti casa devi farti un culo così perchè ci sono le case sfitte per non fare scendere i prezzi...

    E comunque, sarà come dici tu ma la mia ragazza - extracomunitaria (tra l'altro di un paese candidato entrare nella UE!) - mangia sotto un tetto, su un tavolo, con la tovaglia e - ebbene sì - anche con le posate! E la spazzatura la butta nell'apposito contenitore ottemperando alle leggi attualmente in vigore sulla raccolta differenziata. A dire il vero non lo fa sempre, spesso dice che è compito mio... :-)

    Ti dirò: se devo essere sincero, mi pare che ultimamente qualcosina a Milano in meglio stia cambiando. Dopo Tangentopoli sembrava che la situazione stesse raddrizzandosi ma poi...

    PS: Razzismo: La definizione di razzismo contenuta nel mandato d'arresto europeo:
    Il convincimento che la razza, il colore, la discendenza, la religione o i convincimenti, l'origine nazionale o l'origine etnica siano fattori deterinanti per nutrire avversione nei confronti di singoli o di gruppo".

    PS2: Detto questo, io a Milano non ci vivo e mai ci vivrò :-)

    PS3: Ok la smetto di intasare il tuo post con i miei rompicommenti, a volte mi lascio prendere e confondo i blog con i Forum ;-)

    RispondiElimina
  6. @LCL: hai ragione, di certo i cestini sono nulla rispetto a quello che hai detto tu... peró noi dovremmo essere un paese avanzato e non ci dovrebbe essere nulla di quello che dici tu e di quello che dico io!!
    Di dov'é la tua ragazza? Per la veritá io sono al 50% extracomunitario eh eh eh. ;-)
    Ti sembra che a Milano stia cambiando qualcosa? Mah... dove? Io non vedo nulla, anzi...
    :-(

    Detto questo, io a Milano non ci vivo e mai ci vivrò
    ***
    Non valeeeeee!!

    Non ti preoccupare, i tuoi commenti sono sempre benvenuti perché cosí ci si confronta. A proposito... hai visto cosa é successo in Turchia? (hanno ucciso tre tizi perché lavoravano in una casa editrice cattolica). E ieri a Catania? Hanno ucciso uno. L'assassino aveva giá ucciso uno. Condannato a 20 anni e uscito per fine dei termini di custodia cautelare. Ha ucciso di nuovo. Ecco perché NON SI PUO' VIVERE QUI: lo stato NON GARANTISCE IL CITTADINO.
    :-(

    RispondiElimina
  7. Mammamia :( Gris!!!!

    ciao
    Clio

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P