lunedì 30 aprile 2007

La casa si arreda

In questi giorni ho poco tempo per scrivere sul Blog perché sono tutto preso nell'organizzare il trasferimento nella nuova casa a Vienna. Devo decidere cosa portare su e cosa lasciare qui per qualche annetto fino a che non avró la casa mia. Non é una scelta difficilissima ma neppure semplice in certi casi. Poi sto arredando la casetta e questo é bello ma anche un gran casino perché le idee sono infinite. Ieri mi sono accorto che Divano e impianto Home Cinema forse é meglio girarli di 180°C in modo che i 3 speakers frontali e il subwoofer siano orientati verso la parete che dá sulla mia seconda stanza anziché sulla parete che dá (probabilmente) sull'appartamento del vicino. Giá dovró tenere basso l'audio, se poi il vicino avesse il muro sottile, sarebbe tragico. L'impianto Home Cinema un minimo alto ci deve stare. Poi andrá verificato quanto grande potró proiettare il video dato che fra le due pareti ci sono solo 2,6 metri. Togli 40 centimeri di proiettore e 20 centimetri di schermo e sono solo 2 metri di distanza fra i due. Non so se potró sparare l'immagine su tutti i 60" del telo... Per fortuna il mio vecchio proiettore non soffre eccessivamente le distanze corte. Poi dovró anche comprare tutte le cose che attualmente non ho: tritatutto, posate, piatti, pentole, cavatappi (!), contenitori per il freezer e via dicendo. Ho deciso che cominceró con l'essenziale e poi per certe cose compreró cammin facendo. Diciamo che per la pasticceria mi manca davvero poco, per la cucina normale un sacco!!! Hi-Fi e informatica nulla. Ho giá preparato due matassone di cavo RJ-45 per cablare l'appartamento e il FONERO da usare come access point di emergenza eventualmente schermandone la portata al solo appartamento. Chissá se in Austria é legale condividere l'accesso Internet? (qui da noi no). Per finire, due parole sul giochino "I 5 libri più importanti della mia vita" che mi ha passato Shaindel. Cercheró di essere conciso. Al liceo mi hanno fatto odiare la letteratura classica. Cosí in tutta la mia vita ho soprattutto letto fantascienza (con predilezione per l'apocalittico presente in gran quantitá nella fantascienza anni `70) e horror. Di seguito i primi 5 libri che mi vengono in mente e che mi sono piaciuto moltissimo:

1)

War Day, Quando la pace ci sfugge di mano

Un libro assolutamente favoloso in quanto vengono ricreati tutti i documenti che testimoniano di questa ipotetica III guerra mondiale e del dopo bomba. Il tutto all'interno di un diario che fila via velocissimo senza annoiare per un solo istante il lettore. Sono alla disperata ricerca del volume rilegato (ho solo quello in versione economica).
As a fictional novel skillfully designed to read as nonfiction, Warday is a sort of postapocalyptic Democracy in America. Working on the disturbingly realistic premise that both the USA and the USSR end up destroying themselves in a thirty minute nuclear exchange in 1988, authors Whitley Strieber and James Kunetka tell the story of two writers -- named Whitley Strieber and James Kunetka -- who take a six week journey across the ruins of America to discover what has happened to both the nation and the world at large. What they discover is not some postapocalyptic, science fiction epic of rampaging mutants and struggling survivors but instead a nation that has found itself cut off from the world it once led. Their descriptions of how the loss of communications has left the war's survivors with little to no knowledge of what's happening outside of their own rag-tag communities is disturbingly plausible. They find Americans who -- even as they speak of rebuilding society -- have obviously lost the sense of hope and pride that made their nation great to begin with. It is a grim portrait of a world where medical treatment can only be given to the few who actually have a chance of survival, where children are born with the knowledge of their own eventual deaths, and where Americans are now dependent upon the support of other countries who now regard the former super power with a mixture of pity and contempt. Da amazon.com
2)

Missione Terra

10 volumi pagati circa 30.000 lire l'uno un bel pó di anni fa quindi immaginate voi! E' del fondatore di Scientology che peró all'inizio é stato anche un bravo scrittore di fantascienza. Questi romanzo che si svolge lungo 10 libri é l'ultimo prima dei suoi libri "religiosi".
The books are written as the confessions of Soltan Gris, an agent of Lombar Hisst, as an exposé. Thus, each book begins with a disclaimer from Lord Invay, the head Censor, denying the existence of planet Earth and denouncing the story as rankest fiction, despite the inclusion of characters who are real and known public figures in the novel's fictional world, such as Jettero Heller and the Countess Krak.

The Voltar Confederacy wishes to conquer the planet Earth, which they regard as an important potential base on the main route of their planned invasion of the galactic centre. The conquest of Earth is scheduled for over 1000 years in the future, but the Grand Council of Voltar becomes convinced that it must send a mission to prevent Earth from destroying itself, so as not to disrupt the future timetable of conquest. The mission is assigned to Fleet Combat Engineer Jettero Heller, a character of perfection and incorruptibility. Soon after reaching Earth, he heads to New York City. He investigates why Earth is self-destructing, unaware that he is being tracked and that factions on Voltar want his mission to fail.

Unknown to Heller, Earth is also the base for a secret plan put into action by the insane, diabolically evil Lombar Hisst to seize the throne of the Empire of Voltar for himself. Hisst has been importing illegal narcotic drugs from Earth and using them to enslave the entire population of the aristocratic heads of government on Voltar. By turning the entire government into drug addicts, Hisst plans to take control of the Empire for himself. Because of Earth's role as a supplier of drugs, Hisst decides that Heller's mission to save the planet must not succeed.

Lombar Hisst assigns a cowardly, sadistic, greedy stooge named Soltan Gris to head the mission to Earth, in order to sabotage it and destroy Jettero Heller. The majority of the story is told from Gris' point of view, with an emphasis on the comical situations Gris ends up in as he tries to stop Heller. Over the course of the novel, Gris finds himself in possession of twelve tons of pure gold, which he tries to launder through a Swiss bank account in order to keep it all for himself; he becomes a prisoner of two man-hating lesbians (who end up marrying Gris after he rapes them and thereby "cures" them of their lesbianism); he repeatedly finds himself losing large amounts of money, becoming broke, and having to concoct wild schemes to save himself from his creditors; he has an affair with a young nymphomaniac teenage girl whom he cannot escape; he hires a hit man to kill Heller's fiancé, only to stumble through the affair and end up being a target for the hit man himself; he embarks on a long sea cruise through the Mediterranean Sea (mirroring Hubbard's own voyages through the area in the 1970s); and finally, he has the tables turned on him as Heller realizes that he is behind the operation to disrupt his mission.

Heller's investigations of Earth soon reveal to him that the entire planet is in the grip of a vast organized corporate conspiracy headed by the Rockecenter corporation and its head, Delbert John Rockecenter (the similarity to "John D. Rockefeller" is one of many blatant puns and references included in the series by Hubbard). Rockecenter is the head of a vast oil-producing corporation that keeps the population of Earth under control by using drugs and rock and roll music to keep the population sedate. (Rock music is used in the novel to spread sexual deviancy, especially homosexuality, among the population of Earth.)

Heller's attempts to break the demonic control of Earth by Rockecenter make him a target, and the corporation uses its most dangerous weapons to destroy him: psychiatry and psychology, and a mad, idealistic public relations genius by the name of J. Walter Madison (known as "J. Warbler Madman"). Madison initiates a wide-reaching public relations campaign to make Heller known to the world as the "Whiz Kid," but results in destroying Heller's reputation so that all of Heller's efforts to save the planet come to naught, as Madison's employer, Rockecenter, wanted. But fortunately, Heller's outstanding skills and abilities are reinforced by the arrival on Earth of his fiancée, the Countess Krak, and the alliance and friendship of the Mafia — specifically the Corleone family.

After a series of world-shattering events, which include the impact of an ice meteor on the Soviet Union, the world's entire oil supply being turned radioactive and a black hole orbiting the Earth (providing free energy for Heller to harness and make available to the world), Heller returns to Voltar to find that not only have Lombar Hisst's plans to enslave the government nearly succeeded, but Madison the PR madman has been loosed on the empire of Voltar and is in the process of starting a galactic civil war.

After the defeat of Hisst and Madison, a massive cover-up operation commences to wipe out the effects of PR, psychology and psychiatry from Voltar's empire. All mention of these subjects is censored and the planet Earth is eradicated from all star charts and similar items. As far as the Voltarans are concerned, there is no such place as planet Earth. Da wikipedia, scheda completa QUI
3)

I Sopravvissuti

E' il libro da cui sono state tratte le famosissime serie TV.
All'inizio pensarono che si trattasse della solita epidemia di influenza. Spiacevole ma usuale. Poi cominciarono a morire. Allora si resero conto che questa volta era diverso. Non si trattava di influenza ma di un morbo completamente sconosciuto, incredibilmente contagioso, diffusosi su tutto il pianeta con velocità spaventosa... L'umanità è ormai al limite dell'estinzione totale. I pochi rimasti in vita hanno ereditato un mondo semideserto e silenzioso che devono ricostruire da zero, imparando di nuovo tecniche scordate nella notte dei tempi. Il progresso ha saputo mandare l'uomo sulla luna, ma ora, come individui, i sopravvissuti hanno meno conoscenze pratiche degli uomini dell'età del ferro. Eppure bisogna riuscire a restare in vita, bisogna evitare a tutti i costi che il genere umano si estingua...
Da http://sopravvissuti.altervista.org/
4)

Il Signore degli Anelli

Credo non abbia bisogno di presentazioni. ;-)

5)

Livello 7

Questo libro mi ha sconvolto fin dalla prima lettura tanto tanto tempo fa. In pratica é il diario di un soldato mandato a vita in un rifugio antiatomico, autonomo e sigillato dalla superficie terrestre e a prova di bomba. Eppure dopo che la III guerra mondiale é scoppiata le radiazioni scendono in basso fino al livello 7 dove c'é lui...
Nessuna denuncia della guerra-H è mai stata più cruda, più spietata, più sconvolgente di questa. Nel capolavoro di Roshwald, come nella "Tana" di Franz Kafka, è inutile cercare scampo "più in fondo". Livello dopo livello, una mano mostruosa e invisibile scende a cercarti fin dentro le viscere della Terra. Livello dopo livello fino al: "Livello 7".Da Mondo Urania

sabato 28 aprile 2007

Casaaaaa

Se non ci sono casini nelle discussioni definitive, dovrei aver trovato casa :-) L'appartamentino di 37 m² si trova in un Bezirk (quartiere) servito benissimo dai mezzi pubblici, vicino a una via con diversi bei negozi e nei pressi di due dei miei supermercati preferiti: Hofer e Merkur raggiungibili in meno di 1 km. La cucina é arredata bene (anche se non c'é la lavapiatti sigh) cosí potró deliziare gli ospiti con i piatti sopraffini della cucina viennese. Il resto dell'appartamento é diviso in due piccole stanze di circa 2,5 m x 5,5 m. dove troveranno posto la mia camera+scrivania e il soggiorno+divano letto con l'impianto Home Cinema :-P Poi c'é un piccolo bagno con doccia, WC e lavandino. In questi giorni é stato stressantissimo per me spulciare tutte le inserzioni e valutare i prezzi e a distanza. Poi i miei visitavano le case e tutto doveva essere fatto entro questa settimana perché poi tornano qui. Ne abbiamo provate tre: una era in un posto non molto bello anche se era grande e ben messa, l'altra era in un bellissimo posto ma era microscopica e messa malissimo (per darvi un'idea aveva le piastre elettriche della cucina arruginite). La terza é stata quella giusta. L'affitto non é proprio economico, facendo un calcolo molto grossolano e ipotizzando di starci un anno, dovrei spendere circa 550 euro al mese. A Milano non avrei certo trovato a meno (anzi!!) peró spero di trovare presto lavoro (o un lavoretto) perché 550 euro al mese sono sempre 550 euro!!!



Ora devo finire il lavoro che avevo iniziato ieri ossia di posizionar i mobili scelti all'Ikea dentro la piantina. Prevedo problemi di spazio :-D visto che io ho tante cose e mi piace avere tutto di tutto ma é ovvio che dovró limitarmi. Quando avró un buon lavoro fisso, mi saró sistemato e potró permettermi una casetta fuori Vienna... beh, allora porteró su tuttissimo compresa la collezione di Urania degli anni '70 che mi ha praticamente regalato mio papà.

P.S: Prima sono sceso a prendere due cose sotto casa. Due panini (bocconcini): 50 centesimi, 1 litro di latte fresco: 1,35 euro. A Vienna il latte dal Hofer l'avevo pagato meno di 70 centesimi se non ricordo male... Milano fa davvero schifo anche come costo della vita.

P.S.2: ho risposo ai vostri commenti sotto ;-) grazie per la pazienza!

giovedì 26 aprile 2007

Bancofobia

Sono andato alla ASL a fare una pratica. Miracolosamente non c'era coda (contiamo peró che siamo in mezzo a un ponte e sono andato lì alle 10 di mattino...) e ho fatto tutto in un attimo con la signora allo sportello davvero molto gentile "Ecco tenga, controlli se questo modulo l'ha giá compilato se no me lo riporti completo... se l'ha giá compilato, per favore quando ha tempo me lo riporti lo stesso che ne abbiamo pochi". Lo sapevo che c'era qualcosa che non andava. Queste cose te le puoi sentire dire solo qui in Italia. E venitemi a dire che non é vero!!! Poi sono passato in banca. ODIO le banche italiane. Banca = Lobby. Altra equivalenza non mi viene. Aggiungi che sembra di dover entrare a Fort Knox visto che c'é guardia giurata armata e porta con metaldetector e siamo a posto. Ma in che paese viviamo? In Svizzera e in Austria quando entri in un banca ti si aprono le porte automatiche (quelle che si aprono scorrendo ai lati), ti avvicini al banco e chiedi quello che ti serve. Punto. Poi la cosa ODIOSA é che cercano di venderti di tutto. Avevo Bancomat a 5 euro + Visa Electron gratuita in un'unica carta. Han deciso di cambiare il bancomat gratuitamente ma disgiungendolo dalla carta di credito. Un ottimo modo per fregarti: oggi mi volevano dare la VISA normale e farmela pagare 19 euro/anno. E io ho chiesto "ma proprio 19 euro e basta? Niente spese per invio estratti conti, bolli, tasse e stronzate di stato?" "Ah, no quelle le deve pagare, le pago anche io". Visto che fra qualche mese chiudo il conto, gli ho detto di tenersela, adducendo la scusa che ho giá la Postepay. Sapete cosa mi hanno risposto? "Vedrá che se ne pentirà e che fra qualche mese tornerá qui e io dovró dargliela a 30 euro l'anno" Un cordiale VAFFA glielo mando volentieri da qui, dal vivo mi sono trattenuto. E gli ho pure detto che in Austria il conto del ragazzo di mia sorella costa meno del loro zero spese visto che ci sono i bolli statali e quelle ladrose comunicazioni alla clientela a 1,90 euro l'una!!! E la tizia mi fa"eh, ma il servizio non puó essere gratuito..." SI' MA IO VOLEVO ARRIVARE A DIRE CHE PEFERIREI PAGARE UN SERVIZIO ALLA BANCA, NON INUTILI TASSE STATALI e che mica volevo tutto gratis. E poi ancora "senta ma lei ha giá deciso per a destinazione del suo TFR?". 20 minuti a spiegarmi tutto il perché e percome doevo fare il fondo da loro. MA IO ME NE VOGLIO ANDARE, VIA, RAUS, NON ME NE FREGA NULLA, BAAAAASTAAAAA solo che mica potevo dirglielo. :-( Infine sono andato a prendere la plastica adesiva trasparente per ricoprire le schede descrittive per le mie action figure (3 euro!) da mettere in bacheca. Passando dal noleggio ladroso ho visto che ha fuori Fascisti su Marte. Proveró a noleggiarlo. Solo che mi girano un attimo... 2,70 euro per 24 ore non sono proprio una cifra economicissima (il mio solito noleggio chiede 1,90 per 6 ore).

mercoledì 25 aprile 2007

Telefono-caaaaasa...

Sono in ferie fino al primo maggio. :-) Evidentemente al lavoro, dopo le dimissioni, son contenti che faccio ferie cosí non me le devono pagare ^_^ Sono incasinato a risolvere tutte le piccole cose che si devono sistemare prima di trasferirsi via. Ma la cosa che ora é diventata prioritaria é la ricerca dell'appartamento a Vienna. Avete presente ET che dice Telefonocaaaaaaasa?! Ecco uguale... :-P Mi sono fatto tutti i Bezirk (quartieri) viennesi nel motore di ricerca e ho scoperto che piú o meno le cifre per un monolocale o un piccolo bilocale sono uguali ad eccezione delle zone centrali o del Bezirk dove c'é Shönbrunn. Praticamente, spero Basetta mi sappia poi dare indicazioni, per un monolocale siamo sui 450-500 euro + provvigione agenzia che sono tre mensilitá. Stando cosí le cose, se appena posso, mi piacerebbe sistemarmi nel 19° Bezirk, molto verde e non lontano da mia sorella. L'altra cosa che sto valutando é se prendere l'appartamento ammobiliato o meno. Visto che comprare tutto prima o poi dovró farlo, mi sta venendo voglia di prendere una casa vuota. Scegliendo con cervello i mobili e gli elettrodomestici, guardando piú alla praticitá che alla casa arredata con gusto super raffinato ed elegante (che comunque non sarebbe il mio genere) quasi tutto si potrebbe recuperare al prossimo trasloco. In piú avrei tutto a mia misura e non dovrei accontentarmi di cose scelte dagli altri. Poiché poi non dovrei occuparmene prendendo permessi dall'ufficio perché ancora non avrei un lavoro fisso, penso che l'idea sia accettabile. Ho fatto conto che l'arredamento della mia casa dei sogni si aggira sui 5.000 euro. Compreso il frigo dei miei sogni (un normale frigo NoFrost ma abbastanza capiente e con freezer non a cassetti) e una buona accoppiata forno-fornelli. Qualcuno ha esperienza del vetroceramica? Mi attira molto, lo vedo tantissimo al nord ma non l'ho mai usato. In Italia siamo paleoliticamente bloccati sul gas che dal punto i vista della cottura ha anche i suoi vantaggi in alcuni casi ma dal punto di vista della tranquillitá (fughe di gas) é piuttosto carente... Se non mi sentite spesso in questi giorni, alla sera guardate la luna, pensate poi a me e quindi a ET. :-D

sabato 21 aprile 2007

GPS non solo per l'auto

Di ritorno da Vienna in treno mi sono divertito ad accendere il mio palmare col GPS e a vedere quale percorso faceva il treno. Ovviamente non é possibile usare i classici programmi che si usano in auto (tipo TOM TOM GO per intenderci) perché quelli mappano le strade e al di fuori di queste, segnano sí la posizione ma non sono di grande utilità. Io ho usato invece il programma gratuito NoniGPSplot (disponibile anche in italiano) che vi permette di tenere un tracciato dei vostri spostamenti, con tanto di variazione dell'altezza. Utilissimo per esempio a chi fa escursioni ma anche a chi, come me, era curioso di vedere che strada faceva il treno. Dopo che il programma ha registrato il percorso, é possibile esportarlo in un file kml che potrà poi essere importato in Google Earth. Ecco per esempio dove é passato il treno prima e dopo essere entrato a Klagenfurt (cliccare per ingrandire le foto e vederle meglio):
Questo é tutto il percorso che ho salvato in treno:
e qui potete vedere come sia precisa la mappatura (si vedono i vagoni fermi sulle rotaie a fianco del binario dove é passato il mio treno che é quello con la riga rossa):

Simpatico, no?

venerdì 20 aprile 2007

Angoscia da SSN

Oggi sono andato a rinnovare un certificato che dovró poi portare in ASL. Ci sono giá stato tante volte in quell'ambulatorio, ma questa volta mi é proprio venuta l'angoscia. Mi ha angosciato vedere che ogni volta che vado lí niente cambia, tutto rimane uguale anzi peggio. Si entra, bisogna prendere il numerino (preso il 52) e oggi il rotolo non era dentro il distributore ma penzolava tristemente appeso con uno spago al paletto. L'atrio é stracolmo di gente che si lamenta della fila. Dopo l'accettazione ti danno un altro numero (preso il 27) e vai alla tappa successiva. Se devi fare la radiografia, altro numerello da prendere (siamo a quota tre). I dottori visitano con una freddezza e antipatia notevole, via via via come macchinette e il tutto in una struttura davvero triste e poco piacevole. Le attese sono chilometriche. A un certo punto mi sono sentito soffocare, mi é quasi venuto da piangere, mi é venuta voglia di scappare via subito da Milano e dall'Italia... forse dovevo giá farlo anni fa. Ho pensato anche questo. Davvero non riesco piú a sopportare come funzionano le cose qui... voglio scappare.


P.S.: A maggio andrò quattro giorni a Roma per lavoro! :-)

mercoledì 18 aprile 2007

Anno 2007

Siamo nell'anno 2007 eppure guardate cosa si vede entrando nell'atrio di una delle principali universitá del paese:


Per carità, pieno rispetto per le idee diverse dalle mie, ma questo é significativo del fatto che qui siamo fermi alla mentalitá che c'era 20 anni fa. Sarei curioso di sentire cosa direbbero le persone all'estero vedendo una cosa del genere. Dopo questa perla scattata alla Statale, per i numerosi fans di Milano, di ritorno dal corso, ho scattato anche questa in L.go Augusto:


se non riuscite a leggere il cartello lasciato dal negoziante sopra il vaso di fronte alla propria vetrina, c'é scritto:
CLASSICO esempio di come é tutelata Milano. Hanno fregato il 10° albero!
Grazie Milano.
A Basetta regalo invece la foto dell'ultima moda milanese. Poiché ormai siamo pieni di extracomunitari senza casa ne lavoro che vivono di espedienti, mangiare in strada é diventato cosa normale. Altrettanto abbandonare i propri rifiuti nei cestini (che diventano inutilizzabili) o subito sotto. E bisogna pure ringraziare che non abbandonino la spazzatura in giro...



E Milano sarebbe una cittá moderna, avanzata, dove sarei dovuto rimanere?! Ah ah ah ah!

martedì 17 aprile 2007

Il dado é tratto

Il dado é tratto... ieri ho preannunciato le mie dimissioni, domani porterò la raccomandata a mano. A luglio sarò libero anche se senza lavoro. Devo cominciare a non pensare più all'italiana ma con un'ottica orientata a Vienna. Speriamo che la salute e la fortuna mi aiutino. Basetta, un giorno l'altro dobbiamo fare due chiacchiere ;-)
Intanto leggo su "E Polis" di oggi a pagina 34:
La Lombardia fatica a competere con le regioni piú sviluppate e dinamiche d'Europa. [...] Insomma, il territorio amministrato dal Pirellone fa sí passi avanti senza peró riuscire a colmare quella distanza che lo separa dal "salotto buono" dell'economia continentale ossia le regioni di Bruxelles, Amburgo, Vienna, Stoccolma, Ile de France...

Rispondendo ai commenti di LCL e Basetta vorrei dire che gli Stati Uniti sono un pó un discorso a parte. Proprio la storia, la filosofia di vita e il modello economico sono diversissimi e quindi vanno trattati a parte. Le grosse cittá avranno i loro quartieri violenti ma anche quelli belli. E poi ci saranno cittadine medie dove si vive bene. A Istanbul non ci sono stato ma francamente dubito che la Turchia possa essere il mio paese preferito. Basetta, dai, non farmi ridere. Qualche escremento a Vienna l'ho visto anche io ma se da te nessuno raccoglie, qui gli escrementi addirittura li spargono volontariamente altrimenti non mi spiegherei certe distese di aiuole-latrina. :-D Figurati che mi ricordo che un tizio di Milano aveva cominciato a fotografare questi regali della natura e aveva tutta una collezione su Flickr (OMG!). Poi vedi Basetta, tu chiami la tua pigrizia ma non é cosí. Tu ti ci trovi bene a Vienna, é evidente. E questo non é incompatibile con l'essere orgoglioso di essere italiano. Come ho giá detto, l'Italiano ha uno stile, una fantasia, un buon gusto e anche spesso una genialitá unici nel mondo. Ma questo non toglie che in Italia si viva male e. O, come dici tu, é difficile vivere (ma secondo me stiamo dicendo la stessa cosa). Ecco perché tanta gente emigra all'estero. Finché l'Italia non proteggerá i suoi tesori ma li tratterá male, qui la vita andrá sempre peggio e le persone in grado di migliorare le cose scapperanno all'estero. D'altra parte uno di vita ne ha una sola, no? ;-)
Passiamo a discorsi piú terra terra. Domenica mi si é rotto il dente che il dentista mi aveva devitalizzato qualche mese fa. E´un premolare. Oggi sono andato e me l'ha provvisoriamente risistemato e poi ha detto di tornare il 3 maggio per il calco e poi per ricoprirlo. NON OSO IMMAGINARE QUANTO MI COSTERA' IL TUTTO.
:-(((
Ho pure il dubbio se abbia lavorato bene al momento della devitalizzazione. Ma come si fa a sapere queste cose? Vabbé tanto volente o nolente fra qualche mese il dentista dovró cambiarlo per forza quindi non mi pongo neanche il problema. Solo che giá ho tante spese in questo periodo, ci mancava solo questa del dente...

lunedì 16 aprile 2007

Pavoni

Leggo nei commenti di ieri:


Ho come l'impressione che la tua pessima opinione sull'Italia (e su Milano in particolare) ti faccia vedere in maniera un poco distorta la realtà dei fatti: Italia sempre uno schifo, estero sempre bellissimo.


Magari non proprio sempre uno schifo l'Italia ma QUESTE COSE all'estero non succedono. Gli scioperi non esistono. Il ragazzo di mia sorella non ha mai visto uno sciopero dei mezzi pubblici nei suoi 25 e passa anni. Il problema è che in Italia non c'è limite. Le bustarelle ci sono anche all'estero, i furbi pure ma qui tutto è portato all'estremo e il paese ne paga le conseguenze. Tutto il mondo è paese perchè tutto il mondo è fatto di uomini. Ma in Italia non c'è misura e questo porta allo schifo che abbiamo. E se andate all'estero vedete che siamo davvero messi male. Ho recuperato anche due video sui pavoni che ho fatto nella campagna viennese. La qualità non è un granchè perchè li ho fatti con la macchina fotografica e per di più Google video li ha peggiorati comprimendoli un pò. Ma si vedono benissimo i protagonisti: uno bianco e uno blu! Le foto con i dettagli le trovate nell'album che ho lincato nel post di ieri. ;-)

video


video

domenica 15 aprile 2007

Vienna Vienna Vienna

Son tornato! Non so da che parte iniziare a raccontare. Cercheró di essere schematico anche perché non ho molto tempo. Poi metto anche le foto sulla cartina così potete vedere Vienna dal vero. Non sono andato su per turismo quindi di luoghi di cultura o turistici non ne sentirete parlare. Parliamo invece di vita di tutti i giorni. Ho fatto anche un salto fuori Vienna, in campagna. Cominciamo dal treno. Per andare a Vienna da Milano o si prende l'Euronotte che parte alla sera e arriva alla mattina verso le 9 oppure si viaggia di giorno passando da Venezia. L'Euronotte é piú comodo ma piú costoso visto che per viaggiare in pace é bene prendersi il vagone letto. Il treno giorno é piú noioso e stressante (c'è la coincidenza da prendere a Venezia) ma può costare davvero poco, solo 102 euro per i biglietti di andata/ritorno se usufruite delle tariffe promozionali. Io sono andato di giorno.Da Milano a Venezia l'IC é il solito italiano di 40 anni fa rimodernato un attimo (ma lo sporco agli angoli dei finestrini é ancora lí!). Da Venezia invece si viaggia su carrozze austriache e il design é uguale (scompartimenti a 6 posto) ma le carrozze sono nuove e tutte dotate di prese elettriche (foto a fianco). Idem i bagni: delle vere latrine sull'IC da Milano, pulitissimi anche a fine viaggio quelle sull'EC Allegro da Venezia/Vienna. Certo, diciamocelo, é anche una questione di educazione... La stazione di arrivo a Vienna é la Südbahnhof. Non mi é sembrata particolarmente brutta o pericolosa. Ha un design molto semplice e pulito e basta. Ottimi i mezzi pubblici, almeno per quello che ho potuto vedere io. Esistono le 5 metropolitane e poi le S-Bahn ossia ferrovie veloci. Per dare un'idea potrebbe essere simili al passante ma siamo su tutt'altri livelli. Sono moderne, velocissime, puntualissime al minuto. Ho provato di persona la S45. Sono sceso alle 17.55. Sono andato al supermercato. In teoria ce ne dovrebbe essere una ogni 15 minuti. Sono uscito dal supermercato alle 18.52. Guardo l'orologio... via di corsa! Alle 18.54 ero in stazione e il treno é stato annunciato. Alle 18.55 é arrivato. Davvero incredibile! Per i supermercati, mi sono dato da fare: Hofer, Billa, Merkur e Despar-Gourmet. Testati piú volte. Il peggiore secondo me é il Billa che é tipo supermercatino sotto casa. E' comodissimo ma prezzi medio-alti e assortimento così così. Hofer é piú tipo hard discount, quindi prezzi bassi, ma si trovano anche cose buone, basta saper scegliere. Il Merkur, il mio preferito, é pieno di delizie e si trova davvero di tutto compreso l'Eukanuba Lamb & Rice da 15 Kg per la mia dalmata, riso giapponese con condimento, alghe nori e tutto il necessario per fare il sushi oltre che i prodotti locali. Potremmo paragonarlo all'Esselunga. Ottimo ma i prezzi non sono economici. Dove sono stato:
-in campagna (bella, verde, a colline)
-tutti i negozi della Mariahilferstrasse (una via di negozi tipo c.so Buenos Aires qui a Milano)
-Julius Meinl (vicino alla Stephansplatz) é un negozio di cose deliziose provenienti da tutto il mondo (prezzi stellari peró)
-Türkenshanzpark (un bellissimo parco che c'é a Vienna)
-Nashmarkt (un mercato all'aperto con bancarelle con prodotti da tutto il mondo; davvero notevole, ci sono frutti e formaggi che non avevo mai visto in vita mia!)
Se volete vedere dove sono questi posti lo potete fare da QUI sulla cartina. Fatemi sapere se ci sono problemi. Altre foto di Vienna dove si vedono meglio i luoghi, le potete invece trovare nell'album apposito QUI (Nancy, riesci a trovare la fto che ho fatto pensando te?), mangiare (Gianna!!!) e acquisti QUI. Infine, due parole sulle cose deliziose che si possono mangiare. Premesso che si trova di tutto, ho particolarmente apprezzato i Knodel ossia delle palle di pane o patate dolci o salate.Quelli dolci sono ripieni di albicocche, prugne o crema guanduia (da svenire) quelli salati sono con carne, carne affumicata, wurstel o fegato all'interno. Vengono cotti in acqua bollente e poi cosparsi di burro. Quelli dolci rotolate prima nelle nocciole con zucchero e cannella (ho messi questi ultimi nella foto). A me fanno davvero impazzire!! Oltre ai dolci, si trovano poi tantissimi tipi di Joghurt e latticini qui assolutamente sconosciuti. Delizioso il latte acido al Sambuco

una specie di frutto che cresce a grappoli sugli alberi e di forma ricorda vagamente il mirtillo. Il sapore é ovviamente completamente diverso. Il latte acido é un latte fermentato ne piú ne meno acido di uno joghurt e ormai, con le tecniche moderne, simile a uno joghurt ma meno dolce. Io che amo lo joghurt acido al naturale, ne vado matto. E poi decine e decine di salsicce, wurst, prosciutti e simili.Infine, dal punto di vista acquisti ho anche comprato per 4,50 euro una maschera di Scream (per Halloween! Bisogna pensarci per tempo, no?) e una guida con i percorsi ciclabili a Vienna. Ho poi scoperto che Mediaworld non ha la tessera fedeltá come qui in Italia (meglio, in un certo senso) e che una bicicletta decente viene sui 300 euro minimo... ma questo credo anche qui a Milano... Infine le poche cose negative. Dapprima la cosa che piú mi angoscia ossia che nel "territorio viennese" sono abbastanza comuni le zecche, che portano malattie e per questo motivo tutti i viennesi di solito si vaccinano contro una certa malattia piuttosto pericolosa trasmessa dalle zecche e in cittá ho visto di sfuggita dei cartelloni di informazione sulle zecche. E' vero che io non sono il tipo che va a passeggiare nei prati pubblici o nei campi a piedi nudi o in sandaletti, é vero che se lo sai, eviti i posti con erba alta e poco curata o in ogni caso ci vai con pantaloni lunghi e anfibi, ma lo stesso la cosa mi impensierisce un pó. E' anche vero che nei giardini delle case e in cittá (salvo forse al Prater che é il piú grande parco di Vienna) é difficile che ci siano perché sono curati e quindi non ci sono le condizioni ideali. Insomma, una cosa che non sapevo, di cui i Viennesi (e i turisti che per lo piú non ne sono a conoscenza) non sembrano preoccuparsi granché ma che a me ha sconvolto un attimo. L'altra cosa, piú buffa che negativa é come si vestono i viennesi o, meglio, i giovani viennesi. Male. Come quasi tutti quelli che abitano nei paesi di lingua tedesca. Piú degli abiti comunque mi hanno impressionato le scarpe. Davvero brutte: si salvano solo quelle importate tipo Geox, Fila, Timberland, ecc. Per le Nike la situazione é tragica! ^_^ C'é un Nike store e un Footlocker nella Mariahilferstrasse e l'assortimento é pietoso. Davvero pietoso e di vecchio stampo. In giro infatti si vedono pochissime persone con un paio di Nike mentre, per confronto, qui a Milano ne incontri una ogni 2 x 3 e si fa quasi a gara ad avere il modello piú bello e tecnologico. Morale: le mie prossime Nike ho giá capito me le dovró comprare in Italia o negli States!!! E mi sa pure le scarpe normali... Per fortuna in 4-5 ore di treno si é in Italia (per Milano contate 12 ore peró). Che dire? Non é che i viennesi siano "all'antica" ma per alcune cose sí, per le scarpe sicuramente. Invece guardate un pó la foto della cabina telefonica a lato! Non ci crederete ma esistono postazioni di videochat pubbliche sparse per tutta la cittá!! Infine l'ultima cosa che mi ha colpito dei mezzi pubblici, oltre all'efficienza, sono che gli accessi a metró, S-Bahn, mezzi di superficie sono LIBERI. Non ci sono tornelli ne personale che controlla. Il personale che controlla appare poi, o in borghese, oppure in quantitá spropositata (tipo 10-12 persone) alle uscite. Mi sono beccato anche io un controllo ma avevo ovviamente comprato il settimanale ^_^ (12,50 euro per la cronaca). Mi sembra giusto, cosí tutto é piú fluido e i controlli sono effettivi. Io stimo che qui a Milano almeno il 50% della gente vada senza biglietto. E i controllori mi sono capitati 2 volte in 3 anni. A Vienna una volta in una settimana. Ma i mezzi funzionano, eccome, e sono tanti, nuovi e puntuali. Impareranno mai i politici e i manager italiani?

mercoledì 11 aprile 2007

Aggiornamento del mercoledí

Stamattina ho aperto il conto in banca alla Bawag (scordatevi i bolli governativi italiani... qui non esistono e puoi avere un conto a circa 40 euro all'anno!) e ho poi preso il treno veloce + la metropolitana per andare da Mediamarkt (Mediaworld viennese...). Ho guardato per una tastiera tedesca, per frigo, microonde, fornelli (qui ormai hanno quasi tutti il vetroceramica), forno, aspirapolvere (non si sa mai) e poi ho fatto una puntatina al reparto DVD che come sapete é la mia passione. Non vi dico quali edizioni speciali ho trovato. Davvero spettacolari. Con gli ologrammi, col cofanetto in metallo, a libro... di tutto!!! E che prezzi! Ho comprato il cofanetto con i film di Romero (Night of the living dead, Dawn of the dead, Day of the dead + DVD con gli extra) a 7,99 euro (!!). Non sará certo l'edizione super raffinata ma a me faceva piacere averli tutti senza spendere un capitale. Spero che abbiano i sottotitoli in tedesco, se no pazienza, piano piano mi abitueró. Ho poi anche preso a 7,99 il DVD di Domino. E' un film non poi vecchissimo e come prezzo é ottimo. E' l'edizione disco singolo. Ho provato a chiedere (in tedesco ovviamente!!!) se avevano l'edizione 2 DVD ma la tizia dopo aver controllato al PC mi ha detto di no. Sono peró stato contento che ha capito quello che le chiedevo... che emozione vedere che poco a poco capisco sempre piú quello che mi circonda! Poi sono andato da Sport Experts o qualcosa del genere e ho dato un'occhiata per la bicicletta. Notare che qui tutti vanno in giro in bici col casco pure i bimbi di 4-5 anni al parco. Ma é cosí anche in Italia, no? :-P
Infine ho preso di nuovo il metró e sono andato a capolinea e preso di nuovo il treno veloce ma siccome mi é scappato davanti al naso (comunque ce `n'é uno ogni 15 minuti), prima sono passato in panetteria (molte stazioni hanno fornitissime panetterie-pasticcerie) e mi sono preso un panino con sopra il formaggio che adoro e... tadá... non credevo ai miei occhi, UN GIGANTESCO DONUTS RICOPERTO DI CIOCCOLATO. Era davvero favoloso e non aveva NULLA da invidiare a quelli americani. Anzi, era meno unto e piú grande e morbido. Una FA V O L A. La foto un'altra volta perché non ho resistito fino a casa e l'ho mangiato in stazione. Da notare che nella panetteria c'era davvero di tutto, compreso un bellissimo pane biologico ai cereali a forma di ORSETTO!!! Quanto ai trasporti: una favola, almeno quelli che ho preso fino a ora. Il settimanale costa 12,50 euro (biglietto standard 1,50). Oggi pomeriggio vado al NashMarkt poi vi racconto. Pixel, non svenire, si tratta ancora di mangiare: é un famoso mercato con cose particolari e di alta qualitá. :-) Se ce la faccio, prendo anche la SIM del telefonino. Per ora vado su Yesss, la catena telefonica virtuale che fa capo al gruppo Hofer (supermercati a basso costo) cosí spendo poco e non pago il canone mensile (non essendoci tasse governative, molti qui hanno l'abbonamento). Poi vedremo, specialmente se trovo lavoro, magari un pensierino al Blackberry ce lo faccio.

martedì 10 aprile 2007

Saluti da Vienna

Wella! Ho poco tempo perché non sono su un PC mio. Giusto per dire che stamattina ho fatto un giretto al Turkenshanzpark (mooolto rilassante, vedrete che roba) e un pó di shopping da Hofer e Mercur. A parte la fontana di cioccolato a cui sono riuscito a resistere, ci sono di quelle cose... Knodel a tutto andare e poi vagonate di salumi di tutti i tipi che fan sembrare i wurstel italiani robaccia da terzo mondo. Naturalmente ho trovato anche il Parmigiano Reggiano a prezzo decente, la mozzarella Francia... no, di nostalgia alimentare sicuramente non ci si potrebbe ammalare. Poi, ho pensato a Gianna, ho trovato alcune chicche mai viste in Italia come ad esempio il latte fresco di pecora e quello di capra (freschi, nel banco frigo!!!) e poi deliziose marmellate (sambuco e lamponi) a prezzo popolare malgrado l'alta percentuale di frutta contenuta e, chiacca delle chicche, una miscela per fare velocemente il Lebkuchen e i semi di zucca macinati per fare una torta speciale che si usa in Stiria, una regione dell'Austria famosa per le sue coltivazioni di zucche. Nella foto vedete le due confezioni. La torta proveró a farla appena torno a Milano. Cioccolato fondente e semi di zucca macinati fini: slurp! :-)

sabato 7 aprile 2007

Happy Birthday Grissino

Oggi compio gli anni. 35 anni. Mi spiace vedere che il tempo corra così. Esattamente un anno fa, questo stesso giorno, ero in ospedale e ci sarei stato per una settimana. Sembra ieri. E' passato invece un anno e il bilancio non é granché positivo. Dico questo perché la mia vita é cambiata poco rispetto ad allora. In tutti questi mesi i giorni sono passati nel tran tran obbligato del lavoro. Un lavoro che ormai non mi dá piú nulla, anzi mi sta strettissimo per tutto eccetto per le possibilità, comunque sempre piú rare, di parlare, incontrare e passare tempo coi miei colleghi stranieri. Ma non vale la pena vivere in una fogna (Milano), con un lavoro che deprime le mie capacità intellettive, per poter viaggiare qualche settimana all'anno. Ieri, con infinito piacere quasi una liberazione, ho perso due ore a scrivere la lettera di dimissioni che spedirò al mio ritorno da Vienna. Ho tanta tanta voglia di ri-iniziare da zero in un posto che mi possa regalare (lo spero) piú salute, piú verde e possibilità di movimento (qui mi sento soffocare ormai), piú rispetto, pulizia e senso civico. Avete presento Morpheus quando dice a Neo "Welcome to the Real World"? Ecco vorrei che succedesse anche a me. Vienna potrebbe essere davvero il posto giusto. Domani parto e staró via una settimana. Quando torneró avró diverse cose da raccontarvi e molte foto da farvi vedere (le metteró sulla cartina qui a fianco cosí vedrete com'é la cittá). Sará anche l'inizio di un periodo di rinnovamento e di novitá che culmineranno con il trasferimento definitivo a Vienna che ho idealmente fissato per il 1 settembre 2007 (in realtá probabilmente saró giá su definitivamente da dopo ferragosto...). In vista di ció ho rinnovato un pó il Blog e ho aggiunto un bellissimo widget flash con il countdown. Ora che sapete tutto, date comprese, potete farmi gli auguri. E non solo per il compleanno. :-)

**AGGIORNAMENTO**
Ho quasi finito di preparare le valige. Ho risposto ai commenti arretrati e a quelli di oggi. Ora vado a mangiare qualcosa. Ci leggiamo sabato o domenica. Buona Pasqua e buone feste a tutti. A presto!! :-)

clipart cortesia Hellasmultimedia

venerdì 6 aprile 2007

Las Vegas!

La mia collega oggi mi ha praticamente obbligato ad andare a mangiare con lei da Mc Donalds. Non é che ne avessi molta voglia sia perché non vorrei mangiare troppe schifezze in questi giorni (giá esagereró a Vienna) sia perché Mc non é poi proprio dimagrante e per finire non accetta piú i buoni pasto... Tuttavia, visto che non potevo dire di no, mi sono consolato prendendo il Trip to Las Vegas Menú dove oltre ad avere una suoneria da cellulare in regalo (io ho scelto "Surfin' U.S.A." potevo fare altrimenti?) si partecipava all'estrazione a sorte di un viaggio a Las Vegas. Ragazzi, incrociate le dita per me ^_^ Sapete che ogni tanto uno compra il biglietto di una lotteria, beh, io ho preso l'hamburger di McDonalds. Devo dire che dato che c'era un sacco di coda, me l'hanno fatto espresso e non era malaccio ne troppo pasticciato: panino integrale (con i semi delle carte disegnati sopra con la farina, simpatico!), fettine di scamorza affumicata, insalata iceberg (tolta quasi tutta), hamburger di manzo e maionese. Poi patatine piccole e succo d'arancio (meno calorie del thé freddo alla pesca).

giovedì 5 aprile 2007

Svogliatezza


Oggi sono proprio svogliato. No, non é la parola giusta. La parola giusta é stufo. Stufo soprattutto del lavoro dove mi sembra di avere a che fare con dei bambini (stupidi per giunta) e di Milano. Non vedo proprio l'ora di ricominciare le cose da zero. La mia dalmata sembra abbastanza a posto. Sabato la riporto a fare un controllino. L'importante é che la ferita non si gonfi. Mi sono anche accorto che per il mio compleanno nessuno penserá alla mia torta. I miei mi hanno detto che porteranno una gigantesca tagliata ma la torta per sicurezza é meglio che me la faccia io. Forse domani pomeriggio: saró infatti a casa dal lavoro per tener compagnia alla mia piccola. Devo ancora sceglierla ma sará al cioccolato. Stasera intanto voglio farmi delle specie di dischi di polenta e formaggio. Vediamo come vengono. Me le gusteró guardando CSI!!
Ieri sono intanto arrivate le Action Figures nuove:
-Morpheus con la katana (dal film Matrix)
-Jena Pliskin (dal film 1997: Escape from New York)
-Alien e Predator (dal film Alien VS Predator)
Simpatiche quelle di Morpheus e Jena, abbastanza standard quella dell'Alien (ve le faró vedere piú avanti), assolutamente ben fatta e dettagliatissima quella di Predator. Nella foto potete notare che é ricchissima di particolari. Vere chicche da notare (indicate con le frecce rosse) la collana di teschietti, il bracciale apribile con i comandi delle armi, la spada estraibile dal fodero attaccato alla gamba sinistra, e il fucile completamente orientabile, come nel film, dietro la spalla. Cliccate sulla foto e guardatela in alta risoluzione, ne vale la pena, soprattutto per chi ha visto il film.

mercoledì 4 aprile 2007

Situazione

La mia dalmata ha un buco nella guanciotta. Per fortuna non sembra soffrirne moltissimo anche se dovró stare attento che non si gratti la ferita, disinfettarla tre volte al giorno e sperare che non si infetti ne faccia troppo liquido. Al lavoro hanno fatto un pó di storie ma domani pomeriggio e venerdí pomeriggio dovrei riuscire a stare a casa. Alla mattina dovrei riuscire ad affidarla a una dog sitter che conosce. Ma possibile che qui in Italia ogni volta che uno chiede permessi o ferie ci sono dei problemi? Qui avremo tante ferie e permessi ma é sempre un problema riuscire a farle. I miei colleghi di altre sedi (anche europee) non hanno questi problemi: perché?

Un grazie a tutti per i messaggi che mi avete lasciato. Anzi, un abbraccio di cuore a tutti voi. Sará virtuale ma é fatto col cuore.
:-)

Porcaccia

Porcaccia la p.... stamattina hanno morso la mia dalmata. Stavo svoltando l'angolo quando un'altra dalmata che ha morso un pó tutti in zona, ci é finita addosso. Ora la mia lei ha un taglio e un buco sulla guancia
:-(
Fra poco vado dal veterinario, appena apre.

martedì 3 aprile 2007

Mal di testa

Stanotte mi son svegliato alle 4.30 con un gran mal di testa e cosí é stato per la maggior parte della giornata. Ho proprio bisogno di sonno. Ieri sera avevo spento alle 22.30 (che poi tanto tardi non é!) perché ho dato un'occhiata a NCIS, una pallida scopiazzatura di CSI (e cosa poteva fare mai la RAI se non una scopiazzatura?) ma che ieri sera era un pó piú interessante delle altre volte che l'ho visto perché c'era una nuova investigatrice davvero carina proveniente dal Mossad (me ne sono *quasi* innamorato). Ad ogni modo rimane sempre una fiction di serie B. Stasera sono passato a prendere il latte e giá che c'ero mi sono lasciato tentare da una bella confezione di Jack Daniel's che sembrava costare lo stesso della classica bottiglia spoglia. Da quando ho comprato la torta al Jack Daniel's su negli States, voglio solo questo whiskey!! Poi essendo americano... ^_^ Certo che, accidenti, é costato piú di 15 euro, per fortuna ho potuto pagare coi buoni pasto. L'alra buona notizia é che una persona negli States ha giá programmato che andró a Roma a maggio a fare il training di un nuovo software alle persone dell'ufficio. GRANDE: potró cosí salutare tutti a Roma e farmi una bella scorpacciata di fritti, cornetti, bombe, gelato con fragoline eccetera eccetera!! Yum Yum. :-P

lunedì 2 aprile 2007

SWAT - Counter Strike?!

Ahi, che mal di schiena!! Anzi, mal di costole, insomma, mi fa male ai lati, non in fondo alla schiena. Bah...

Certo che i tempi sono cambiati!! Guardate cosa ho trovato su Scuolazoo sharato su You Tube:



Come c'é scritto in un commento su Scuolazoo sicuramente il tizio ha giocato un pó troppo a Counter-Strike!! E secondo me, ai miei tempi, il tizio minimo minimo finiva dal preside e poi lo sospendevano pure. Avendo insegnato (anche se a persone adulte) io forse avrei detto al novello SWAT: "cavolo, la prossima volta dimmelo che entriamo insieme!" ^_^ oppure "ragazzi, a fine anno all'ultima lezione chi vuole porta il portatile, facciamo una rete e giochiamo tutti insieme a America's Army Special Forces!!". Cosí da un lato non dovrebbero piú farti bravate simili e dall'altra te li fai amici. O sbaglio?!
:-P

domenica 1 aprile 2007

Film porcheria

Il film di ieri sera non era ne quello del 1985 ne l'horror The Messengers ma QUESTO terribile film di serie C (giá perché certi B-movie sono addirittura diventati dei cult). Il film in questione dal titolo Messenger: a little trip to heaven é di una noia, supiditá e banalitá incredibile. 90 minuti di noia che cominciano dopo un inizio movimentato quanto caotico e poco chiaro che giá dopo un pó fa capire come finirá il film. In mezzo a ció la desolazione della provincia americana, un'azienda farabutta e un nero sovrappeso. Unica luce, la moglie del cattivone di turno, Julia Stiles, una bionda niente male. Ma da sola lei non puó certo salvare il film da un 4 tondo tondo.

I muffin di ieri sera: