sabato 17 marzo 2007

Riassunto della settimana

Questa settimana é stata piuttosto stressante. Come la scorsa sono arrivato al giovedí cosí stanco da non essere in grado di vedere il secondo dei due episodi di C.S.I. (e pazienza, nulla di grave ma é significativo della situazione). Oltre alla stanchezza fisica ho quella psicologica. Innanzitutto ho avuto una conversazione col titolare e mi ha lasciato molto l'amaro in bocca, anzi mi ha fatto proprio infuriare. E' stata l'ennesima conferma che qui in Italia non importa la qualità ma solo la quantità. La professionalità é un extra inutile. E quando la mia capa a New York ha detto "beh, questo progetto sarà un'ottima aggiunta al tuo curriculum" mi stavo capottando dalle risate... lei é sempre tanto gentile e quindi non mi é neanche passato dall'anticamera del cervello di riderle in faccia ma qui poco aiuta scrivere che si é in grado di gestire certi progetti per farsi assumere o cambiare lavoro. Meglio chiedere 100 euro in meno, tanto il progetto te lo appioppano lo stesso. Ci penseranno poi se qualcosa va male. L'italiano non si organizza, vive alla giornata. Sapeste quante volte mi sono sentito dire da diverse persone "ci penseremo poi al momento" (ovviamente mai sentito dire una cosa del genere dai miei colleghi americani). Sul fronte DELL dopo un altro scambio e-mail sono finalmente riuscito a concludere la faccenda e ho avuto il mio tanto desiderato CD di Paint Shop Pro XI che reputo uno dei migliori programmi di fotoritocco insieme a Photoshop e Gimp. Gimp é gratuito e molto completo per essere gratuito ma é davvero poco intuitivo rispetto a Paint Shop Pro dato anche che quest'ultimo lo uso da anni da quando mi avevano regalato la versione 7 (e prima ancora provavo regolarmente le versioni shareware appena uscivano). Tirando le somme, ho perso un aggiornamento a Vista Home Premium (-230 euro) ma ho avuto una borsa di pelle per il portatile (+105 euro), Corel Photo Album (+15 euro), Paint Shop Pro XI (90 euro) e non ho pagato le spese di aggiornamento a Vista (-30 euro), insomma, ci ho guadagnato! :-P Facciamoci poi due risate con TRENITALIA. Ieri sera ho deciso di prendere i biglietti per andare su a Vienna dopo Pasqua.
Ferrovie austriache: guardo orari e disponibilitá diurne. Guardo quelle notturne. Ritorno a quelle diurne, seleziono l'opzione promo (il sito mi fa vedere che é l'ultimo biglietto a questa tariffa in vendita), compro il biglietto con carta di credito e me lo stampo. Fine. Biglietto di ritorno preso in 10, 15 minuti al massimo.
Trenitalia: clicca sull'orario, tenta la tariffa promo. Finite. Torna indietro e rifai tutto (il software non permette di cambiare). Rifai tutto almeno 6 volte perché ho provato in orari e giorni diversi. Rinuncio alla fine alla tariffa promo e vado di standard. Rifai e a questo punto mi blocco su nome/password che sbaglio (aaaargh). Recupero nome/password, ma intanto devo ricominciare da capo. Rifaccio, e mi blocco sul pagamento (questo é colpa mia) perché sulla mia Postepay non ci sono sufficienti soldi. Rifaccio ancora (aaaargh) e uso quella di mio papá. Il nome non coincide con l'account e quindi niente autorizzazione nemmeno qui. OK, BASTA, UN ORA PER AVERE UN MERD***IMO BIGLIETTO E' DAVVERO TROPPO. Vado domani in un'agenzia di viaggi cosí non devo nemmeno andare a ritirare il biglietto in stazione (già perché in Italia i biglietti internazionali devono essere ritirati in stazione, in Austria si stampano...). Oggi vado in cerca di una agenzia di viaggia che emetta biglietti. La prima é chiusa. La seconda pure (vedo che guadagnate bene per permettervi di chiudere il sabato mattina!!). la terza ha un cartello "Oggi si apre piú tardi. Pazientate! (scritto grosso come una casa come a prendere per il cu**)". OK, torno a casa (aaaargh), prendo la Postepay e relativo modulo, passo al bancomat e prelevo i soldi, vado in posta (mircolo non c'é nessuno) e... la commessa sta 10 minuti a parlare di reggiseni con la collega e poi candidamente "ma lei che numero ha?" (ma vaffa...). Le dó tutto e mi fa "sí ma da un pó é necessario anche il codice fiscale, ce l'ha?". Ci mancava quello... per fortuna che ho sempre tutto con me, compresa la tessera sanitaria. Faccio due commissioni da Mediaworld (terminale bancomat non funzionante alla cassa... devo pagare in contanti) e all'Esselunga e vado alla stazione di Lambrate per questi maledettissimi biglietti. Arrivo allo sportello (una persona sola davanti, miracolo pure qui!) e chiedo "Fate biglietti internazionali?". Risposta "Dipende". EEEEEH?! Come "Dipende"?! Per fortuna per Vienna li poteva fare. E qui si replica la buffonata della sera prima. Mette nel PC il giorno, sceglie il treno, seleziona la tariffa promo, va avanti... tariffe promo finite (ma chi é che ha fatto 'sto software cosí col c**o che fa il controllo solo alla fine e non in tempo reale?!). Provi il giorno successivo per favore. Reload di tutto. Nulla. Vabbé allora mi faccia tariffa intera. L'impiegato clicca la tariffa intera e il PC gli si riavvia (aaaaargh!!! poveraccio anche lui ha dato segni di insofferenza ^_^). Finalmente appena il Pc torna su e carica di nuovo il programma di gestione, riusciamo a stampare i miei biglietti per Vienna. W l'Italia. Ma ve la lascio tutta, appena posso.

2 commenti:

  1. Mah io ho provato Paint.NET l'ultima versione è stupenda e molto più intuitiva di Gimp(uso normalmente Photoshop , Paint.NET in ufficio )

    RispondiElimina
  2. Ci daró un'occhiata allora
    :-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P