giovedì 4 gennaio 2007

Morale e auto

In questi ultimi due giorni sono un pò giù. Anzi, molto giù. Vedo che c'è davvero poca sensibilità verso il mio progetto. Non che questo mi faccia venire meno la voglia di provarci ma, soprattutto in certi momenti, sarebbe bello non sentirsi dire "Allora lascia perdere..." - "Eh, allora fai pure!" (per la serie "a noi non ce ne frega nulla) - "Staremo a vedere" - "Sei proprio sicuro?" - "Io non lo farei mai" e tante altre frasette simili molto simpatiche e incoraggianti (andate a ca**re vah!). Insomma, già uno impegna tutto se stesso in un qualcosa di non affatto semplice e che comporta molto impegno; sentirsi dire certe cose dalle persone che ti sono più vicine e che in teoria dovrebbero aiutarti, butta proprio giù. Tanto che ieri sera ero lì che piangevo a letto con la mia dalmata tutta agitata perchè ovviamente non capiva il perchè ero così. Beh, i pelosi come li chiama Pixel, hanno un cuore, un affetto e una fedeltà che è riscontrabile davvero in poche persone. Ad ogni modo, pur molto amareggiato, devo ben pensare a organizzarmi. Ci sarà anche il problema auto. Come sapete io odio guidare. Anzi no, odio guidare nel mezzo del casino, per fortuna non credo dovrò sopportarne molto e comunque sarà ben diverso di quello di qui a Milano. Poi non è detto che stando fuori dal casino e dall'italica maleducazione non rinasca il piacere di guidare e andare in giro. Nessuno regalerà o presterà a tempo indeterminato la macchina al sottoscritto come è successo a mia sorella, quindi ho già capito che me ne dovrò comprare una. Di andare veloce, essere scattante e figo non me ne frega nulla, quello che mi servirebbe è una macchina che vada bene in città (=non esageratamente grossa), non consumi troppo (=evitiamo i bestioni o le macchine sportive) ma soprattutto che vada bene sia sulla neve (siamo ad altre latitudini) che sullo sterrato visto che la previsione a medio termine è trasferirsi in una zona abbastanza di campagna. Poi visto che mi piace la natura, è facile che vada a farmi dei giretti per campi, colline, boschi (funghi!), ecc. e può capitare sicuramente lo sterrato. Non contiamo poi che per me la macchina è qualcosa da usare e che deve essere resistente più che bella. In definitiva, ho trovato un quasi fuoristrada 4x4 che mi piace moltissimo: si tratta della Daihatsu Terios. Certo che, cavolo, 20.000 euro non ho voglia di spenderli quindi probabilmente con comodo ne cercherò una usata. Infatti nell'immediato non ne avrò una necessità impellente e poi farò l'abbonamento mensile dei mezzi pubblici e cercherò di sfruttarlo adeguatamente ;-) Lì di scioperi non ce ne sono :-D Ecco, devo dire che è bello costruirsi il proprio futuro pezzettino per pezzettino ma anche triste vedere quanta poca partecipazione ci mettono le persone che ti stanno vicine. So che il futuro è il mio e non il loro ma vi assicuro che se qualcuno mi coinvolgesse in una situazione simile, farei di tutto per aiutarlo nelle varie parti: casa, arredamento, cucina, informatizzazione della casa, auto, ecc. Invece dai miei finora ho avuto un supporto e un aiuto prossimi allo zero. Complimenti. Ma forse sì, ho capito, sono il colito coglione. Non ho ancora imparato che nella vita a essere troppo gentili si rischia solo di **BIP** (censura).

4 commenti:

  1. L'auto usata è una buona soluzione mi sembra occhio solo da chi la compri :)

    Per il resto orami sei grandicello Grissino e io vedo MisterN con i suoi , loro se ne sono andata a Parigi quando aveva 20 anni e lui da solo non volendo scegliere di seguire la strada facile (come invece ha fatto il fratello) e fare il loro lavoro ( calzature) si è piano piano dato da fare e con il lavoro si è aperto una piccola società informatica vive da quando ha 20 anni senza chiedere una lira ai suoi e ha superato da solo con le sue forze economiche e non anche i momenti più difficili però Grissino queò che è certo è che non si è mai lamentato solo rimboccato le maniche e dato da fare :)

    Lamentarsi non serve serve darsi da fare per accellerare i tempi di trasferimento etc in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  2. Su col morale Griss! I progetti validi e importanti sono sempre osteggiati all'inizio. Se credi in cio' che fai E NON MOLLI vedrai che avrai le soddisfazioni che meriti. Un abbraccio. MD;))

    RispondiElimina
  3. la forza di andare avanti la si trova in sè stessi e da quanto si crede nel proprio progetto ... se vuoi una 4x4 che consumi poco, non sia troppo costosa e sia poco ingombrante può apparire ridicolo ma la PANDA 4x4 è la migliore

    RispondiElimina
  4. @Pixel: sì, ma il problema è che per fortuna MisterN non ha ne aveva i miei problemi di salute se no sarei molto meno nervoso perchè alla peggio facevo un lavoro qualsiasi. Invece io non ho questa possibilità.
    @nofilter: Roger!
    @Krik: Fiat Panda?! No Grazie! E la sicurezza dove la metti? E la durata e l'affidabilità?! Figurati, lì buttano tonnellate di sale per non fare ghiacciare: cadrebbe a pezzi in pochi mesi ^_^
    No, no, per quanto la Panda sia simpatica, non la prenderei mai. Tantomeno una Fiat.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P