venerdì 17 novembre 2006

Odio nascente

Sono stanco. Stanco degli italiani. Di Milano e dell'Italia. Ti fanno passare ogni voglia di lavorare e vivere qui. Purtroppo devo pazientare ancora un pò... probabilmente arriverò a odiare questo posto ed è un peccato. Forse ha ragione la mia collega che ha detto che l'Italia è bella... sono gli italiani a fare schifo. Mia sorella se n'è andata un anno e mezzo fa. E' tornata una sola volta . Le è bastato. Mi ha detto che qui non ci vuole più venire. Non avrei mai immaginato di pensarla allo stesso modo di mia sorella con cui litigavo in continuazione e con cui avevo divergenze su tutto il possibile immaginabile. Quasi 35 anni passati in un posto in cui mi sono sempre sentito un estraneo. Basta, davvero basta.

Secondo voi ho avuto risposta per le mie ferie?

Ma è solo questione di tempo, io qui non ci rimango. Sicuro al 100%. Piuttosto vado a fare il cameriere in una birreria di Vienna.

P.S.: Lo so benissimo che esistono anche ottimi italiani (che sono poi quelli che magari se ne vanno appena possono) ma qui il discorso è più ampio. L'Italia sta affondando e nessuno ha il coraggio di cambiare i vizi tipici dell'Italiano. Provate a chiedere cosa ne pensano gli stranieri dell'Italia. Cibo? Ottimo! Divertimento? Molto! Cultura? Grandiosa! Lavoro? Senso del dovere? Educazione civica? Onestà? Fede alla parola data? ZERO

15 commenti:

  1. Esperienze, la stessa sfortuna puoi averla anche all'estero ... dipende dove e con chi capiti.

    Ti auguro di trovare quello che cerchi Grissino e di poter sorridere veramente e serenamente.

    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  2. Caro Mavero, qui ti sbagli di grosso. La sfortuna o un posto di lavoro schifoso ti possono capitare ovunque. Ma gente che lavora col culo e in modo così approssimativo come qui proprio non l'ho MAI VISTA!!!

    Non mettiamoci le fette di MORTADELLA (un salume a caso, eh?!) sugli occhi. Ci sarà ben un motivo perchè le persone di un certo livello "scappano" all'estero? Hai mai visto un americano "con le palle" venire qui in Italia?! Sì, per farsi una pizza e una granita. E BASTA.

    Grazie per gli auguri!
    :-)

    RispondiElimina
  3. Perchè invece in america dove l'80% della gente comune lavora (magari con + lavori) per ricaricare i debiti delle carte di credito e dove se vai in albergo, devi prendere certi alberghi per essere sicuro di non essere scippato la notte (confermato anche da Nancy) ... la è più bello vero?
    Ah, no, non è l'america, solo una sua parte ... un pò come in italia del resto no?
    Lavorare col culo?
    Abbiamo grosse potenze e floride realtà.
    Certo, servono anche i coglioni per cambiare a volte Grissino.
    Io ho 30 anni, lavoro da quando ne ho 18 e ho cambiato (in meglio)6 Aziende, questa dove lavoro da poco + di un anno è la settima e non sarà magari l'ultima.
    Aziende dove invecchi sono oramai poche e succedeva solo con i nostri nonni ... oppure vai in cina dove lavorano alla perfezione ... dicono ... ma lavorano e basta ... nemmeno più tempo per fare i porci comodi loro con i partners hanno ... bella roba.
    Poi abbiamo chi, fammi pensare, ah si, gli europei ... beh ... lavorano in modo più organizzato forse, ma non ovunque (amici spagnoli si divertono molto la notte, ma bestemmiano come turchi di giorno) ... ma è sempre la solita storia ... magari in modo meno evidente ma la feccia è ovunque perchè ovunque ci sono gli uomini ... forza Grissino, in fondo siamo tutti delle bestie e le bestie non sono tutte e sempre mansuete o come vorremmo che fossero la nel nostro immaginario ... scusa la durezza del commento, ma non è poi nemmeno così duro ... suvvia! E poi sei filo americano con cuore viennese ... sai accusare bene i colpi ... meglio di un italiano, o un italiota o chicchessia!
    ;)

    RispondiElimina
  4. bah...posso assicurarti che certi lavori puoi farli solo qui in italia con una certa serietà, e ti assicuro che americani con le palle ancora non ne ho conosciuti in questo campo, francesi si, tedeschi pure ma americani proprio no! poi dipende dalle situazioni! buon finesettimana!

    RispondiElimina
  5. GRAZIE Mavero,BRAVO !!!!

    ho provato a spiegarcelo a Griss, cosa significa vivere fuori dalla propria patria, dato che ci sono passata in prima persona all'emigrazione, ma ancora non sono riuscita a illustrarci cio' che si passa,,,,mio papa' era lo stesso!!!!! non vedeva l'ora di fuggire dall'italia!!!!! Odiava tutti i sistemi e la gente italiana...bhe, quando e' morto l'abbiamo fatto cremare e adesso si trova proprio in ITALIA, la patria che (dopo aver capito la vita americana quant'e' selvaggia ) ha desiderato fin la morte!!! Purtroppo non siamo mai felici. Gli americani hanno il cervello lavato del loro paese, sin dalla nascita li avvolgono nella loro bandiera :-) e non vedo nulla di male, ma dovessimo fare cosi' pure noi Italiani e non solo quando e' troppo tardi e si rimane fuori dal nido...........

    Caro Griss, ti vorrei dove lavoro io, solo un giorno,,,,e poi si che scappi dalla disperazione....ci sono topi grandi quanto gatti, scarafaggi in'ufficio che volano....coccodrilli e serpenti....e la gente non e' per niente umana......le donne, mangiano la gallina fritta poi, con le mani unte toccano tutto.......ti ho detto abbastanza...lo so' che mi hai ripetuto di andarmene da qui',,,ehehee, sai bene che anche gli zingheri prima o poi mettono le radici ;-)))) dai...vedrai che con calma e pazienza anche tu riuscirai a staccarti da casa...per poi rimpiangere persino il buon pane italiano ;-)) vabbe', ciao e mangiati un panino con la mortadella che poi quando non la trovi piu'...te la ricordi ancora piu' saporita di com'e'... (qua' vendono quella importata scadente....ma quanto e' BUONA lo stesso )ihihihhh

    RispondiElimina
  6. Evidentemente tu e molte altre persone (Poliziotta... ^_^ ) avete le fette di antipasto misto all'italiana sugli occhi. :mrgreen: Vorrei farvi presente che:
    -A Vienna (mia sorella ci abita da un anno e mezzo, non è andata per passarci le vacanze ma ci studia!) non si è mai visto uno sciopero dei mezzi pubblici e i suddetti viaggiano sempre in orario e con buona frequenza (non come qui che aspetto 20 minuti e poi ne arrivano tre di fila!)
    -La città anche quando nevica o piove (e lo fa spesso) non si blocca
    -Le polveri sottili, grazie anche a una politica di mezzi pubblici quasi completamente elettrici, al teleriscaldamento e alla promozione del trasporto su ferrovia, arrivano al massimo ai valori di qui quando sono basse.
    -In Austria non so ma in Svizzera non esistono quella merda di CCNL se non per gli operai o equivalenti.
    -Quando i miei colleghi americani partono con un progetto (e io ci lavoro da 3 anni insieme e quindi so come lavorano) cercano di pianificare tutto per bene e nulla è lasciato al caso. Poi può sempre accadere l'imprevisto ma in questo caso, ci danno dentro per risolvere con tutti i mezzi possibili. Noi andiamo "alla spera in Dio", all'ultimo momento e se qualcosa va storto "mettiamo le toppe".
    -Le differenze di salario, dotazione IT, considerazione e via dicendo dei miei colleghi francesi e inglesi (lasciamo pure perdere i colleghi americani che sono tutto un altro mondo) sono molto migliori rispetto alle mie e a quelle del mio collega di Roma. Detto in parole povere, stipendio a parte, loro possono fare certe cose a noi negate (perchè qui tutti vogliono mettere il naso anche se non ci capiscono un cazzo), loro hanno una dotazione hardware personale che noi non abbiamo (tanto chissenefrega dell'IT).

    QUESTE caro Mavero, non sono luoghi comuni, queste sono certezze perchè ne ho avuta esperienza diretta. Non vacanze o cose lette sul giornale.

    @Poliziotta: per te la situazione è diversa e posso ammettere che da te le cose non girino bene. Ma, come detto, spostati!
    Poi, mi spiace per te, ma a Vienna si trova di tutto. Compresa la mortadella italiana. Sarà un pò più cara ma almeno ci guadagnerò in salute.

    @Exes: che lavori intendi?

    RispondiElimina
  7. LOL Okkay Dokay Griss...hai ragione quando dici che ci guadagnerai in salute....ed ecco la mia consolazione perche' non c'e' dove andare qua' ( tranne nei locali chiusi ) e mi consolo nel pensare di risparmiare sia di tasca che di salute ;-) ma che vita monotona pero'.... menomale che c'e' il lavoro e Internet!!
    ;-)))

    RispondiElimina
  8. ...come darti torto...Hai ragione Gri, in questo caso una più che sacrosanta ragione.

    Ora però regalati uno spuntino, magari qualcosa al cioccolato come piace a te, e pensa ad altro! :-))

    RispondiElimina
  9. Poliziotta mia... ma possibile che a Mobile, che comunque è una città piuttosto grossa, non ci siano bei posti dove andare? Ma non c'è nessun collega che ti invita a un party? O un amico di un'amica che magari ti è simpatico?!
    ;-)
    Insomma, sei carina, di corporatura perfetta (e negli Stati Uniti è un miracolo: moltissimi sono sovrappeso!)... lanciati!!!
    Non esiste una piccola Little Italy di Mobile? Potresti cominciare frequentando la "comunità italiana".
    :-)
    Occhio ai nipoti del Padrino però!
    :-D

    @Fragola: mi sono regalato una gigantesca (all'americana!) pizza con pomodoro, provolone dolce, mortadella, lampascioni!
    Da mangiarsi spapparanzato a letto con film su schermo 40".

    Ho scelto una commedia, speriamo non sia troppo pallosa (ma posso cambiare all'ultimo!).

    RispondiElimina
  10. Grazie dei complimenti Griss...sei dolcisssimo!!! ;-)
    noooo...i poliziotti sono tra i piu' disonesti d'america :-D non ti puoi fidare...in media ( gli uomini ) sono stati sposati e divorziati 3 volte e ancora non hanno imparato la lezione :-D saranno i turni che ci tocca fare...e gli straordinari....comunque, caro Griss..."I've been there, done that" non mi interessano le feste....mi piacerebbe viaggiare in treno e vedere tutto quello che vedi tu quando vai da Milano fino in Calabria.....o anche dentro la Lombardia ce ne sono posti bellissimi dove l'aria e' pura e l'acqua ghiacciata esce dalle fontane nelle rocce...Sigh...forse, tutto sta' e' ad avere la compagnia che piace ;-))
    per quanto Little Italy a Mobile LOL LOL....non credo....:-) ma c'e' sempre Little SaiGon e Little Mexico ;-))))

    RispondiElimina
  11. Visto che avevo risposto da me (ma mi sembra + appropriato discutere qui ) copio incollo :

    Sarà Grissino ( intanto tu hai citato tre stati di stati nel mondo ce ne sono
    tanti ;) l’Italia non sarà il top e ne siamo tutti ben consci ma nemmeno il peggior
    stato in cui ti possa capitare di nascere ) ma io vedo tanti lati negativi
    dell’Italia ma per fortuna ne riesco a trovare anche tantissimi belli che
    me la fanno apprezzare e tutto sommato viverci bene (qui in campagna ad
    esempio è stupendo)

    Ps Per la cronaca mio cugino ha vissuto anni a San Francisco e appena ha potuto è tornato di corsa in Italia, uno dei migliori amici d i MisterN vive da anni a Madrid e se potesse tornerebbe al volo qui proprio perchè li il mondo del lavoro a detta sua è ben peggio che qui (ma sua moglie è di Madrid quindi non può) tanto per fare due esempi

    RispondiElimina
  12. Sta venendo fuori un bel panorama. Stiamo tirando fuori il peggio del peggio!
    :-D

    Beh, io ho una mia collega che è a lavorare a Palma de Mallorca e si trova bene... glielo chiederò esplicitamente per e-mail se è meglio ora o quando era a Milano
    ;-)

    Credo che tutto dipenda da cosa una vuole nella vita. Voi sapete cosa voglio io. Dell'Italia salverei il clima (non certo quello di Milano però) e i tesori artistici (a Roma giri col naso a peraria come a New York anche se per motivi ovviamente diversi). E poi? Poi basta. La cucina mi piace ma tanto quanto quella francese o tedesca. Anzi, forse meno di quella tedesca. Insomma, rimane davvero pochino in pratica se si escludono gli amici. Sarebbero gli unici che mi mancherebbero. Delle altre cose con cui sono cresciuto credo ne potrei fare tranquillamente a meno. Parlo per me. Il mio collega di Roma già soffrirebbe solo per il freddo e il cielo molto più nuvoloso qui di Milano. Ma, problemi di salute a parte, il clima nordico non mi è mai dispiaciuto.

    Vi assicuro che davvero non riesco più a sopportare certe cose che magari per voi sono normali. Mi sono sempre sentito "diverso" (LOL, non in senso di gay!) e forse la mia vera patria non è qui. Quando sono stato due anni fa qualche giorno a Bolzano mi è sembrato di rinascere. Forse, complice mia mamma svizzera tedesca, la mia vera anima è crucca...
    ;-)

    RispondiElimina
  13. bhe', e' compresibile che tu abbi voglia di conoscere le tue radici e che noti la differenza in educazione.... e' brutto sentirsi straniero e a disagio, ovunque...............sigh

    RispondiElimina
  14. grissino, l'Italia ha un sacco di pecche...purtroppo molto per i politici che ci governano, destra o sinistra poco importa...fanno tutti schifo e simmome si riciclano continuamente siamo sempre costretti a votare per il meno peggio, dimenticando cosa hanno fatto in passato...
    Non predere pero' come esempio da emulare l'America...l'America proprio no...

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P