mercoledì 18 ottobre 2006

Anche i sistemisti hanno il PC out

Ebbene sì, anche ai sistemisti il PC può andare out. In queste sere ho dovuto rimediare a un problema che mi si presentava da qualche settimana a questa parte ossia dei blocchi improvvisi del mio PC. Esclusa per vari motivi la causa hardware non ho potuto fare altro che reinstallare tutto da zero, aggiornando tutti i drivers e le applicazioni. Insomma, un bel lavoraccio. Il bello delle applicazioni open source è che sono gratuite ma vengono aggiornate spesso e quando reinstalli devi riscaricare tutto di nuovo! ^_^ (poche hanno l'auto-update)

Per il resto, al lavoro, solite tristezze. Da quello che sento in giro (leggi anche lo sfogo di Mavero di oggi) la situazione è uguale ovunque nel panorama Italia. Benvenuti nella Repubblica dei raccomandati e dei scaldasedie dove una parola di uno che conta vale di più di un lavoro fatto bene, dove la meritocrazia è una parola sconosciuta. Un paese comunista dove vigono i CCNL dove si garantiscono più di 26 giorni di ferie all'anno che nessuna azienda ti permetterà mai di fare e più di 8 ore di permesso al mese che non potrai mai prendere. Welcome to the Banana Republic, benvenuti nella Repubblica Socialista d'Italia. Il sole dell'avvenire è dietro l'angolo... si chiama 3° mondo.

2 commenti:

  1. Guarda no dirlo a me , fidanzata di un infromatico, che (parlo del PC di casa ) ne ho sempre una ( e lui non rova mai tempo per sistemarlo) :)

    RispondiElimina
  2. Insomma la storia del ciabattino che gira scalzo!!!

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P