martedì 12 settembre 2006

Carretta ambulante

Eccomi qui. Ho avuto un pò di cose da fare. Ho finito di montare e far compilare i DVD delle vacanze al PC e ho dormito parecchio perchè non mi sento granchè bene. Insomma sono una carretta ambulante. Da questo week end ogni tanto mi fischia l'orecchio sinistro mentre da stamattina mi fa male la tonsilla destra. Mah... sono proprio STUFO di stare male. Settimana prossima ho la visita dal pneuomologo e prima andrò a ritirare l'esito dell'esame fatto settimana scorsa. Fra l'altro da me in azienda sono cominciate a girare voci di problemi economici. Effettivamente anche io da un pò di tempo vedo che di clienti ne girano pochi. Comunque, stranamente, vedo la cosa in modo piuttosto distaccato. Forse perchè dopo tutti i miei problemi di salute mi sono accorto che basta un lavoro per vivere e molta serenità piuttosto che un'indigestione giornaliera di stress e rabbia per avere un pò più soldi a fine mese. Ormai non mi spaventa più nulla. Dovessi anche andare a fare il cameriere o il "tecnico-ripara-PC", l'importante è che riesca ad avere una vita serena. Non vale davvero la pena di sfinirsi di lavoro e passare le giornate in ufficio secondo il ritmo lavoro-pranzo-lavoro-cena-letto-colazione e di nuovo lavoro-pranzo, ecc.

9 commenti:

  1. Parole sante Grissino.
    Io sviluppo software e attualmente lavoro in un'azienda dove posso sviluppare poco perchè non ne ho la possibilità, posso fare poco il tecnico hardware perchè non ho Pc (dove lavoravo prima gestivo 6 Server + una sessantina di client e 1 firewall Isa Server)
    Soddisfatto della retribuzione, anche se ambisco sempre a qualche soldo in più.
    Poco soddisfatto del mio stile lavorativo, mi sento sempre un pò insoddisfatto, incompiuto.
    Avrei voglia di cambiare, ma con una famiglia a cui badare, cambiare è una parola pericolosa e che fa paura.
    Allora penso che vorrei fare qualcosa in aggiunta al mio lavoro, che mi gratifichi e che magari, con qualche oretta di lavoro mi permetta di arrotondare ... ma ora abito nella bassa e non conosco le aziende della zona e il mercato è strano, così fatico a trovare piccoli appalti di sviluppo software ... insomma ... se emotivamnte vivo alla grande la mia situaizone di padre e marito, lavorativamente sono triste, eppure sono assunto a Tempo Indeterminato e solo per questo dovrei fare le capriole all'indietro, eppure ...

    RispondiElimina
  2. caro amico, come sempre hai ragione. I soldi non fanno la felicità, é vero che aiutano ma non rendono felici. La salute e la serenità sono dei grandissimi tesori che ogni uomo vorrebbe avere. Ti sono vicino e spero che tutte le tue visite volgano al meglio. Un abbraccio
    Manu

    RispondiElimina
  3. Mah sai Grissino c'è anche chi ama il proprio lavoro prendi mia madre architetto lei adora il suo lavoro adora passare le notti a progettare, sfinirsi dirigendo i cantieri e lottare contro le scadenze del cliente esigente... o si ha la fortuna di poter fare un lavoro che piace molto e che ci appassiona oppure uno vale l'altro basta guadagnare quel che serve per vivere serenamente

    RispondiElimina
  4. @Mavero:Beato te che economicamente sei soddisfatto. Almeno quello. Per cambiare lavoro (e magari paese) sei in tempo finchè i figli sono piccoli.
    @Manu: Grazie. Appena riesco a mettere ordine nei miei problemi di salute, sperando di riuscirci, ti scrivo per organizzare.
    @Barbara:A me piace il mio lavoro inteso come "campo dell'informatica". Non mi piace avere a che fare con persone idiote (potessi solo lavorare con i server!), con manager inetti e via di seguito. Le proprie passioni si possano coltivare al di fuori del campo lavorativo. Non è necessario avere le rotture di scatole giornaliere per essere soddisfatti. Almeno io la penso così. Potessi, andrei in pensione e non mi annoierei un attimo lo stesso.

    RispondiElimina
  5. ciao,
    dop mesi e mesi emesi di sparizione ritorno al mio blog...o meglio ci ritorno domani credo perchè oggi il pc non da segni di volermi accontentare...
    be' passavo per un salutino!

    ciao ciao!

    RispondiElimina
  6. Non ti stancare troppo e soprattutto non farti assorbire dal lavoro!!
    Non ne vale quasi mai la pena e poi staccare ogni tanto fa bene!!
    In bocca al lupo per la visita!!

    RispondiElimina
  7. P.S.: ovviamente non pensare che io possa guadagnare chissà quanto.
    Diciamo che arrivo alla fine del mese insieme alla mia famiglia, domani spero magari di poter far qualcosa di più!!!
    Dai, che l'occasione giusta arriva sempre e per tutti, bisogna saperla aspettare e soprattutto riconoscerla ... ma non è semplice!

    RispondiElimina
  8. Non hai capito Grissino io ho detto che ci sono persone che hanno la fortuna
    di poter fare un lavoro che li appaga e appassiona come ad esempio mia madre
    che nei brevi periodi di vacanza che si prende ( ad esempio in agosto lavora
    sempre visto che è in agosto che avvengono le ristrutturazioni dei negozi)
    pur di progettare lo fa per conoscenti e amici :)

    Se uno per motivi diversi non ha questa fortuna ( come ho detto sopra)
    credo che l'ideale sia trovare un lavoro che non pesi troppo, che permetta
    di vivere bene e lasci magari lo spazio per godersi le proprie passioni.

    La butto li se tu riuscissi ad aprire una pasticceria credi ti peserebbe
    molto lavorare anche più di adesso? Non credo ;)

    RispondiElimina
  9. Approvo e sottoscrivo al 101% il commento di Manu: salute e serenità non hanno prezzo!

    PS: Auguri per i tuoi "acciacchi" anche dal sottoscritto. :)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P