martedì 1 agosto 2006

Sushi della mutua

Stasera volevo concedermi un happy hours un pò particolare e quindi sono andato con un mio amico a festeggiare la sua "promozione" in ufficio nel Mami café (Via Eustachi 47 - Milano) che è poi anche un sushi-bar-ristorante. All'entrata l'aria era piuttosto di svacco e magari è anche comprensibile visto che siamo al 1° di agosto e c'eravamo solo noi ma proprio per questo non era forse il caso di coccolare il cliente cercando di farlo poi venire per una cena anzichè solo per un happy hours? Ad ogni modo ci siamo seduti, ho posato le mie cose e sono andato in bagno a lavarmi le mani. Nota molto positiva per il bagno, assolutamente bello e originale (se ci andrete, capirete perchè dico questo) e impeccabile dal punto di vista igienico sia come pulizia sia come attrezzatura (pedale per l'acqua al lavandino e salviettine di carta per asciugarsi le mani). Per il resto... ahi, come dice una famosa canzone, si può dare di più!! Anzi, mooooolto di più! La carta dei cocktail è molto lunga ma le versioni analcoliche scarseggiano e non sono un granchè. Il mio cocktail era davvero troppo acido e poco guarnito (solo una fragola e un pezzo d'arancio spremuto e spolpato!!!). Passiamo alla parte più importante: il sushi! Visto che si trattava di un happy hours a base di sushi mi sarei aspettato una tavolata piena di tante piccole delizie. Invece no, due tavolini vicini all'ingresso e 5 piattini di sushi. Capisco che per 7 euro non si possa pretendere chissà cosa ma se uno ha voglia di sushi, perchè deve accontentarsi solo di briciole? Meglio far pagare 10 o 12 euro e magari dare qualcosina di più. Un piatto era dedicato ai Nigiri sushi (le palline ovali con sopra la fettina). Peccato che il sushi fosse tutto di VERDURA: di pesce neanche l'ombra. Accanto il piatto con una fila di Hosomaki Sushi (piccoli rotolini con l'alga Nori all'esterno) anche qui quasi esclusivamente VEGETALI (pannocchia, mais, microscopici pezzi di gamberetto crudo...). I piatti forti (si fa per dire) erano gli ultimi tre con i rotolini grossi invertiti (Futomaki) e non (Uramaki). Ingredienti: avocado, surimi, salmone e un altro pesce poco identificabile (orata?). Insomma, il mio pesce preferito (tonno) non c'era in nessuna forma, i maki grossi erano tagliati davvero sottilissimi (quasi impossibile prenderli coi bastoncini, si disfavano come niente); oltre a ciò in aggiunta ai pezzi centrali erano stati messi sui piatti anche le "code" cioè le estremità dei rotoli di sushi, di forma tutta deformata e con pezzi di ripieno mancanti o di forma strana. Davvero brutto a vedersi e il tutto solo allo scopo di risparmiare pochi centesimi. Per tutta la durata della nostra permanenza (unici clienti) nessuno si è fatto sentire per chiedere se il sushi era di nostro gradimento ne tantomeno per portarci, che so, un piattino "speciale" per coccolarci un pò e ricompensarci di non aver lasciato il locale vuoto. In definitiva sono rimasto molto deluso. Se ti chiami sushi bar non puoi sfornare più della metà del sushi di tipo vegetale e se il problema è il prezzo (7 euro)... beh, alzalo perchè uno viene per mangiare sushi, non riso con verdure! Ahimè, non avrei mai pensato che esistesse il sushi della mutua! ^_^
Voto: 5

11 commenti:

  1. 1) Ma a che ora siete andati ? Secondo me era troppo presto i locali si riempiono dopo le 19-19.30 per l'Happy Hour

    2) Grissino mi sembri un ragazzo intelligente come si chiamava il bar? Visto che non aveva come insegna "Babbo Natale" ... penso tu sappia quanto costa la cucina giappo mica sono benefattori che ti svendono il sushi così eh? su dai io ci avrei messo la mano sul fuoco che sarebbe stato così del resto se vai ad un happy hour normale trovi cose poco costose in quantità solitamente paste etc che sono scemi che allo stesso prezzo ti danno pesce freschissino come necessita il sushi etc? ;)

    RispondiElimina
  2. 1) E' dalle 18 alle 20 se non ricordo male. Siamo andati via di lì alle 19-19.10 ed eravamo ancora gli unici avventori
    2) Io considero l'happy hours come un biglietto da visita del locale. Se ti piace e vale, ci torni anche dopo. A maggior ragione se è addirittura ristorante. E secondo te vado in un ristorante dove il titolare permette di mettere sui piatti di portata degli avanzi? Almeno mascherali bene!!! Manco a casa mia faccio una cosa del genere! I ritagli me li mangio io in cucina. Poi come ho detto a me andava bene anche un prezzo più alto ma già ho capito che il locale è lì solo per sfruttare la moda e non c'è invece amore per il sushi in sè. Cucinare è un'arte, qualsiasi cucina tu faccia. Se lo fai solo per soldi, i risultati sono tristi (perchè non hai le giuste materie prime) o scadenti (perchè usi materie prime di cattiva qualità).

    In ogni caso: come la metti con il cocktail?! E il fatto che se ne siano fregati di noi? ZERO ZERO ZERO attenzioni verso il cliente e purtroppo qui in Italia è la regola. E sai perchè? Perchè tanto la cameriera lo stipendio l'ha comunque, tanto i clienti hanno lo stesso trattamento ovunque e quindi vengono lo stesso. Bello schifo. Negli States hai i camerieri che ti danno tutte le attenzioni che vuoi perchè se no non pigliano il becco di una mancia (15-20% del conto) e lo stipendio "standard" è da fame. Su queste cose impariamo dagli Stati Uniti che magari di cucina non ne sanno tantissimo ma di business sì!!!!

    RispondiElimina
  3. aiiii.....Griss pero' tu non sei mai stato in un ristorante nel Sud degli States?? dove le cameriere di colore hanno il lardo pure nei capelli e le unghie lunghe come uccelli e schioccano la chewing gum mentre ti parlano?? ehehee vabbe'...ma tu vuoi le coccole a tavola, I know! ;-)....e poi a casa chi ti coccola quando corri al bagno ogni 10 minuti perche' quel cibo delizioso che ti hanno saputo "appioppare" con il sorriso di business,,,ti ha fatto rivoltare lo stomaco?? :-D
    maddaiiii..........quando sei stufo della vita, da tutto ai nervi!!! ;-)
    bacio

    RispondiElimina
  4. No, mai stato in un ristorante del sud ^_^
    A New York l'unica fregatura (cibo+cortesia) l'ho avuta a Chinatown (aiuto!!) se no sono sempre stato soddisfatto. Ancora più soddisfatto in Ohio e West Virginia dove nei ristoranti mi sono trovato benissimo salvo un posto in cui purtroppo per lavoro mi hanno portato due volte. Gentili sì, ma mangiare terribile.
    :-D

    In ogni caso, dando per scontata la buona qualità del cibo, la gentilezza e cortesia è il presupposto per far contento il cliente e farlo tornare, no? La tizia ieri pure a fare la preziosa perchè il mio amico doveva pagare solo 50 centesimi e ha dato una banconota da 10 euro. Lei "Ah, no, non mi dia quella, non ci siamo assolutamente!!". "Non ci siamo assolutamente" con tanto di gesti come se stessi dando una banconota da 100 euro! Ma come ti permetti? Ma che locale è che non ha una banconota da 5, due monete da 2 e 50 centesimi di resto? Al massimo dici "guardi sono un pò a corto di monete, non ha per caso delle monete da darmi? Mi farebbe un grande favore!". Sarà mica questo un posto dove tornare. Più ci penso, più ci metto su la X rossa. I soldi che dò sono buoni, perchè devo ricevere un servizio scadente?

    RispondiElimina
  5. P.S.: al nord di cameriere di colore ne ho incontrate qualcuna ma tutte gentili e curate ^_^ mi ricordo ancora quelle bellissime di Hooters a New York (devo assolutamente tornarci eh eh eh). E mi ricordo che mi ha anche detto tutta contenta che in vacanza sarebbe venuta in Italia a Roma, Napoli e Capri!!
    :-P

    RispondiElimina
  6. io ed il sushi siamo diametralmente opposti.. amo la carne cruda ma non il pesce. Ho provato più volte in locali differenti. Nulla :(

    RispondiElimina
  7. Grissino@ le Hooters sono qualcosa di incredibile, non ne trovi una di bruttina.
    Anonimo@ mi sembra un po cattivello quello che hai detto . Solo perche' sono nere? Io ho visto asiatici, bianchi , e latini con poca pulizia, cortesia ed educazione. Quindi non facciamo di un filino d'erba un fascio.
    Senza offesa .

    RispondiElimina
  8. I Hope you accept my apology, Marta....purtroppo viviamo in un mondo razzista e mi danno fastidio anche a me quelli che se sanno che sono Siciliana mi prendono per mafiosa ;-) ai Napoletani li prendono per sporchi e delinquenti, ai Romani ,,,prepotenti e arroganti.....non e' vero che l'intera popolazione e' cosi', ma pagano tutti per quelli che svergognano il paese..........
    certo non intendevo a tutti!!! e oltretutto....vieni nell'alabama e vedrai cosa voglio dire :-)
    PS-le Hooters sono "quasi" tutte belle..ehehehee beauty is in the eye of the beholder..........

    RispondiElimina
  9. Non mi sono offesa ci vuole ben altro!!!!Lo so che purtroppo viviamo in un mondo razzista ed e; per questo che cerco di non dare spazio a certe affermazioni. E poi l'ho gia' detto con un cognome del Sud vivere nel Veneto quando ero in Italia non e' mai stato facile....
    BTW hai ragione per quanto riguarda le Hooters.

    RispondiElimina
  10. Grissino secondo me non puoi generalizzare sempre con il raffronto tra America e Italia secondo me in Italia ci sono fior di locali come ci sono posti meno curati etc e uguale in America mio cugino ci ha vissuto per anni ( ha studiato a Berkeley) e t'assicuro che è così

    RispondiElimina
  11. Il mio era un ragionamento: se non spingi le persone a guadagnarsi il pane, si siedono e rendono poco. E' quello che succedeva in URSS. Ora, se la cameriera riceve la mancia solo se si dà da fare, sono in tre a guadagnarci: il cliente perchè riceve un buon servizio, il titolare perchè il cliente ritorna, la cameriera perchè appunto riceve una buona mancia. Viveversa col sistema italiano (lascia perdere i locali buoni o cattivi) il titolare rischia di perdere clienti, il cliente si incavola e parla male del locale e la cameriera se ne frega (anche se rischia di perdere il posto se il locale chiude). Questo intendevo dire.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P