giovedì 6 luglio 2006

Pausa pranzo

Nelle grandi città la pausa pranzo è un punto importante della giornata in quanto praticamente tutti mangiano fuori casa. Di per sè questo è "contro natura" ma si sa che ormai nelle città l'uomo vive in tutti i modi fuorchè naturalmente e spontaneamente. Per la pausa pranzo o mi porto dietro un panino o comunque qualcosa da casa, oppure prendo qualcosa dalla macchinetta (raro) oppure ancora mi prendo qualcosa fuori. Purtroppo in questi giorni sto notando che i prezzi sono lievitati. La panetteria dove vado a prendere i breztle già da mesi ha aumentato i prezzi (com'è che all'inizio per un brezel spendevo 1,20 al massimo e ora arrivo anche a 1,80?!). La California Bekery i prezzi alti li ha sempre avuti. In compenso il cheesecake preso l'altro giorno era davvero cattivo. Praticamente insapore. Confrontandolo con quello originale americano che avevano spedito nel mio ufficio settimana scorsa era come mangiare gommapiuma. E che dire della pizzeria dove oggi ho visto tutti i prezzi (già altissimi) ancora aumentati?! La domanda spontanea è: ma perchè il mio stipendio è lo stesso da più di due anni a questa parte? L'altra domanda è: perchè al mio amico che si è trasferito negli States hanno dato un aumento (+5%) e delle azioni della società dopo il primo anno di lavoro?

P.S.: Oggi sono andato a prendere la pizza fuori e me la sono mangiata in ufficio. Nel pomeriggio è passato dal mio ufficio un collega con cui sono in confidenza e mi fa "beh, sei proprio americano, col cartone della pizza non terminata messo sulla scrivania". A guardare bene effettivamente aveva ragione: scrivania pienissima di cose e sopra il cartone rosso della pizza. Sullo sfondo tre bandierine degli Stati Uniti: proprio come si vede nei film!!
:-P

9 commenti:

  1. Sei troppo forte. Lo so che ne avevamo gia' parlato, ma perche' non pensi seriamente al trasferimento?

    RispondiElimina
  2. La cosa migliore secondo me portarsi qualcosa da casa magari ti fai una bella colazione e poi basta poco anche solo del sanissimo yogurt e frutta piuttosto che mangiare schifezze e venir spennato!

    RispondiElimina
  3. io mi porto tutti i giorni il pranzo da casa...
    poi siccome come sai sono una cicciona nell'animo qualche volta, quando proprio ho fame, scendo al supermercato per comprare un rinforzino..

    tipo biscotti, yogurt(ma uno me lo porto sempre, quindi significa il secondo yogurt)..
    pizzette bianche... panini al latte!!


    di sicuro risparmio...e mi limito un pò...visto che sennò mi sbranerei un bue!

    RispondiElimina
  4. lavoro alla notte per adesso e sono tutta scombinata, cerco di portarmi una barretta di queste
    http://www.zoneperfect.com/
    contengono vitamine e sono piu' nutrienti di certe porcherie nelle macchinette....qui' mangiano tutti i fast foods, McDonald, Burger King, SubWay, Popeye's chicken...roba saporita ma molto ingrassante e fa' partire il fegato con l'andare degli anni....devo dire che negli ultimi anni stanno facendo pure insalate questi posti di fast food...per cui...gia' va' meglio, solo che mettono pochi pomodori e mooolto formaggio e una cremetta per insaporirla che ingrassa maledettamente...:-)) vabbe'...tanto, prima o poi si muore lo stesso ehehee

    RispondiElimina
  5. Anonymous@Le conosci le fruit & grain della sunbelt? Sono deliziose!!!!Ho notato anch'io che nelle insaklate mettono poco pomodoro e troppo formaggio.

    RispondiElimina
  6. yess Marta le conosco :-) sono buone...pero' non ci aggiungono vitamine o proteine e forse hanno solo piu' zucchero...ma di sapore sono delicious ;-)
    le Zone hanno vitamine e proteine e tirano su e ti danno piu' forza e energia ;-) quando non si puo' magiare un pasto come si deve ecco...la migliore cosa sarebbe una scatoletta di tonno ehehee...come i gatti sighh altrimenti ci sono queste barrette..

    http://www.metrx.com/detail.aspx?ParentID=12

    e' come mangiare un pranzo intero!! :-)
    ma bisogna anche usare le calorie che contengono....
    lo so'...e' un alimentazione troppo americana ehehehee

    RispondiElimina
  7. perdonami, ma non riesco a concepire la tua passione per gli Stati Uniti.

    Eppure sono poverissimi di storia e mente.

    perdonami di nuovo, vorrei solo capire..chissà che anche io mi innamori!

    RispondiElimina
  8. perdonami anche a me grissino...ma l'ape l'ha detta proprio giusta!! ha fatto centro!!! ahahahaaa :-| sorry....
    PS--thanks bee, aiutami a farglielo vedere ehehehee ;-)

    RispondiElimina
  9. @Marta: cara Marta, purtroppo ci sono di mezzo i miei problemi di alute se no penso che l'offerta che mi era stata fatta a suo tempo, l'avrei accettata. Quantomeno per qualche anno, così avrei potuto davvero apprezzare i lati positivi degli States e capire anche le cose che non vanno. Ma negli States ci voglio comunque tornare per vacanza, magari girando per trovare le persone che ho conosciuto dal vero e fino ad ora
    virtualmente (come per esempio te e Poliziotta).

    @Barbara: sì, ma con solo yoghurt e frutta non reggo. Garantito. Se non altro poi mi viene voglia del dolcetto.

    @Tulip: guarda bene l'etichetta dei biscotti industriali così avrei una "bella" sorpresa quanto a calorie
    ;-)

    Poliziotta & Marta: certo che si mangia davvero male negli States. Mi spiego, intendo dire che la maggior parte della gente mangia davvero male dal punto di vista nutrizionale. L'uomo non è fatto per mangiare barrette. Gli hamburgher vanno già meglio ma parlo di quelli casalinghi. Non di quelli del fast-food e soprattutto con nessuna salsina e nessuna patata fritta se no ahi ahi. Le patate fritte al max una volta ogni due settimane. Le insalate sembrano sane ma non lo sono perchè come avete detto voi sono strapiene di salsine, leggetevi il libro del produttore di Super Size Me
    ;-)
    Ha ragione Poliziotta: l'ideale sarebbe una scatoletta di tonno al naturale con una mozzarella, il tutto condito con due cucchiai di olio extra vergine d'oliva. italiano ovviamente ^_^
    @Ape: ti ho risposto nel post di oggi.
    @Poliziotta: Ape non riuscirà a far vedere nulla perchè gli Stati Uniti sono davvero un grande paese. Pur con tanti difetti, rimangono un grande paese!!! Che Dio benedica gli Stati Uniti d'America!
    :-)

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P