venerdì 5 maggio 2006

Piccole meschinità quotidiane

E siamo arrivati alla fine della settimana. Diciamo che non è andata malaccio, pensavo molto peggio. Ma meglio stare zitti... ^_^ la sfiga è sempre in agguato. Allora oggi ho cominciato saltando la colazione e sparandomi 25 persone in coda per fare una visita medica (PSP o PDA che sia, aiutami tu!). Ho continuato schivando un tentativo di scaricamento di colpa per megacasino e infine ho assistito a una tristissima (e, mi spiace caro anonimo, italianissima) ripicca fra colleghi (dov'è il lavoro di team?!). Che tristezza certe posizione assunte in ambito lavorativo, tutte incentrate sul farsi vedere bravi e importanti e nello squalificare i colleghi o a rendere loro la vita il più difficile possibile (mi viene anche in mente il collega di Manu). Forse capisco perchè vado d'accordo e sono apprezzato dai miei colleghi americani. Quando chiedono a me, io faccio del mio meglio e il più in fretta possibile a fare quanto mi chiedono. Mostro entusiasmo. La mia unica aspirazione è fare il lavoro fatto bene e aiutare il mio collega straniero. Quando chiedono agli altri miei colleghi italiani, questi cominciano a tirare in lungo, a dare risposte nebulose, a scaricare il barile a qualcun'altro... ma che tristi espedienti. Davvero una tristezza questa chiusura verso i colleghi stranieri e questa meschinità verso quelli del proprio ufficio.

Messaggio per JMC: G R A N D E. Una sola parola: Hooooooah! (ti dice nulla? :-P ) Good job, soldier! Vedrai le nuove mappe che roba! Fammi sapere il nick e se puoi, scrivimi al mio indirizzo e-mail così ci incontriamo su una mappa! Ho un link per te, clicca QUI (prima però abbassa le casse perchè la presentazione ha l'audio un pò troppo alto).

4 commenti:

  1. sono greta, (l'anonima) come vedi non è poi così difficile firmarsi, ma non l'ho fatto in quanto non ho un mio blog, per cui l'ho ritenuto inutile, non per altro.
    Penso che nel tuo continuo lamentarti di quanto tutto in Italia sia così sgradevole, ci sia un qualcosa dentro di te che non va, come se fosse amarezza o altro.

    RispondiElimina
  2. Ciao Greta, io penso che forse l'unica cosa che non va in Grissino è che sia una persona educata e correta, rispettosa delle regole della convivenza civile. Purtroppo questo tipo di persone, in un mondo fatto di gente che ti vuole fregare anche sulle sciocchezze che se ne frega di te e di tutti gli altri, è destinato a soffrire.

    Beh Grissino non fa altro che riportare questo suo disagio quotidiano tra le righe del suo blog.

    Forse oltre che alla scuola di sushi dovrebbe anche andare a scuola di cinismo, cattiveria e menefreghismo ;-))))))))))

    RispondiElimina
  3. Ma che gente frequentate, ma dove vivete?

    RispondiElimina
  4. Milano. E tu? Quanti anni hai? Di dove sei?

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P