mercoledì 24 maggio 2006

Gli inciampi del RistoArte

Il locale perfetto per me: arredamento ultra-moderno e fantasioso, camerieri cortesi e "sportivi", cucina creativa e prezzi decenti. Un mix difficilmente trovabile ma che sembrava a portata di mano con il locale RistoArte ( Http://www.houseroma.it ) trovato sul web. L'altro ieri a mezzogiorno (lunedì) ho quindi fatto una puntata nel locale, anche invogliato dalla proposta "primo+dolce 8 euro" oppure "secondo+dolce 15 euro". Il locale si presenta ineccepibilmente sia dal punto di vista dell'arredo che del personale in divisa con grembiulone amaranto. Purtruppo il primo inciampo c'è col cameriere che assolutamente non è all'altezza di un locale del genere: spiccio, un pò rozzo, assolutamente non bendisponente. Nessuno gli ha insegnato che un sorriso aiuta sempre? Ma lasciamo perdere e procediamo con gli ordini, ansiosi di scegliere fra i primi, i secondi e i dolci del menù a prezzo fisso. Primi: a scelta fra due, secondi: uno (contorno a parte o in alternativa al dolce), dolci... UNO!! Ma che menù a scelta a 8 (o 15) euro è?! Non c'è nulla da scegliere , o ti prendi quello che c'è o ti attacchi! E anche qui, un mezzo inciampo (dal sito una ha l'impressione di avere un minimo di scelta, perlomeno fra due portate diverse). Secondo inciampo: ordiniamo l'acqua. Gasata o naturale? Naturale. Cosa arriva? Una effervescente naturale (e qui mi sono inc***to). Ma come, chiedo NATURALE e sulla bottiglia c'è scritto grosso come una casa EFFERVESCENTE naturale!!! Risposta: "Non abbiamo altro, se vuole le porto l'acqua del rubinetto". Arriva il pane: delle palline di pane alle erbette e dei piccoli panini morbidi. Uff, almeno qui nulla da dire. OK anche al bagno quanto a pulizia e igiene. Speciale menzione positiva per il rubinetto a pedale, magari poco elegante dal punto di vista estetico ma ineccepibile da quello igienico. Torno al tavolo. Maccheroni alla Carbonara. Presentazione buona in un cestino di formaggio anche se quest'ultimo era un pò troppo salato. Secondo: un filetto dal diametro di circa 10 cm e alto altrettanto. Niente contorno, solo due julienne sul lato. Va bene che il contorno è a parte ma il piatto sembrava davvero vuoto. (altro inciampo..) Costava tanto mettere un pomodorino di decorazione? Taglio filetto: cotto per 3 mm e crudo per 9,4 centimetri!! Pazzesco. Va bene che il cuore deve essere rosso ma qui si esagera. O almeno, per andare sul sicuro, chiedi: "come lo vuole? Al sangue, normale, ben cotto?". Non dico di fare come gli americani che in certi locali hanno cinque differenti livelli di cottura ma almeno i tre classici!!! Risultato: fermo il cameriere e lo prego di farmelo cuocere un pò di più. Dopo 10 minuti me lo riportano indietro brutalmente tagliato a metà ma almeno cotto bene. La carne, sebbene un pò brutalizzata, era davvero ottima! Vista la vuotezza assoluta del piatto di carne ho ordinato delle patate al forno con pangrattato. Nulla di speciale e idem gli altri contorni proposti. Chef,un pò più di sforzo no, eh? Mi sembra un pò presto per le vacanze e non fa ancora così caldo da fare orario ridotto. Per concludere il dolce. Questo è un campo dove il sottoscritto è super esigente. ^_^ Purtroppo il dolce non ha contribuito a sollevare la media. Una specie di crema-mousse insapore immersa in una miscela di frutti di bosco nel loro succo. Davvero anonimo e servito ancora più anonimamente in una coppa da gelato senza neanche un biscotto.
Che dire? La pasta e la carne erano buoni quindi niente da dire sulla qualità degli ingredienti (sul dolce chiudo un occhio visto che siamo in Italia...) ma ci sono stati troppi aspetti negativi di contorno che non permettono di dare un giudizio positivo. Magari (FORSE) lo proverò ancora la prossima volta che verrò a Roma ma per ora non me la sento di consigliarlo.

P.S.: Lunedì sera stavo poco bene ed ero così cotto che sono andato a letto alle 21.30!

3 commenti:

  1. *lol* mi fai morire Grissino quando dici che per quanto riguarda i dolci sei super esigente...come se per il resto ... ;) sei un pignolo DOC sul cibo altrochè ( e non lo dico mia come critica credo potresti fare il critico gastronomico non ci hai mai pensato?)

    RispondiElimina
  2. Letto con piacere.
    Sembra di stare al centro della scena. Scena da film del genere: I vitelloni (non ricordo il regista), oppure film tipo Verdone, Gassman, ecc.
    Fine della 2a puntata.

    RispondiElimina
  3. @Barbara: OK, hai ragione, dovevo scrivere che per i dolci sono particolarmente super esigente
    :-P

    @Marshall: secondo me queste esperienze sono da comunicare nel senso che molte volte la pubblicità di un locale non rende quello che il locale è effettivamente. E' vero che c'è certa gente che non è mai contenta o ha gusti più puntigliosi (come il sottoscritto) ma se ci sono gravi lacune leggendo un pò di recensioni sul web, te ne accorgi subito.

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P