giovedì 16 febbraio 2006

Italia vs Francia

Non ho ancora tratto le conclusioni del mio viaggio a Parigi. Credo sia ora, quindi comincio.
1) Sul lavoro i francesi non è che siano molto meglio di noi e rimangono ben lontani dagli americani. Contando la nostra genialità e la nostra abitudine a tirarci fuori dagli impicci, direi che alla fine siamo allo stesso livello se non superiori (facendo il paragone con un lavoratore italiano serio... sigh).
2) Gli americani si confermano ottimi organizzatori anche se alle volte hanno il paraocchi e tralasciano alcune cose davvero importanti. Tuttavia nel complesso lavorano davvero bene. Da questo punto di vista, promozione a ottimi voti per la mia capa ^_^
3) I trasporti pubblici parigini, in special modo le metrò, vanno alla grande: puliti, frequenti, mai affollati in maniera esagerata. E' anche vero che il biglietto costa 1,40 anzichè 1 euro ma pure gli stipendi sono più alti di qui (sigh).
4) Pollice verso invece per i Taxi, cari come a Milano e che si rifiutano di trasportare 4 persone allo stesso tempo. In più la ricevuta va controllata bene perchè tendono a non includerci la mancia o l'arrotondamento. A Milano dico "13? va beh, faccia 14". E ho la ricevuta da 14 euro. A Parigi ho smesso di arrotondare e davo i soldi giusti in cambio della ricevuta giusta. Peggio per loro.
5) Buoni i TGV: puliti, veloci, ci si può persino portare il cane (a differenza di qui in Italia). Meno buono il servizio "coccola-cliente" visto che non c'è il drink di benvenuto e neppure lo snack. Evidentemente il servizio già buono attira senza bisogno di queste cose.
6) Pollice verso anche per la cricca degli editori francesi per i quali la legge stabilisce che lo sconto massimo sul prezzo di copertina di un libro è il 5% (15% in Italia, nessun limite in un paese davvero civile).
7) Altro pollice verso per la formalità esagerata dei francesi: in ufficio guai ad andare con scarpe sportive anche se sei fuori dalla portata dei clienti, guai a mettere i jeans (!!) e guai a vestirti casual. Questo con tutte le conseguenze del caso ossia per poco il vassoio della colazione non finiva in testa a un mio collega dato che la cameriera aveva la gonna e i tacchi ma non era una brava equilibrista.
8) La "grandeur" è ancora là. I francesi ti fanno mille complimenti se parli bene francese, altrimenti sono piuttosto freddini alle persone venute da fuori.
9) Voto OTTIMO agli ingredienti di molti prodotti che ho comprato che contengono BURRO e non una schifosissima e artificiale margarina (chissà se la gente sa come viene fatta la margarina? In pratica in uno stabilimento chimico!).
10) Tanto di cappello anche alla cucina francese. Più pesante della nostra perchè ricca di panna, besciamella, burro, ecc. ma curata, gustosa e raffinata. Da favola l'idea di accoppiare spessissimo il panspezie coi piatti salati. Assolutamente favolosi i dolci dal punto di vista estetico. Peccato che la maggior parte sono molto pesanti perchè ricchi di panna. I dolci austriaci e tedeschi rimangono ancora invitti.
11) Mi stavo dimenticando... benchè con voci melodiose, voto 4- alle ragazze francesi che è praticamente impossibile vedere vestite sportive e tantomeno con su un paio di Nike. Sarà per la formalità esagerata con cui vengono abituate ma è più facile trovare un ago in un pagliaio che vedere una ragazza con un paio di Nike. Tuttalpiù, se super ultra mega sportive, si concedono le All Star. Forse non si sono accorte che sono scarpe di più di 40 anni fa... ^_^ Da questo punto di vista non posso che esprimere un 9 alle ragazze italiane che forse, sportive o meno, sono quelle che si vestono meglio sulla faccia della terra.

14 commenti:

  1. Beh, pare che alla sportività tu ci tenga molto eh? :D

    [ah, buffo che il tuo sito mi chieda se io "want to posta un commento" hehhe. Ormai potresti scrivere se uno "want to posta' un commento, almeno grammaticalmente sarebbe corretto" ;-)

    RispondiElimina
  2. mhm...ora mi son letto per bene il tuo lungo profilo...
    E' buffo, potresti essere il fidanzato e genero modello (genero, sì, ho scritto genero): niente canne, niente alcool, buon lavoro, ti paicerebbe andare a vivere in campagna, hai il tuo dalmata da aristocratico giovane...sensibile, onesto, perfetto. hehe!

    Mi lascia un po' perplesso che tu consideri così male chi va a letto al primo appuntamento, e non credo davvero che le tre cose che guardi prima in una donna siano il viso, le mani i capelli. maddai.
    Sarò io che son diverso...

    Altra cosa che mi lascia perplesso la tua adulazione per gli Americani (che si coglie spesso qua e là).
    Ah, e tutta sta fissazione per le Nike??

    ciao, un saluto :)

    RispondiElimina
  3. Weeeee! Benvenuto Abboriggeno! Devo includere il tuo Blog nei preferiti, appena ho un attimo vedo di correggere, sempre che ci riesca, il mix ITA-ENG e inserirti nella lista. Ti ringrazio per i complimenti anche se parole come fidanzato e genero mi fanno sorgere spontanea la domanda: hai forse una sorella carina, simpatica e single che fa per me?!
    :-D
    Ora passo a rispondere alle tue domande / perplessità.
    -Più che alla sportività mi piace il look sportivo. Niente scarpe coi tacchi, niente camminate tipo fenicottero...
    ^_^
    -"hai il tuo dalmata da aristocratico giovane..." questa mi ha fatto sorridere.
    :-)
    -Sì, non mi piace andare a letto con gli sconosciuti
    ;-)
    -Certo che guardo quelle cose lì. Ecco, se posso, aggiungerei anche le caviglie che però sono spesso nascoste dai pantaloni (e già dicendo ciò ho dato una preferenza eh eh eh). Il viso è importante. Gli occhi esprimono la vitalità di una persona. Chi non ha il coraggio di guardarti negli occhi spesso nasconde qualcosa. Non mi piacciono le ragazze troppo truccate e il viso è buon indice, no? Le mani sono una parte del corpo fondamentale: a me piacciono piccole con dita affusolate, unghie assolutamente al naturale: no unghie lunghe, no unghie pitturate o lucidate. Infine mi piacciono moltissimo i capelli lunghi lisci raccolti a coda. L'ideale? Raccolti a coda che fuoriescono da un cappellino da baseball.
    ;-)
    -Gli americani? Eh, gli Stati Uniti sono un gran paese. Con i suoi difetti, certo, anzi con dei grandi difetti perchè tutto in america è amplificato nel bene e nel male. Tuttavia poichè credo che le cose positive siano tante, non posso che ammirarli. Ci sarà un motivo perchè sono la prima potenza al mondo, no?
    -Nike? Beh, ognuno ha le sue passioni, no?
    ;-)

    RispondiElimina
  4. Ecco la cucina francese proprio non fa per me per il resto ti sei dimenticato il gusto nel vestire...secondo me noi li battiamo in pieno! Non per nulla i genitori di MisterN che vivono e lavorano a Parigi da ormai molti anni comprano la materia prima in Italia e la rivendono la ( si occupano di calzature)

    RispondiElimina
  5. Ma come Barbara, ho scritto:

    Da questo punto di vista non posso che esprimere un 9 alle ragazze italiane che forse, sportive o meno, sono quelle che si vestono meglio sulla faccia della terra.

    ;-)

    Perchè la cucina francese non ti piace?

    RispondiElimina
  6. ragazzo sveglia: le all star sono molto più avanti delle nike. o almeno sono una scelta diversa, più alternativa. sai le scarpe ritornano, anche dopo 40 anni.

    RispondiElimina
  7. Beh, cominciamo col dire che le All Star sono fatte da Nike che ha acquisito l'azienda. Poi sul fatto che siano molto più avanti, beh, è buffo da leggere. Invece può essere vero che qui in Italia sia una scelta alternativa (anche ora che le fa Nike? ^_^ ). Invece a Parigi quasi tutti mettono solo quelle e quindi non avrebbe senso la teoria dell'alternativo...

    RispondiElimina
  8. e comunque sei proprio un noioso "poraccio" di destra, ma neanche di destra: una specie di moralista, vecchio nel cervello. non c'è cosa più spaventosa di un moralista che predica le sue pulite verità. tu predichi benissimo, ma mi chiedo proprio come razzoli. sei un fanatico della nike: a che pro? è solo un marchio, una fabbrica dove spesso i valori morali non hanno senso. non è un'idea, un pensiero. per fortuna ti piacciono i cani: magari hai la possibilità di migliorare prima o poi. in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  9. Strano che tu non abbia tirato in ballo anche la mia passione per gli Stati Uniti visto il tuo spirito No Global. Guarda che io non obbligo nessuno a fare niente, anzi, ognuno è libero di fare quello che vuole a patto di rispettare le libertà altrui. Non sono neppure uno che gira firmato dalla testa ai piedi come forse pensavi. Se fossi una che legge con costanza il mio Blog sapresti che non compro praticamente mai nulla di abbigliamento. I miei risparmi li spendo tutti in cucina, tecnologia, DVD, libri e qualche action figures. Semplicemente mi piacciono le cose fatte da una certa azienda, in particolar modo le scarpe. C'è forse qualcosa di male? Piuttosto io rifletterei sulla tua aggressività immotivata... mi conosci così bene da poter scrivere quello che hai scritto? Non credo...

    RispondiElimina
  10. Premesso che ho sviluppato, dopo anni di vacanze al mare e in montagna in Francia, un forte senso di odio nei confronti di tutto quello che è legato a questo paese..non posso esimermi dall'esprimermi sul punto 11!!
    Il look delle ragazze francesi è tutto fuorchè formale..abbinano stili e colori senza un minimo di logica o di gusto (e sono anche famosi per questo!!) per quanto riguarda la versione sportiva..le nike non sono poi così distanti dal paleolitico!!
    Asics mod. Tiger o Gola..no??
    Ah, ultima cosa..le briosche francesi sono super burrose ma spettacolari!!

    RispondiElimina
  11. Effettivamente alla lunga i francesi danno un pò i nervi: vanno presi a piccole dosi!
    :-D
    Per formale intendevo non casual, insomma, magari scombinato come colori, stile superato ma non certo "spensierato" (permettimi questa parola) come molte ragazze italiane.

    Non ho capito invece la frase "le nike non sono poi così distanti dal paleolitico!! Asics mod. Tiger o Gola..no??".

    Eh sì, le brioche e in genere le paste di pasta sfoglia sono buone perchè ci mettono il burro al posto della margarina!
    :-)
    A me piacciono molto quelle a forma di lumaca con crema pasticcera e uvette.

    RispondiElimina
  12. Il pain au raisin è meravigliosoooo!!
    Lo so che tu sei un estimatore delle nike modello femminile ma prendi in considerazione una versione un po' più fashion..le gola sono fantastiche e soprattutto sexy su una ragazza!! :)

    RispondiElimina
  13. >Più pesante della nostra perchè ricca >di panna, besciamella, burro, ecc

    già digerisco poco quella italiana un pelo elaborata t'immagini , non posso mangiare formaggi ne panna odio salsine etc vedi un pò tu ;)

    PS Anche MisterN che la conosce bene non la ama molto troppo elaborata e pesante essi che lui la conosce bene

    RispondiElimina
  14. Nancy: già, è davvero buono e la versione francese (solo con crema e uvette) mi piace di più di quella tedesca con nocciole, uvette e burro senza crema pasticcera. A Parigi non c'era giornata senza che me ne mangiassi una o due
    :-)
    Sì, capisco il tuo punto di vista che è quello che hanno la maggior parte delle ragazze. E' vero che un paio di Asics Gola/Tiger (che ammetto, sono dovuto andare a cercare sul web perchè non avevo ben presente) sono più leggere e sottili per una ragazza ma, e qui entrano in gioco i gusti personali, io preferisco qualcosa di più "robusto" e anche gli anfibi non mi dispiacciono su una ragazza quindi capirai... ;-) La finezza la preferisco in altre cose tipo nei modi di fare (quelli se non sono femminili è un disastro!), nella gestione di una casa (ammiro moltissimo chi sa fare le faccende di casa ossia: cucinare, stirare, cucire, ecc. e piacerebbe anche a me saperle fare meglio di quanto so fare ora... quando sarò da solo, dovrò impegnarmi bene per riuscire a farle bene ma anche velocemente!) e in altre cose ancora (per esempio nella guida). I miei gusti personali sono purtroppo piuttosto singolari e non è un caso che sono single, anche loro hanno la loro "colpa"...
    :-/

    Barbara: premesso che tu vesti tutto sommato come piace a me ^_^ ti confesso che io invece sono un super appassionato della cucina elaborata. Elaborata non vuol dire per forza pasticciata. Io più che elaborata la chiamerei ARTISTICA. Stà poi allo chef farla sufficientemente leggera e digeribile. A pensarci bene, la sera che sono andato in quel ristorante super chic tipicamente francese, la cucina è stata un pò pesante. L'ho digerita bene ma era piuttosto piena di creme e uova. Chissà se sulla costa, con i piatti di pesce, la cucina francese perde un pò di pesantezza. Io le uniche cucine che non riesco assolutamente a sopportare sono quelle asiatiche, tipo india in cui ci sono un sacco di spezie. E per non andare troppo in là, certi cibi calabresi! Il rosso equivale a pericolo.
    :-D

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P