martedì 10 gennaio 2006

On va à Paris! Viva gli americani!

La prima settimana di febbraio sarò a Parigi. E' da novembre che la mia capa aveva chiesto la mia presenza e l'autorizzazione "italiana" è finalmente arrivata oggi dato che non potevano andare oltre e non avevano una scusa valida per trattenermi. Per fortuna che ci sono gli americani; senza di loro non so come sarebbe il mio lavoro di tutti i giorni. Anzi, lo so benissimo: sarebbe un lavoro da operaio-robot-rappezza-problemucci perchè qui in Italia abbiamo per lo più una mentalità limitata. MOLTO LIMITATA. Loro invece, abituati ad avere tutti i tipi di ambienti dal ghiaccio al deserto, distanze dell'ordine delle decine di migliaia di chilometri e un mercato unico di proporzioni europee sanno come organizzare le cose perchè tutto funzioni per tutti nel più breve tempo possibile. Certo, ogni tanto si intoppano, fanno cavolate dato che nessuno è perfetto ma siccome le idee le hanno chiare e i mezzi ce li hanno, arrivano sempre alla meta. Non come noi che viviamo di tristi espedienti giornalieri: "fai così in modo che almeno un pò funzioni", "fai cosà che tiene ancora un pò", "fai di sù così magari non si vede troppo il problema"... Proprio un modo di lavorare limitato che non porta da nessuna parte. Forse una volta dove l'Italia era il centro dell'Italia stessa, poteva funzionare. Oggi che ti basta un click per comprare dall'altra parte del globo questa mentalità porta solo problemi. Non per nulla l'Italia è in crisi, il mercato del lavoro totalmente bloccato e non si prospettano vie d'uscita. E' inutile che ci tappiamo il naso quando siamo circondati dalla merda. La merda da sola non va via: bisogna prendere la pala e spalarla via anche se dobbiamo respirare la puzza.

Devo organizzarmi con gli acquisti. La mia capa si è gentilmente offerta di fare da corriere e non posso lasciarmi scappare questa occasione. Mi sa che almeno qualche libro e qualche gadget ci scappa! Devo ricaricare la Postepay al più presto! ^_^
Incrocio le dita di stare bene, di non beccarmi un'altra influenza e di riuscire ad andare a Parigi perchè anche se ci sarà da lavorare duramente, sono sicuro che sarà bellissimo condividere questi momenti coi miei colleghi americani, francesi e inglesi. Senza contare il lato gastronomico: ad agosto moltissimi ristoranti erano chiusi per ferie ma in febbraio saranno apertissimi! Devo dire che sono piuttosto eccitato... :-P

4 commenti:

  1. Che bella occasione! Preparatela bene mi raccomando con indirizzi da visitare etc ( se non erro alla fine la scorsa volta non eri riuscito a ritagliarti molto tempo libero)

    RispondiElimina
  2. NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!! io voglio tornare a parigi!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Saluta Paris anche da parte mia!!! Ah, se poi ti rimane un pò di spazietto in valigia, io mi posso fare picculina picculina...!!!
    ciaociao e bon voyage!!!

    RispondiElimina
  4. Barbara: Beh, sì, questa volta sto 8 giorni pieni, spero di avere un minimo di tempo per fare due giretti.
    Cinewitch:
    Parigi a partire da 25 euro con i treni Artesia
    Sui treni giorno, in partenza da Milano:
    posto a sedere in 2° classe 25 euro. Terminata la disponibilità di posti a 25 euro, Smart Price a 50 e 60 euro
    Posto a sedere in 1ª classe 70 euro, acquistabile solo su Trenitalia.com
    Sui treni notte in partenza da Roma, Firenze, Bologna, Venezia e Milano:
    Cuccetta in compartimento a 6 posti da 35 euro
    Cuccetta in compartimento a 4 posti 70 euro
    Attenzione: gli Smart Price per Parigi sono acquistabili fino a 14 giorni prima della partenza
    Cosa vuoi di più?
    ;-)
    Chiara:Ah beh, in teoria io ho la camera doppia uso singola quindi se vuoi venire...
    :-P

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P