martedì 31 gennaio 2006

Il viaggio di andata a Parigi

In mezzo a una serie di babbione in rotta per Parigi mi sono accomodato in un buon posto singolo con finestrino: almeno una volta l'agenzia di viaggio ci ha azzeccato. Poichè l'arrivo è previsto verso le 23, ho fatto scorta di viveri. Non si sa mai come può andare un viaggio e così' ho preso due bottigliette da mezzo litro d'acqua, due arancini alla mozzarella, due polpettine, 3-4 crocchette di patate, un panino con semi di zucca farcito allo speck, una brioche salata al formaggio, una mela in pastasfoglia (mica si può rinunciare al dolce!!) e un sacchettino di praline casomai mi venisse voglia di cioccolato e comunque sempre pronte per essere offerte alla mia capa che essendo americana, non può mangiare spesso queste delizie. ;-) Poi due libri, il lettore CD col corso di tedesco e relativi esercizi e uno di musica, la chiavetta USB, l'hard disk esterno, un cd e un DVD masterizzabili, la macchina fotografica (spero di fare qualche bella foto artistica o succulenta) oltre alla biancheria e persino (quiesto è un evento memorabile) una camicia con farfallino e gilet e un paio di scarpe casual nel caso si vada tutti a festeggiare in qualche ristorante un pò elegante. Ci saranno tutti i miei colleghi americani, persino la mia capa che in realtà è la responsabile di un sacco di sedi (ma dovreste vederla, non se la tira proprio per nulla!!) e quindi sicuramente si uscirà una sera in un ristorante come si deve. Yum Yum in anticipo. Il tempo è previsto sereno e non freddissimo ma in ogni caso mi sono munito di guanti, sciarpa e colbacco. Gli shopping previsti prevedono libri, formaggi, pentole (quelle della Tefal col manico staccabile che sono difficilissime da trovare a Milano). Quelli imprevisti...boh, forse cioccolato, DVD e... chissà, magari anche qualche capo d'abbigliamento (mi piace comprare all'estero perchè poi quando ti metti quella certa cosa ti ricordi con piacere del posto dove sei stato; per esempio in questo momento ho su le Nike prese a New York!!). Vedremo. cercherò di aggiornare il Blog, poi lo speciale ovviamente lo faccio al ritorno. Per intanto domani cominciamo con una buona colazione con la mia capa e gli altri due miei colleghi americani. Chi ben comincia, ossia con una buona colazione visto che prevedo di prendere la colazione Gourmet da Kayser e due chiacchiere coi miei simpatici colleghi e con la mia mitica capa, è molto più che a metà dell'opera! ;-)

lunedì 30 gennaio 2006

Solite figure di merda all'italiana

Più passa il tempo, più mi rompo a stare qui (in Italia). Mio papà ha ragione: le nostre aziende sono dirette da persone ottuse con mentalità ristretta. L'ennesima conferma? Oggi. Lavoro per una multinazionale che ha uffici in tutti i continenti ad eccezione dell'Africa. Tutti i miei colleghi hanno un cellulare o un Blackberry in dotazione. Io e il mio collega dell'altra sede italiana no. Domani parto per la sede di Parigi; la mia capa di NY raccoglie i numeri di telefono di tutti e ovviamente chiede anche il mio. Sapete quale risposta ho dovuto darle? "Mi spiace, non ho un cellulare o un Blackberry aziendale in dotazione". Ovviamente sono l'unico dei miei colleghi non italiani a essere in questa situazione. E sapete cosa mi ha risposto la mia capa? "Vedrò se a Parigi ce n'è uno di scorta temporaneo per te". Veramente una vergogna. La mia capa è sempre così gentile che io per primo mi sono sentito una merdaccia. Sappiamo sempre distinguerci in negativo all'estero, salvo pochi, pochissimi casi. E tutto questo per risparmiare qualche decina di euro. Posso capire al 100% il mio amico che alla richiesta di un taxista turco in Germania se fosse italiano, ha risposto in inglese "no, sono americano". Continuiamo così... il terzo mondo non è poi neanche tanto lontano geograficamente.

***AGGIORNAMENTO***

Questa è una fetta del cheesecake fatto ieri. A conferma che siamo terribilmente tristi nelle nostre piccolezze, oggi è arrivata una richiesta di un mio manager. Nei prossimi giorni deve andare all'estero (lo sapeva da qualche mese...) e si è miracolosamente ricordato che forse **DICO FORSE** ha bisogno di un adattatore per le spine. Io, povero sistemista del ca**o, qualche mese fa avevo detto "compriamo un pò di adattatori? Ne ho visti da Mediaworld dei belli a 10 euro". Risposta "No, ma a cosa ci servono? No, niente spese per queste cose!". Io me ne ero preso lo stesso uno in previsione di uno dei miei viaggi all'estero e infatti ora me lo porterò dietro perchè in Francia ci sono le spine a due punte mentre spesso da noi sono a tre con la terra. Invece per il mio manager oggi si sono agitati tutti. "Come facciamo a prendere l'adattatore?" (coi soldi, forse? :-D ) "Dove lo prediamo? Dove si compra?" (sulla luna forse?). La mia risposta "Ma non se lo può prendere direttamente in aereoporto?" "No, ma che scherzi?! Ti vedi Verdi andare a comprarsi l'adattatore in aereoporto?" (evidentemente comprare un adattatore è un compito non all'altezza di certe persone...). "Allora ci pensi tu? Mi raccomando!!". Così sono uscito un pò prima dall'ufficio e sono andato da FNAC che per la modica cifra di 25 euro me ne ha dato uno identico a quello che avevo preso per me a 10 euro da Mediaworld ma che nel frattempo ne è rimasta sprovvista e poi non avevo neanche il tempo per andarci. E' così che funziona qui. Gli americani pianificano dall'A alla Z. Noi sempre all'ultimo, sempre in emergenza, sempre a buttare soldi nei modi più stupidi anzichè investirli in modo intelligente. Non odiatemi ma ancora una volta mi viene da dire "Che Dio benedica gli Stati Uniti d'America" (e non solo loro, c'è altra gente che lavora bene anche qui in Europa ma in questo momento io sto lavorando con gli americani quindi prendo loro come parametro di valutazione). :-/
E domani si parte per Parigi, evviva, hurrà, finalmente starò con i miei colleghi europei ma soprattutto con quelli americani e con la mia capa che è veramente MITICA!

domenica 29 gennaio 2006

Domenica...

E anche questa domenica è passata. Mi dispiace un pò. Mi dispiace per ogni giorno che passa. Come mi piacerebbe poter fermare il tempo. Stamattina mi sono svegliato tutto rotto (evviva, vuol proprio dire che sto invecchiando! :-( ) e ho passato la mattina salvando una vecchia videocassetta di 10 anni fa davvero super malconcia sul PC per poi farci il DVD. Dopo un bel riposino (aaah) di due ore, proprio quando mi accingevo a fare la torta della domenica, è passata quel mio amico che abita a 15 minuti a piedi da casa mia, che si fa vedere una volta all'anno e che da un quinquennio è diventato assolutamente inaffidabile e (diciamocelo) inutile. A cosa servono gli amici se non per passare piacevoli momenti insieme? Lui invece ha sempre una grana, un problema, una scusa e non ci si può assolutamente fare affidamento neanche per una pizza. Figurarsi per un viaggio o una giornata fuori Milano. Regolarmente un'ora prima dell'appuntamento mi chiama per disdire o spostare. Ma la cosa più brutta è che ha 33 anni e secondo me i suoi problemi sono solo psicologici. Ho provato ad aiutarlo, a coinvolgerlo, a dargli qualche consiglio ma... zero. Così ho deciso di lasciarlo nel suo brodo, se lui non vuol fare nulla per se stesso, che rimanga così come sta. Dopo che è andato via con la solita storia anche stasera (ma ero contento questa volta perchè fino ad allora avevo combinato poco nulla) ho cominciato a fare il cheesecake che è ora in forno. Chocolate Mocha cheesecake con topping caramello e nocciole in granella. Lo stesso di qualche mese fa, lo stesso che si mangia da Hooters e che trovo abbia degli accostamenti favolosi. Il mio è una base di wafer al cioccolato e nocciola, un primo strato di cheesecake al cioccolato e caffè, un secondo strato di cheesecake al naturale e infine il topping fatto con le caramelle mou sciolte al microonde e profumata granella di nocciole. Oh oh oh che delizia! E martedì se tutto va bene (salute, lavoro, treni, ecc.) parto per Parigi dove sono sicuro troverò altre cose buone per stimolare le mie papille.

sabato 28 gennaio 2006

Tanto girare, tanto guardare, poco comprare

Con un panino spalmato di Mettwurst in mano (si vede come sono italiano, eh?) vi racconto la mattinata. Oggi avevo deciso di andare a prendere un umidificatore da Mediaworld. Prendo il tram, cammino, prendo l'autobus, finalmente arrivo. Poichè qui ormai non nevica ma piove e ci sono 5°C la neve si sta cominciando a sciogliere. Risultato: mucchietti di neve e nel mezzo laghi giganteschi di acqua marroncina. Lasciate a malincure le mie Nike, onore alle mie vecchie scarpe tipo paninaro che hanno resistito ottimamente con la neve ma che hanno perso oggi diversi colpi con l'aqua. D'altra parte non si può pretendere granchè quando hai 15 cm di acqua... E' da tempo che volevo prendermi un paio di anfibi da usare in sostituzione delle Nike in condizioni climatiche un pò troppo avverse persino per le mie Nike in pelle. Solo che non saprei dove prenderli, quali e non vorrei spendere troppo, quindi continuo a rimandare. Fesso che sono. Da MW l'unico umidificatore decente (De Longhi) era esaurito. In compenso lo scaffale era stracolmo di umidificatori Sbuffo (ammetto che il nome è simpatico e azzeccato) ma dal design piuttosto scadente a cominciare dalla dimensione a disco volante dal diametro spaziale. E dove avrei potuto metterlo in camera un simile aggeggio? Già c'è poco posto per le cose standard! Fra l'altro il De Longhi aveva un vantaggio davvero notevole ossia un buco da cui rabboccare l'umidificatore senza doverlo spegnere e aprire, oltre ad avere un litro di capacità in più. Vabbè mi hanno detto che forse ritorna disponibile dopo il 2 febbraio quindi al mio ritorno da Parigi ripasso subito. Sono quindi andato a vedere le videocamere digitali... mamma che favola le "nuove" miniDV. Io sono rimasto alla mia con la cassettina compatibile VHS che è grande almeno 4 volte le videocamere attuali. Me ne sono subito innamorato dato che essendo così piccole si possono mettere anche nella tasca del giaccone o sotto il piumone e non bisogna portarsi dietro una borsa extra! Vabbè, ora vado a Parigi, poi con calma procedo anche a questo acquisto. Infine ho fatto un salto al Lidl. Ho preso uno yoghurt al naturale, uno alla banana con pezzetti di cioccolato e quattro tavolette di cioccolato per i miei dolci (meglio avere un pò di scorta... ^_^ ). Fra l'altro come al solito c'era parecchia coda alla cassa e io dico: tu hai il carrello pieno, stracolmo di tutto il possibile immaginabile e vedi dietro di te uno che ha 6 cose in mano. Non ti passa per quel tuo piccolo cervellino ammuffito che lo puoi far passare davanti dato che nel tempo che tu metti la roba sul nastro, lui ha già pagato e se ne è andato? No, troppo difficile da capire ma d'altra parte l'intelligenza è un bene piuttosto raro. Ora riposino. E speriamo che nessuno rompa le scatole al telefono.

venerdì 27 gennaio 2006

Persone malate

Oggi in ufficio si presenta una collega malata da far pietà: naso gonfio, paonazza per la febbre, tossicchiante come una vecchia locomotiva. Non ho potuto non dirle: ma scusa, stai a casa. Stai a casa per te che così guarisci prima e per gli altri a cui almeno non attacchi nulla. L'altra settimana c'era invece un'altra collega che tossiva (non scherzo) ogni 5 secondi. Veramente da far diventare isterici. E le chiedo "ma non sei andata dal medico?" e lei "Ah, ma mica si va dal medico per un pò di tosse!". Ovviamente dopo due giorni è andata dal medico che l'ha messa sotto antibiotici. Ma vaffan***o a tutti quelli che vanno in ufficio malati ad attaccare i loro germi agli altri: IO SETTIMANA PROSSIMA DEVO ANDARE A PARIGI!!

mercoledì 25 gennaio 2006

Difesa della proprietà privata

Legittima difesa: chi spara non sarà punibile
La riforma varata dal Parlamento autorizza l'uso di armi per difendere la vita e i beni. Nell'ipotesi di violazione di domicilio, in altri termini, non sarà più punibile (in quanto il rapporto di proporzione tra difesa e offesa è ora presunto ex lege) chi spara contro il malvivente o lo colpisce con un coltello per difendere la propria o altrui incolumità. E non sarà più punibile nemmeno se gli spara per difendere i (propri o altrui) beni, a due condizioni però: che vi sia pericolo d'aggressione e che non vi sia desistenza da parte dell'intruso. Ossia che di fronte all'intimazione del proprietario di casa, ad esempio, invece di scappare reagisca minaccioso. Le nuove norme sulla legittima difesa valgono non solo all'interno delle abitazioni private, ma anche nei negozi e in ogni luogo dove sia svolta attività commerciale e imprenditoriale. ( da www.corriere.it ).

Era ora. Fino ad ora era garantito più il ladro che il derubato; una cosa assurda al limite dell'indecenza. Non dico di essere favorevoli alla libera vendita delle armi e al poterle portare in giro con sè come avviene a Phoenix (Arizona) dove si è trasferito il mio amico ma almeno avere la possibilità di difendersi senza rischiare di finire in galera sì. E alla sinistra che dice che è una legge sbagliata perchè dovrebbero essere solo le forze dell'ordine a difenderci, rispondo che allora dovevate aumentare e dare risorse alle forze dell'ordine quando eravate al governo e non fregarvene perchè tanto i politici hanno la scorta. Finalmente una legge avanzata che tutela allo stesso tempo la libertà indivisuale e il diritto alla difesa della proprietà privata.

martedì 24 gennaio 2006

Ma che gente!

Se c'è una cosa che mi fa imbestialire è quando colleghi che mi vedono tutti i giorni da più di due anni mi salutano con "Ciao Rossi". MA DICO?! Nessuno ti ha insegnato che le persone si salutano per NOME? (a meno che uno voglia usare una formula di riguardo ma non è questo il caso e comunque con i colleghi negli Stati Uniti ci chiamiamo tutti per nome dal collega propriamente detto al manager...).

E' uscita la nuova versione delle Nike Air Max ora non più chiamate in base all'anno ma con i gradi e cioè 360. Già disponibili anche in Italia, non brillano per originalità ed estetica. Francamente Nike poteva fare di più. Soprattutto evitare quella terribile banda trasparente che sa tanto di vecchia plastica 5 minuti dopo aver preso le scarpe. Va benissimo i cuscinetti a vista ma almeno tingi in tinta la suola con la parte superiore. E comunque anche la parte superiore non si distingue per originalità dato che ci sono altri modelli con design simile se non identico. Non parliamo poi dei colori: rosso per lui, blu per lei in entrambi i casi con brillantini sbrilluccicosi mischiati alla parte colorata. Disgustorama.
Insomma, una (grossa) delusione. Consoliamoci col sito costruito per l'occasione: http://www.nike.com/nikeair/us/ in cui è possibile rivisitare tutti i modelli della serie Nike Air Max e vedere l'evoluzione della tecnologia Air nel corso degli anni. Per gli appassionati è anche possibile condividere la foto delle proprie Nike Air
:-)

lunedì 23 gennaio 2006

Famiglia di golosi

Siamo una famiglia di golosi. Ieri sera c'erano tre torte a casa mia:
-la torta a forma di cuore con le praline (fatta da me)
-la crostata ricotta e cioccolato (fatta da mia mamma per degli ospiti ieri)
-la crostata di mele (fatta da mia mamma per l'altro ieri in montagna ma ne ha tenuto un pezzo per me!).
Decisamente tanti dolci ma tutti fatti in casa per cui con pochi zuccheri e grassi e con materie prime di buona qualità.

Speriamo che a Parigi settimana prossima non faccia troppo freddo. Speriamo di non beccarmi l'influenza questa settimana. Speriamo di avere un minimo di tempo libero per fare un pò di acquisti. Cominciano ad esserci un pò troppi "speriamo" per i miei gusti.
:-/

Ieri sera ho visto Missione Tata con Vin Diesel. Proprio una commedia carina. Leggera, con parecchia azione e qualche scena divertente che è riuscita a strapparmi un sorriso. Non male gli extra con le scene tagliate e un brevissimo dietro le quinte. Per un film del genere tonnellate di extra sarebbero solo una perdita di tempo e poi per sentire dire dagli attori quali personaggi interpretano e come sono fantastici i colleghi e il regista... beh, ne faccio volentieri a meno!
:-D
Voto: 6,5 (ma con entusiasmo!)

domenica 22 gennaio 2006

Le sfide di Grissino ** SFIDA N.2 **

Rieccoci con le "Sfide di Grissino". Non sempre è facile replicare i dolci che si vedono su Internet o in pasticceria. Prendendo spunto da QUI, ho fatto questa torta:

L'ultima figura in basso a destra era la torta "campione". Le foto della sequenza sono fatte con la videocamera, stasera vedo di fare una foto seria con la macchina fotografica digitale. La torta di base è una torta al burro (il sapore è quello di una torta margherita). L'ho poi ricoperta e farcita con un doppio strato di marmellata di lamponi e glassata con uno strato di cioccolato fondente 75%. Infine l'ho decorata con le praline prese ieri.
Missione compiuta!

(cliccare per ingrandire)

Ieri ho visto il film Arsenio Lupin. Non mi è piaciuto per nulla. L'idea era molto buona e qualche colpo di scena simpatico nel film c'è. La trama però è troppo confusionaria e in certi punti assolutamente assurda (come fa la donna "immortale" a scappare dalla prigione tramortendo solo la secondina? E le guardie? E porte e cancelli?). Il finale poi è troppo affrettato e in assoluto la parte peggiore di tutto il film. Voto: 4,5

Per gli appassionati di musica russa ( ma ce ne saranno a parte il sottoscritto?! ^_^ ), ai nostalgici dell'ex URSS e ai comunisti sfegatati segnalo questo sito: http://english.sovmusic.ru/index.php dove è possibile reperire un sacco di mp3 di canzoni patriottiche / comuniste / marce militari di tutto il mondo, in special modo dell'ex URSS. C'è anche una sezione con i poster. Un sito veramente ben fatto, da visitare anche solo per ricordarsi con un sorriso di quando c'era la guerra fredda.

sabato 21 gennaio 2006

Milano è una camera a gas...

Vi posto semplicemente l'andamento delle polveri sottili a Milano negli ultimi giorni ( fonte Comune di Milano ). Notate solo che il limite è 50 e ieri eravamo quasi a 200... Secondo voi perchè a Milano ci si ammala di più e poi alla gente viene il cancro?!

Sono arrivato alla lezione di tedesco numero 7 !! (le ho ascoltate tutte più volte durante la settimana). Oggi o domani ci dò dentro con gli esercizi. Stamattina sono andato all'Esselunga e a prendere i croccantini per la mia dalmata. Ho dovuto pulire i vetri della macchina perchè erano luridi da far schifo (avete notato la patina viscida che ricopre tutto in questi giorni? Che dire, ha un nesso con il nostro bel diagramma di cui sopra?! Pensate a cosa c'è nei vostri polmoni... ^_^ ). Poi ho evitato due incidenti: il primo uscendo dal parcheggio dato che un pirla ha accostato al marciapiede dopo il passo carrario a tutta velocità e il secondo perchè uno è uscito a tutta velocità da una strada da dove doveva dare precedenza. Ho avuto la felice idea di andare presto (9.30) così ho trovato posto in modo relativamente facile (comunque c'era già parecchia gente al negozio di animali e il primo piano del parcheggio Esselunga era già pieno). Ho fatto la spesa velocemente (preso anche il tonno fresco da fare con lo speck!) e all'uscita già c'era l'orda dei barbari del sabato mattina. Via a casa e ora devo purtroppo fare un salto al lavoro ma siccome non ci sarà nessuno e devo lavorare sui server la cosa non è più di tanto pesante. Più che altro una scocciatura visto che volevo godermi un film, mangiare con calma e farmi un riposino. Vabbè sarà per domani.

venerdì 20 gennaio 2006

Affidabilità

Tutti abbiamo dei dubbi. Il mio di oggi è:

Quanto è affidabile una ragazza che a 31 anni non ha mai lavorato perchè ancora studia al conservatorio?

giovedì 19 gennaio 2006

Si accettano elemosine in buoni pasto

Oggi dopo tanto tempo ho rifatto un giro in pausa pranzo. Sono passato a prendermi un bretzel gigante da Delicatessen (che ha ancora aumentato i prezziiiiiii anche se almeno la qualità è rimasta invariata) e quindi sono andato da FNAC dove c'erano un sacco di cartelli con scritto Sconti! Offerta! eccetera eccetera. Mbè, ma a vedere bene non c'era un bel tubo di offerta: i dvd negli scatoloni erano scontati del 30%, peccato che lo sconto fosse sul prezzo iperbolico di listino. Per i libri la situazione era la seguente: i libri in offerta a 1 euro erano dei rifiuti di fondo di magazzino. Quelli scontati del 50% erano dei fondi di magazzini con tutte le copertine luride e con le orecchie. Ma stiamo scherzando? ma che offerte sono? Devo stamparvi qualche paginetta da Amazon.com per farvelo capire? Lì sì che ci sono offerte con libri nuovi (dico NUOVI) a partire da 1 dollaro (dicasi meno di 1 euro!!). Ma lo sapevate che in Italia le case editrici hanno fatto un cartello per cui qualche tempo fa è stata approvata una legge per cui una libreria non puo vendere libri nuovi con uno sconto maggiore del 15%?! SCANDALOSO. Ma dov'è la libera concorrenza e l'economia di mercato?! Ancora una volta la stessa storia: siamo uno stato con economia socialista (basta anche vedere la ridicola trattativa messa su in questi giorni fra sindacati metalmeccanici e Confindustria...). Ancora una volta abbiamo una mentalità da formica e il solito giornalista pirla di turno fra poco ci avvertirà che gli italiani leggono poco. Chissà perchè? E questa volta aggiungo che la situazione in Francia non è granchè diversa: lo sconto massimo sembra essere sempre intorno al 5%. Ma perchè devo sempre arrivare a dire che negli Stati Uniti le cose funzionano ben diversamente. Ma dai...
Infine una chicca. Tornando verso l'ufficio sono passato dal metrò e vedo un mendicante con un cartello "Si accettano buoni pasto". Che altro c'è da fare se non scuotere la testa?!

P.S.: E' arrivato alla mia capa il libro sul Gingerbread che ho ordinato su Amazon.com e ho trovato su Amazon.fr un bel libro di Pierre Hermé sul cioccolato: magari quando vado a Parigi me lo prendo. Ho infine trovato l'idea per una torta spettacolare su www.wilton.com : a breve vi faccio vedere la mia versione!!

mercoledì 18 gennaio 2006

Minima davvero minima!!

Minima prevista stanotte a Mosca: -37°C
Pensavo fosse un errore ma basta andare su qualsiasi sito di previsioni metereologiche per scoprire la verità.
'sti cavoli e noi ci lamentiamo che qui fa freddo!!

Sono alla quarta lezione di tedesco. Però è ora che mi metta anche a fare gli esercizi e a studiare un pò gli appunti. La strada è lunga e impervia, la ricompensa è la libertà.

martedì 17 gennaio 2006

New York, Times Square, LIVE

Chissà quando tornerò a New York. Il viaggio è un pò pesante dato che sono più di 9 ore e anche costoso ma NY è una città notevole e, se ci si va per turismo, bellissima. Times Square è spettacolare con tutte le luci e i negozi. La prima volta che la si vede uno rimane letteralmente stupito per le luci, i colori, la gente, i negozi, i grattacieli altissimi. Poi comincia lo shopping, da ToysRUs a Hershey's, Footlocker e nel mezzo di tutto ciò un donut, una fetta di cheesecake, un hamburger o semplicemente un pacchetto di nocciole pralinate o un bretzel. Per chi ne avesse nostalgia, per chi non l'avesse mai vista, regalo questo link:
http://www.earthcam.com/usa/newyork/timessquare/livestream.html
da cui è possibile vedere in tempo reale cosa succede (auto, pedoni che passano, pubblicità che cambiano, semafori che diventano rossi e così via) mediante 11 webcam sfogliabili con un click. E' possibile anche vedere le registrazioni dell'ultimo giorno nelle quali viene mostrato un fotogramma ogni 10 minuti delle ultime 24 ore. New York: distante 4000 chilometri ma grazie a Internet, visibile con un click. Ah, come amo la tecnologia...

lunedì 16 gennaio 2006

La guerra è iniziata

Oggi è iniziata la mia guerra di conquista. Ho ascoltato le mie prime due lezioni di tedesco. Una sull'autobus della mattina e una su quello del ritorno. Erano le prime due, davvero facilissime, soprattutto perchè ho già fatto un pò di tedesco in passato. Ma mi sono piaciute, mi hanno dato forza. Devo continuare. Sarà dura, sarà una lotta faticosa, ma alla fine dopo tante battaglie spero di ottenere un lavoro con uno stipendio adeguato e la casa col giardino che sogno da tanto tempo. E se mi vorrete venire a trovare, avrò una camera con vista sulle colline tutta per voi. Nel frattempo vi invito a dare un'occhiata a QUESTO post di Web Al Cioccolato dove si parla della prospettiva di trasferirsi all'estero, dei pro e contro, il tutto condito da giudizi e opinioni interessanti di alcuni Blogger.

domenica 15 gennaio 2006

Love

Prendete il bastoncino di un ghiacciolo e su di un lato scrivete il vostro nome. Sul lato opposto scrivete il nome della persona di cui siete innamorati. Mettete il bastoncino in un barattolo, versateci miele e zucchero e chiudete il coperchio affinchè non possa uscire il contenuto. Prendete in mano il barattolo pensando intensamente alla persona che amate e scuotetelo cinque volte dicendo "Dolci, dolci pensieri avrai sempre per me". Ogni volta che agiterete il vaso, la persona che amate vi penserà con amore...
Dagli extra del DVD The Skeleton Key

Morte dei Blog

Questo Blog è una mia creatura. Mi ci sono affezionato. All'inizio è stato difficile scriverci tutti i giorni ma ora mi piace e lo faccio volentieri per poi ricordare quello che mi accade ogni giorno. Mi piace scriverci per condividere le cose con gli altri, specialmente con chi mi segue regolarmente. Non credo potrei uccidere il mio Blog in cinque minuti. Ogni mese gli salvo le pagine e le archivio scrupolosamente come pdf in una cartellina del mio hard disk di cui faccio il backup regolarmente. Ripeto, non credo che il mio Blog durerà anni e anni ma finchè mi permetterà di interagire con qualcuno e inserire i miei ricordi non vedo il motivo di sopprimerlo di punto in bianco. Invece tutt'intorno a me i Blog muoiono come mosche. E' durato solo un mese il Blog di Dave. E' invece morto da tempo il Blog di Biscia dopo un tentativo di restauro abbandonato a metà. Morto anche quello di Berlino solo andata sacrificato sull'altare di un improbabile Blog in tedesco che non decolla e non credo decollerà mai. E che dire della morte improvvisa di Cuore Volante? Un Blog che mi metteva tanta (piacevole) nostalgia degli USA visto che era una cronistoria di vita vissuta della protagonista in gita in quel paese. E' quasi morto anche il Blog di Laura ( Un negozio o un ospedale psichiatrico? ): una volta fresco e spontaneo diario di allucinanti (dis)avventure quotidiane di un grande centro tipo Mediaworld, ora si è ridotto ad avere post saltuari dato che la proprietaria ha deciso che era meglio disperdere le sue energie aprendo un forum personale. A completamento di tutto ciò, ha chiuso anche il Blog Lost in Friuli senza una motivazione davvero reale. Morti, tutti morti. Pace alle pagine loro. E' ora di aggiornare la lista.

Aria, aria!

La qualità dell'aria a Milano è semplicemente scandalosa. La concentrazione di PM10 è costantemente sopra il limite dei 50 microgrammi/metrocubo con picchi di tre volte tale valore. I dati sono visibili QUI da chiunque e sono quelli ufficiali. Voglio andarmene da questa camera a gas!!!
:-((

Depressione post feste?

In questi giorni ho poco tempo per il Blog ma sono anche scoraggiato dal fatto che i post languono anche su tutti gli altri Blog (Videogirl ha persino chiuso il suo Blog...). Ma come? Vi siete tutti fatti prendere dalla depressione post-feste?! Per tirarvi su, ecco due parodie educative in ambito alimentare prese dai film Matrix e Star Wars: THE MEATHRIX è a difesa dei piccoli allevamenti contro gli allevamenti intensivi (grazie Gianna); l'altro GROCERY STORE WARS a difesa dell'agricoltura biologica. Sono entrambi molto simpatici ed educativi.

Ieri sera ho visto il film ASSALTO AL DISTRETTO 13. Il film non è malaccio, fila via liscio con anche alcuni buoni colpi di scena (e alcune scene prevedibili...). Ottima la recitazione dell'ex Morpheus di Matrix, l'unico vero attore che spicca nel corso del film. Quando parla o si muove, si vede che ha carisma. D'altra parte non era difficile fare la figura del bravo attore in mezzo agli altri protagonisti tutti piuttosto anonimi e di profilo davvero basso. Peccato. Poichè non ho visto la versione originale fatta da Carpenter, non saprei dirvi se è meglio o peggio ma propendo per quest'ultima possibilità. Cercherò di vedere l'originale a breve anche se non è semplice perchè in Italia il DVD del film originale non è mica uscito. Voto: 6,5

mercoledì 11 gennaio 2006

Acquisti US: argh

Anche stasera incasinato uffa. Argh, le cose che volevo farmi portare dagli USA non ci sono. Volevo prendermi un Citizen a 70 euro (contro i 170 di qui) ma è subito esaurito, l'action figure del protagonista di Corpse Bride (non disponibile) e altre due o tre cosette. Uffa. Ripegherò sul libro sul Gingerbread e penso su questo DVD che ho trovato su www.russianDVD.com che deve essere interessante dato che c'è tutta la sfilata per la vittoria sovietica nella GGP (Grande Guerra Patriottica). Non è facile trovare filmati di sfilate e musica militare sovietica di cui sono un gran... appassionato! (scommetto che nessuno lo avrebbe mai immaginato). In particolare mi piace vedere la coreografia e la perfezione della sfilata.
The War & Victory Songs / The Victory Parade June 24, 1945
Theatrical release: 1945
DVD release: 2005
Play time: 67 min
Sound formats: Dolby Digital 2.0
Language(s): Russian
Subtitles: No Subtitles
Format: 4:3, Full Screen, Black & White, Color
Genre(s): War Documentaries

Poi non so esattamente ma sicuramente prenderò qualche libro, qualche CD e magari qualche formina per i biscotti. Se la trovo, anche una bandiera americana cucita a un prezzo decente.

martedì 10 gennaio 2006

On va à Paris! Viva gli americani!

La prima settimana di febbraio sarò a Parigi. E' da novembre che la mia capa aveva chiesto la mia presenza e l'autorizzazione "italiana" è finalmente arrivata oggi dato che non potevano andare oltre e non avevano una scusa valida per trattenermi. Per fortuna che ci sono gli americani; senza di loro non so come sarebbe il mio lavoro di tutti i giorni. Anzi, lo so benissimo: sarebbe un lavoro da operaio-robot-rappezza-problemucci perchè qui in Italia abbiamo per lo più una mentalità limitata. MOLTO LIMITATA. Loro invece, abituati ad avere tutti i tipi di ambienti dal ghiaccio al deserto, distanze dell'ordine delle decine di migliaia di chilometri e un mercato unico di proporzioni europee sanno come organizzare le cose perchè tutto funzioni per tutti nel più breve tempo possibile. Certo, ogni tanto si intoppano, fanno cavolate dato che nessuno è perfetto ma siccome le idee le hanno chiare e i mezzi ce li hanno, arrivano sempre alla meta. Non come noi che viviamo di tristi espedienti giornalieri: "fai così in modo che almeno un pò funzioni", "fai cosà che tiene ancora un pò", "fai di sù così magari non si vede troppo il problema"... Proprio un modo di lavorare limitato che non porta da nessuna parte. Forse una volta dove l'Italia era il centro dell'Italia stessa, poteva funzionare. Oggi che ti basta un click per comprare dall'altra parte del globo questa mentalità porta solo problemi. Non per nulla l'Italia è in crisi, il mercato del lavoro totalmente bloccato e non si prospettano vie d'uscita. E' inutile che ci tappiamo il naso quando siamo circondati dalla merda. La merda da sola non va via: bisogna prendere la pala e spalarla via anche se dobbiamo respirare la puzza.

Devo organizzarmi con gli acquisti. La mia capa si è gentilmente offerta di fare da corriere e non posso lasciarmi scappare questa occasione. Mi sa che almeno qualche libro e qualche gadget ci scappa! Devo ricaricare la Postepay al più presto! ^_^
Incrocio le dita di stare bene, di non beccarmi un'altra influenza e di riuscire ad andare a Parigi perchè anche se ci sarà da lavorare duramente, sono sicuro che sarà bellissimo condividere questi momenti coi miei colleghi americani, francesi e inglesi. Senza contare il lato gastronomico: ad agosto moltissimi ristoranti erano chiusi per ferie ma in febbraio saranno apertissimi! Devo dire che sono piuttosto eccitato... :-P

Appunti di routine...

1) La torta di mele che ho fatto al volo ieri sera è venuta molto bene malgrado l'abbia fatta a tempo di record (pasta frolla, ripieno e cottura in due ore...). La foto la metto appena la scarico dal cellulare visto che la digitale in questi giorni è nelle mani di mio papà.
2) Nella fretta di sbucciare le mele della suddetta torta mi è partito il pelapatate e mi sono sbucciato anche il mignolo sinistro proprio sulla punta: AHIAAAAAAAAAAAAAA! E sangue ovunque visto che dalle dita il sangue esce sempre molto abbondante...
3) A confermare lo schifo di inquinamento a cui siamo sottoposti a Milano, il mio giaccone Nike messo pulito in ottobre è tutto "nero" anche se lo metto a casa, lo poso in ufficio e viceversa senza trascinarlo in posti strani e quando uno ha un pò di catarro, si vede chiaramente che è grigio nerastro (tranquilli, non ho la peste...). Se ancora avete dei dubbi, andate qui: http://81.208.25.93/Infoambiente/pagine/bollettini/archivio.php e scaricatevi il rapporto giornaliero sull'aria (notate il valore di 50 microgrammi/m3 come valore limite e guardate un pò i valori che trovate).
4) Fra spesa, torta, cena, altre piccole grane, ieri sera non sono riuscito a fare la prima lezione di tedesco. La cosa mi scoccia un attimo ma sono ben determinato a rimediare presto.

lunedì 9 gennaio 2006

E riparte la routine

E oggi via di nuovo con la routine e con le solite cagate...

-non riesco a entrare sul PC (non aveva infilato fino in fondo il cavo di rete)
-non riesco a entrare sul PC *un'altra persona ovviamente* (scriveva la password col tasto maiuscolo)
-la fotocopiatrice è rotta, chiama l'assistenza
-il toner è finito, chiama per ordinarlo
-il barbone o l'extracomunitario puzzolente sull'autobus
-il solito casino per il mercato di fianco a casa, eccetera eccetera...

Mi sono stampato il manuale del corso di tedesco.

Ieri ho ordinato il masterizzatore DVD di cui il mio PC era rimasto orfano dopo la vendita del precedente insieme al vecchio PC.

L'unica nota WOW della giornata arriva dalla mia capa a NY che mi ha mandato un libro in regalo tramite la posta interna!!!
It's All American Food : The Best Recipes for More than 400 New American Classics

Wow! Nice gift! I really love USA!
:-)

domenica 8 gennaio 2006

NON NOLEGGIATE Day of the Dead 2: Contagium

L'ho visto oggi. Potenzialmente ha ottimi spunti e in alcune parti è davvero ben fatto. La casa produttrice poi è riuscita a rovinarlo in modo osceno per i seguenti motivi:
-l'audio della versione a noleggio è 2.0 mentre appare una scritta che dice che nella versione "deluxe" in vendita sarà 5+1. Ma ci volete prendere in giro? Da quando i film moderni in DVD a noleggio o meno sono con audio stereo?!
-gli effetti sono di buona qualità ma certi zombie sono così conciati che non è possibile che riescano a camminare o a pensare come fanno nel film
-la trama inizia bene per poi diventare assolutamente caotica, confusionaria e infine... senza fine
-infatti il film non ha finale!! Non ci crederete ma in mezzo a una sequenza di assalto di zombie il film finisce senza spiegazioni o senza dare la minima traccia di quello che potrebbe avvenire in seguito.

In una parola: a parte il primo 50% del film, il resto è TERRIFICANTE, sembra quasi che l'abbiano dovuto finire in qualche modo perchè avevano finito i soldi e dovevano per forza ritornare coi costi.
Voto fino al 50%: 7
Voto dopo: 1
Voto medio film: 4

XXX The Next Level

Ieri sera ho visto XXX: The Next Level ossia quella che in teoria dovrebbe essere il seguito di XXX. In realtà non c'entra assolutamente un tubo ne come trama ne come protagonisti. E per fortuna, aggiungo io. Mentre il primo girava tutto su Vin Diesel ed era un clonaccio stile 007 che si reggeva sui muscoli e la simpatia del protagonista, nella seconda puntata tutto cambia. Lo stile 007 è stato abbandonato a favore del genere fantascienza e i protagonisti sono caratterizzati da un ruolo ben definito e più o meno di eguale livello anche se ovviamente il protagonista è sempre uno solo. Ottimo l'audio che sfrutta spessissimo le 5+1 casse dell'impianto DD dando un coinvolgimento davvero notevole specialmente nelle scene finali del film. Come ho detto, il film è diventato di fantascienza e quindi non aspettatevi suspence, azione realistica e realismo. Tutto è fatto per impressionare, coinvolgere e divertire, non per farvi immedesimare. Film simpatico e leggero, molta azione e rumore, zero impegno. Voto: 7 (se lo merita per l'audio!)

venerdì 6 gennaio 2006

Pensieri serali...

Ho finito di vedere Ronin, un bel film che non conoscevo e che avevo perso per strada. Ho finito di mangiare e sono pure riuscito a far venire perfette le cozze gratinate, con una croccante panatura ma non secche dentro. Ho sfornato dei brownies al cioccolato fondente e li ho ricoperti di cioccolato bianco. E ora la mia serata si avvia alla conclusione con giusto 5 minuti di giretto sotto casa con la mia dalmata. E domani è sabato. Lunedì si torna a lavorare. E il mio umore è davvero basso basso, solo sollevato dalla consolazione che mi sto finalmente riprendendo dall'influenza e torno a fare tutto normalmente. Non va quello che mi circonda. Non va la città, non va il lavoro, non va il ritmo con cui girano le cose. Non vanno neanche alcune persone da cui sono rimasto molto deluso. A intervalli regolari bisogna tirare le somme e all'alba dei 34 anni non si può più pensare "andrà meglio, devo solo avere pazienza". La pazienza è finita, è bene farsi un pò di propositi che rimangano qui scritti e a mio sprone per cercare di rimettere sui binari che voglio la mia vita. No, chiariamo, non è che io sia messo male. Ho un lavoro con un discreto stipendio, una bella casa insieme ai miei genitori con cui vado d'accordo, pochi ma buoni amici ma tutto gira male, non come vorrei io. Tanto per cominciare, sono stufo di fare quel merdoso lavoro di helpdesk in ufficio. Ho studiato per lavorare sulle reti e sui server e non per fare da balia a persone che non metteno il minimo impegno per entrare nella logica di funzionamento dello strumento che gli serve per fare soldi. Sono stufo di tornare a casa e vedermi circondato da auto, persone che rompono le palle. Non puoi andare in giro guardando la luna e le stelle e sentire il profumo della notte perchè tutto quello che senti è odore di smog e se non guardi davanti più che bene, rischi di andare sotto una macchina. Non si può aspettare diversi minuti primi di attraversare una strada. Sono stufo di dover prendere la macchina o il mezzo pubblico e metterci le mezz'ore per spostarmi in qualsiasi posto. Sono stanco dei miei problemi di salute che con l'inquinamento che c'è in questa città non miglioreranno mai. Sono stanco di uscire e avere solo cemento e cemento. Voglio una casa con un prato dove lanciare una pallina alla mia dalmata; una casa con a fianco un bosco dove camminare sentendo i rumori della natura cinque minuti dopo essere tornato a casa dal lavoro. Voglio che la casa abbia una bella rimessa per trovare sempre parcheggio, scaricare la spesa con calma anche quando piove e mettere al riparo la bicicletta con cui fare qualche giretto senza rischio di venire investiti. E sul retro della casa un piccolo orto per improvvisarmi contadino e vedere che far crescere qualcosa è difficile ma poi dà tanta soddisfazione. Questa è vita. Questo è quello che devo riuscire a ottenere anzi che VOGLIO OTTENERE A TUTTI I COSTI. E' quello per cui voglio impegnarmi da qui in poi. Ce la devo fare, non posso stare imprigionato in questa città. No, mi sento ogni giorno più soffocato non solo da Milano ma anche dallo stare qui in Italia. Italia, un paese che non sento più mio, in cui non mi trovo più a mio agio. Ho bisogno di cambiare...

To Do

1) imparare il tedesco per ampliare la possibilità di essere preso anche nei paesi di lingua tedesca; aggiornare la certificazione MCSE
2) riscrivere il curriculum
3) aggiornare tutte le mailing list dai siti con le offerte di lavoro
4) includere nuovi siti
5) cercare appoggi e spargere la voce per trovare lavoro all'estero

Potere al cibo!

Sono praticamente riuscito a fare tutto quello che mi ero proposto salvo il Vitello Tonnato che farò domani (oggi, visto che è passata mezzanotte!). Vorrei cogliere l'occasione per segnalarvi un sito che propone regolarmente spunti interessanti per quanto riguarda la nostra alimentazione che in ultima analisi significa anche la nostra salute. E' importante capire che l'uomo è quello che mangia. Se mangia male, velocemente, senza guardare cosa e quanto mangia, alla fine si ammala. Al giorno d'oggi sempre meno gente dà il giusto peso al cibo. Basta aprire la bocca e mandare giù qualcosa senza far caso al sapore, al profumo, alla consistenza. Che tristezza. Il cibo è un'arte. Va scelto con cura, preparato rispettandone tempi ed esigenze e quindi gustato senza fretta. Per scegliere con cervello cosa mangiare, per capire il perchè un alimento non è un pezzo di plastica inerte e che se lo si tratta male si vendica, per evitare le fregature sempre pronte dietro l'angolo (ops, sugli scaffali del supermercato) andate a trovare Gianna a Trashfood (Cibo Spazzatura) all'indirizzo: http://blogs.san-lorenzo.com/trashfood . Per farvi un esempio, vi ricordate l'ITX? I latti per bambini e gli altri prodotti in Tetrapak contaminati? Se ne parlava tutti i giorni prima di Natale. Poi il silenzio. Il problema non è ancora risolto anche se nessuno ce lo ricorda. Nessuno o quasi... come Gianna. Fate ogni tanto un salto su TrashFood, non ve ne pentirete. Io faccio del mio meglio e metto nel Blog una locandina stile URSS per ricordarvelo: POTERE AL CIBO!

Facciamoci il sondaggio...

Riprendendo l'invito discreto ("se ne hanno voglia") di Peach72 , vi dico 5 mie abitudini... e a mia volta chiedo a Manu, Videogirl e Pixel se ne hanno voglia, di farlo. In realtà è possibile liquidare la faccenda in breve:

1) Lavarmi le mani prima di mangiare a casa, al ristorante e in giro (coi fazzolettini bagnati). In teoria lo dovrebbero fare tutti. Guardate bene in giro quanti lo fanno davvero. Dicono tutti "le ho già lavate a casa", "non ho toccato nulla di sporco" o fanno i vaghi...

2) Accendere il PC appena torno a casa perchè lo uso anche come stereo

3) Concludere i pasti con un dolce

4) Toccare sempre CD e DVD sui bordi e nel buco centrale, non sulla superficie che viene letta dal laser

5) Rileggere le e-mail prima di mandarle via

Ce ne sono tantissime altre ma vabbè...

P.S.: Rimango sempre sconcertato quando leggo di certe notizie:

Kenya, giovane italiana uccisa
Si tratta di una ragazza di 30 anni. Era arrivata il 31 dicembre insieme al fidanzato
l momento di entrare nel cancello l’aggressione. Quattro o cinque uomini armati di pistole e fucili li hanno presi alle spalle. Il guardiano che aveva aperto è stato colpito alla testa e si è accasciato per terra privo di sensi. Uno degli amici è scappato verso la casa, facendo scattare l’allarme. La sirena ha spaventato i rapinatori e dalla pistola di uno di essi è partito un colpo che colpito la donna alla gamba destra tranciandogli di netto l’aorta. Anna Piera è morta dissanguata. Inutile la corsa all’ospedale.
L’assassino ha fatto solo a tempo a chinarsi sul cadavere e strappargli il cellulare e 3000 scellini kenioti (l’equivalente di 50 euro) prima di dileguarsi. (Corriere.it)



Questo è l'ennesima conferma di quanto la gente vada a ficcarsi nei casini da sola. Intendiamoci, è stato un incidente, ma che probabilità ci sono che capitino questi incidenti a Berlino, Londra, New York, Stoccolma, eccetera e quante in un quartiere piena di soldi nel bel mezzo di un paese del terzo mondo?

giovedì 5 gennaio 2006

Cincischio

Oggi poco cincischio: estratti conto della banca, scontrini Bancomat e note spese, riviste di cucina, scrivania e comodino, cozze, tonno, tutto deve essere sistemato/cucinato. Pure il backup mensile del PC.

Torno dalla passeggiata con la mia dalmata e cosa vedo in casella? Le buste che annunciano il passaggio del prete per la benedizione NATALIZIA!!! Più che benedezione Natalizia a questo punto la chiamerei "Raccolta fondi prima che la generosità del Natale sia messa in secondo piano dagli impegni frenetici che si presenteranno di nuovo a breve". Non ho parole.

La nuova tastiera nera del mio PC è già tutta impolverata. Ma come è possibile che qui a Milano tutto si riempia di polvere dopo qualche giorno? Vivo in una città malata, i diagrammi dell'aria sono perennemente sballati con le polveri sottili a livelli astronomici tipo 4 volte il normale e io mi stupisco che i miei problemi di salute non passano? Spero che il 2006 sia di preparazione per levare le tende.

mercoledì 4 gennaio 2006

Chi è causa del suo mal, pianga se stesso

SANA'A (YEMEN) - Le forze di sicurezza yemenite potrebbero «intervenire per liberare i cinque ostaggi italiani nonostante la richiesta del Governo di Roma di evitare un ricorso alla forza» (Corriere della Sera)

Mi chiedo perchè certa gente sia così pirla da andarsi a ficcare volontariamente in certe situazioni. Di esempi ne abbiamo a decine, dall'Afghanistan all'Iraq per finire con lo Yemen che da anni è considerato un paese critico dove i rapimenti di turisti sono all'ordine del giorno. Ma anche altri paesi sono critici per vari motivi: sanitari, economici, eccetera eccetera. Malgrado ciò c'è gente che ci va. Una mia collega in questo momento è in Siria. L'anno scorso era andata in Iran e in alcuni paesi dell'ex URSS. E non si rendono nemmeno conto di quello che fanno. Ecco cosa dice al Corriere uno degli italiani scampati al rapimento:

E per favore che non si dica che il gruppo si è cacciato nei guai scegliendo rotte pericolose o deviazioni di percorso: «A posteriori è facile fare mille congetture — si irrita un po' — ma noi abbiamo percorso un itinerario normalissimo, inserito in qualsiasi tour che abbia a che fare con quest'area.


Ma sei pirla? Il problema non è il percorso ma IL PAESE. Il paese era a grandissimo rischio e tu vai a farci una vacanza? Peggio per te e soprattutto mi girano le scatole che magari lo stato italiano debba pagare un riscatto perchè tu e i tuoi amici avete voluto farvi le vacanze alternative. E dopo che il casino è arrivato NON FAI NEPPURE MEA CULPA PER LA CAVOLATA CHE HAI FATTO, I CASINI CHE PROVOCHI AGLI ALTRI E, CON ARROGANZA, PRETENDI DI AVERE RAGIONE? Ma vai a Rimini la prossima volta, vah. Stronzo.

martedì 3 gennaio 2006

Voglie alimentari

Non so voi, ma spesso a me vengono delle voglie alimentari e ancora più spesso delle passioni. In questo momento mi è venuta la passione della spremuta fresca d'arancia. Abbandonato da tempo il succo da concentrato per quello pastorizzato del banco frigo, il normale, obbligatorio salto verso l'alto è dato dalla spremuta fresca. Fatta e bevuta. Tutto un altro sapore come per esempio i mirtilli colti e mangiati direttamente dalla pianta. A quel punto, persino gli stessi tenuti in frigo un giorno, risultano più poveri, meno saporiti e gustosi. Forse è questo ritorno alla scoperta dei sapori che mi fa tanto desiderare di avere una casetta con giardino e l'orto. Intanto nella pentola sta cuocendo una mezza zucca mantovana tagliata a pezzetti (ahia che male le mani per tagliarla a cubetti!!) la cui puré probabilmente userò per un dolce.

Misteri dell'uomo moderno (moderno?!)

Alle volte proprio non capisco le persone come fanno a complicarsi così tanto la vita per non spendere 200 euro. Scrivo oggi a una mia amica per sapere se è tornata e come sono andate le vacanze e se ha fatto foto o film. Risposta "niente filmati e un paio di foto ma per vederle dovrai aspettare lo sviluppo del rullino". Ma come? Nel 2005, ops nel 2006, quando una digitale accettabile ti costa sui 150 euro sei ancora lì a usare rullini, vecchie macchine fotografiche manco fossi un fotografo di professione? Certo, il viaggio da 1000 euro l'hai fatto, ma 150 euro per una macchina fotografica che ti permette di portarti dietro tanti bei ricordi senza poi spendere una lira non la compri! Tenendo conto che ormai una macchinetta decente costa un prezzo abbordabile, ricordiamoci che con una digitale:
-non hai costi di sviluppo
-niente noia di dover aspettare che il rullino finisca
-puoi vedere subito se una foto è venuta bene
-puoi scattare quante foto vuoi con una sola schedina di memoria (basta prenderla un pò capiente) senza avere l'affanno di portarsi dietro abbastanza rullini
-hai la possibilità di mandarle via e-mail alle persone appena torni o condividerle sul web
-senza costi aggiuntivi puoi fare tante foto per poi scegliere quelle venute meglio

e c'è ancora gente che, pur avendo una normalissima macchinetta standard, non pensa nemmeno a cambiarla. Queste cose non riesco proprio a concepirle.

New York Taxi

Ieri sera mi sono concesso un lusso: ho noleggiato un DVD (!). Non volendo prendere un altro horror dato che ultimamente ne ho visti un'infinità, ho preso New York Taxi. A me è piaciuto anche se mi sono stupito di vedere il voto medio su Filmup e cioè 3,5!! La maggiore critica è che è una scopiazzatura fedele del film Taxxi. Capisco benissimo che per chi ha visto l'originale questo nuovo film debba essere sembrato banalissimo. Un pò come era successo a me con Mangiare, Bere, Uomo, Donna e il suo clone successivo che mi ha scocciato e deluso non poco. Tuttavia:
-se non avete visto Taxxi e Taxxi2
-se volete respirare un pò d'aria di New York, vedere le tipiche vie, l'Empire State Building, la skyline in cui si riconoscono gli edifici a fianco di quelle che furono le Twins
-se volete prendere un film leggero e senza impegno
beh, sì, in questi casi noleggiatelo e non ve ne pentirete.

P.S. Oggi sto meglio, è la prima notte che riesco a dormire tutto le 8 ore filate.

lunedì 2 gennaio 2006

Primo post del 2006

Visto che ieri stavo malissimo e ho vegetato tutto il giorno a letto, questo diventa d'obbligo il post dove fare gli auguri di buon anno. Non è che impazzisca che siamo nel 2006: è solo tempo che passa. Tempo che passa e occasioni che scappano e visto che io ho sempre casa e lavoro in sospeso, non è che la cosa mi possa far granchè piacere.
Oggi sto decisamente meglio (incrocio le dita) e quindi mi sono anche dato alla cucina. In preparazione ci sono dei bretzel. Non potrò fare la foto perchè mio papà si è preso la macchina fotografica digitale. Chissà, magari un breve filmato o una foto presa da filmato. Vedremo (vedremo anche se vengono bene!).

Ieri sera ho visto "L'Esorcista". Devo dire che è un film fatto bene, sono soddisfatto dei 2 euro spesi per il DVD del Corriere della Sera ^_^ ma non fa poi così tanta paura come si dice in giro. Forse questo dipende dal fatto che l'horror di una volta era più soft di quello di oggi che ha a sua disposizione tanti effetti speciali raffinati.

Visto che molta gente analizza le parole chiave con cui le persone arrivano sul Blog, anche io sono andato a vedere alcune di quelle che sono state registrate. Devo dire che stranamente non ci sono cose strane (tipicamente richieste di pagine di sesso), mi accontento di segnalarvi:
ristoranti a milano che cucinano insetti
eh eh eh...

***AGGIORNAMENTO***
Ho preso la bomboletta per accendini per caricare il cannello per gratinare. Se mi torna la fame / ho ospiti magari faccio la crème brulé e provo...