giovedì 8 dicembre 2005

Oh bej, oh bej e il sapore di una zuppa

In questi giorni ho poco tempo per scrivere.Ieri sera è venuto quel mio amico che è sceso dagli Stati Uniti e mi ha portato i libri e l'action figure (ma non li ho ancora guardati come si deve quindi la mini recensione prossimamente). A cena c'era anche la moglie e, a richiesta, ho cucinato le lasagne (con ragù ai funghi porcini fatto da me alla mattina) e la mia solita torta cioccolato e pere.Per stasera invece ho fatto una zuppa con cereali e salsiccia. Ultimamente ho scoperto che dietro gli economici e tristissimi pacchetti di cereali che vende l'Esselunga si nasconde un paradiso del gusto. L'ultima volta ho preso una miscela di fagioli, lenticchie e altri cereali mentre questa volta sto provando il miestrone della salute (con orzo e fagioli). La ricetta è semplicissima: prendete il contenuto del sacchettino, lo lavate sotto l'acqua (non deve essere messo in ammollo) e lo mettere a cuocere con parecchia acqua. Dopo un pò aggiungete gli aromi (rosmarino, salvia) tagliati fini e la salsiccia a pezzettoni. Lasciate cuocere (in tutto 60 o 90 minuti a seconda della miscela). Verso la fine aggiungete sale e olio e vi ritroverete con un piatto profumatissimo e molto sano, una vera delizia da riscoprire da servire con pane campagnolo o crostini e magari una bella spolverata di parmigiano grattugiato. Dove stà l'inghippo? Perchè con così poco, ho così tanto? La spiegazione è semplice: i cereali costano poco, la gente quando vede "cottura 60 o 90 minuti" si spaventa e non crede che sia un piatto facile e prosegue a farsi infinocchiare con i cibi già pronti tipo "4 salti in padella" che hanno ingredienti che decide il produttore (e non voi) e costano parecchio. Con il sacchettino (1-2 euro), la salsiccia (4-5 euro), una bustina di aromi freschi (1 euro) e un pizzico di sale e olio, mangiate per almeno una decina di volte. Fra l'altro il lavoro lo si fa una sola volta e poi la zuppa è perfetta per essere surgelata e scongelata, anche al microonde, quando non si ha tempo o voglia di stare ai fornelli. Ditemi voi dove trovate un pasto così sano e buono a un prezzo così basso!

Oggi sono anche andato al mercatino degli Oh bej Oh bej. Ogni anno che passa peggiora un pò. I motivi sono tanti: il proliferare di bancarelle che non c'entrano un tubo (in particolare cinesi e africani con le loro porcherie di plastica i primi e oggetti e capi contraffatti i secondi) e un generale ammosciamento delle bancarelle abusive che tendono più a vendere cose da mangiare che cose vecchie. Il premio "bancarella genuina" va sicuramente alle bancarelle punk. Benchè mi facciano un pò senso le cose che vendono, hanno una genuinità e una originalità invidiabile. I punk stessi con i loro vestiti, colori e piercing vari danno un tocco di diverso che si adatta perfettamente all'occasione. Menzione speciale ai cani al seguito, bravissimi, educati e tenuti bene (almeno quelli che ho potuto vedere oggi fra le bancarelle). Veniamo alle note dolenti. A parte le già citate bancarelle cinesi / africane, per il resto non c'è praticamente nulla di decente sia per prezzi che per materiale a parte qualche banchetto di libri usati. Ho comprato una selezione di racconti horror a 1 euro e il DVD "L'Esorcista" edizione Corriere della Sera a 2 euro. Poi una frittella per 2 euro. Fine. Per il resto non ho visto granchè di speciale eccetto forse un banchetto di ombrelli con dei temi carini, due bancarelle con oggettistica "Nightmare before Christmas", un banchetto con dei vassoi con retina anti-insetti e una signora asiatica con delle specie di cavallette fatte (credo) con gli involucri delle pannocchie. In compenso è venuta prima giù la neve, poi la pioggia a catinelle e alle 14, sentendomi tutto umidiccio malgrado non lo fossi dato che ero venuto preparato con giacca a vento, colbacco e Nike di pelle, me ne sono tornato a casa per poi dormire al calduccio dalle 15 alle 18! Una curiosità mi è rimasta: come si sarà sentita in mezzo a tanto freddo e umidità quella ragazza svegliona che ho visto in metrò con collant, pantaloni 10 cm più corti del normale e ballerine decorate ai piedi? Beh, il premio "Oca" e "Voglio fare quella tutta carina e originale a ogni costo" se lo è proprio meritato.

4 commenti:

  1. Ommioddio che voglia di zuppa! Con questa pioggia è l'ideale.

    RispondiElimina
  2. Ecco la zuppa (ma senza salsiccia) piace anche a me :) Ovviamente (ormai la mia non cucina è nota) io uso solo quelle sorgelate o quelle inbustate ;)

    PS Alla fiera ormai ho smesso di andare davvero ormai solo un Senigallia più incasinato

    RispondiElimina
  3. adoro TUTTE le bancarelle! però anche tu hai visto i gadget di nightmare before christmas e non mi ha preso niente?!???!?! :-P

    RispondiElimina
  4. Cybercat: eh, sì, infatti!
    Barbara: Sì, direi che alla fine, A PARTE LE FRITTELLE (cosa assolutamente non da poco), è come andare al mercatino di Senigallia al sabato. Anzi, ho riconosciuto il tizio che vende lì i DVD quindi vuol dire che più o meno le cose le trovi anche tutti i sabati. Per le zuppe: guarda che è semplicissimo, non farti fregare! Butti tutto in pentola con l'acqua, ogni tanto ci dai un'occhio che non sia evaporata e via. ;-)
    Cinewitch:eh, ma ho anche notato che c'è parecchia inflazione. Probabilmente hanno rilasciato il marchio e ora c'è un'inondazione di prodotti NBF. Li vende anche una bancarella a metà di C.so Buenos Aires .

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P