mercoledì 5 ottobre 2005

Sulla strada per Roma...

Sono partito domenica ma sono riuscito a postare solo ora ^_^

PARTE 1: LA RAI
Domenica mattina: sveglia alle 7 e via ai preparativi per partire: alle 9 ho l'Eurostar per Roma. La sveglia alle 7 non è facile, specialmente dopo una settimana pesante e dopo che al sabato ci si è svegliati alle 7.30 così appena suona lo stereo, lo spengo e accendo la TV per sentire il TG (già, l'apertura degli occhi avviene poco a poco). Giro, giro, niente TG... ah, già, forse c'è sciopero o forse è solo domenica... così trovo su RAI 3 una specie di documentario non commentato sul disastro di New Orleans. Interessante. Mi fermo e guardo le devastazioni che gli eventi naturali (e anche un pò di idiozia umana) possono causare. A un certo punto comincia a parlare una voce in sottofondo "bene, sentiamo cosa dice" penso io e invece dopo un pò a metà di una frase "click", PUBBLICITA'. MA COME?! Ma da quando i programmi si interrompono così mentre uno sta parlando? Ma soprattutto che cavolo interrompi un documentario su una simile tragedia per mandare in onda dopo la pubblicità, UN CARTONE ANIMATO SUI PIRATI?! Ma dico, siete scemi? Ma che schifo di servizio date? Mettete in onda le cose giusto per non lasciare la schermata nera e quando vi fa comodo interrompete e partite con altro? E io devo pure pagare per 'sto schifo di servizio!!!

PARTE 2: IL TAXI
Il tassista che mi ha portato in stazione aveva appeso allo specchietto retrovisore una specie di polipo. Guardo meglio. Strizzo gli occhi. Ora capisco. Ci ha attorcigliato sopra un rosario con un crocefisso lungo 10 centimetri a cui a sua volta è stato attaccato un crocefisso più piccolo. A completare il tutto due elastici verdi tengono ferma una specie di moneta che ha su un qualche santo. Prima mi è affiorata la domanda: ma con lo specchietto retrovisore così affollato di patacche, se lo fermano i carabinieri gli danno una multa?! Poi sono passato al religioso: ma come fa la gente a pensare che queste plasticherie di origine cinese ti proteggano dalle sventure? Dio non ci guarda e se proprio ci guarda, non è che ti fa evitare l'incidente solo perchè hai appeso due croci Made in China e una monetina del tuo santo preferito... io se fossi in lui proverei a pregare in cinese. Magari Dio apprezza lo sforzo e ti tiene la macchina integra almeno per un pò.

PARTE 3: TASTI DEI TELEFONINI, MATRIMONI, D&G e LINGUA INGLESE
Salgo sull'Eurostar. La carrozza è semivuota ed evviva, ho un posto di quelli singoli lato finestrino! Prendo al volo la rivista delle FS e mi immergo a leggere e ad ammirare le caratteristiche tecniche dei treni Eurostar. Sto scoprendo che amo sempre di più i treni ad alta velocità. Sono dei prodigi di tecnologia, sono comodi e uno non deve neanche faticare per guidare o trovare le indicazioni stradali per arrivare alla metà. Ormai mi ci sento di casa. Dicevo, stavo leggendo la rivista quando plinplinplon... plinplinplon... plinplinplon... plinplinplon... e mi è venuto spontaneo pensare "e che **BIP** cosa rompi le balle a tutti giocando col telefonino?! Ma soprattutto perchè i produttori impostano i tasti in maniera che facciano un suono quando vengono schiacciati? Dovrebbero sapere che la gente è pigra, non legge i manuali e trita i **BIP** a tutti quando in luogo pubblico compone un numero o un sms! Non faccio in tempo a completare il mio pensiero che il tizio dietyro di me comincia una simpatica conversazione a proposito del matrimonio a cui è andato ieri. Com'era la sposa? Bella, un vestito rosa elegante, lei poi è biondissima. Com'era la cerimonia? Fredda perchè l'hanno fatta in comune dato che lei è divorziata e ha una bambina BIONDISSIMA [allora sei fissato!] di 5 anni. Il ragazzo si è anche premurato di far sapere a tutta la carrozza che le foto del matrimonio sono state fatte in un borgo medioevale dove hanno girato il remake dei Promessi Sposi del trio Marchesini, Solenghi e Lopez[secondo me porta sfiga fare le foto in un posto simile ^_^], che la cena alla sera è stata fatta in un grande albergo con al centro della sala il tavolo degli sposi. Ed infine ci ha fatto partecipi che c'è stato un bel intermezzo di karaoke dove c'era un tizio di Roma che cantava da favola. Conversando con quest'ultimo, ha scoperto che era un cantante professionista e ha persino ottenuto la promessa che avrebbe cantato anche al suo matrimonio per soli 500 euro. Domanda: MA PERCHE' LA GENTE USA IL CELLULARE PER STE COSE?! Poi chiedete a me perchè lo tengo sempre spento... Continuando con la rivista di Trenitalia, leggo in una intervista a D&G: "Non esiste una mise consigliabile. Dipende da ciascuno di noi. Ognuno ha un suo abbigliamento con il quale si sente a posto. [...] Ognuno sta bene con quello che ama e ogni mise va bene se sei comodo e a posto con te stesso.". Me ne ricorderò se qualcuno ha qualcosa da ridire sul mio abbigliamento sportivo. Gli dirò che ho l'approvazione di D&G! :-P
E per finire, non poteva mancare un pizzico di internazionalità. Sto prendendo un thè dal carrello bar e vedo arrivare una signora indiana. Si ferma nel corridoio e, guardando la ragazza e il ragazzo che stanno distribuendo bibite e snack, dice in un lento e perfettamente comprensibile inglese "scusi, non ho capito". I due geni che ovviamente non sanno l'inglese, guardano me e dicono "dov'è il capotreno?" [e che ne so io, se non lo sapete voi che siete personale viaggiante!]. Poichè la signora mi fa un pò pena, prendo il mio inglese disastroso (ma che con piacere vedo che capisce perfettamente) e le spiego che questo è un treno speciale e col biglietto che ha non può viaggire e che quindi deve andare dal capotreno che è nella terza carrozza. ALTRA DOMANDA: MA COSTA TANTO A TRENITALIA (o ChefExpress) ASSUMERE E METTERE SUI PROPRI TRENI DELLE PERSONE CHE PARLANO UN PO' DI INGLESE?! Non dico sul regionale di sola 2° classe Milano-Piacenza, ma almeno sull'Eurostar Milano-Roma!!! Critichiamo tanto gli americani che parlano solo inglese ma almeno la loro è una delle lingue più "condivise" sulla terra. Noi con l'italiano dovremmo saperlo che non si va molto in là oltre i nostri confini...

Per il resto tutto OK. A Milano piove, a Roma la pioggia credo mi raggiungerà in serata ma a me non dispiace poi così tanto visto che non fa ancora troppo freddo e mi sono portato le mie Nike nere in pelle prese a NY. Sembra che il mio semi raffreddore abbia fatto un passo indietro. Sono quindi pronto ad assaporare le gioie culinarie della capitale, non vedo l'ora!!!

4 commenti:

  1. eh, eh, eh! fa un certo effetto sentire parlare stupito una persona di cose con cui io ormai convivo...
    per i rompiscatole al cellulare e col cellulare: secondo te perché ho comprato l'ipod? è un mezzo di sopravvivenza! per non parlare di quelli che ti attaccano bottone...

    RispondiElimina
  2. Ciao Ale, tutto bene?
    qui a Milano solita tiritera. Anche io non sopporto quelli con il cellulare, o meglio i maleducati con il cellulare. Si può benissimo chiamare ma con discrezione.

    RispondiElimina
  3. Sei vivo! Mi stavo preoccupando :)
    Ho avuto i miei casini (blog) ma un salto qui lo faccio sempre ... quando torni?

    RispondiElimina
  4. Sono stato un pò occupato (ieri ho finito alle 20)
    ;-)
    ma pazienza, dato che questo vorrà dire avere qualche soldino in più per il PC o qualche giorno di vacanza in più a fine novembre quando andrò ai mercatini di Natale di Trento e Bolzano.
    :-P

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P